Carrello vuoto
Calcio
14 Dicembre

Davide contro Golia

Tra Napoli e Madrid si combatterà una battaglia che ricorda quella di Salamina (480 a.C.), tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia "I Persiani".

La storia bussa alla porta almeno due volte. Quella del calcio non fa eccezione. L’incontro/scontro tra il Napoli ed il Real Madrid non è un “classico” del football, ma potrebbe diventarlo. E’ comunque un evento “storico”, a suo modo, perché eccita le fantasie e le proietta in uno scenario epico nel quale, manco a dirlo, tutto può accadere, come nella leggendaria sfida tra Davide e Golia. Ecco, tra il Santiago Bernabeu ed il San Paolo, il 15 febbraio ed il 7 marzo del 2017 non si disputerà la solita partita di calcio, ma si celebrerà un rito officiato da ventidue giocatori, con la partecipazione, in collegamento televisivo, oltre a coloro che affolleranno le gradinate del vecchio e malmesso stadio, di milioni di appassionati sicuri di assistere ad una sorta di ordalia (beninteso incruenta) tra chi si propone come favorito e protetto dagli dèi del calcio e chi agli stessi dèi vorrebbe strappare la promessa di una vittoria meritata e a lungo attesa. Tra Napoli e Madrid, per parlarci chiaro, si combatterà una battaglia che ricorda, a qualcuno vagamente, quella di Salamina, nel 480 a.C., tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia I Persiani. La Lega Panellenica, svantaggiata sotto molti punti di vista, nel secondo e decisivo scontro con la flotta avversaria, fu costretta dal generale ateniese che la comandava, Temistocle, a tentare il tutto per tutto pur sapendo di avere poche possibilità di riuscire a domare il nemico, sperando soltanto che la vittoria allontanasse il pericolo di un attacco dal mare del Peloponneso. Temistocle attirò le navi di Serse nello stretto di Salamina dove i persiani immaginavano che avrebbero bloccato in quell’angusto spazio di mare i greci. Lo stretto, inadatto al combattimento di un gran numero di imbarcazioni, impedì ai persiani di compiere le manovre necessarie per attuare la loro strategia. La flotta greca, agile ed agguerrita, intelligentemente predisposta, colse l’opportunità favorita dall’idea di Temistocle ed ottenne una vittoria che nessuno alla vigilia pronosticava.

 

33bb433aed2b14c7ed69cec3192f49fe
La battaglia di Salamina, di Wilhelm von Kaulbach

Ritornano le similitudini. Lo sfavorito Napoli di fronte alla corazzata dei Blancos, riuscirà ad attirare nella sua rete i campioni d’Europa che, seppure digiuni di storia mediterranea, comprenderanno che farsi imprigionare nel dedalo delle trame partenopee potrà rivelarsi esiziale per le loro fortune? E’ questo l’interrogativo che intriga il mondo del football consapevole della reale disparità di forze in campo. A Salamina tutto era perduto, ma l’intelligenza di un generale e dei suoi comandanti non era stata buttata a mare né vinta definitivamente, dopo aver subito la prima sconfitta, da un grande re. E se gli dèi assisterono i temerari, non si vede perché lo stesso non debba accadere ai tenaci frombolieri di Sarri i quali, a differenza degli avversari, hanno solo da guadagnare da una sfida che resterà comunque negli annali del calcio, a condizione che venga preparata, gestita e giocata al meglio. Soldati di Salamina al Bernabeu e al San Paolo trent’anni dopo. Era la fine dell’estate, il 16 settembre 1987, primo turno di Coppa dei Campioni, partita secca. A Madrid tornava, dopo tre anni, Diego Armando Maradona. I tempi del Barcellona erano lontani. Ma il sogno di battere antichi rivali non s’era spento. In panchina Ottavio Bianchi, grande allenatore e grande signore, che aveva portato il Napoli ad appuntarsi il primo scudetto sulla maglia azzurra, comandava le operazioni. La partita venne giocata bene, in uno stadio deserto, surreale, per squalifica. La sorte tuttavia non fu amica dei partenopei. Il gol di Michel su rigore poteva essere rimontato al ritorno, ma tutto si complicò con l’autorete di De Napoli. Quattordici giorni dopo, a Napoli, davanti ad oltre 83.000 spettatori, sembrava che nell’Olimpo calcistico si fossero mischiate le carte: Giovanni Francini andò subito in gol. La speranza durò meno di quaranta minuti. Emilio Butragueno, uno dei più grandi attaccanti del calcio spagnolo, mise in rete un pallone imparabile. La squadra si spense, i madridisti si limitarono a contenere i tentativi modesti del Napoli di ribaltare il risultato.

Un riassunto di Napoli – Real Madrid, Coppa dei Campioni 1987

 

Siamo abituati a vedere sui palcoscenici che contano grandi squadre contendersi titoli ambitissimi. A Napoli sembra che lo stesso copione, tranne poche eccezioni, dall’invariabile titolo si ripeta tanto per non smentire una tradizione, anche quando nelle sue file ha militato il più grande calciatore di tutti i tempi. Assisteremo anche questa volta ad una rappresentazione di Miseria e nobiltà. Ma c’è nell’aria qualcosa di diverso rispetto al passato che potrebbe far trionfare la prima sulla seconda. E’ lo spirito di una squadra che quando sembra attaccata si butta a corpo morto nell’impresa e riesce talvolta a farla sua. Cosa volete che sia un Pallone d’Oro (ottenuto per la quarta volta) contro tenaci e coriacei opliti della pedata, legionari d’Africa e di Spagna, napoletani d’Illiria e di Tracia, discendenti di barbari rami perduti nelle selve calcistiche d’Europa ammaliati dal Golfo più bello dove, se si ha orecchio, è possibile sentir cantare le sirene perfino nelle sere di febbraio e di marzo… E se l’armata composita dovesse portare il sogno per una volta a restare tale e non a tramutarsi in incubo, non sarebbe male che immaginasse di strafare. Nel solo modo possibile. Incontrandosi, oltre le strettoie di Salamina, in mare aperto, nel quarti di finale, ai bordi dell’Atlantico. Il Porto resti in attesa e dia il meglio di sé, sperando nell’evento.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre 2020

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre 2020

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2020

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.