Carrello vuoto
Basket
2 Aprile

Davide Moretti: nel nome del padre

Matteo Fontana

9 articoli
L'America della palla a spicchi ha perso la testa per un giovane italiano.

Il talento è naturale o ci sono dei fattori ereditari a determinarlo? La domanda è un classico tormentone dei club del mercoledì sera per appassionati del genere. C’è chi sostiene che il Dono sia trascendente, ossia derivante da una congiuntura mistica che ha illuminato il Predestinato. L’altro “partito”, invece, afferma che certe qualità siano immanenti, qualcosa che viene trasmesso come i capelli biondi, gli occhi scuri, i piedi a pianta larga o la fronte spaziosa. Nel dibattito, le vicende del fine settimana hanno fatto segnare un punto a favore dei sostenitori della seconda teoria. Davide Moretti, con una prova-monstre, ha spinto la squadra di basket della sua università, Texas Tech, alle finali del campionato NCAA, il torneo più seguito dagli americani. Se la mela non cade lontana dall’albero, il suo caso risulta paradigmatico.

 

In palleggio per la gloria

 

A proposito di predestinazione: era questa una delle parole che ricorrevano con maggior frequenza, nel 1988, quando un ragazzo poco più che maggiorenne venne ingaggiato per una valanga di quattrini da Verona, allora bagnata dai soldi della Glaxo, multinazionale del farmaco con la sede italiana in città, al tempo in A2 e colma di ambizioni. Paolo Moretti, questo il nome del golden boy, aretino che era comparso sulle scene, da esordiente, con la Mens Sana Siena, firmò un contratto che gli fece conquistare le copertine delle riviste specializzate dell’epoca. Moretti era un’ala piccola di adamantina bellezza nelle giocate, una miscela di fantasia italiana con un tocco di fine fisicità che lo rendeva, nell’impatto sul parquet, avvicinabile ai nuovi fenomeni che stavano emergendo dalla scuola jugoslava. Un Toni Kukoc, un Velimir Perasovic: questa era la dimensione tecnica del teenager Moretti.

 

Nella sua prima Verona fu svezzato dal duro comando di Dado Lombardi, pure lui toscano, ma di scoglio, essendo nato a Livorno, e non di terra ferma, come Paolo, cui fece da severo padre putativo. Dopo, per due anni, la sua classe venne disegnata e indirizzata da Alberto Bucci, che da Moretti seppe distillare un elisir inebriante. Verona vinse la Coppa Italia, fu promossa, poi Bucci se ne andò, sostituito da Mario Blasone, il Professore. L’alchimia non fu più la stessa e Paolo, per la prima volta in A1, non riuscì a salvare la squadra dalla retrocessione. La Glaxo tagliò gli investimenti e la riduzione del budget riservato al club condusse alla cessione di Moretti alla Virtus Bologna: lo attendevano la gloria, e presto avrebbe anche ritrovato Bucci, il mentore con cui conquistò due dei tre scudetti centrati con le V nere (al primo tentativo era arrivato quello firmato da Ettore Messina). Salì sempre più in alto, Paolo, ma ad aspettarlo c’era la vendetta degli dei: si ruppe il tendine d’Achille, è il 1995 e la sua carriera fu spezzata in due. Si rialzò, ma cinque anni dopo, quando gioca a Roseto, un altro nemico lo aggredisce con ferocia. Ha un nome terribile. Si chiama leucemia:

 

“Più di 40 giorni al Policlinico di Milano dal professor Lambertenghi, vedendo due miei compagni di camera che se ne andavano. Lì ho chiuso il mio primo libro di sportivo. Avrei potuto riprendere a giocare, ma ogni dolorino che sentivo pensavo al peggio. Paura? Si. Per quello non ripresi. E se uno sportivo perde il coraggio…”,

 

Moretti a Werther Pedrazzi, per il Corriere della Sera, 2016.

 

In principio era il padre

 

A Bologna per tutto il popolo della Virtus era Paolo il Caldo. Con la forza di resistere e combattere aveva sconfitto il male. Moretti ha iniziato a fare il coach, ottenendo pregevolissimi risultati. L’energia per non mollare gliel’ha data la famiglia. La moglie, Mariolina, e il primo figlio che, nel 2000, aveva due anni: Davide. Sì, proprio il go to guy che fa impazzire Texas Tech. Il basket è un affare privato per i Moretti. Anche il secondo bimbo nato dall’amore di Paolo e Mariolina gioca a pallacanestro: è Niccolò, nato nel 2004. Magari presto si parlerà di lui quanto di suo fratello: intanto ha già vinto lo scudetto Under 14 con San Lazzaro. Davide, invece, nel prossimo weekend rincorrerà il titolo NCAA nelle finali che si disputeranno a Minneapolis. Giusto per dire della dimensione dell’evento: le partite saranno giocate all’US Bank Stadium, di solito teatro di sfide di football americano, un’arena capace di contenere 70mila spettatori. L’epilogo della March Madness sarà qui, con Texas Tech che sfiderà Michigan State, gli Spartans che hanno a sorpresa eliminato i favoritissimi Blue Devils di Duke. Nell’altra semifinale, Virginia duellerà con Auburn.

 

Mai un italiano era arrivato a un traguardo di questo rilievo. E, soprattutto, mai l’aveva fatto alla maniera di Davide Moretti. Sabato, nella finale della West Conference, i suoi 12 punti hanno fatto pendere la bilancia della gara con Gonzaga dalla parte di Texas Tech, i Red Raiders. Ne ha piazzati otto negli ultimi minuti, con due triple che hanno spaccato un incontro in pieno equilibrio, aggiungendo alla lista delle prelibatezze i tiri liberi che hanno condotto la sua squadra a mettere in ghiaccio la vittoria: 75-69, e l’America ha perso la testa per l’italiano. Che, a dire la verità, non è per niente nuovo a certe imprese. Già ci aveva fatto l’abitudine, sia nelle giovanili, lui che si è formato a Pistoia, che tra i professionisti: sempre Pistoia, e dopo Treviso, e poi la scelta di andare a Raiderland, l’università pubblica di Lubbock. Texas Tech, appunto.

 

Davide e il classico taglio della retina

 

Il posto in cui Davide Moretti sta facendo la storia è lì, in una piccola città la cui squadra ha raggiunto la Final Four per la prima volta. Chris Beard, il coach, ha dato in mano le chiavi dei Red Raiders a lui, “Davidino”, playmaker che ha inanellato record in sequenza, pilotando Texas Tech a infilare una serie di nove vittorie di fila, a imporsi nella regular season della Big 12, la più ruvida delle Conference, e dopo a scalare il bracket fino ad arrivare a Minneapolis. Moretti che è stato il miglior tiratore di liberi dell’annata, con il 93.2% di positività, che ha tenuto una media di precisione dal campo superiore al 50%, che da tre ha viaggiato regolarmente sopra il 40%.

 

Lassù a Minneapolis cercano un principe. Può esserlo lui. Nel nome del padre.

 

Foto: sito ufficiale Texas Tech

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Aresi
12 Marzo 2022

Jack Kerouac e l’arte di risolvere un’esistenza

Cento anni fa nasceva un giocatore di football mancato.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Italia
Edoardo Franzosi
6 Novembre 2021

Moriremo americani

Il nostro calcio è sempre più a stelle e strisce.
Ritratti
Gianluca Losito
5 Ottobre 2021

Dana White sembra uscito da una serie americana

Il presidente della UFC è una delle figure più influenti dell’intrattenimento sportivo moderno.
Ritratti
Francesca Lezzi
28 Agosto 2021

Tim Duncan, The Big Fundamental

Quando la normalità è extra-ordinaria.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Ritratti
Diego Mariottini
4 Maggio 2021

Bob Morse aveva l’Italia dentro

Il biologo (e professore) più vincente della pallacanestro italiana.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Altro
Gennaro Chiappinelli
16 Gennaio 2021

Se gli scacchi diventano pop

Un gioco che deve tornare popolare, ma restando se stesso.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio 2021

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Altro
Leonardo Aresi
21 Ottobre 2020

Lo skate è una promessa d’eterna giovinezza

Un elogio dell'universo a rotelle.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Basket
Matteo Viotto
31 Luglio 2020

NBA, l’ultimo classico di Walt Disney

Stanotte riparte lo spettacolo, nel cuore della fantasia.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Ritratti
Andrea Antonazzo
3 Maggio 2020

Rey Mysterio, fra tradizione e marketing

Il luchador mascherato più famoso al mondo e il significato della maschera.
Ritratti
Giovanni Poggi
30 Marzo 2020

L’impareggiabile Carlton Myers

L'uomo record della pallacanestro italiana.
Storie
Giacomo Cunial
23 Marzo 2020

Steve McQueen, veloce come il vento

Il romanzo motoristico dell'ultimo ribelle hollywoodiano.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Ritratti
Giovanni Poggi
18 Gennaio 2020

Dino Meneghin

Un'epopea lunga quasi trent'anni.
Ritratti
Giovanni Poggi
9 Gennaio 2020

Dan Peterson

La favolosa palla a spicchi del Nano Ghiacciato.
Basket
Simone Galeotti
3 Gennaio 2020

In memoriam di David Stern

Un ricordo dello storico commissioner NBA, scomparso il 1 gennaio appena trascorso a 77 anni in seguito a un malore.
Basket
Alberto Fabbri
25 Dicembre 2019

L’eterno ritorno del derby di Bologna

La poltrona per due del basket italiano.
Basket
Simone Galeotti
25 Ottobre 2019

La Bosnia e il Basket. Il massacro di Srebrenica

Dove ogni cosa è appesa a un filo.
Altri Sport
Alberto Fabbri
4 Ottobre 2019

Bentornata Fortitudo

Il ritorno in A della Fortitudo non poteva passare inosservato
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Basket
Matteo Fontana
9 Aprile 2019

Sono tornate le V nere

L’accesso della Virtus Bologna alle Final Four di Champions sancisce il ritorno della magia bianconera.
Basket
Matteo Fontana
11 Marzo 2019

In memoriam di Alberto Bucci

Se n'è andato un grande maestro di pallacanestro.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Altro
Matteo Fontana
7 Febbraio 2019

Tom Brady, l’antipatico

L’odi et amo di Catullo va in onda sulla TV via cavo americana.
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio 2019

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Basket
Maurizio Fierro
21 Novembre 2018

La leggenda dei Rens

Vivere e giocare ad Harlem.
Ritratti
Giacomo Amorati
15 Novembre 2018

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Con il sangue di Arminio nelle vene.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Ritratti
Simone Galeotti
23 Ottobre 2018

Nikos Galīs

Il prescelto.
Ritratti
Luca Pulsoni
25 Settembre 2018

Dejan Bodiroga

L'ultimo romantico della palla a spicchi.
Basket
Simone Spada
21 Giugno 2018

Basket italiano, la rinascita passa dalla Nazionale

Chiuso il campionato con la vittoria dell'Olimpia Milano, i tifosi italiani hanno potuto applaudire le affermazioni di Niccolò Melli e Gigi Datome in Turchia. Ora tocca alla Nazionale Italiana confermare le buone premesse di una stagione positiva.
Altro
Andrea Cassini
5 Aprile 2018

Le imbattibili Flying Queens

Questa è l'indimenticabile storia della squadra di basket più vincente di sempre.
Storie
Domenico Rocca
7 Marzo 2018

Guerra del futbol

Come (e perché) il calcio ha dato il via ad una guerra.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio 2018

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Altro
Andrea Cassini
3 Febbraio 2018

King Gaskins

Oltre il basket e oltre i celebri Celtics: quando i re, in città, erano i Boston Six.
Storie
Maurizio Fierro
8 Gennaio 2018

The Big Fight, l’incontro tra Muhammad Ali e Joe Frazier

8 marzo 1971: Black Pride al Madison Square Garden.
Storie
Gezim Qadraku
6 Gennaio 2018

Iran contro Usa, la madre di tutte le partite

L’importanza del calcio nelle relazioni tra Iran e Stati Uniti d’America.
Ritratti
Lorenzo Balma
29 Dicembre 2017

Larry Bird

L'umiltà non si predica, si pratica.
Critica
Pippo Russo
16 Dicembre 2017

Gaia Piccardi e la teoria del digerire con l’intelletto

Balzano agli onori di Pallonate anche basket e ciclismo!
Ritratti
Younes Ettali
16 Novembre 2017

Pete Maravich

Salvato da un colpo di pistola.