Papelitos
08 Dicembre 2022

Salvate Del Piero dalla retorica

Il suo ritorno non può risolvere i problemi juventini.

Sapevano bene i Latini, per virtù di saggezza, che il silenzio è d’oro. Di contro, un’epoca come la nostra si presta allo sproloquio, alla retorica stentorea e indiscreta. Rischia di esserne vittima Alessandro Del Piero, il cui nome, in virtù di un possibile incarico nella prossima dirigenza juventina, è stato gettato nell’occhio del turbinio mediatico: invocato a gran voce da tanti tifosi disorientati, evocato da ex compagni, importanti giocatori (come Immobile, prontamente imbeccati dai giornalisti sulla questione) e addirittura da Walter Veltroni sulle colonne della Gazzetta dello Sport. Lui, con la mitezza che sempre l’ha distinto, ha scelto di “non commentare notizie e indiscrezioni, che magari possono poi tramutarsi in speculazioni”.

La macchina mediatica genera infatti discussioni retoriche in serie, spesso alimenta la demagogia: lo sapeva bene il Maestro CB, “l’abuso d’informazione dilata l’ignoranza con l’illusione di azzerarla”, e su un’eventuale nomina dirigenziale di Alessandro Del Piero stiamo subendo una bulimica iperinformazione: sul nulla poi, perché si parla di un’ipotesi (futura e futuribile) che al momento non sta neppure in piedi. Un modo per semplificare una questione complessa, per dare in pasto ai tifosi da social network un’illusione di speranza e un richiamo all’identità, nel momento più incerto possibile.

Perché se è naturale che i tifosi della Vecchia Signora attendano al varco il ritorno all’ovile del Capitano, è evidente che la figura di Del Piero non necessariamente collima con le attuali esigenze di via Druento.

Per una società, nomine di questo tipo sono soluzioni buone per tutte le stagioni, specialmente dal punto di vista mediatico e commerciale: perché il tifoso, si sa, ha bisogni elementari, e un’icona come Del Piero basterebbe a dare immediato il segnale di una indolore e repentina restaurazione, de facto irrealizzabile. Chi è pronto a sperticarsi per un ritorno di Del Piero in società, però, imbocca deliberatamente la via dell’ingenuità, scegliendo di farsi allodola e lasciandosi ammaliare dal più banale degli specchietti: commenti per cui “solo del Piero può salvare la Juve” sono eccellenti esercizi di faciloneria da bar sport, ma al momento nulla di più.



È quasi grottesco credere che il ritorno del Capitano possa davvero essere la panacea degli odierni mali juventini. Perché il calcio non è, perlomeno non ancora, una questione di click, hashtag e hype: specialmente nei suoi aspetti economico-finanziari, è una questione inequivocabile di concretezza, di realpolitik. A maggior ragione nel mezzo di una slavina societaria di tale portata, con i dirigenti in attesa di giudizio e i conti pesantemente viziati, non c’è bisogno dell’attesa clamorosa di un redentore, ma della pronta assunzione di un amministratore, di una dirigenza razionale e competente.

Inoltre, una leggenda come Alessandro Del Piero non merita di essere impiegata come uomo-immagine a fin di marketing; l’esperimento, oltre ad essere ingeneroso nei confronti dello stesso ex capitano bianconero, rischierebbe di essere doppiamente fallimentare. Si pensi ad esempio al caso Totti: assunto nel 2017 nel visibilio della tifoseria giallorossa, effettivamente mai davvero coinvolto nelle dinamiche societarie e dirigenziali, dunque dimissionario soltanto due anni dopo con tanto di polemiche e dissapori. L’epilogo è tristemente segnato quando, per i motivi commerciali di cui prima, un’icona dev’essere forzatamente ridotta a immagine.

Certo, il ritorno di un simbolo come Alessandro Del Piero segnerebbe una (ri)connessione sentimentale per una Juve che, ora più che mai, ha bisogno di ritrovare se stessa e gli assi costitutivi della propria identità.

Ma ogni evento necessita di condizioni esatte, precise, che siano propizie: è il caso di chiedersi, dunque, al di là della retorica, se il momento sia davvero congeniale ad un ritorno del Capitano. Se non rischi invece di essere “bruciato”, e offerto in sacrificio a una piazza (comprensibilmente) assetata di segnali. Noi, nel rispetto quasi devozionale per la sua figura, ci limitiamo a sperare che un suo nostos abbia da compiersi nelle modalità e nei tempi idonei: perché questo possa rivelarsi un autentico ricongiungimento all’origine, allo stile Juve, magari secondo gli esempi virtuosi di Rummenigge, Maldini e molti altri nelle rispettive società.

Nel frattempo al “tripudio social”, e alle certezze pronto-uso forniteci dai media, preferiamo l’onere del sospetto, la responsabilità intellettuale del dubbio, optando come Del Piero per una virtuosa mitezza; rifiutiamo dunque la tentazione dell’indiscrezione, il facile incasso garantito dal solo accostamento del suo nome alla dirigenza bianconera. Tentando di onorarne la figura, evitando di degradare l’icona a immagine, il mito ad impiegato d’ufficio, aspettiamo Alessandro Del Piero, rigorosamente in silenzio. Con i suoi modi e i suoi tempi, se dovrà essere.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Matteo Zega

7 articoli
Edoardo, l’Agnelli sacrificale
Cultura
Matteo Zega
15 Novembre 2022

Edoardo, l’Agnelli sacrificale

Solo la Juventus univa due mondi opposti.
Rapsodia 70
Altri Sport
Matteo Zega
18 Agosto 2022

Rapsodia 70

Gli anni 70 hanno reso speciale anche lo sport.
Giovanni Arpino, un apolide dell’esistenza
Ritratti
Matteo Zega
11 Giugno 2022

Giovanni Arpino, un apolide dell’esistenza

Il pallone in poesia e in purezza.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ci vuole equilibrio
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Ronaldo è un sogno
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
All or Nothing Juventus, o della crisi di identità
Calcio
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Quel centimetro in più
Calcio
Luigi Fattore
27 Settembre 2018

Quel centimetro in più

Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.
Da Malmö a Malmö
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?