Carrello vuoto
La Redazione
9 Marzo 2020

Devolviamo i montepremi delle leghe di Fantacalcio agli ospedali

La Redazione

60 articoli
La nostra generazione è chiamata ad impegnarsi, e per la prima volta può davvero fare la differenza.

Sono 37 i miliardi tagliati nella spesa pubblica alla Sanità negli ultimi dieci anni, di cui 25 solo nel lustro 2010-2015. Si stimano in 70 mila i posti letto persi in questo lasso temporale, 359 i reparti chiusi, numerosi i presidi ospedalieri chiusi o riconvertiti. Ci sarà tempo per comprendere cosa abbiamo fatto a questo pilastro della collettività e di ricostruire una società più sana, che metta la Sanità al centro del suo sviluppo. Ora è il tempo di combattere e di restare uniti.

 

La nostra generazione è chiamata alle armi, per la prima volta può davvero fare la differenza. Restare a casa, ridurre allo zero la socialità, rispettare le norme igieniche, uscire solo ed esclusivamente se necessario, lavorare in remoto e farlo in sicurezza totale se si è costretti. Solo così potremmo unitariamente contenere la diffusione di questo figlio di puttana.

 

Ma possiamo fare altro, di estremamente pratico e rapido, e lo possiamo fare con relativa semplicità: sono migliaia le leghe private di fantacalcio in Italia e di queste la maggior parte prevede la corresponsione di una somma – solitamente dai 50 ai 120 euro a partecipante – che diventa un montepremi finale da spartirsi tra i vincitori. Ebbene questa somma è una ricchezza immobilizzata: sono innumerevoli i casi in cui questi soldi sono già stati consegnati ad un tesoriere.

 

Doniamoli! Qualsiasi cosa accada a questo campionato, il Fantacalcio non è più animato dallo spirito che lo caratterizza. Potrebbero essere milioni e milioni i soldi donati agli ospedali in prima linea nell’emergenza. Macchinari, cene pagate, personale, per qualunque destinazione saranno riservati saranno soldi ben spesi. Aiutateci allora a condividere questo messaggio, e a farlo arrivare a più persone possibili.

 

Di seguito i principali indirizzi a cui poter effettuare una donazione:

 

INMI Lazzaro Spallanzani, ROMA:

IBAN: IT75A0200805140000400005240
CODICE FISCALE: 05080991002

ASST Fatebenefratelli Sacco, MILANO:

IBAN: IT14J0311101603000000034867
CODICE FISCALE: 09319690963

ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, MILANO:

CF e Partita IVA: 09315660960

Ospedale San Raffaele, MILANO:

PARTITA IVA: 07636600962

 

E tanti e tanti altri che abbiamo dimenticato o di cui non abbiamo reperito informazioni. Non importa a chi li donerete o come li userete, l’importante è poter davvero essere efficaci in questo momento. Ognuno si organizzi come meglio creda, ma è necessario comprendere che può essere decisivo in questo momento far affluire più risorse possibili alle unità ospedaliere.

Andrà tutto bene!

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Papelitos
Valerio Santori
23 Febbraio 2021

Il miglior vaccino contro il Covid è stato il calcio

Sembra una provocazione, ma riflettiamoci.
Papelitos
Lorenzo Ottone
16 Novembre 2020

Federica Pellegrini e la spettacolarizzazione del dolore

Se gli atleti diventano attori di teatro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre 2020

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre 2020

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto 2020

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Editoriali
Federico Brasile
29 Maggio 2020

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.
Papelitos
Lorenzo Ottone
26 Maggio 2020

Rugby senza mischia, l’ultima follia da Covid-19

Abolita la mischia, la palla ovale avrebbe ancora senso?
Papelitos
Paolo Pollo
7 Maggio 2020

Ripensiamo il linguaggio del calcio

Anche nella narrazione, a forza di tirarla la corda si è spezzata.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio 2020

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Calcio
La Redazione
30 Aprile 2020

Salvate il calcio migliore, quello dei dilettanti

Che a pagare non siano i più piccoli, mossi dalla più grande passione.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile 2020

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Papelitos
Federico Brasile
29 Marzo 2020

La Juventus fa da esempio

I giocatori bianconeri hanno deciso di tagliarsi lo stipendio.
Tifo
Matteo Paniccia
28 Marzo 2020

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
5 Marzo 2020

Il Coronavirus e la miseria del calcio italiano

È arrivato il momento di azzerare la governance del calcio nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio 2020

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Calcio
Luigi Fattore
30 Novembre 2017

Delirio da fantacalcio

La deriva fantacalcistica ci porta in un mondo distopico, in cui i numeri dettano la legge della mente e del cuore.