Editoriali
09 Marzo 2020

Devolviamo i montepremi delle leghe di Fantacalcio agli ospedali

La nostra generazione è chiamata ad impegnarsi, e per la prima volta può davvero fare la differenza.

Sono 37 i miliardi tagliati nella spesa pubblica alla Sanità negli ultimi dieci anni, di cui 25 solo nel lustro 2010-2015. Si stimano in 70 mila i posti letto persi in questo lasso temporale, 359 i reparti chiusi, numerosi i presidi ospedalieri chiusi o riconvertiti. Ci sarà tempo per comprendere cosa abbiamo fatto a questo pilastro della collettività e di ricostruire una società più sana, che metta la Sanità al centro del suo sviluppo. Ora è il tempo di combattere e di restare uniti.

 

La nostra generazione è chiamata alle armi, per la prima volta può davvero fare la differenza. Restare a casa, ridurre allo zero la socialità, rispettare le norme igieniche, uscire solo ed esclusivamente se necessario, lavorare in remoto e farlo in sicurezza totale se si è costretti. Solo così potremmo unitariamente contenere la diffusione di questo figlio di puttana.

 

Ma possiamo fare altro, di estremamente pratico e rapido, e lo possiamo fare con relativa semplicità: sono migliaia le leghe private di fantacalcio in Italia e di queste la maggior parte prevede la corresponsione di una somma – solitamente dai 50 ai 120 euro a partecipante – che diventa un montepremi finale da spartirsi tra i vincitori. Ebbene questa somma è una ricchezza immobilizzata: sono innumerevoli i casi in cui questi soldi sono già stati consegnati ad un tesoriere.

 

Doniamoli! Qualsiasi cosa accada a questo campionato, il Fantacalcio non è più animato dallo spirito che lo caratterizza. Potrebbero essere milioni e milioni i soldi donati agli ospedali in prima linea nell’emergenza. Macchinari, cene pagate, personale, per qualunque destinazione saranno riservati saranno soldi ben spesi. Aiutateci allora a condividere questo messaggio, e a farlo arrivare a più persone possibili.

 

Di seguito i principali indirizzi a cui poter effettuare una donazione:

 

INMI Lazzaro Spallanzani, ROMA:

IBAN: IT75A0200805140000400005240
CODICE FISCALE: 05080991002

ASST Fatebenefratelli Sacco, MILANO:

IBAN: IT14J0311101603000000034867
CODICE FISCALE: 09319690963

ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, MILANO:

CF e Partita IVA: 09315660960

Ospedale San Raffaele, MILANO:

PARTITA IVA: 07636600962

 

E tanti e tanti altri che abbiamo dimenticato o di cui non abbiamo reperito informazioni. Non importa a chi li donerete o come li userete, l’importante è poter davvero essere efficaci in questo momento. Ognuno si organizzi come meglio creda, ma è necessario comprendere che può essere decisivo in questo momento far affluire più risorse possibili alle unità ospedaliere.

Andrà tutto bene!

 

 

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

65 articoli
Ne abbiamo abbastanza di partite come Inter-Spezia
Papelitos
La Redazione
21 Agosto 2022

Ne abbiamo abbastanza di partite come Inter-Spezia

Dov'è finita la riforma del campionato?
Cosa accadrà nel 2037. Forse
Recensioni
La Redazione
16 Luglio 2022

Cosa accadrà nel 2037. Forse

I Calciatori Selvaggi su Lo Slalom.
In Germania l’ideologia travolge il calcio
Papelitos
La Redazione
25 Giugno 2022

In Germania l’ideologia travolge il calcio

I transgender potranno decidere se giocare con uomini o donne.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ripensiamo il linguaggio del calcio
Papelitos
Paolo Pollo
07 Maggio 2020

Ripensiamo il linguaggio del calcio

Anche nella narrazione, a forza di tirarla la corda si è spezzata.
Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto 2020

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Il Coronavirus colpisce i tifosi
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio 2020

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Il malato immaginario
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre 2020

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Il calcio post-Covid è più finto della Playstation
Papelitos
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?