Carrello vuoto
Interviste
5 Febbraio

Di giornalismo, pedali e divorzi

Davide Bernardini

21 articoli
Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.

Marco Pastonesi è nato a Genova il 27 agosto 1954. Rugby e ciclismo sono i due sport che lo hanno stregato e ai quali ha dedicato gran parte della sua produzione giornalistica e letteraria. Storico giornalista de “La Gazzetta dello Sport”, ha lasciato la rosea il 30 giugno 2015 per prepensionamento. Ricalcando le orme dei grandi cantori del passato, Pastonesi ha raccontato il ciclismo e le sue storie con originalità, fantasia e umanità, confezionando il tutto con un italiano corretto, godibile ed effervescente. Ha seguito quindici Giri d’Italia, dieci Tour de France, quattro Giri del Ruanda e uno del Burkina Faso, ma anche un’Olimpiade, quattro Coppe del mondo e diciotto Sei Nazioni di rugby, sport nel quale ha eccelso arrivando a giocare addirittura in Serie A. Ha scritto (e partecipato alla stesura di) molti libri, ovali e a pedali, riuscendo nella mirabile impresa di non sbagliarne nemmeno uno.

Marco Pastonesi e il rugby, l'altra (o probabilmente la prima) sua grande passione.
Marco Pastonesi e il rugby, l’altra (o probabilmente la prima) sua grande passione.

 

Buongiorno Marco. Partirei con una domanda piuttosto semplice: qual è stato il suo percorso di formazione e come si è avvicinato al mondo del giornalismo sportivo?

Guarda, ho fatto il classico per poi proseguire all’Università con Giurisprudenza. Il giorno in cui mi sono laureato sono andato da mio padre col certificato che ti rilasciano lì per lì e gli ho detto più o meno queste parole: ti ringrazio per avermi appoggiato in questo percorso ma non è la mia strada. Avevo già diverse collaborazioni all’attivo, scrivevo di tutto, addirittura qualcosa anche su riviste di musica. Scrivere è sempre stata la mia passione, il mio bisogno. Ai miei tempi per diventare un giornalista c’erano tre modi: grazia ricevuta, cognome giusto o gavetta. I primi due non mi riguardavano, il terzo è stato giocoforza l’unico sentiero per me percorribile. Sì, ho fatto davvero tanto “marciapiede”.

Sappiamo che lei ama in particolar modo due sport: rugby e ciclismo. Dove e quando nascono queste due passioni?

Lo sport c’è sempre stato. Nuoto, atletica, basket, rugby. Ecco, il rugby mi ha davvero cambiato la vita. Ho giocato anche ad alti livelli, Serie A e B, ma soprattutto mi ha dato nuove basi, che io sono solito definire socialiste e comuniste. La bici invece è, da sempre, il mio mezzo di trasporto: fisico e onirico.

Dal suo punto di vista, com’è cambiato il giornalismo sportivo negli ultimi decenni?

Prima di tutto bisogna dire che è cambiato tantissimo. Prima esistevano i giornali, oggi invece è dura per loro, non ci sono quasi più. Probabilmente quella dei giornalisti era (ed era vista come) una casta, oggi invece chiunque può diventarlo senza esserlo. Rimanendo in ambito ciclistico, oggi è senz’altro più dura, poco da fare: si vive meno in e il gruppo, si seguono poche corse, spesso sono i giornalisti a pagare di tasca propria per seguirle. E questo non è un bene, si capisce, il ciclismo come tanti altri sport ma forse di più ha bisogno della strada e della presenza per essere raccontato come si deve. Da casa o dal computer è tutto più limitato.

E del giornalismo (sportivo e non) attuale che idea si è fatto?

Sinceramente leggo bei pezzi, scritti bene, inchieste valide e approfondite. Più che nel giornalismo o nella carta stampata, io credo che ci sia un problema nel mondo dell’informazione in generale. Mi riferisco alle veline, ad un’organizzazione che spesso pesa e mette mano più del necessario. Un’informazione dall’alto, impostata e imposta.

Com’è cambiato, invece, il mondo dei pedali? Da osservatore esterno, inizialmente mi ero fatto un’idea del ciclismo come di uno sport facilmente accessibile. Invece, nei miei primi mesi di esperienza sul campo, ho trovato una realtà diversa: non chiusa o difficile in senso assoluto ma estremamente complicata se rapportata all’immediatezza e alla frugalità che da sempre caratterizzano la bicicletta. Penso, per esempio, alla figura dell’addetto stampa: non ha assunto forse troppa importanza?

Ecco, infatti: mettiamo dei paletti altrimenti andiamo fuori strada. Rispetto al mondo del giornalismo, quello del ciclismo è cambiato poco o nulla. E i ciclisti, nonostante oggi sia molto più difficile reperirli o avere una conversazione con loro come Dio comanda, rimangono atleti estremamente facili e aperti se confrontati ad esempio con i calciatori. Il ciclismo, in sostanza, non ha fatto altro che adattarsi. La figura dell’addetto stampa, per ritornare al tuo esempio, è diventata importante col tempo. Prima bastava avere il numero di telefono, oggi la situazione è sicuramente diversa. Se un atteggiamento del genere garantisce e preserva sicuramente la vita aziendale, penalizza altrettanto sicuramente quella giornalistica, quindi chi fa questo lavoro ma anche il lettore che poi usufruisce del servizio.

Cosa si può fare per invertire questa tendenza? E soprattutto, chi dovrebbe alzare la voce? Atleti, dirigenti, addetti ai lavori o figure terze?

Non è una visione positiva e ottimistica, lo so, ma all’orizzonte non vedo novità significative. I cambiamenti sono lunghi, richiedono tempo e oggigiorno sono influenzati soprattutto dalla sfera economica. Momentaneamente, almeno per me, le cose stanno così: c’è questa tendenza “calcistica” e mi sembra inarrestabile. Sarò scontato, ma il giornalista ha già in mano gli strumenti per fare un bel lavoro: passione, onestà, competenza, qualità, buon italiano, immaginazione e fantasia quando è il caso. Sudore, lacrime e sentimenti, insomma.

Perché, secondo lei, il ciclismo si presta così bene al racconto? Perché tutti i più grandi giornalisti che si sono interessati al mondo dei pedali non hanno potuto fare a meno di raccontare, romanzare e integrare il ciclismo con storia, geografia, letteratura, scienza, attualità?

Facile: non è il ciclismo che assomiglia alla vita ma viceversa, è la vita che assomiglia al ciclismo. Ogni corsa è una vita, un’esistenza, un insieme gigantesco di eventi, situazioni, emozioni. Ogni atleta e ogni spettatore vive la sua e il suo occhio si sofferma su cose diverse. E’ un luogo di incontri, non ha eguali. Gli altri sono sport, il ciclismo è un qualcosa di più. Non si svolge dentro una “scatola” – per quanto magica essa possa essere – ma sulla strada, che ricorda l’andamento della nostra vita, fosse soltanto per come entrambe ce le immaginiamo quotidianamente.

 

Marco Pastonesi insieme a Francesco Guidolin ed Elia Viviani, i tre vincitori del Premio Torriani 2017.
Marco Pastonesi insieme a Francesco Guidolin ed Elia Viviani, i tre vincitori del Premio Torriani 2017.

 

La sua è una grande esperienza di giornalismo vissuto giorno per giorno, a fianco degli atleti e di tutti gli staff. Se la programmazione di un mensile segue ritmi e programmazioni più gestibili, come si lavora, invece, nella redazione di un quotidiano?

La mia esperienza, anche se credo che sia così per tutti, mi porta a dire che lavorare in quotidiano significa vivere il giornalismo nella sua forma più vera e pura. Diventa praticamente la tua vita. L’altra faccia della medaglia è che, nella maggior parte dei casi, si finisce per sacrificare tutto il resto, affetti compresi. Anzi, soprattutto quelli. La sfera familiare è spesso quella più sacrificata, diventa la seconda per importanza. Si arriva ad avere due vite vere e proprie ma distinte e la cosa, solitamente, non può durare a lungo. Infatti credo che, ancora oggi, quella dei giornalisti sia la categoria con più divorzi all’attivo.

Mi è capitato più volte di leggere un’intervista che Paolo Condò ha rilasciato a “l’Ultimo Uomo” nel novembre del 2015. Ecco, Condò, che lei conosce bene vista la comune esperienza in Gazzetta, ad un certo punto afferma che il suo giornalista preferito è Marco Pastonesi e che “sapere che lui se ne stia in prepensionamento, per me è un omicidio giornalistico”. Se mettono in prepensionamento uno come lei, cosa significa?

Allora, la scelta del giornale è dovuta ad uno stato di crisi dello stesso e proprio per questo è stato deciso di mandare via i diciassette giornalisti più vecchi. Una scelta anagrafica, diciamo. Certo, lavorare a “La Gazzetta” è una specie di passaporto per l’universo, però ormai è andata così. Sono entrato in una nuova fase della mia vita. Scrivo ancora, e molto: web, riviste (anche straniere), libri. Mi ha fatto piacere constatare che la forma di approfondimento che concede il libro vende ancora molto. Si pensava che fossero destinati a scomparire da un giorno all’altro e invece sono morti prima i giornali. Sicuramente qualche giornale sopravviverà dovendosi però accontentare di una piccola nicchia di appassionati.

Dove vede il giornalismo del futuro?

Mi sembra ormai chiaro che le potenzialità del web non ce l’ha nessuno quindi dico web finché non arriverà un’altra rivoluzione a scompaginare il tutto. Non bisogna però dimenticarsi dei valori, che non hanno tempo, devono essere sempre attuali. Il futuro della professione deve essere deontologico e morale.

Lei ha seguito da vicino anche il movimento africano: quando arriverà a toccarci da vicino?

E’ già arrivato e ne sono contento. Chi diceva che si trattava soltanto di un fenomeno folkloristico, adesso non può non ricredersi. Certo, le corse in Africa non seguono nessuna logica, ne vedi di tutti i colori, però è allo stesso tempo ciò che le rende così intriganti e incredibili da seguire.

Siamo all’ultimo chilometro, Marco. C’è un giornalista che da giovane seguiva con particolare attenzione e che ti ha ispirato?

Leggevo più che volentieri Mario Fossati.

La sua corsa preferita?

Non ce n’è una in particolare, per questo ti dico quelle più piccole, nelle quali c’è quel mix di storia e tranquillità che ti permette di lavorare con serenità e di raccogliere quelle che spesso si rivelano essere le storie migliori.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Cultura
Andrea Muratore
13 Settembre 2021

Il giornalismo eroico di Walter Bonatti

Dieci anni fa moriva un giornalista e uno sportivo straordinario.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Leonardo Aresi
4 Aprile 2021

La sovranità degli All Blacks è sacra

La tradizione e le radici non sono in vendita.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Motori
Giacomo Cunial
2 Febbraio 2021

Enzo Ferrari senza filtri

Nel dialogo con Enzo Biagi, il Drake si raccontò in profondità.
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Editoriali
Sebastiano Caputo
28 Dicembre 2020

Il 2021 è l’anno di Contrasti

Abbiamo grandi progetti per il futuro, ma prima vogliamo raccogliere suggerimenti, pareri e critiche. Abbiamo preparato qualche domanda per Voi. Badate bene: non è un semplice questionario ma un appuntamento per entrare nella nostra storia.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Papelitos
Luigi Fattore
22 Dicembre 2020

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Un modello di “informazione” devastante.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre 2020

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre 2020

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Alberto Fabbri
2 Ottobre 2020

Coppi e Bartali visti da Curzio Malaparte

Una volta la bicicletta, primo amore dell'Arcitaliano, era un rito di popolo.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2020

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Altro
Lorenzo Innocenti
12 Giugno 2020

Il Terzo Tempo del rugby è un rito sacro

Origini, miti e segreti di una splendida consuetudine.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Papelitos
Lorenzo Ottone
26 Maggio 2020

Rugby senza mischia, l’ultima follia da Covid-19

Abolita la mischia, la palla ovale avrebbe ancora senso?
Altro
Alessandro Imperiali
7 Maggio 2020

La Haka è un rito tramandato o svenduto?

Tradizione di popolo, miniera d'oro del marketing All Blacks.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Interviste
La Redazione
17 Aprile 2020

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.