Carrello vuoto
Calcio
21 Novembre

Colpo di stato in Serie A

La guerra intestina nel mondo del calcio italiano continua a mietere vittime.

Bisogna essere preparati alla guerra oggi, non domani. Così possiamo sintetizzare il golpe silenzioso avvenuto nella lega di Serie A con le dimissioni di Gaetano Micciché: quest’ultimo, (ex) presidente della Lega di Serie A, ha infatti firmato le dimissioni dopo la chiusura dell’istruttoria, da parte della procura federale, sulla nomina avvenuta venti mesi fa.

 

Ma andiamo con ordine. Il 19 marzo 2018, Micciché viene eletto presidente della lega di Serie A. Il regolamento prevede l’unanimità dei presidenti delle società del massimo campionato, ma lo scrutinio del voto è segreto. Stando alle voci di corridoio, due presidenti di Serie A non avrebbero votato Miccichè, e lo stesso Enrico Preziosi parlò pubblicamente di mancata correttezza nella procedura di elezione. In effetti, al momento dello scrutinio, Baldissonni – vice presidente della Roma -, considerò la votazione inutile per l’unanimità nella scelta.

 

Fu questa la linea seguita, e Micciché venne eletto per acclamazione senza un effettivo scrutinio delle schede: la procedura fu infine ritenuta valida dal notaio Calafiori, presente come da regolamento all’elezione, e subito dopo si provvide alla modifica dello statuto, definendo l’elezione con il sistema di maggioranza e non più all’unanimità.

 

Il Presidente della Lega di Serie A, Gaetano Miccichè. (Foto di Valerio Pennicino/Getty Images for Lega Serie A)

 

Ed ecco che entra in scena la Procura Federale. Nell’ottobre 2019, il procuratore Giuseppe Pecoraro apre l’indagine per violazioni dello statuto. Ad attivare gli 007 federali ci pensa Enrico Preziosi e il 4 ottobre 2019, in un’intervista pubblicata su Business Insider, il patron del Genoa ammise che furono commessi errori procedurali sull’elezione di Miccichè. 

“Il 70% dei presidenti non è contento di come vanno le cose, se si tornasse indietro, Micciché non sarebbe eletto” (Enrico Preziosi)

In queste parole Preziosi manifesta tutta l’insoddisfazione della Lega di Serie A per le politiche perseguite da Miccichè, uomo fidato di Malagò: ed è questo il punto nevralgico. Da gennaio 2019, nel mondo dello sport nazionale, si combatte una guerra silenziosa – almeno mediaticamente – tra il CONI e la società governativa Sport e Salute seguita alla riforma gialloverde. Al centro dello scontro il finanziamento delle federazioni sportive, e soprattutto il ridimensionamento di Giovanni Malagò.

 

Sabelli invece, presidente di Sport e Salute, può contare sul supporto politico del presidente della FIGC Gabriele Gravina, che in più occasioni ha contestato le politiche di Malagò – non ultimo il parere sfavorevole alla nomina di Gianni Petrucci, presidente della Lega basket, nel ruolo di mediatore tra CONI e la società governativa. Insomma, gli schieramenti sono evidenti: da un lato FIGC e Sport e Salute, dall’altra il CONI con Malagò sempre più marginalizzato e ciò che resta della sua monarchia (sull’elezione di Miccichè, Malagò, aveva messo il suo timbro, e sarebbe anch’egli coinvolto nel caso di irregolarità).

 

L’ex monarca, Giovanni Malagò (Foto di Paolo Bruno/Getty Images)

 

Ecco dunque perché eliminare Miccichè. A breve scadrà il quadriennio olimpico, e nel 2020 si dovrà rieleggere il presidente della FIGC: Gravina, a quanto sembra, non vorrebbe ricandidarsi lasciando campo libero a Cosimo Sibilia. Il nuovo statuto della Federazione prevede infatti che sia sufficiente in prima votazione il 50,01 per cento e Sibilia, come presidente della LND (Lega Nazionale Dilettanti), può contare già sul proprio peso pari al 34%; Gravina, d’altro canto, non abbandonerebbe il mondo dello sport ma passerebbe alla presidenza della lega di Serie A, nonostante l’esperienza alla guida della Lega Pro non sia stata delle migliori.

 

Le dimissioni di Micciché, e il conseguente commissariamento della Serie A, aprirebbero le porte a questo piano per ridisegnare il calcio italiano, eliminando ogni fedelissimo di Malagò. In questo contesto Luigi De Siervo, amministratore delegato della Serie A, ha convocato per lunedì 2 dicembre alle ore 12.00 l’assemblea per l’elezione del nuovo presidente: un commissario che potrà durare poco meno di un anno, una sorta di traghettatore fino alla fine del quadriennio olimpico. Con questa mossa il Consiglio Federale della FIGC, detto in parole povere, può commissariare la Lega Serie A.

Le dimissioni di Micciché, e il conseguente commissariamento della Serie A, aprirebbero le porte a questo piano per ridisegnare il calcio italiano, eliminando ogni fedelissimo di Malagò.

Inutile sottolineare come in ballo ci sia la discussione miliardaria sui diritti televisivi della Lega di Serie A con l’offerta di Mediapro ritenuta molto appetibile da tutta l’area politica di Claudio Lotito. Mediapro ha confermato il valore di 1,15 miliardi di euro a stagione (1,3 circa con i diritti di archivio, la produzione, la raccolta pubblicitaria e marketing) con un’opzione di rinnovo tra le parti per altri tre anni a certe condizioni economiche.

 

Ecco la lotta intestina che si sta combattendo nel calcio italiano, partita dal CONI contro Sport e Salute, da Malagò contro Sabelli. Difficile pronosticare il vincitore in questo gioco di potere ma attualmente sembra che quest’ultimo, con più sponde politiche, sia ormai in vantaggio.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.