Carrello vuoto
Calcio
19 Dicembre

Il diritto di cronaca è messo a rischio dalla Lega Calcio

Domenico Rocca

30 articoli
Orwell, di nuovo. Questa volta in Serie A, questa volta tocca al calcio italiano.

I problemi all’interno della governance della Lega Calcio continuano a susseguirsi da almeno un anno, evidenziando una lotta intestina che – a parere di molti – sembrerebbe avere un preciso scopo: la destabilizzazione dei vertici in prossimità dell’importante bando sui diritti televisivi. Pare questo il presupposto iniziale che ha alimentato i continui colpi di scena verificatisi negli ultimi mesi.

 

A partire dall’audio rubato relativo alle presunte irregolarità durante l’assemblea che elesse Gaetano Miccichè a presidente (successivamente dimessosi), per finire con la notizia riguardante una frase pronunciata dall’attuale amministratore delegato Luigi De Siervo in occasione di una riunione con alcuni rappresentanti dei club in merito all’allarme razzismo.

 

“Ti faccio una confessione, non la mettiamo a verbale: io ho chiesto ai nostri registi di spegnere i microfoni verso la curva. Io l’ho chiesto. Quindi non lo sentirete in TV. Perché io ho chiesto di spegnere i microfoni”.

 

Quella che plausibilmente rappresenta una bolla mediatica diffusa ad hoc ci ha permesso, tuttavia, di evidenziare alcune criticità palesate dalla Lega nel monopolio gestionale delle riprese televisive. Se da un lato i rappresentanti Lega dichiarano che “chi produce un evento sportivo deve curarne anche quella che è la linea editoriale”, dall’altro il sindacato dei giornalisti RAI rivendica con forza il diritto di cronaca. Quanto è importante il famigerato diritto di cronaca? Ci torneremo a fine articolo.

 

Quest’ultimo, denunciando ufficialmente presso l’AGICOM il modus operandi della Lega, sollecita l’approfondimento della controversa tematica che vede, dall’ultimo anno, la presenza di una “Regia unica” controllata dall’ente leader del calcio italiano. Quali saranno, quindi, le linee guida all’interno del ‘’Regolamento delle produzioni audiovisive’’?

 

Il diritto di cronaca è libertà dalla cronaca?

 

Le dichiarazioni di De Siervo sono precise: “Il nostro obiettivo è quello di raccontare un evento sportivo nella sua ARMONICA CREAZIONE, per cui è evidente che se dovessero presentarsi delle situazioni anomale, chi produce un evento, deve far si che il racconto riesca a mantenere il filo conduttore”.

 

Un esempio emblematico è quanto accaduto in occasione di Sassuolo – Inter di questa stagione, dove un paracadutista è atterrato all’interno del terreno di gioco nel bel mezzo dell’incontro. Perché non si è visto nulla? Perché è in quel momento stato deciso dal regista Lega di non mostrare tale immagine, anche grazie alla complicità delle due squadre, in quel momento impegnate in una zona del campo “meno visibile” dalle inquadrature televisive.

 

“Per dire, abbiamo ‘squalificato’ per due giornate il regista che a Cagliari aveva indugiato per 40 secondi, durante un controllo Var, sulla curva del Cagliari che in quel lasso di tempo aveva fatto di tutto. Allo stesso modo abbiamo fermato un altro regista che aveva inquadrato per troppo tempo un omaggio dei tifosi interisti a Diabolik”.

 

Iniziativa tutta italiana? Nient’affatto. Anche la UEFA, infatti, stabilisce la CENSURA di audio o video non attinenti al “contesto” o “politicamente scorretti”. Proprio la Uefa, in occasione dei propri tornei, sta da tempo sperimentando questo sistema di “tutela del proprio prodotto”. Si tratta quindi di questione etica o finanziaria?

 

Secondo i giornalisti RAI, in prima fila nel denunciare il sistema, il vero problema è di carattere informativo. Il diritto di cronaca è costituzionalmente garantito e, così facendo, verrebbe drasticamente limitato. Il nocciolo della questione è il rischio nel quale si incorre permettendo ad un unico soggetto di decidere cosa può andare in onda e cosa non può essere trasmesso, violando il diritto dei telespettatori di sapere cosa avviene all’interno di un evento pubblico.

 

Cagliari curva
La Curva del Cagliari, Lupo Cattivo della Sardegna Arena (foto di Enrico Locci/Getty Images)

 

Difficile accettare che la Lega si arroghi questo privilegio, ma è comprensibile il fatto che, sempre di più, ci si diriga verso un importante accentramento del potere, una sorta di MinCulPop calcistico dove siedono soprattutto le pay tv. I rischi che si corrono sono reali e concreti. I giornalisti hanno, nei limiti del corretto, il dovere di raccontare una visione diversa dell’evento. Il soggetto che detiene le immagini può imporre la sua idea del racconto, venendo meno al diritto degli altri telegiornalisti di evidenziare particolari rilevanti all’interno della partita che, magari, non combaciano necessariamente con le direttive Lega.

 

Ricordate quello che successe nei minuti conclusivi dell’incontro tra Lecce e Carpi, partita che decretò la retrocessione dei Salentini? Siamo sicuri che oggi, con le direttive vigenti, le stesse immagini sarebbero trasmesse? Ma soprattutto, in base a quale criterio un unico soggetto decide o meno cosa mostrare? Sono chiari i binari sui quali viaggia il calcio oggi. Come se non bastasse la trasformazione in atto degli stadi che, nell’arco di pochi anni, diventeranno teatri iper-video-sorvegliati.

 

“Dal punto di vista tecnico il tentativo che è stato fatto è quello di evitare di trasformare in eroi determinati ragazzi. Esiste un rischio emulazione, come è accaduto nel lancio delle pietre dai cavalcavia”.

 

Una logica inquietante e paradossale, specie se inquadrata nel contesto post-moderno in cui la violenza è visibile praticamente ovunque. Il razzismo, in quanto violenza, non è accettabile all’interno degli stadi. Non indugiare ulteriormente sull’infortunio di un giocatore o – Dio volesse – sulle wags dei calciatori sarebbe cosa buona e giusta. Imporre una ripresa unica, però, equivale ad imporre un pensiero unico. Roba da Orwell, insomma. Quasi non ci sorprende più.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Papelitos
Matteo Paniccia
9 Marzo 2022

Non tifare, investi! (e perdi)

Perché i fan token sono pericolosi.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Novembre 2021

Il calcio è stanco di essere umano

La mania di controllo condannerà il football.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
27 Settembre 2021

Le lacrime di coccodrillo su DAZN

I presidenti hanno poco da piangere, adesso.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.