Carrello vuoto
Calcio
19 Dicembre

Il diritto di cronaca è messo a rischio dalla Lega Calcio

Domenico Rocca

30 articoli
Orwell, di nuovo. Questa volta in Serie A, questa volta tocca al calcio italiano.

I problemi all’interno della governance della Lega Calcio continuano a susseguirsi da almeno un anno, evidenziando una lotta intestina che – a parere di molti – sembrerebbe avere un preciso scopo: la destabilizzazione dei vertici in prossimità dell’importante bando sui diritti televisivi. Pare questo il presupposto iniziale che ha alimentato i continui colpi di scena verificatisi negli ultimi mesi.

 

A partire dall’audio rubato relativo alle presunte irregolarità durante l’assemblea che elesse Gaetano Miccichè a presidente (successivamente dimessosi), per finire con la notizia riguardante una frase pronunciata dall’attuale amministratore delegato Luigi De Siervo in occasione di una riunione con alcuni rappresentanti dei club in merito all’allarme razzismo.

 

“Ti faccio una confessione, non la mettiamo a verbale: io ho chiesto ai nostri registi di spegnere i microfoni verso la curva. Io l’ho chiesto. Quindi non lo sentirete in TV. Perché io ho chiesto di spegnere i microfoni”.

 

Quella che plausibilmente rappresenta una bolla mediatica diffusa ad hoc ci ha permesso, tuttavia, di evidenziare alcune criticità palesate dalla Lega nel monopolio gestionale delle riprese televisive. Se da un lato i rappresentanti Lega dichiarano che “chi produce un evento sportivo deve curarne anche quella che è la linea editoriale”, dall’altro il sindacato dei giornalisti RAI rivendica con forza il diritto di cronaca. Quanto è importante il famigerato diritto di cronaca? Ci torneremo a fine articolo.

 

Quest’ultimo, denunciando ufficialmente presso l’AGICOM il modus operandi della Lega, sollecita l’approfondimento della controversa tematica che vede, dall’ultimo anno, la presenza di una “Regia unica” controllata dall’ente leader del calcio italiano. Quali saranno, quindi, le linee guida all’interno del ‘’Regolamento delle produzioni audiovisive’’?

 

Il diritto di cronaca è libertà dalla cronaca?

 

Le dichiarazioni di De Siervo sono precise: “Il nostro obiettivo è quello di raccontare un evento sportivo nella sua ARMONICA CREAZIONE, per cui è evidente che se dovessero presentarsi delle situazioni anomale, chi produce un evento, deve far si che il racconto riesca a mantenere il filo conduttore”.

 

Un esempio emblematico è quanto accaduto in occasione di Sassuolo – Inter di questa stagione, dove un paracadutista è atterrato all’interno del terreno di gioco nel bel mezzo dell’incontro. Perché non si è visto nulla? Perché è in quel momento stato deciso dal regista Lega di non mostrare tale immagine, anche grazie alla complicità delle due squadre, in quel momento impegnate in una zona del campo “meno visibile” dalle inquadrature televisive.

 

“Per dire, abbiamo ‘squalificato’ per due giornate il regista che a Cagliari aveva indugiato per 40 secondi, durante un controllo Var, sulla curva del Cagliari che in quel lasso di tempo aveva fatto di tutto. Allo stesso modo abbiamo fermato un altro regista che aveva inquadrato per troppo tempo un omaggio dei tifosi interisti a Diabolik”.

 

Iniziativa tutta italiana? Nient’affatto. Anche la UEFA, infatti, stabilisce la CENSURA di audio o video non attinenti al “contesto” o “politicamente scorretti”. Proprio la Uefa, in occasione dei propri tornei, sta da tempo sperimentando questo sistema di “tutela del proprio prodotto”. Si tratta quindi di questione etica o finanziaria?

 

Secondo i giornalisti RAI, in prima fila nel denunciare il sistema, il vero problema è di carattere informativo. Il diritto di cronaca è costituzionalmente garantito e, così facendo, verrebbe drasticamente limitato. Il nocciolo della questione è il rischio nel quale si incorre permettendo ad un unico soggetto di decidere cosa può andare in onda e cosa non può essere trasmesso, violando il diritto dei telespettatori di sapere cosa avviene all’interno di un evento pubblico.

 

Cagliari curva
La Curva del Cagliari, Lupo Cattivo della Sardegna Arena (foto di Enrico Locci/Getty Images)

 

Difficile accettare che la Lega si arroghi questo privilegio, ma è comprensibile il fatto che, sempre di più, ci si diriga verso un importante accentramento del potere, una sorta di MinCulPop calcistico dove siedono soprattutto le pay tv. I rischi che si corrono sono reali e concreti. I giornalisti hanno, nei limiti del corretto, il dovere di raccontare una visione diversa dell’evento. Il soggetto che detiene le immagini può imporre la sua idea del racconto, venendo meno al diritto degli altri telegiornalisti di evidenziare particolari rilevanti all’interno della partita che, magari, non combaciano necessariamente con le direttive Lega.

 

Ricordate quello che successe nei minuti conclusivi dell’incontro tra Lecce e Carpi, partita che decretò la retrocessione dei Salentini? Siamo sicuri che oggi, con le direttive vigenti, le stesse immagini sarebbero trasmesse? Ma soprattutto, in base a quale criterio un unico soggetto decide o meno cosa mostrare? Sono chiari i binari sui quali viaggia il calcio oggi. Come se non bastasse la trasformazione in atto degli stadi che, nell’arco di pochi anni, diventeranno teatri iper-video-sorvegliati.

 

“Dal punto di vista tecnico il tentativo che è stato fatto è quello di evitare di trasformare in eroi determinati ragazzi. Esiste un rischio emulazione, come è accaduto nel lancio delle pietre dai cavalcavia”.

 

Una logica inquietante e paradossale, specie se inquadrata nel contesto post-moderno in cui la violenza è visibile praticamente ovunque. Il razzismo, in quanto violenza, non è accettabile all’interno degli stadi. Non indugiare ulteriormente sull’infortunio di un giocatore o – Dio volesse – sulle wags dei calciatori sarebbe cosa buona e giusta. Imporre una ripresa unica, però, equivale ad imporre un pensiero unico. Roba da Orwell, insomma. Quasi non ci sorprende più.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Recensioni
Alberto Fabbri
26 Novembre

ILVA Football Club

Ai piedi degli altiforni il pallone è un inno alla vita.
Calcio
Alberto Girardello
31 Marzo

La rivoluzione dei bravi ragazzi

Come l'eccezione della normalità sta conquistando il calcio italiano.
Recensioni
Luigi Fattore
23 Luglio

La fine del calcio italiano

Il giornalista del Sole 24 Ore analizza con precisione chirurgica gli ultimi trent'anni del calcio nostrano, segnato da ogni tipo di scandalo, partendo dallo scempio di Italia '90 fino ad arrivare all'esclusione di Russia 2018. Contrasti recensisce l'ultima fatica di Bellinazzo.
Ritratti
Marco Armocida
17 Marzo

Giovanni Trapattoni, il contadino che conquistò il mondo

Compie 82 anni l'allenatore italiano più vincente di sempre.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Calcio
Lorenzo Santucci
3 Luglio

San Francesco

29 giugno 2000.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Altri Sport
Cristian Lovisetto
26 Marzo

Cosa ci rimane del 6 Nazioni

Sono state settimane di rugby appassionanti. E' ora di tirare le somme.
Interviste
La Redazione
17 Aprile

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Storie
Diego Mariottini
17 Settembre

Chiedi chi era Angelo Schiavio

Il più grande cannoniere del Bologna, l’uomo della Provvidenza in azzurro.
Tifosi
Alberto Fabbri
3 Luglio

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Recensioni
Alberto Fabbri
7 Agosto

Il presidente del Borgorosso Football Club

Una commedia semplice, spontanea ed ingenua come l'animo del tifoso, eppure tremendamente attuale. 
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Maggio

I Furiosi

Nanni Balestrini ha composto il primo ed inimitabile poema sugli ultras italiani.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Altro
Leonardo Aresi
12 Febbraio

Disavventure italiane

L'Italrugby continua a navigare in acque agitate nel mare del Sei Nazioni, in attesa che il nuovo comandante aggiusti la rotta.
Papelitos
Guy Chiappaventi
12 Febbraio

Sebino Nela, il mio miglior nemico

Il pensiero di un laziale nei confronti di un avversario, detestato ma rispettato, nella sua ora più difficile.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Storie
Alberto Fabbri
25 Aprile

Paradiso-inferno, andata e risorto

La drammatica vicenda di Mario Pagotto, dai campi della massima serie ai lager, morto e risorto.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Calcio
Daniele Dell'Orco
24 Gennaio

De Laurentiis, il silenzio è d’oro

Le scintille tra Aurelio De Laurentiis e Maurizio Stirpe hanno messo a nudo tutta l'ipocrisia del patron napoletano.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Tifosi
Domenico Rocca
15 Settembre

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Calcio
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Ritratti
Matteo Mancin
8 Marzo

Bruno Pizzul, un’icona nazionale

Uno dei più grandi artigiani della parola sportiva.
Calcio
Annibale Gagliani
20 Novembre

La migliore Nazionale di tutti i tempi

Abbiamo provato a selezionare l'XI azzurro più forte di sempre.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Tifosi
Alberto Fabbri
10 Giugno

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Tifosi
Alessandro Imperiali
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Calcio
Alberto Maresca
5 Dicembre

Ali Adnan e l’Iraq

Storia di un figlio d'Oriente.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Ritratti
Nicola Ventura
12 Gennaio

Carlo Pedersoli

Da olimpionico a leggenda del cinema popolare.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.