Carrello vuoto
Ritratti
15 Novembre

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Giacomo Amorati

10 articoli
Con il sangue di Arminio nelle vene.

In una roboante off-season, segnata da numerosi scambi tra franchigie a dir poco surreali, che hannpo proiettato ancora una volta sulla lega NBA luci non proprio edificanti, c’è chi da inguaribile romantico crede ancora negli uomini di sport che preferiscono essere una bandiera eterna ai confini dell’Impero piuttosto che rappresentare la figura del plebeo nell’Urbe che ambisce alla gloria passeggera e fugace dei famosi “5 minuti di gloria”.

Alto, biondo, dinoccolato e con movenze da ballerino: Dirk Nowitzki sembra un eroe delle tribù germaniche che si scagliarono contro i romanici invasori. Nelle sue vene scorre il sangue di Arminio, e infatti una Teutoburgo sportiva lo ha reso immortale. Un nome ed un volto più tedesco del suo sarebbero difficili da immaginare, quasi una caricatura alla Bonvi, stereotipo totale del uomo germanico.

La ribellione di Arminio e il suo popolo

Arriva nella NBA nel lontano 1998, approda a Dallas frutto di una trade sciagurata, a detta degli esperti forse la peggiore di sempre, da subito si intravede la grandissima classe e tecnica di questo armadio a due ante. Nowitzki deve solo essere sgrezzato, e come marmo nelle mani di Michelangelo, condotto allo splendore. Il suo demiurgo è Geschwindner che lo svezza cestisticamente ed umanamente, capendo di cosa ha bisogno il ragazzo prodigio: non solo tecnica ma anche pathos. Qui la grande intuizione di Geschwindner: creare un giocatore atipico per il tempo, un lungo tiratore, che non attacchi il ferro ma che ferisca dal medio e lungo raggio.

Maestro ed allievo lavorano molto sull’equilibrio, sul tiro, sul rilascio anticipato del pallone, la posizione delle braccia sopra la testa, altissime ed imprendibili, il piede perno che si flette sotto il corpo intento a creare una parabola molto curva e l’altra gamba volante a protezione del corpo.

Questa tecnica di tiro sarà la base di tutti i successi di Dirk Nowitzki. L’inizio in NBA naturalmente non puo’ essere facile, sia perché Dallas non ha mai una squadra competitiva sia perché lo stesso Dirk ha difficoltà ad usare il suo fisico in NBA e la pressione generata dall’essere il numero 9 della scelta del draft. Il suo primo allenatore è il leggendario Don Nelson, che da subito ne comprende il potenziale pur faticando nel sfruttarlo a pieno, anche perché Dirk è assai carente dal punto di vista difensivo.

Tutto cambia con l’arrivo del nuovo presidente, Mark Cuban. Tifoso sfegatato dei Mavs (quasi un personaggio nello stile di Anconetani), Cuban proietta la franchigia nel nuovo millennio con investimenti importanti creando un ambiente perfetto per alimentare la voglia di vincere. Nowitzki è stato il maggiore beneficiario della sua venuta. Il tedesco migliora sensibilmente e nel giro di 5 anni trascina i Mavs alla prima finale NBA della loro storia.

Wunder Dirk è il deus ex machina dei cowboys texani ma proprio quando la strada sembra spianata sul 2-0 nelle prime Finals contro i Miami Heat del 2006, il gigante tedesco è in affanno. Non riesce a giocare bene ed il pallone non entra, i suoi compagni privati della sua luce e della sua leadership si schiantano e consegnano un insperato anello agli Heat che ribaltano e chiudono la serie sul 4-2.

Sodalizio eterno

I Mavs accusano il colpo, lo stesso Nowitzki è frustrato ed abbattuto. Cio’ nononostante la stagione 2006-2007 coincide con una serie di record personali e di franchigia mai eguagliati prima. Vincono la stagione regolare con 67 vittorie e Dirk è nominato MVP della stagione regolare, primo ed unico europeo a riuscirci. Ma un’altra sconfitta frustrante è dietro l‘angolo: gli uomini di Cuban vengono sconfitti 4-2 dalla testa di serie numero 8; anche questo rappresenta un precedente nei Playoff.

La striscia negativa dei Mavs continua fino alle stagione 2010-2011. Per Nowitzki paradossalmente però sono stagioni preziose. Macinando record su record, è il primo europeo in tutte le voci statistiche. Manca la consacrazione definitiva, manca l’apogeo che puo’ consegnarlo alla storia. L’appuntamento si protrae fino alla stagione 2010-2011, per lappunto. In casa Mavs arrivano un nuovo centro, due vecchie glorie quali Kidd e Stojakovic, ed il piccolo, grande Terry.

Dallas parte agguerrita in vista dell’assalto al titolo. Wunder si infortuna a metà stagione e perde 9 partite.

Rientra in tempo per i Playoff, dove va incontro al suo destino. La banda texana elimina Portland, i Lakers campioni in carica ed Oklahoma in finale di conference. Nelle Finals ritrovano i Miami Heat con i “big three” James, Wade e Bosh in missione. Dallas si trova sotto 2-1 e Wunder con 39 di febbre, proprio come Jordan, non abbandona i suoi compagni ed è artefice del suo “Flu Game” che porta la serie sul 2-2. La contesa poi si chiuderà sul 4-2. Naturalmente è lui il migliore giocatore della serie finale, primo europeo, again. Un dato impressionante è il seguente, Nowizki segna 62 punti totale nei soli quarti periodi delle finali.

Dirk Nowitzki, inimitabile

Da lì in poi Dallas cede il passo e non riesce a confermarsi ad alti livelli. Si verificano molti cambi nel roster e non sempre forieri di successi. Solo Dirk Nowitzki resiste, riducendosi costantemente l’ingaggio fino al minimo salariale per poter permettere a Dallas un salary cap competitivo e sposando il progetto societario di “tanking” (ossia stagioni perdenti pianificate a tavolino per avere scelte migliori nel Draft). Perché se nelle tue vene scorre il sangue di Arminio, non esiste altro che la battaglia e il sacrificio per arrivare al successo e alla gloria eterna. Tutto questo non lo puoi comperare, al limite barattarlo per solo 194 milioni di dollari. I soldi a cui Dirk ha rinunciato per amore dei Mavs.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Ritratti
Emanuele Iorio
8 Febbraio 2022

Matthias Sammer, dalla Stasi al Pallone d’Oro

Una carriera e un giocatore incredibili.
Basket
Filippo Chili
20 Ottobre 2021

La NBA non è (più) un campionato per playmaker

Basket americano ed europeo, tanto diversi quanto complementari.
Estero
Eduardo Accorroni
13 Ottobre 2021

Türkgücü München, preservare le radici

Una squadra turca che gioca in Germania.
Tifo
Diego D'Avanzo
12 Ottobre 2021

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Ritratti
Francesca Lezzi
28 Agosto 2021

Tim Duncan, The Big Fundamental

Quando la normalità è extra-ordinaria.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno 2021

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Ritratti
Diego Mariottini
4 Maggio 2021

Bob Morse aveva l’Italia dentro

Il biologo (e professore) più vincente della pallacanestro italiana.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre 2020

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Calcio
Gianluca Losito
7 Novembre 2020

Mario Götze in fuga da se stesso

Una carriera tra aspettative e ricerca di se stesso.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Basket
Matteo Viotto
31 Luglio 2020

NBA, l’ultimo classico di Walt Disney

Stanotte riparte lo spettacolo, nel cuore della fantasia.
Basket
Matteo Viotto
11 Giugno 2020

The Flu Game oltre Michael Jordan

Le sfumature oscurate dall'onnipotenza sportiva del 23.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Recensioni
Giacomo Orlandini
19 Maggio 2020

The Last Dance, confessioni dall’Olimpo del basket

Un'intensa ed inedita prospettiva sull'ultimo ballo dei Chicago Bulls di Michael Jordan e coach Phil Jackson.
Ritratti
Giovanni Poggi
30 Marzo 2020

L’impareggiabile Carlton Myers

L'uomo record della pallacanestro italiana.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Tifo
Alberto Fabbri
2 Marzo 2020

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Basket
Giovanni Poggi
25 Febbraio 2020

Tex Winter

Cervello rivoluzionario della pallacanestro.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Gennaio 2020

Quando il calcio oscura la morte, lo sport muore

Kobe Bryant è morto e la stampa sportiva italiana si vergogni.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Gennaio 2020

Mamba forever

L'amico che non hai mai incontrato.
Ritratti
Giovanni Poggi
18 Gennaio 2020

Dino Meneghin

Un'epopea lunga quasi trent'anni.
Ritratti
Giovanni Poggi
9 Gennaio 2020

Dan Peterson

La favolosa palla a spicchi del Nano Ghiacciato.
Basket
Simone Galeotti
3 Gennaio 2020

In memoriam di David Stern

Un ricordo dello storico commissioner NBA, scomparso il 1 gennaio appena trascorso a 77 anni in seguito a un malore.
Basket
Alberto Fabbri
25 Dicembre 2019

L’eterno ritorno del derby di Bologna

La poltrona per due del basket italiano.
Basket
Simone Galeotti
25 Ottobre 2019

La Bosnia e il Basket. Il massacro di Srebrenica

Dove ogni cosa è appesa a un filo.
Altri Sport
Alberto Fabbri
4 Ottobre 2019

Bentornata Fortitudo

Il ritorno in A della Fortitudo non poteva passare inosservato
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Calcio
Mattia Curmà
10 Luglio 2019

Il Bayern Monaco non può restare conservatore

La globalizzazione pallonara ha messo a dura prova l'autarchico modello bavarese, costretto a snaturarsi per competere in un mercato da cifre folli.
Basket
Matteo Fontana
9 Aprile 2019

Sono tornate le V nere

L’accesso della Virtus Bologna alle Final Four di Champions sancisce il ritorno della magia bianconera.
Basket
Matteo Fontana
2 Aprile 2019

Davide Moretti: nel nome del padre

L'America della palla a spicchi ha perso la testa per un giovane italiano.
Basket
Matteo Fontana
11 Marzo 2019

In memoriam di Alberto Bucci

Se n'è andato un grande maestro di pallacanestro.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio 2019

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Basket
Maurizio Fierro
21 Novembre 2018

La leggenda dei Rens

Vivere e giocare ad Harlem.
Storie
Maurizio Fierro
12 Novembre 2018

Schmeling contro Bonaglia

Quando la dittatura sfidò la democrazia.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Ritratti
Simone Galeotti
23 Ottobre 2018

Nikos Galīs

Il prescelto.
Ritratti
Luca Pulsoni
25 Settembre 2018

Dejan Bodiroga

L'ultimo romantico della palla a spicchi.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto 2018

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.