Papelitos
03 Settembre 2019

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.

Finalmente è terminata l’agonia del mercato, cosa che in un Paese normale sarebbe dovuta accadere già prima dell’inizio del campionato, come in Inghilterra. Invece siamo andati avanti per altre due settimane con squadre incomplete, trasferimenti in sospeso, colpi dell’ultim’ora in entrata e in uscita: il calciomercato è diventato un mostro che ci ha schiavizzato tutti in un modo o nell’altro, nevrotici come siamo sui siti di news a cercare gli aggiornamenti delle trattative delle nostre squadre. Il tutto mentre la Serie A aveva già preso il via, e in linea di principio due giornate con il mercato aperto potrebbero anche incidere pesantemente sulla classifica finale.

 

D’altronde in Italia la politica del gambero, o almeno quella di chi fa un passo avanti e due indietro, è un po’ un vizio storico. Ecco allora che la stagione passata si erano adottati due accorgimenti che venissero incontro alle esigenze dei tifosi, o quantomeno che arginassero lo strapotere di tutto un “sistema”: la chiusura del mercato anticipata a metà agosto e l’introduzione del Boxing day. Quest’anno, ovviamente, sono state abolite entrambe.

 

Il Boxing day non si sa bene per quale motivo (anche se lo si potrà immaginare dalle storie instagram dei calciatori sul finire di Dicembre), lo slittamento del calciomercato invece per “adeguarci alle altre federazioni” – solo quelle europee però, fosse mai che in Inghilterra siano troppi seri. L’accordo è necessariamente sempre verso il basso, per la peggiore delle ipotesi: le nostre mamme ci avvertivano fin da piccoli, quando ci lamentavamo di avere qualcosa in meno degli altri: “e se gli altri si buttano dal ponte, tu che fai?”, beh, a quanto pare ci buttiamo pure noi.

 

Così anche quest’anno, tra Natale e Capodanno, torneremo a morire di noia

 

Comunque adesso è acqua passata, finalmente ci diamo un taglio con Gianluca Di Marzio, quel traffichino da prima repubblica con quaranta telefoni, con “la squadra mercato”, con questi giovinetti figli unici, derisi sfruttati e malpagati, eterni precari, costretti ad andare nelle sedi di mercato a pedinare il DS del Brescia o del Parma. Quella del calciomercato è diventata una telenovela folle, mandata avanti da noi e dal nostro desiderio bulimico di sapere sempre tutto: forse è anche l’ultima forma di sogno rimasta, d’altronde prima che la nostra squadra inizi a fare schifo in campionato durante il mercato possiamo almeno sognare. Il calcio estivo è bello proprio per questo, perché irreale, perché ad Agosto si possono passare ore in spiaggia con la Gazzetta a parlare di pallone, senza l’amara smentita della realtà.

 

Chiudiamo in ogni caso con un auspicio: dall’anno prossimo, riconquistiamo almeno questo traguardo di civiltà e riportiamo la chiusura del mercato a metà Agosto. Vedrete ne beneficeremo tutti, anche noi nevrotici, sognatori a ribasso, maniaci di fantacalcio. Non è questo il calcio che ci dovrebbe appassionare, fatto di interviste a procuratori, sedi del mercato, indiscrezioni, conferme e smentite. Terminiamo quest’agonia prima che si inizi con il calcio giocato, e già che siamo mandiamo in disocuppazione tutti quei personaggetti in cerca di gloria con le “raffiche”, abituati ormai a modalità di stalking da codice penale.

 

 

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Federico Brasile

72 articoli
Perché guarderemo il Mondiale in Qatar
Editoriali
Federico Brasile
20 Novembre 2022

Perché guarderemo il Mondiale in Qatar

Peggio del Qatar c'è solo l'ipocrisia sul Qatar.
L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)
Papelitos
Federico Brasile
01 Novembre 2022

L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)

La richiesta ufficiale per Qatar 2022.
Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse
Papelitos
Federico Brasile
07 Settembre 2022

Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse

La compassione, per uno come Sinisa, sarebbe l'affronto peggiore.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Maledetto campionato
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre 2016

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Quando il gioco si fa duro
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio 2017

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Ma quale traditore…
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Avete rovinato lo sport più bello del mondo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Agosto 2022

Avete rovinato lo sport più bello del mondo

Questo qui non è calcio.
Sarri 3 Inzaghi 1
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto 2022

Sarri 3 Inzaghi 1

Anche tra gli allenatori esistono le categorie.