Papelitos
21 Novembre 2022

Novak Djokovic è il vero numero uno

Torino sancisce le gerarchie, e la giusta chiusura dell'anno.

Il Master di fine anno (noi romantici suole chiarlo così) se lo aggiudica, come ovvio che sia, Novak Djokovic. Cinque vittorie su cinque, con l’ultimo atto, messo in scena contro il generosissimo seppur improponibile (al suo cospetto) Casper Ruud, affrontato e vinto senza colpo ferire, relegato a mera comparsa, a inerme fantasma. Affrontato e vinto con il piglio del più forte, del numero uno, che con il trionfo di ieri sera, il sesto alle Finals, eguaglia il record di Roger Federer. Ma come, si solleveranno indignati gli statistici progressisti, non è Carlos Alcaraz il numero uno? Già, numero uno e Carlos Alcaraz, che in un triste futuro lontano potrebbero pure starci nella stessa frase ma che ora, quest’anno, adesso, è solo la registrazione ottusa dei matematici, la storia di mille, farseschi, riassunti.

In una stagione che, fino alla vigilia dell’atto finale in quel di Torino, poteva veder occupata questa posizione (la numero uno) financo dallo stesso Casper Ruud oltre che da Rafa Nadal, sempre sul punto di morire e lasciarci orfani del suo tennis e sempre puntualmente pronto a rialzarsi e camminare. In una stagione che ha visto soprattutto il più forte, poiché Novak Djokovic è il più forte, impossibilitato a partecipare a due Slam (Australian e U.S. Open) e quattro Master 1000 per uno sproporzionato giustizialismo sanitario. Non si vuol fare in queste righe l’apologia sulla scelta di vaccinarsi o meno, poiché qui c’è in ballo qualcosa di difficilmente comprensibile a molti, la libertà di scelta.

Libertà di scelta che Novak ha portato avanti sino all’ultimo, e che ha scatenato la ferocia e la rabbia che i media (senza virtù) gli hanno scagliato contro sin dagli albori australiani; libertà di scelta che ha fatto a pugni con l’ipocrisia inclusiva a stelle e strisce, la quale permette ai non vaccinati di giocare a tennis ma vieta ai non vaccinati di varcare il confine; libertà di scelta ancora che si è scontrata contro la pavidità e retorica dei colleghi e avversari – se togliamo Nick Kyrgios che di questo tennis, forse, non ha mai fatto parte.



E inerme al cospetto di (tutti) questi avversari, Novak, si è visto costretto a disertare due Slam che avrebbe potuto tranquillamente aggiudicarsi – soprattutto quello australiano, che aveva vinto otto volte nel decennio 2011-2021. Come si è altresì visto costretto a rinunciare ai punti in classifica, 2000, che gli sarebbero spettati con la vittoria di Wimbledon, il tutto per la dichiarazione di guerra sportiva dell’Inghilterra alla Russia, che ha portato da un lato a un torneo senza russi e bielorussi, dall’altro al più grande Major del mondo “squalificato” dall’ATP e dunque senza punti in palio.

Speriamo di essercelo lasciato alle spalle, allora, questo moralismo isterico applicato ai campi da tennis.

D’altronde, la televisione ha detto che il nuovo anno porterà una trasformazione: Nole potrà partecipare agli Australian Open e poi probabilmente varcare il confine statunitense. Spiace per i moralisti nostrani, mai interessatasi al tennis come quest’anno, che già s’intossicano di bile; e anche per tutti coloro che parlano della riammissione australiana di Nole come di “uno schiaffo a chi si è vaccinato”. E spiace anche per Alcaraz e per l’ansia di sostituzione nel tennis, di nuovi fenomeni che detronizzino un re spedito in esilio. Un re tornato adesso al posto che gli compete, in classifica e nella storia. Che senza gli eroi che possono parteciparvi, è soltanto una barzelletta.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Elogio della racchetta spaccata
Altro
Cosimo Mongelli
14 Novembre 2022

Elogio della racchetta spaccata

Contro il logorio del tennis moderno.
Pavel Nedved, ubriaco e troppo umano
Papelitos
Cosimo Mongelli
30 Agosto 2022

Pavel Nedved, ubriaco e troppo umano

Meglio l'alcol e i balletti dei moralisti da social network.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!
Altri Sport
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Buona la prima, ma è solo l’inizio
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Match Point, o dell’essenza della vita
Recensioni
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Amare la prima settimana degli Slam
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
04 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Musetti al rovescio
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.