Carrello vuoto
Tennis
13 Settembre

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.

L’abbiamo sempre paragonato a un cyborg. Un esperimento vincente che, esclusa una piccola parentesi della sua straordinaria carriera, ha annichilito tutti prima che sul campo nella testa. È entrato dentro quella di tutti gli avversari del circuito e li ha fatti andare in tilt, dai campioni più celebrati ai giovani più promettenti. Ieri notte, invece, Djokovic è sembrato improvvisamente umano. Troppo umano, verrebbe da dire, per poter completare il Grande Slam, l’impresa a cui tutti guardavano, la chimera irraggiungibile del tennis. Sotto gli occhi attenti di Rod Laver, ultimo uomo a completarlo, Nole si è inceppato.

Le sue gambe da clonare si sono improvvisamente bloccate, incapaci di assistere i suoi colpi, poco agili nei movimenti di fondo campo, pigre nell’assecondare le variazioni in back sul rovescio. I capisaldi del suo gioco sono improvvisamente collassati: poco penetrante da fondo campo, spesso fuori giri nei ritmi forsennati imposti dal suo avversario. Da grande campione, Djokovic ha provato a reagire a modo suo, cambiando il piano tattico e mordendo la rete a ogni occasione, in un saggio di serve&volley quasi inedito per il serbo, che però l’ha mantenuto in scia. Ha provato a scaricare la tensione distruggendo racchette, arringando il pubblico, mettendo Medvedev con le spalle al muro davanti alla storia.

Ma questa volta i mind games non hanno funzionato. Troppo in palla il russo nell’arco di tutto il torneo, ingiocabile a tratti per chiunque, compreso ieri sera. Sicuro, glaciale, dominante da fondo campo nel terreno di conquista del serbo, Daniil ha comandato il match in modo così schiacciante che il 6-4 periodico è persino stretto al russo. Scomodando un paragone azzardato, ha ricordato da vicino l’impresa di un suo connazionale, istrionico come lui, quando sullo stesso cemento di Flashing Meadows Marat Safin lasciò solo le briciole a un annichilito Pete Sampras.



Solo un turno di battuta un po’ tormentato, non a caso quello per chiudere il match 6-2 dopo meno di due ore di gioco, ha aperto uno spiraglio nei sostenitori di Nole. Ha cambiato maglietta il serbo, volontariamente di un colore diverso, quasi a ricordare a Medvedev che la partita non sarebbe finita lì, ed effettivamente non lo è stata. Un break viziato dalla tensione, con un Championship point buttato al vento e poi un break viziato da tre doppi falli consecutivi spinti dall’indecenza yankee. Il pubblico, palesemente schierato con Nole, più che per tifo probabilmente perché nell’ignoranza dell’Arthur Ashe si voleva semplicemente assistere alla storia, ha iniziato a fischiare e rendere insostenibili i turni di servizio di Medvedev, nonostante gli inutili richiami del giudice di sedia.

Tuttavia, all’ultimo cambio campo, prima della seconda opportunità per chiudere il match, tutto è sembrato chiaro e inevitabile. Il 20 volte campione slam si è commosso. Non ha saputo gestire il terremoto di emozioni mosso dentro dal pubblico di New York: al di là dell’indisciplina e della maleducazione, mai nessuno aveva dimostrato tale affetto per Nole. Il serbo ha pianto al cambio campo e si stava ancora asciugando le lacrime quando è andato a rispondere in attesa delle bordate del russo, campione ormai incoronato degli U.S. Open. Djokovic aveva scacciato la storia per tutto il torneo, evitando di alimentare le aspettative in conferenza stampa, smarcando sempre le domande aventi oggetto quel graal, ‘Grand Slam’, che evidentemente rappresentavano più di un semplice sogno.

«Giocherò come fosse l’ultimo match della carriera» aveva detto Nole alla vigilia, lasciando per una volta intendere la portata stratosferica dell’incontro. La storia si è fatta, ma per ricordarci che siamo tutti terribilmente umani. Il contentino di Medvedev: «Non l’ho mai detto a nessuno, ma per me tu sei il più grande di sempre» è una magra consolazione, ma con i Roger e Rafa incerottati e reduci da operazioni a ginocchia e piedi, il ventunesimo slam è dietro l’angolo e la storia si farà, in un modo o nell’altro. Chissà se avrà ancora la possibilità di completare un Grande Slam, Novak Djokovic, non dovesse riuscirci sapremmo definitivamente che non è un’impresa da umani, ma da replicanti. Un tabù che nemmeno il più automa dei campioni è riuscito a sfatare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Andrea Antonioli
18 Gennaio

Djoko al massacro

Ammazzare il serbo e vivere felici.
Tennis
Jacopo Natali
28 Gennaio

Play it again, Roger!

Il primo Slam per Wozniacki, il ventesimo per il Re. Sotto un caldo estenuante si sono riscritti non solo i record ma anche la storia di questo torneo.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Jacopo Natali
22 Gennaio

Una settimana a Melbourne

Sette giorni di fuoco all'Australian Open, con molte esclusioni eccellenti.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Federico Brasile
6 Settembre

La maleducazione regna a New York

Quello degli Us Open è un pubblico di bifolchi, maleducati e ignoranti.
Altri Sport
Remo Borgatti
22 Maggio

Il futuro è già qui

A Roma è nata una stella: Alexander Zverev, classe 1997, che ha vinto gli Internazionali d'Italia 2017 distruggendo Novak Djokovic.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Altri Sport
Michele Alinovi
4 Aprile

Rivivere ancora i “Momenti Federer”

Dodici anni fa David Foster Wallace definiva così le magiche prodezze del Re svizzero. Nel 2017 mister 18 Slam è tornato, vincendo i primi tre più importanti tornei della stagione e sconfiggendo la sua nemesi di sempre, Rafael Nadal.
Altri Sport
Luca Capponi
11 Settembre

The Australian Job

Ritratto breve di Kyrgios, un mammone a cui piaceva il basket.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Altri Sport
Remo Borgatti
1 Giugno

Il signore del Roland Garros

Con 74 vittorie e due sole sconfitte, Rafael Nadal, il più grande di sempre sulla terra rossa, è alla ricerca del decimo titolo parigino.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre

Berrettini, un Re nel Queens

Matteo Berrettini approda alle semifinali degli US Open di tennis e ora ci autorizza a sognare.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Altri Sport
Remo Borgatti
22 Novembre

Il gioiello della Corona

Più forte di ogni avversità, Andy Murray conquista le Atp Finals e resta numero uno del mondo. A farne le spese un Novak Djokovic troppo altalenante
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Tennis
Michele Alinovi
19 Febbraio

Numero uno

Siamo cresciuti nell'epoca di Roger Federer, il più grande di tutti i tempi.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Federico Brasile
4 Gennaio

La legge di Novak

La trattativa Stato-Nole si chiude con la vittoria del serbo.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Maggio

Occidentali’s karma

Da predatore a preda: la parabola sportiva e spirituale di Novak Djokovic.
Altri Sport
Francesco Albizzati
2 Marzo

Prima che la terra ci divori

La preview dei grandi Master 1000 sul cemento americano: i profili dei protagonisti e dei possibili outsider fra attese, delusioni e prospettive future.
Altri Sport
Remo Borgatti
8 Marzo

E’ tornato lo Zio Sam

La caccia ai giganti di Sam Querrey è a dir poco appassionante. L'ultima battuta si è svolta in terra messicana.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altri Sport
Micael Caviglia
10 Luglio

Incursione a Wimbledon

Quello che c'è da sapere sulla prima settimana di gioco all'England Club.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Ritratti
Samantha Casella
28 Novembre

Nicola Pietrangeli

Un re italiano a Parigi.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Altri Sport
Davide Truglio
9 Novembre

ATP Finals di Londra: una guida

Murray, Djokovic, Wawrinka, Raonic, Nishikori, Cilic, Monfils e Thiem: sono loro i tennisti qualificati alle ATP World Tour Finals di Londra, l'ultimo torneo della stagione. Il risultato è tutt'altro che scontato.
Ritratti
Samantha Casella
21 Febbraio

Thomas Muster

L'Ercole moderno del tennis, che dopo un tragico incidente è riuscito a diventare n. 1 del mondo e a vincere il Roland Garros.
Tennis
Andrea Antonioli
15 Luglio

Solo Dio è con Djokovic

Il tennis come la vita è crudele, e a Wimbledon Novak Djokovic ha negato il lieto fine a Roger Federer.
Tennis
Andrea Catalano
25 Gennaio

Andy Roddick, il cannoniere gentile

Un atleta che ha fatto bene al tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Altri Sport
Francesco Albizzati
2 Febbraio

Il ritorno del Re

La finale degli Australian Open 2017 fra re Roger e Rafa, il "fante di picche"
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.