Tennis
26 Ottobre 2022

Molte maschere sono cadute

Parola di Novak Djokovic.

In attesa di conoscere il suo destino sportivo, e di sapere se potrà partecipare o meno agli Australian Open 2023, una questione che i suoi avvocati stanno gestendo con il governo australiano – «ci sono alcuni segnali positivi, ma non ufficialmente, spero di avere una risposta, qualunque essa sia, nelle prossime settimane» – Novak Djokovic è tornato a parlare dell’ultimo periodo in un’intervista esclusiva al portale serbo Sportal:

«Quello che è successo a inizio anno ha lasciato un segno nella mia psiche. Per le scelte che ho fatto, sapevo che ci sarebbero state delle conseguenze come non andare in America. Per l’Australia è stato un caso diverso, ma non ci torniamo. Rispetto il fatto che ognuno abbia le sue opinioni circa la mia situazione, ma non ho mai offeso nessuno o cercato di mancare di rispetto in alcun modo. Ho sempre cercato di dimostrare che è importante che tutti abbiano il diritto e la libertà di scelta».

Quindi il bilancio dell’ultimo anno, amaro ma lucido: «Descriverei il 2022 come molto interessante. Insolito. Tutto ciò che è successo in Australia e dopo – il modo in cui le persone mi hanno trattato, che non mi ha fatto stare bene ed è qualcosa che non avevo mai sperimentato prima – mi ha aiutato a imparare alcune lezioni preziose facendomi capire in che tipo di mondo vivo, a partire da quello del tennis.

Molte maschere sono cadute, diciamo così, ed è stato interessante osservare il modo in cui alcune persone si sono comportate».

Una consapevolezza che parte e si concentra sul suo mondo, quello del tennis, ma che ha un respiro assai più ampio. E che richiama la facilità con cui tante, troppe persone siano scivolate in una discriminazione spintasi fino alle più pesanti e feroci offese personali, all’autentica criminalizzazione dell’altro. Oggi il tutto pare essere superato, condonato, un lontano ricordo per quanto sia vicinissimo. Eppure, malgrado sia taciuta con un po’ di malcelato imbarazzo, la vicenda e soprattutto i toni della vicenda hanno lasciato segni e strascichi profondi: anche nella psiche, apparentemente così solida, del più forte tennista del pianeta.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

74 articoli
Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode
Calcio
La Redazione
18 Novembre 2022

Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode

Prosegue il circo occidentale sul mondiale qatariota.
Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)
Altro
La Redazione
10 Novembre 2022

Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)

Tutta l'ipocrisia di Guardiola sul Qatar.
Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti
Tifo
La Redazione
27 Ottobre 2022

Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti

La Curva Sud Siberiano ha comunicato che non partirà alla volta di Roma.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il totalitarismo di Novak Djokovic
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Giugno 2021

Il totalitarismo di Novak Djokovic

Nole contro tutti.
Djokovic è umano, dopo tutto
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Novak Djokovic è il vero numero uno
Papelitos
Cosimo Mongelli
21 Novembre 2022

Novak Djokovic è il vero numero uno

Torino sancisce le gerarchie, e la giusta chiusura dell'anno.
Il futuro è già qui
Altri Sport
Remo Borgatti
22 Maggio 2017

Il futuro è già qui

A Roma è nata una stella: Alexander Zverev, classe 1997, che ha vinto gli Internazionali d'Italia 2017 distruggendo Novak Djokovic.
Solo Dio è con Djokovic
Altri Sport
Andrea Antonioli
15 Luglio 2019

Solo Dio è con Djokovic

Il tennis come la vita è crudele, e a Wimbledon Novak Djokovic ha negato il lieto fine a Roger Federer.