Papelitos
12 Giugno 2021

Ma quale traditore...

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.

Nei giorni del pre-Europeo, in Italia e nel Vecchio Continente si è infiammato il tema sul futuro di Donnarumma lontano da Milano e dal “suo” Milan, già scritto al PSG a quanto pare. Si è innescata la macchina delle opinioni, giornalistiche e social-network. Gli articoli e i post a tema Gigio sono i più commentati e dibattuti, come al solito quando nel calciomercato moderno avviene una cessione illustre. Esplode il dissenso social, e anche tra i non milanisti uno slogan mette praticamente tutti d’accordo:

“traditore, mercenario, venduto”.

Ma la domanda sorge spontanea: perché, nel 2021, è ancora così presente l’accusa di tradimento? Sembrerebbe una reazione giusta da parte di tifosi e (parte della) stampa, ma la questione è più complessa. Vedere il difetto, il tradimento, è un tipico atteggiamento italiano descritto benissimo da Paolo Villaggio in Fantozzi.



L’indignazione verso il mercenario era già vecchia quando il fenomeno italiano era Balotelli, figuriamoci oggi. Lo sport vive in un contesto dove comanda il mercato. Punto. In più ci si aggiungono altre distorsioni come la mania accelerazionista della ricerca famelica del nuovo fenomeno da buttare in prima pagina e strapagare, nuovi idoli dal talento puro, seguiti dalle masse di follower, in grado di accendere gli animi dei tifosi dai quali vengono poi strappati a colpi di offerte di mercato e commissioni milionarie per gli agenti. Come possiamo parlare con tono indignato di mercenarismo, nel 2021, in questo mondo, quello che premia chi si offre al miglior offerente senza alcuna etica intellettuale prima che sportiva o identitaria? Il senso di appartenenza non lo ha ucciso di certo Donnarumma, muore ogni giorno attorno ad ognuno di noi. Tutto in nome del salvifico “professionismo“. E non serve a niente dire che non ci sono più i Maldini, i Del Piero, i Totti, o che le bandiere appartengono al passato.

Oltre a ripetere il già detto, basterebbe guardarsi attorno per evitare di gridare allo scandalo, di sbraitare a casaccio la smontatura di un idolo solo perché si comporta esattamente come viene proposto dai modelli sociali dominanti. In questo nostro mondo in cui le relazioni sociali, i rapporti di forza, i legami anche più intimi tra le persone, sono esclusivamente una questione di carattere economico dominati dal Dio denaro, si respira aria di materialismo dalla mattina alla sera, le canzoni – dal cosiddetto Rock’n Roll alla Maneskin al nuovo hip-hop della trap – non parlano d’altro che di liberazioni dalle costrizioni morali e adorazione del lusso comprato dai soldi. In questo mondo, in questo contesto, ci indigniamo? Qui non si tratta di cedere alle tentazioni, un ragazzo nato del ’99 che sceglie in base al denaro offerto non fa altro che vivere il modello di vita proposto, ovunque. È una questione culturale. Indignarsi è il sintomo del problema, non la sua soluzione.

Che ci si aspetta, che il Donnarumma di turno faccia la rivoluzione? Per favore. Come scritto ne “Il Dio che non c’è“, viviamo in una nullificante banalità del quotidiano, consumatori spasmodici di uno sport ridotto a numeri, statistiche, prestazioni fisiche. Tra società dello spettacolo e dell’edonismo, l’unica cosa che conta è il potere dell’esibizione che è dato dal potere dei soldi. Il resto sono chiacchiere romantiche. Perché dimenticarsene e ricordarsene a comando, giusto per sentirsi in pace con la propria (ormai risibile) sensibilità? Di nuovo basterebbe guardarsi attorno perché, come dice il filosofo Galimberti, finché tutti non rinunceremo a qualcosa di utile per qualcosa di giusto, non cambierà niente.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Giacomo Cunial

45 articoli
Meglio 100 anni di Mattarella che 35 di Vettel
Altri Sport
Giacomo Cunial
13 Settembre 2022

Meglio 100 anni di Mattarella che 35 di Vettel

Ci mancava solo la polemica contro le Frecce Tricolori.
È John Elkann il problema della Ferrari
Editoriali
Giacomo Cunial
29 Agosto 2022

È John Elkann il problema della Ferrari

Ridateci Montezemolo e gli uomini di pista.
La retorica Ferrari produce solo tifosi
Motori
Giacomo Cunial
04 Agosto 2022

La retorica Ferrari produce solo tifosi

La pista, la piazza e la narrazione.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

David Beckham, il professionista
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Occhi lucidi
Papelitos
Gianluca Palamidessi
07 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Essere un procuratore
Calcio
Gezim Qadraku
24 Febbraio 2018

Essere un procuratore

Intervista a Marco Chiofalo, giovane procuratore calcistico.
Lukaku al Chelsea è già Superlega
Calcio
Marco Armocida
08 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ci mancava solo la Conference League
Calcio
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.