Carrello vuoto
Papelitos
23 Giugno

Dove finisce il club e inizia la Nazione

La morte della nazionale.

Una caratteristica eminente, una peculiarità romanzesca, che contraddistingue il mondiale da ogni altra competizione per club, è quella dell’appartenenza di sangue alla propria terra. Ma l’epoca del relativismo imperante, unico vero criterio subjecti, non ha risparmiato nemmeno il sacro e da noi amatissimo sport del calcio. Se è il soggetto a decidere la propria nazione, la Nazione non esiste.

 

Così, è capitato che da Serbia-Svizzera di ieri sera, finita 1-2 per gli elvetici, si sia levato insieme con la pioggia sferzante di Madre Russia un grido disperato, ma inetto e squallido allo stesso tempo, il grido di Granit Xhaka e Xherdan Shaqiri (vi basterebbero i nomi per capire dov’è il problema che vorremmo sollevare). Il grido di due ragazzi albanesi che agli atti (così è stato deciso) è il grido di due svizzeri. Che cosa significa, alla luce del fatto che i due vestono la maglia crociata, quell’esultanza così polemica e, proprio perché volutamente polemica, poco coraggiosa, codarda e nascosta? E intanto la Serbia ha presentato ricorso.

 

L’esultanza di Shaqiri per il gol del vantaggio (foto Clive Rose/Getty Images)

 

Non significa nulla, se rimaniamo sul piano politico (nulla nel senso che alla fine era solo un’esultanza), moltissimo se dal fatto in sé ne ricaviamo un significato più ampio, quello riguardante l’ormai diffusa e incontrollata libertà, da parte dei calciatori, di scegliere per quale nazione giocare. Un discorso assurdo, che non riguarda i soli casi di Xhaka (il cui fratello, peraltro, gioca per l’Albania) e Shaqiri, ma coinvolge molti calciatori anche più rinomati, attualmente in corsa per il mondiale. Su tutti Boateng (il Boateng della Germania), Ozil e Gundogan, di cui abbiamo già raccontato i trascorsi poco chiari col presidentissimo Erdogan. E ancora, Diego Costa. Lo stesso Keita Balde, spagnolo, gioca per il Senegal.

 

Cambio emblematico: fuori Diego Costa, brasiliano, dentro Rodrigo, brasiliano (foto Richard Heathcote/Getty Images)

 

Guardando fuori dal mondiale, guardando in casa nostra, sono celebri i casi di Eder e Jorginho, brasiliani prestati alla causa della nostra nazionale (non chiamatela nazione, però). L’obiettivo di queste poche righe non è quello di stabilire un criterio di cittadinanza (ahinoi!) valido anche per le nazionali di calcio, ma è sollevare la questione sul marcio fondamento che fa da perno all’intera struttura del discorso: dov’è finito il limite tra club e nazionale? Dove riconosco la nazione se gli stessi giocatori che la rappresentano scelgono di giocarci, come farebbero per un qualunque altro club?

 

Non è difficile immaginare, in una situazione di questo tipo, situazione che andrà peggiorando sempre più, la simpatia che squadre come l’Islanda, l’Uruguay, il Perù, l’Iran e la Croazia possono suscitare nei nostri animi, nazionali ancora legate ad un forte attaccamento patriottico, riconoscibili dal modo di giocare, nel bene e nel male, riconoscibili nella passione NON dei propri tifosi ma della propria gente!

 

Com’è ovvio, l’episodio di Xhaka e Shaqiri è da questo punto di vista quanto di peggio possa accadere in un contesto simile. I due, infatti, non solo non dovrebbero giocare per la Svizzera, ma, una volta inseriti nel contesto elvetico, non mancano di sottolineare, alla prima occasione utile, la loro vera provenienza. Per chi non lo sapesse, le due mani incrociate rimandano al simbolo delle due aquile incrociate presenti sulla bandiera albanese. Svizzero? No, Kosovo.

 


Foto di copertina: Clive Rose/Getty Images

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Tennis
Andrea Antonioli
18 Gennaio 2022

Djoko al massacro

Ammazzare il serbo e vivere felici.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Lorenzo Serafinelli
26 Luglio 2021

La squadra di Arkan

E non era la Stella Rossa.
Estero
Alberto Maresca
16 Luglio 2021

Viaggio calcistico nel Messico mitologico

Siamo stati a Città del Messico tra calcio, vita e morte.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Editoriali
Andrea Antonioli
24 Giugno 2021

Che stanchezza il calcio arcobaleno

Kneeling, rainbows and conformism.
Tifo
Antonio Torrisi
31 Maggio 2021

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio 2021

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Italia
Raffaele Scarpellini
8 Aprile 2021

Mundialgate, le ombre dell’Italia ’82

Fu vera gloria?
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo 2021

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Storie
Pablo Malevic
20 Gennaio 2021

Garrincha viveva per il dribbling

Abbasso la scienza, viva la fantasia!
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio 2021

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Calcio
Marco Gambaudo
12 Dicembre 2020

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Ritratti
Massimiliano Vino
3 Dicembre 2020

Quel meticcio di Luciano Vassallo

La condanna senza patria del miglior calciatore etiope.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre 2020

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Storie
Matteo Picconi
27 Ottobre 2020

La squadra di Ceausescu

Il Viitorul Scornicesti per capire il regime rumeno.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre 2020

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Storie
Massimiliano Vino
10 Settembre 2020

Argentina ’78 segnata dalla loggia P2

Quando la massoneria scese letteralmente in campo.
Tifo
Alberto Fabbri
18 Agosto 2020

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Tennis
Diego D'Avanzo
7 Agosto 2020

Leandro Arpinati: il dissidente creatore dello sport fascista

Anarchico, poi gerarca e ideatore dello sport in camicia nera. Infine fiero dissidente.
Storie
Roberto Puglisi
7 Luglio 2020

Schillaci era un ragazzo come noi

Gli occhi ridenti di Totò, le sere d'estate e i profumi dei gelsomini.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno 2020

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile 2020

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Tifo
Marco Gambaudo
14 Aprile 2020

Kosovska Mitrovica è la Berlino dei Balcani

In Kosovo nemmeno lo sport riesce ad unire, soprattutto a Kosovska Mitrovica.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile 2020

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Marzo 2020

Il ricordo di un’estate italiana

Dopo il Mondiale delle Notti Magiche l'Italia ed il calcio non sarebbero stati più gli stessi.
Ritratti
Matteo Mancin
8 Marzo 2020

Bruno Pizzul, un’icona nazionale

Uno dei più grandi artigiani della parola sportiva.
Calcio
Federico Brasile
23 Gennaio 2020

Il Mihajlovic politico

Non possiamo giudicare Sinisa Mihajlovic con le nostre categorie.
Calcio
Marco Gambaudo
5 Dicembre 2019

Gli sportivi e la politica, una breve storia conformista

Le battaglie degli sportivi sono, ormai, l'infallibile ritornello del mediaticamente corretto.