Carrello vuoto
Papelitos
17 Febbraio

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Antonio Aloi

18 articoli
Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.

L’ennesimo caso di un calciatore contro l’intero sistema mediatico, culturale e sportivo italiano. Come il più scontato dei film in salsa USA, Il colpevole senza alibi, già condannato in contumacia prima di apparire ai microfoni delle tv nostrane, è Dusan Vlahovic, reo di aver esultato in “faccia” alla curva dei tifosi della Sampdoria in seguito al primo dei suoi due gol realizzati a Marassi.

 

Nei tribunali televisivi, questo atteggiamento è stato subito bollato come anti-sportivo, i soloni del calcio nostrano hanno issato gli scudi e chiamato la carica contro il talento viola e il suo comportamento. Ebbene in questo processo con sentenza già scritta, è doveroso per noi fare l’avvocato del diavolo e dissentire dalla caterva di critiche piovute su Vlahovic dai media e, cosa ancor più grave, dagli stessi protagonisti in campo: tutto ciò denota un alto tasso di perbenismo e un livello di cultura sportiva, nel senso più nobile del termine, assai limitato.

 

Ma dove sta scritto che questo rappresenti una forma di anti-sportività? Nel processo Vlahovic contro lo stato dei perbenisti, il ragazzo è stato invitato da più parti a comparire in udienza giustificando la sua esultanza come una imitazione ad un altro calciatore, senza voler in nessun modo provocare la tifoseria avversaria; di più, è stato costretto a chiedere umilmente perdono. A chi? A chi deve chiedere perdono? E invece sì, ha chiesto perdono non solo alla tifoseria avversaria ma a tutti, a tutti coloro i quali lo condannavano con fare accusatore. Prendendo per buone le parole del ragazzo, perché un calciatore che gioca e festeggia (sopra le righe), deve essere subito riportato all’ordine?

“Sono qui perché volevo chiedere scusa agli avversari per la mia esultanza. Non volevo offendere nessuno e chiedo scusa. Questo è solo il mio modo di esultare e non volevo in nessun modo creare alcun problema”

Chiariamolo una volta per tutte, l’atteggiamento può passare pure come mancanza di rispetto ma lo sport senza sano agonismo e goliardia muore. Inoltre non possiamo – letteralmente – pretendere che una sana e verace esultanza diventi dibattito centrale di un sistema asfittico, il quale ha forse finito gli argomenti di conversazione e ancor prima le interpretazioni. Così facendo scadono tutti, il sistema mediatico, sportivo e culturale; così si riconduce lo sport ad un sistema di azioni e reazioni codificate, come fosse un copione.

 

Vlahovic Getty
Sacrosante le reazioni dei giocatori della Sampdoria e gli insulti del pubblico: ma la cosa dovrebbe finire lì, in un sano agonismo di campo senza processi mediatici e rancorosi (Foto di Paolo Rattini/Getty Images)

 

Perche Mr Robbie Fowler può prendersi la briga di “sniffare” la linea di fondo campo, a seguito di una esultanza da goal in un Liverpool-Everton, senza diventare capro espiatorio di un intero sistema e senza, soprattutto, dover andare a scusarsi? Una multa e qualche insulto avversario è il totale che l’ex Reds ha dovuto espiare, una pena molto inferiore al nostro Vlahovic.

 

Ancora, perché Adebayor può farsi 80 metri di campo per andare ad esultare in “faccia” ai suoi ex tifosi dell’Arsenal dopo aver segnato contro di loro vestendo la casacca del Man City, senza doversi scusare con nessuno e senza attirare ire mediatiche extracalcistiche? Anzi, c’è da sottolineare che nel nostro “Bel Paese” questi atteggiamenti sono stati visti con ironia, con simpatia, con goliardia senza essere condannati. Ma anche se voi foste stati tifosi della Sampdoria allo stadio, dopo i doverosi insulti e fischi di rito, sareste tornati a casa pensando alla mancanza di rispetto di Vlahovic?

 

Paul George, stella dei Los Angeles Clippers, può esultare zittendo i tifosi dei Pacers prendendosi qualche fischio, una multa e niente più: nessuna bacchettata, nessuna lezione morale, niente di tutto ciò. Leo Messi svestendosi della sua maglia e issandola al Bernabeu, dopo l’ennesimo capolavoro della sua carriera, probabilmente in Italia sarebbe stato additato come irrispettoso.

 

La leggendaria esultanza di Fowler in un derby di Liverpool: il calcio è fatto anche di queste cose, aggiungiamo per fortuna (Photo Getty Images/Mandatory Credit: Ross Kinnaird /Allsport)

 

John Calhoun, etologo e comportamentista americano, in una delle sue più celebri ricerche sottolinea come l’intera razza umana sia a rischio di affondamento comportamentale. Il nostro sistema sportivo-mediatico/culturale è probabilmente già affondato da tempo. La condanna e l’obbligo delle scuse, addebitate a Vlahovic come risarcimento da pagare, ne sono l’esempio. Perché nei paesi di origine anglofona questi comportamenti attirano solo qualche fischio, nei casi estremi una multa e niente più? Nessuno ha tirato per le orecchie Fowler, Adebayor o Paul George imponendogli di scusarsi.

 

Scusarsi con chi? Scusarsi perché? Fino a quando si esulta nei limiti della decenza, cioè andando a non intaccare concetti di pubblica – o particolare – sensibilità politica e umana, si è liberi di esultare come si vuole, anche contro i propri avversari. Lo sport si basa sul confronto e sullo scontro: se questo resta nei ranghi dell’agonismo sano e anche sentito, ben venga anche la provocazione. Stucchevole ci sembra quindi il teatrino dei nostri opinionisti messo su per questioni del genere, appiattendo qualsiasi capacità critica e riconducendo lo spettatore ad un solo modo di vedere le cose.

 

Erigersi a paladini di una cultura sportiva, tutta nostra, è fuorviante. Nelle scuole, laddove si dovrebbe iniziare ad insegnare la cultura sportiva, l’ora di educazione fisica è ridotta spesso e volentieri ad attività ricreativa; è un problema molto più grande che ci dovrebbe far riflettere sulla mancanza di strutture e di competenze specifiche, piuttosto che sulla possibilità di offendere l’avversario. Che poi la lezione di etica ci venga dalla narrazione sportiva, così smaliziata e distratta quando si parla di procuratori avventurieri o di operazioni finanziarie sospette, beh consentiteci di dire che ci lascia – quantomeno – un po’ perplessi.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Podcast
La Redazione
2 Ottobre 2021

San Siro non si tocca

Ne abbiamo parlato con Riccardo Aceti, ingegnere al Politecnico di Milano.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Papelitos
Andrea Antonioli
6 Giugno 2021

Facciamo schifo, ma per davvero

La vicenda di Seid Visin ha tirato fuori il peggio di noi.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.