Carrello vuoto
Papelitos
17 Febbraio

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Antonio Aloi

17 articoli
Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.

L’ennesimo caso di un calciatore contro l’intero sistema mediatico, culturale e sportivo italiano. Come il più scontato dei film in salsa USA, Il colpevole senza alibi, già condannato in contumacia prima di apparire ai microfoni delle tv nostrane, è Dusan Vlahovic, reo di aver esultato in “faccia” alla curva dei tifosi della Sampdoria in seguito al primo dei suoi due gol realizzati a Marassi.

 

Nei tribunali televisivi, questo atteggiamento è stato subito bollato come anti-sportivo, i soloni del calcio nostrano hanno issato gli scudi e chiamato la carica contro il talento viola e il suo comportamento. Ebbene in questo processo con sentenza già scritta, è doveroso per noi fare l’avvocato del diavolo e dissentire dalla caterva di critiche piovute su Vlahovic dai media e, cosa ancor più grave, dagli stessi protagonisti in campo: tutto ciò denota un alto tasso di perbenismo e un livello di cultura sportiva, nel senso più nobile del termine, assai limitato.

 

Ma dove sta scritto che questo rappresenti una forma di anti-sportività? Nel processo Vlahovic contro lo stato dei perbenisti, il ragazzo è stato invitato da più parti a comparire in udienza giustificando la sua esultanza come una imitazione ad un altro calciatore, senza voler in nessun modo provocare la tifoseria avversaria; di più, è stato costretto a chiedere umilmente perdono. A chi? A chi deve chiedere perdono? E invece sì, ha chiesto perdono non solo alla tifoseria avversaria ma a tutti, a tutti coloro i quali lo condannavano con fare accusatore. Prendendo per buone le parole del ragazzo, perché un calciatore che gioca e festeggia (sopra le righe), deve essere subito riportato all’ordine?

“Sono qui perché volevo chiedere scusa agli avversari per la mia esultanza. Non volevo offendere nessuno e chiedo scusa. Questo è solo il mio modo di esultare e non volevo in nessun modo creare alcun problema”

Chiariamolo una volta per tutte, l’atteggiamento può passare pure come mancanza di rispetto ma lo sport senza sano agonismo e goliardia muore. Inoltre non possiamo – letteralmente – pretendere che una sana e verace esultanza diventi dibattito centrale di un sistema asfittico, il quale ha forse finito gli argomenti di conversazione e ancor prima le interpretazioni. Così facendo scadono tutti, il sistema mediatico, sportivo e culturale; così si riconduce lo sport ad un sistema di azioni e reazioni codificate, come fosse un copione.

 

Vlahovic Getty
Sacrosante le reazioni dei giocatori della Sampdoria e gli insulti del pubblico: ma la cosa dovrebbe finire lì, in un sano agonismo di campo senza processi mediatici e rancorosi (Foto di Paolo Rattini/Getty Images)

 

Perche Mr Robbie Fowler può prendersi la briga di “sniffare” la linea di fondo campo, a seguito di una esultanza da goal in un Liverpool-Everton, senza diventare capro espiatorio di un intero sistema e senza, soprattutto, dover andare a scusarsi? Una multa e qualche insulto avversario è il totale che l’ex Reds ha dovuto espiare, una pena molto inferiore al nostro Vlahovic.

 

Ancora, perché Adebayor può farsi 80 metri di campo per andare ad esultare in “faccia” ai suoi ex tifosi dell’Arsenal dopo aver segnato contro di loro vestendo la casacca del Man City, senza doversi scusare con nessuno e senza attirare ire mediatiche extracalcistiche? Anzi, c’è da sottolineare che nel nostro “Bel Paese” questi atteggiamenti sono stati visti con ironia, con simpatia, con goliardia senza essere condannati. Ma anche se voi foste stati tifosi della Sampdoria allo stadio, dopo i doverosi insulti e fischi di rito, sareste tornati a casa pensando alla mancanza di rispetto di Vlahovic?

 

Paul George, stella dei Los Angeles Clippers, può esultare zittendo i tifosi dei Pacers prendendosi qualche fischio, una multa e niente più: nessuna bacchettata, nessuna lezione morale, niente di tutto ciò. Leo Messi svestendosi della sua maglia e issandola al Bernabeu, dopo l’ennesimo capolavoro della sua carriera, probabilmente in Italia sarebbe stato additato come irrispettoso.

 

La leggendaria esultanza di Fowler in un derby di Liverpool: il calcio è fatto anche di queste cose, aggiungiamo per fortuna (Photo Getty Images/Mandatory Credit: Ross Kinnaird /Allsport)

 

John Calhoun, etologo e comportamentista americano, in una delle sue più celebri ricerche sottolinea come l’intera razza umana sia a rischio di affondamento comportamentale. Il nostro sistema sportivo-mediatico/culturale è probabilmente già affondato da tempo. La condanna e l’obbligo delle scuse, addebitate a Vlahovic come risarcimento da pagare, ne sono l’esempio. Perché nei paesi di origine anglofona questi comportamenti attirano solo qualche fischio, nei casi estremi una multa e niente più? Nessuno ha tirato per le orecchie Fowler, Adebayor o Paul George imponendogli di scusarsi.

 

Scusarsi con chi? Scusarsi perché? Fino a quando si esulta nei limiti della decenza, cioè andando a non intaccare concetti di pubblica – o particolare – sensibilità politica e umana, si è liberi di esultare come si vuole, anche contro i propri avversari. Lo sport si basa sul confronto e sullo scontro: se questo resta nei ranghi dell’agonismo sano e anche sentito, ben venga anche la provocazione. Stucchevole ci sembra quindi il teatrino dei nostri opinionisti messo su per questioni del genere, appiattendo qualsiasi capacità critica e riconducendo lo spettatore ad un solo modo di vedere le cose.

 

Erigersi a paladini di una cultura sportiva, tutta nostra, è fuorviante. Nelle scuole, laddove si dovrebbe iniziare ad insegnare la cultura sportiva, l’ora di educazione fisica è ridotta spesso e volentieri ad attività ricreativa; è un problema molto più grande che ci dovrebbe far riflettere sulla mancanza di strutture e di competenze specifiche, piuttosto che sulla possibilità di offendere l’avversario. Che poi la lezione di etica ci venga dalla narrazione sportiva, così smaliziata e distratta quando si parla di procuratori avventurieri o di operazioni finanziarie sospette, beh consentiteci di dire che ci lascia – quantomeno – un po’ perplessi.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Interviste
Andrea Antonioli
15 Febbraio

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Italia
Luca Pulsoni
8 Febbraio

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Italia
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Italia
Michelangelo Freda
28 Marzo

Avellino resiliente

L'Avellino calcio è l'espressione di un popolo abituato a soffrire ma che ha sempre saputo rialzarsi, anche nei momenti più duri.
Altro
La Redazione
10 Gennaio

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Italia
Diego Mariottini
12 Aprile

Cagliari Campione. Lo Scudetto del popolo sardo

Il 12 aprile di cinquant'anni fa il Cagliari si laureava Campione d'Italia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
pallonate
Pippo Russo
4 Aprile

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
pedalate
Davide Bernardini
27 Aprile

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
pallonate
Pippo Russo
13 Dicembre

Tutti a scuola di giornalismo da Billy Costacurta

Lanciamo un SOS per la Gazzetta dello Sport. Con tutto che a Sky non se la passano poi così bene...
Italia
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Italia
Luigi Fattore
30 Novembre

Delirio da fantacalcio

La deriva fantacalcistica ci porta in un mondo distopico, in cui i numeri dettano la legge della mente e del cuore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Settembre

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Ritratti
Sergio Taccone
10 Ottobre

Joe Jordan, lo squalo

Dare tutto in campo, conquistare l'affetto fuori.
Italia
Filippo Peci
28 Novembre

L’amore dura tre anni

Perché Guidolin fu l’amante perfetto per l’Udinese? Senza scavare nel sentimentalismo, e sottostando alle logiche del mercato, possiamo rispondere che per tre anni fu l’unico capace di coniugare il modello di autosufficienza dei Pozzo con risultati stupefacenti.
Interviste
Federico Corona
25 Novembre

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Italia
Diego Mariottini
30 Giugno

Pruzzo faceva gol e se ne fregava del resto

Tra l'amore e la propria natura, scegliere comunque la seconda.
pedalate
Davide Bernardini
22 Febbraio

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Italia
Luca Giannelli
14 Maggio

Il “progetto” viola: primum guadagnare, poi…

Della Valle e Fiorentina, una storia sospesa.
Italia
Lorenzo Fabiano
12 Febbraio

Ivan Juric, l’uomo che nessuno voleva

In estate Juric era un condannato all'esonero e il Verona una candidata alla retrocessione: oggi si è tutto rovesciato.
storie
Leonardo Catarinelli
18 Aprile

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Italia
Matteo Mancin
19 Dicembre

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luigi Fattore
14 Giugno

È stata Bellezza vera

La Bellezza è un enigma, dice Myškin. Attraverso di essa si è salvato il mondo, si è salvato il Napoli, ci siamo salvati noi.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Italia
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio

Vedere Mauro Zarate alla Lazio e piangere

Ricordo di Mauro Zarate con la maglia della Lazio.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Italia
Gezim Qadraku
3 Maggio

Manuel Rui Costa e la fantasia al potere

Essere Maestro rimanendo discepolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Alberto Fabbri
29 Dicembre

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Papelitos
Federico Brasile
16 Maggio

Rocco Commisso fa l’assist ai giornalisti

Altro che “Rocco Benito” o dittatore.
Italia
Annibale Gagliani
28 Febbraio

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Italia
Annibale Gagliani
8 Luglio

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.
Italia
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Italia
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.