Carrello vuoto
Calcio
14 Giugno

È stata Bellezza vera

Luigi Fattore

46 articoli
La Bellezza è un enigma, dice Myškin. Attraverso di essa si è salvato il mondo, si è salvato il Napoli, ci siamo salvati noi.

Non c’è aforisma più abusato di “la bellezza salverà il mondo”, principio cardine su cui si fonda gran parte dell’opera dostoevskiana. Non vediamo l’ora di utilizzarlo per dimostrare in un colpo solo sensibilità e cultura. In fondo sono cinque parole facili da ricordare e che ben si adattano a ogni situazione, togliendoci fuori dagli impacci in una frazione di secondo: una vera e propria uscita di sicurezza a portata di chiacchiera. In realtà, tale semplicità nasconde una complessità impareggiabile.

 

Il solo soffermarsi sul concetto di “bellezza” richiederebbe uno sforzo non indifferente, al punto che se arrivassimo a dominarlo ci penseremmo su più di una volta prima di tirarlo fuori così a cuor leggero: l’ambita uscita di sicurezza di colpo si tramuterebbe in un baratro senza fine. Perché la Bellezza è sì alla portata di tutti, ma non è gratis. Arrivarci è un vero e proprio lavoro. Implica la ricerca in chi la crea e la comprensione in chi la riconosce. Due attività accomunate da un perpetuo dubitare, ovvero ciò che distingue l’uomo da tutti gli altri esseri viventi.

 

Perché sì, non esiste vera Bellezza senza l’uomo: lo stesso mare si scoprirebbe improvvisamente piccolo e insicuro se non ci fosse l’uomo a raccontarlo e a magnificarlo, conferendogli il dono dell’invincibilità a volte a costo di perdere la vita. Ma soprattutto non esiste Bellezza senza dubbio. Ecco perché è pressoché impossibile riconoscere la Bellezza nella concretezza, in quanto tutto ciò che è quantificabile dispensa l’uomo dal pensare e dal dubitare, quindi dal prendere parte al salvataggio del mondo.

 

Ritratto del 1872 dello scrittore Fëdor Dostoevski, opera di Vasilij Perov (Galleria Tret’jakov, Mosca).

 

Un mondo che è necessariamente in pericolo, altrimenti non avrebbe bisogno di essere salvato. Così come sono in pericolo tutti i microcosmi contenuti al suo interno. Calcio compreso. Per la verità il mondo del pallone ha provato più volte a recepire la visione dostoevskiana, ma al momento opportuno l’ha rinnegata in nome del resultadismo, ossia della concretezza.

 

Con la Bellezza si è solo riempito la bocca evitando accuratamente di perseguirla, riconoscerla e difenderla veramente. Di recente, l’unico tentativo idoneo a salvare il calcio, segnatamente la Serie A, è stato messo in pratica da Maurizio Sarri. Nelle ultime stagioni il massimo campionato italiano è diventato il torneo più ‘pericolante’ tra quelli che contano. Il fatto che a dominare la scena da sette anni sia la stessa squadra, la Juventus, che peraltro fonda la sua stessa esistenza sulla concretezza, eleggendo la vittoria a unica cosa che conta, è giocoforza il più difficile da salvare.

 

Uno dei principali esponenti della pittura concreta è Bruno Munari, e questo è il suo “Curva di Peano 1975”, presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

 

Intendiamoci, pur essendo due cose ben distinte, Bellezza e concretezza in casi eccezionali possono anche coesistere. Ma la convivenza sarebbe inevitabilmente a tempo determinato. Non si sopporterebbero. A un certo punto la concretezza prenderebbe il sopravvento invadendo gli spazi di pertinenza della Bellezza. Limiterebbe il suo raggio d’azione fino ad annientarla. O peggio, a confondersi con essa. Illudendosi e illudendo di essere essa stessa Bellezza, con il rischio di dare vita a uno scenario apocalittico in cui non ci sarebbe il benché minimo margine per letture alternative della realtà che siano scevre da numeri o bacheche.

 

Ebbene, il Napoli di Sarri in questi tre anni ha impedito questo scempio dello spirito critico. Si è accreditato come eterodossia in un mondo prono all’ordine precostituito che si nutre di chiusura mentale e letture geometriche. Ha dimostrato che due + due non è sempre uguale a quattro. Sarri ha preso una buona squadra e ne ha fatto Bellezza. Ha inculcato il dubbio in ciascun giocatore, che, proprio come l’allenatore stesso, ha iniziato a cercare e a cercarsi.

 

“La bellezza è un enigma”. Lo dice il principe Myskin ne “L’Idiota”, il romanzo di F. Dostoevskij. “La tempesta”, di Giorgione (1477/78-1510), è uno dei dipinti su cui sono state fatte più interpretazioni, senza mai giungere a una conclusione univoca. Come altri quadri dell’autore, come “Le tre età”, l’enigma che si incarna nella tela è il grado stesso della bellezza del dipinto.

 

 

Prima dell’avvento di Sarri, ogni calciatore del Napoli era convinto che il suo livello massimo fosse stato già raggiunto e che magari andava soltanto limato. Sarri ne ha invece rivoluzionato la vita. Ha insegnato a ognuno di loro la gioia di giocare a calcio, impegnandosi in prima persona a risarcirli della curiosità fanciullesca che con il passare degli anni tutti noi siamo destinati a perdere. Questo mix tra curiosità e ricerca ha dato vita a una sorta di interdipendenza del miglioramento.

 

Ogni singolo giocatore ha trovato la sua massima libertà di espressione nell’affermazione dell’altro e viceversa. Non c’è stato spazio né bisogno dell’individualismo. Avrebbe significato un’interruzione della ricerca, quindi del divertimento, in ultima istanza del perseguimento della Bellezza. E invece la ricerca è durata tre anni. Tre anni meravigliosi in cui guardare una partita del Napoli è stato un privilegio. Perché quel risarcimento che Sarri ha corrisposto ai giocatori, i giocatori l’hanno destinato a tifosi e appassionati, che come d’incanto si sono sentiti parte integrante di quella macchina del tempo perduto.

 

Maurizio Sarri, è nato a Napoli il 10 gennaio 1959. Nelle tre stagioni da allenatore a Partenope, ha migliorato più volte i record societari, tra cui il record di punti (91), le vittorie in campionato (28) e il minor numero di reti subite (29). Possiamo solo dare i numeri, perché la qualità tecnica, estetica e filosofica del gioco non sono del tutto quantificabili.

 

A un certo punto, però, il livello raggiunto è stato talmente elevato da autorizzare qualche concessione al resultadismo: in fondo se il Napoli di Sarri avesse vinto qualcosa sarebbe stato uno di quei casi eccezionali di convivenza tra Bellezza e concretezza. Anzi, la concretezza sarebbe stata proprio una conseguenza della Bellezza. Eppure non è successo.

 

Pur avvicinandosi di anno in anno sempre di più alla prima della classe, Sarri ha lasciato la bacheca azzurra così come l’aveva trovata. Per un semplice motivo: si è trattato di Bellezza vera. Di quella Bellezza che non scende a compromessi con il risultato per garantirsi un posto nella memoria collettiva. Non siamo ipocriti, la conquista dello scudetto avrebbe dato vita a uno scenario irripetibile in una città irripetibile, ma allo stesso tempo avrebbe reso la Bellezza troppo riconoscibile. L’avrebbe sviata dalla sua missione primordiale. Perché contrariamente a quanto si possa pensare, la Bellezza non può conquistare niente e nessuno.

 

E’ la Bellezza che deve essere conquistata. Solo allora potrà ricompensare lo sforzo profuso per inseguirla con la salvezza del mondo. E’ per questo motivo che ricordarsi del Napoli di Sarri sarà un po’ come salvarsi.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.