Carrello vuoto
Papelitos
27 Maggio

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.

All’indomani di Manchester United vs Roma, semifinale d’andata di Europa League, ci si chiedeva – increduli – perché la Roma di Fonseca, anziché parcheggiare il bus davanti alla porta, avesse approcciato il secondo tempo di Old Trafford sulla falsariga del primo – che, un po’ per bravura, un po’ per fortuna, i giallorossi avevano chiuso, in rimonta, sul punteggio di 2-1.

«Chi specula – ricorda spesso Lele Adani – la paga a caro prezzo». Ma i recenti risultati della stagione calcistica testimoniano l’esatto opposto. Tralasciando l’Inter di Antonio Conte, prima l’Atletico Madrid del Cholo Simeone, poi il Lille di Galtier, infine il Villarreal di Unai Emery hanno trionfato tutti alla stessa maniera: solidità difensiva e identità di gruppo. Parolacce per i progressisti del pallone, i due elementi sopracitati rappresentano invece l’arma segreta delle squadre vincenti. Preoccupate più di lavorare che di fare filosofia.

Villarreal è una cittadina di appena 50.000 anime in provincia di Castellón, nella comunità autonoma valenciana. Di questi 50.000, circa 3000 erano presenti ieri a Danzica. Di questi, 13 erano in campo, chi col fratino chi con l’inconfondibile completo giallo, a lottare per il proprio popolo. Un miracolo sportivo ed antropologico, una fede cieca nella cantera che vede in Pau Torres, difensore classe ’97, l’incarnazione di questo trionfo fatto in casa.

Chi l’avrebbe mai detto?


Torres era presente all’Estadio de la Ceramica quando, nell’aprile del 2006, Juan Roman Riquelme, probabilmente il giocatore con più classe mai passato da Villarreal, sbagliava dal dischetto un rigore che mandava l’Arsenal in finale di Uefa Champions League. Torres era lì, dietro la porta difesa da Lehmann, a tifare Villarreal. Dopo 15 anni, da giocatore e trascinatore, ha portato il Submarino Amarillo sul tetto d’Europa.

Per quanto fiabesca, questa non è chiaramente l’unica storia da raccontare. Se incontri il Manchester United, Emery lo sa bene, difendersi con ordine è la prima arma per provare a vincere la partita. Imbattuto in Europa League quest’anno, Emery ha dimostrato di essere un autentico fuoriclasse della competizione. Nelle sue dichiarazioni di ieri sera, nel post partita, non parla che di sacrificio, di duro lavoro. I suoi occhi, ancora fiammanti, parlano da soli. Il tempo supplementare del Villarreal è stato semplicemente incredibile, specchio fedele della volontà tutta basca del proprio basco allenatore.

Il Manchester United, che ha tenuto il pallone per il 61%, ha tirato due sole volte in porta. Il Villarreal, arroccandosi in difesa e sacrificando il più talentuoso in rosa, Gerard Moreno – un giocatore che fa bene al calcio –, è riuscito a portarsi in vantaggio nel primo tempo grazie ad una zampata del suo numero 7, su un calcio piazzato magistralmente eseguito da Dani Parejo – centrocampista anacronistico, calcisticamente sublime. Nella ripresa non è cambiato il tema tattico, e ci mancherebbe. Il Villarreal ha continuato a difendersi con ordine, forte di un centrocampo muscolare (oltre a Capoue, fondamentale è stato l’ingresso di Coquelin) e di un difensore fenomenale: Raul Albiol. Talmente forte, quest’ultimo, che quasi vien da pensare che le difficoltà di Koulibaly siano dovute all’assenza del suo vecchio compagno di reparto.

Unai Emery portato in trionfo dai suoi ragazzi (foto Twitter/@EuropaLeague)

Albiol, come Emery, è abituato a vincere. 5 su 8 le finali vinte dal difensore spagnolo. Per l’allenatore basco, invece, sono 4 i successi in Europa League – 3 col Sevilla e 1 col Villarreal, dopo aver già sfiorato il titolo con l’Arsenal, sconfitto da Maurizio Sarri e il suo Chelsea nel 2019. Il presidente Fernando Roig, sorta di Percassi italiano e proprietario di varie aziende di ceramica, vera forza commerciale di Vila-Real, ha costruito il progetto del Submarino amarillo molto tempo fa. Le basi c’erano, ma sapeva di aver bisogno di un vincente per vincere.

Nove gol subiti in quindici partite di Europa League. Un attacco non troppo prolifico, che ha raggiunto tre o più reti di differenza solamente in due partite del girone, contro Tel Aviv e Qarabag. Quello che impressiona del Villarreal è la determinazione. Lotta su ogni contrasto, dal giocatore più tecnico a quello dai piedi meno educati. Non sembra affatto una squadra spagnola, anche se il Palmares dell’Europa League – su 18 titoli, 11 sono spagnoli – fa impressione.

Durezza negli interventi, rischio della giocata – esempio, la rabona di Bacca nel primo tempo – coraggio – come quello di Foyth che rimane in campo per quasi 90’ con un taglio alla fronte e un turbante da calcio d’altri tempi. Infine fame, quella messa sul campo da Emery che ha sbracciato e sbraitato per più di 120 minuti, accompagnando i suoi ragazzi ad una partita dal sacrificio commovente. E soprattutto vincente. Fino all’ultimo rigore, l’undicesimo della lotteria. Il destino che nel 2006 aveva precluso al Villarreal la finale di Champions, lo ripaga 15 anni dopo, attraverso i piedi e i guantoni di Rulli (decisivo contro De Gea). Perché le finali non si giocano, si vincono.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Marco Marino
9 Maggio 2022

Il Salford City, tra cuore e denaro

A Manchester non ci sono solo City e United (forse).
Ritratti
Marco Metelli
26 Aprile 2022

Wales, Golf, Madrid. In that order

Perché Gareth Bale è una leggenda.
Tifo
Gianluca Palamidessi
15 Aprile 2022

Il tifo infiamma Europa e Conference League

Lo ribadiamo nuovamente: in Europa si tifa solo di giovedì.
Papelitos
Luca Pulsoni
13 Aprile 2022

Il Villarreal insegna il mestiere

Evviva l'intelligenza, evviva la preistoria!
Papelitos
La Redazione
7 Marzo 2022

La resa totale del Manchester United

Per dirla con Roy Keane: “non voglio più vedere 5-6 giocatori”.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Diego Mariottini
22 Maggio 2021

George Best, lunga vita ai ribelli

Il più grande affronto ad Eupalla.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre 2020

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno 2020

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio 2020

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Tifo
Luca Quartarone
16 Aprile 2020

FC United of Manchester, il sogno della working-class

Il calcio, quello vero, è del suo popolo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Febbraio 2020

Cristiano Ronaldo non è l’uomo che credete di conoscere

Chi si cela dietro alla maschera da egocentrico del fuoriclasse portoghese?
Calcio
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre 2019

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Calcio
Remo Gandolfi
20 Ottobre 2019

Manchester United v Liverpool. Crisi e gloria di una sfida eterna

Oggi come ieri. Alla crisi dei Red Devils risponde l'epoca d'oro dei Reds.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre 2019

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Calcio
Alberto Maresca
20 Agosto 2019

Il calcio a Baku

Tra politica, petrolio e assolutismo.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio 2019

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2019

Griezmann, il Giuda del Cholismo

Il successo vale più dell'onore.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio 2019

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Ritratti
Remo Gandolfi
19 Febbraio 2019

Antonio Puerta

Leggenda del Sevilla.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio 2019

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
23 Novembre 2018

Fernando Redondo

Storia di un principe.
Calcio
Remo Gandolfi
14 Novembre 2018

Quel leone di Yeray

Un combattente da anni lotta a Bilbao.
Ritratti
Sergio Taccone
10 Ottobre 2018

Joe Jordan, lo squalo

Dare tutto in campo, conquistare l'affetto fuori.
Ritratti
Remo Gandolfi
22 Settembre 2018

Jorge Alberto Gonzalez

El Magico.
Calcio
Luigi Fattore
20 Settembre 2018

Prendiamola sul serio

Il minore appeal che esercita rispetto alla sorella maggiore Champions non giustifica lo snobismo nei confronti dell'Europa League. Lazio e Milan sono chiamate ad invertire la rotta.
Calcio
Matteo Mancin
20 Settembre 2018

L’epoca d’oro del calcio italiano

Quando le piccole d'Italia fecero le grandi d'Europa.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Settembre 2018

Il funerale della Liga spagnola

Cupi pensieri sull'esportazione della Liga negli USA.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2018

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Tifo
Gianluca Palamidessi
23 Luglio 2018

Casuals, ep. II: il riscatto di Manchester

Gli scontri coi Reds, i furti dei negozi, la musica maledetta.
Tifo
Andrea Angelucci
20 Aprile 2018

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
Papelitos
Alberto Fabbri
14 Marzo 2018

Nein zu RB

La Red Bull e il calcio, un rapporto complicato (almeno per noi tifosi).
Calcio
Maurizio Fierro
6 Febbraio 2018

La promessa di Bobby Charlton

Dalla tragedia alla gloria: gli storici decenni del Manchester United.
Storie
Andrea Tavano
16 Dicembre 2017

La guerra dei due mondi

Quattro finali di Coppa Intercontinentale, dal '67 al '70, passate alla storia per un particolare tratto distintivo che le accomuna: la violenza.
Calcio
Luca Giorgi
2 Ottobre 2017

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
Papelitos
Luigi Fattore
15 Settembre 2017

Una Dea favolosa

I fuochi d'artificio dell'Atalanta in Europa League.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto 2017

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?