Papelitos
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.

Nella giornata di ieri, precisamente alle ore 13, Socios.com ha lanciato sul mercato globale i primi Inter Fan Token, vale a dire i “gettoni” virtuali che promettono di rivoluzionare il rapporto tra i tifosi di calcio e la loro squadra. Sebbene ne siano stati venduti un milione (a due euro l’uno), gran parte dei tifosi interisti italiani si è lamentata dei numerosi problemi tecnici riscontrati nell’app ufficiale, subissando di critiche e offese gli account social della piattaforma.

Tra i numerosi commenti, a spiccare è stato il parere dell’esperto imprenditore digitale Michele Attisani, Co-Founder di FACEIT, la principale piattaforma di eSport del mondo che conta globalmente oltre 20 milioni di utenti, e Angel Investor tra le altre della startup milanese Scalapay, che promette soluzioni di pagamento innovative per i commercianti di e-commerce. Il suo giudizio sulla gestione del lancio degli Inter Fan Token è stato tranchant:

“Troppi problemi tecnici, la gestione del lancio è stata veramente imbarazzante e irrispettosa verso tutti i fan”.

Un pessimo inizio dunque per una piattaforma il cui scopo, in teoria, sarebbe quello di far sentire più vicini i tifosi alla loro squadra, eppure abbiamo come l’impressione che l’imponente guadagno ricavato da questa prima tornata di vendite metterà a tacere ogni dubbio. Del resto i Fan Token offrono alle società di calcio una possibilità di guadagno pulita, non burocratizzata, che non fa corrispondere al contributo economico dei tifosi l’emissione di quote o altri strumenti finanziari che modificherebbero la struttura societaria (ciò che invece comporterebbe l’azionariato popolare, leggi Interspac). I Fan Token offrono ai tifosi, in cambio dei loro soldi, solo l’accesso ad alcuni speciali servizi, come biglietti gratuiti e sconti sul merchandising, e promettono loro la possibilità di influenzare la vita del club con sondaggi, per stabilire ad esempio la playlist musicale dello stadio (pensate!).

E dire che in un tempo non troppo lontano i tifosi influenzavano la propria squadra cantando a squarciagola allo stadio, innalzando vessilli e partecipando a quella cultura ultras oggi stigmatizzata ovunque. Ma i tempi cambiano, si sa, e al calcio degli expected goals corrisponde oggi il token tifoso. Ci chiediamo solo, sommessamente, se qualcuno glielo ha spiegato a quest’ultimo che tutti gli “omaggi” in realtà li sta pagando e pure con largo anticipo.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Valerio Santori

35 articoli
Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi
Calcio
Valerio Santori
21 Settembre 2022

Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi

Responsabilizzare i giocatori è una prassi superata.
In morte di Sua Maestà il Calcio
Papelitos
Valerio Santori
12 Settembre 2022

In morte di Sua Maestà il Calcio

Allo Juventus Stadium ieri sera si è consumato un delitto.
L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa
Papelitos
Valerio Santori
22 Agosto 2022

L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa

A forza di safety-first non usciremo più di casa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Quel pasticciaccio brutto della Serie A
Papelitos
Federico Brasile
09 Marzo 2020

Quel pasticciaccio brutto della Serie A

Un Paese sportivo d'accordo su una sola cosa: la deresponsabilizzazione, l'incapacità di prendere decisioni.
L’amore dura tre anni
Calcio
Filippo Peci
28 Novembre 2016

L’amore dura tre anni

Perché Guidolin fu l’amante perfetto per l’Udinese? Senza scavare nel sentimentalismo, e sottostando alle logiche del mercato, possiamo rispondere che per tre anni fu l’unico capace di coniugare il modello di autosufficienza dei Pozzo con risultati stupefacenti.
Sulle spalle del gigante
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Il modello Atalanta viene da lontano
Calcio
Annibale Gagliani
28 Febbraio 2020

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
San Siro a mano armata
Cultura
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.