Carrello vuoto
Tifo
20 Marzo

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Jacopo Benefico

18 articoli
Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.

Era il 23 marzo 1997 quando gli hooligans di Ajax e Feyenoord si diedero appuntamento a Beverwijk, più precisamente sul corrispondente tratto dell’autostrada A9, dando vita a uno scontro violentissimo in cui perse la vita Carlo Picornie, esponente di spicco degli F-Side dell’Ajax. Quel dannato giorno la ferocia non ebbe alcun tipo di contegno: nei campi attigui alla carreggiata le due opposte fazioni si affrontarono senza esclusione di colpi, avvalendosi dell’ausilio di ogni tipo di arma contundente.

La tragedia, che fece molto scalpore nel Paese, portò da un lato a un deciso inasprimento della legislazione sugli stadi, dall’altro a nette misure restrittive nei confronti dei tifosi di Ajax e Feyenoord.

La prima di queste fu il divieto di ingresso ai tifosi ospiti nelle successive partite tra i due club, sia in quel di Amsterdam che in quel di Rotterdam. Tale provvedimento riuscì a evitare il ripetersi di episodi violenti in occasione delle partite, ma di certo non ridimensionò l’odio tra le tifoserie.

Negli anni a venire furono infatti frequenti le occasioni di scontro, come sa bene l’ex calciatore del Feyenoord Jorge Acuña: durante un’innocua partita tra le riserve delle due squadre, giocatasi ad Amsterdam giovedì 15 aprile 2004, alcuni sostenitori dell’Ajax fecero irruzione in campo per aggredire i calciatori avversari. Un giovane Van Persie riuscì a non subire danni grazie all’intervento dello staff dell’Ajax, mentre lo sfortunato Acuña rimase malamente contuso e fu portato in ospedale.

Feyenoord tifosi
Anche i tifosi del Feyenoord non sono da meno, anzi: qui nella partita contro il Borussia Dortmund dell’8 maggio 2002 (foto di Jamie McDonald/Getty Images)

L’anno successivo, sempre ad aprile, fu invece Rotterdam il teatro della violenza: il treno proveniente da Amsterdam, che trasportava i tifosi dell’Ajax, fu divelto da questi ultimi che per punizione furono costretti a rimanere all’esterno dello stadio per l’intera durata della partita.

Già in quel frangente si verificarono alcuni – prevedibili – scontri con la polizia, ma al fischio finale scoppiò letteralmente il putiferio. Dopo aver visto perdere la propria squadra per 2 a 3, i tifosi del Feyenoord uscirono inferociti alla ricerca degli ospiti, in una vera e propria caccia all’uomo che le forze dell’ordine riuscirono a gestire con fatica (per usare un eufemismo).

In seguito a questo e altri disordini, nel 2009 furono le stesse due società a cercare e trovare uno storico accordo con la Federazione affinché le trasferte dei propri tifosi in terra nemica venissero vietate per i successivi 5 anni.

Quando tutto sembrava poter tornare alla normalità i tifosi dell’Ajax, nello specifico gli Ultras VAK 410, si tirarono la zappa sui piedi con il cosiddetto Vuurwerkincident, “l’incidente dei fuochi d’artificio”: durante la finale di coppa nazionale del 2014, giocata proprio a Rotterdam e persa dai lancieri 5 a 1 contro il PEC Zwolle, i tifosi dell’Ajax si resero protagonisti di atti vandalici nello stadio degli acerrimi rivali, lanciando in campo decine di fumogeni che costrinsero l’arbitro a sospendere momentaneamente la partita. Questo gesto naturalmente sancì l’allungamento del divieto di trasferta a Rotterdam, per altri 3 anni.

L’inferno, ma in un campo di calcio

La rivalità tra Amsterdam e Rotterdam, tuttavia, ha radici ben più profonde, che travalicano e di molto la dimensione sportiva. Le due principali città dei Paesi Bassi hanno infatti una natura storicamente opposta: la prima, capitale ufficiale dello Stato e attraente meta turistica, è nota tra l’altro per i suoi vizi e il suo carattere edonistico; la seconda, “capitale” economica – ha non a caso il porto più grande d’Europa -, si fonda sullo spirito marinaio e proletario che ha forgiato i suoi abitanti.

Mentre Amsterdam sogna, Rotterdam lavora”.

Questo è ciò che si sente sulle rive del Nieuwe Maas. Allargando i confini, il detto comune nel Paese è invece: «In Olanda i soldi vengono guadagnati a Rotterdam, divisi a Den Haag e sperperati ad Amsterdam». Il senso però è lo stesso: il pragmatismo appartiene ai lavoratori di Rotterdam, mentre gli amsterdammers sono dediti alla creatività, per non dire alla lussuria e all’ozio.

La contrapposizione tra le due città ha dunque fondamenta socio-culturali che inevitabilmente si riflettono sullo sport. Ajax e Feyenoord radicalizzano i caratteri identitari di Amsterdam e Rotterdam, e le rispettive tifoserie non mancano di ricordare come la loro rivalità trascenda il semplice antagonismo sportivo. In questo caso, però, non si tratta di uno scontro politico o religioso come accade in altre parti d’Europa, bensì di una sostanziale difformità identitaria e attitudinale.

Ajax tifosi
I tifosi dell’Ajax fanno della compattezza sugli spalti uno dei cardini del proprio tifo (foto di Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Qualcuno potrebbe avere da ridire in merito a quest’ultima affermazione, dal momento che la partita più importante d’Olanda è spesso associata all’antagonismo tra i “superebrei”, che sarebbero i lancieri dell’Ajax, e i presunti nazionalisti antisemiti di Rotterdam. Tuttavia la realtà dei fatti è ben diversa e necessita di un maggiore approfondimento, che vada oltre il sensazionalismo di una certa stampa tutta titoloni e sempre alla ricerca dell’uomo nero, meglio se ultras. Ne parlavamo anche tempo fa in un pezzo dal titolo emblematico, Tutti contro l’Ajax:

«L’Ajax, stando ad un falso storico, viene considerata la squadra del ghetto di Amsterdam fin dai suoi primordi (…) il club è divenuto un fattore d’identificazione per la comunità ebraica della capitale olandese che, pur costituendo una minoranza della tifoseria, ne ha egemonizzato la curva. Durante le partite in casa, all’Amsterdam Arena, sono spesso sventolate diverse bandiere israeliane, ed è capitato anche di vedere una bandiera con la stella di David lunga decine di metri (…) Così si è innescato un processo malato di conflitto tra curve: gli acerrimi rivali del Feyenoord, soprattutto dagli anni ’70 in poi, hanno macchiato la propria immagine ricorrendo a cori e gesti anti-semiti».

Una sorta di sfottò esagerato e fuori contesto, soprattutto perché non si sta parlando di reali appartenenze ma piuttosto di schieramenti di comodo (o di scomodo), volti soltanto a sottolineare vigorosamente la reciproca idiosincrasia, in una dicotomia radicale e inconciliabile tra l’una e l’altra sponda. Ma, per quanto assurdo e fuori luogo possa sembrare, non si tratta affatto di odio “razziale”. È una questione che invece si può ridurre, banalmente, alla retorica da opposte fazioni: come spiegò il giornalista ebreo-olandese Hans Knopp, la reiterata e impertinente querelle tra le due tifoserie si fonda su un pre-concetto di diffamazione, di demonizzazione dell’avversario.

«The opposing fans aren’t necessarily anti-Semitic, but they are against Ajax. And if Ajax are Jews, they have to be against the Jews».

L’orgoglio “super-ebreo” dei tifosi dell’Ajax

Dicevamo dunque che il dissidio è di base culturale, e un esempio emblematico ne è la musica: l’intero Paese ospita miriadi di festival musicali ed è in prima linea anche nelle nuove tendenze giovanili (basti vedere quanti DJ internazionali sono nativi dei Paesi Bassi, da Armin van Buuren ad Afrojack, da Martin Garrix a Tiësto).

Ma le due città in questione, e nello specifico i rispettivi supporters, anche a livello musicale si caratterizzano per due stili molto differenti. E così ad Amsterdam, in cui anche la musica techno o dance è di base molto apprezzata, la tifoseria ha scelto come proprio inno un caposaldo del reggae, la celebre Three little birds di Bob Marley. Pare che tutto abbia avuto inizio nel 2008, durante una trasferta a Cardiff per un’amichevole pre campionato tra i gallesi e l’Ajax.

A fine partita i tifosi ospiti furono trattenuti nel settore a loro dedicato e Ali Yassine, l’allora speaker dello stadio, decise di intrattenere gli olandesi con della musica. La scelta ricadde proprio su Three little birds e i tifosi cominciarono a cantare, danzare e battere le mani come se fossero al concerto di San Siro del 1980. Da allora non vi è più stata partita in cui non abbiano reso omaggio al celebre brano del cantautore giamaicano, creando sugli spalti un’atmosfera unica.



Dall’altro lato, gli scatenati tifosi di Rotterdam sono visceralmente legati alla musica “gabber”, cioè quella variante della musica elettronica verso l’hardcore techno, nata proprio in città, e più precisamente nella curva dei Rotterdam Hooligans a inizio anni ’90. La violenza, l’impeto di questo genere si addicono perfettamente alla gente del luogo e rappresentano lo spirito operaio, duro e forse un po’ represso di una città ruvida in tutte le sue sfaccettature, spesso buia e fredda. Altro che le luci e il carattere rilassato di Amsterdam.

Il fautore di questa combinazione ha un nome e un cognome: fu Paul Elstak, in arte DJ Paul, che riuscì a unire le sue due grandi passioni creando un inseparabile binomio tra Feyenoord e musica gabber. La svolta arrivò con l’incisione di Amsterdam Waar Lech dat Dan? – “Amsterdam dove sta?” – che col tempo è diventato un vero e proprio inno da stadio sull’antagonismo tra le due principali città olandesi. Chiunque abbia avuto la fortuna di assistere a una partita al De Kuip (La Vasca), ufficialmente Stadion Feijenoord, si sarà ritrovato a partecipare a quella sorta di rave legale che prima e dopo ogni partita casalinga accende gli animi e gli istinti animaleschi dei tifosi del Feyenoord.

Insomma, Amsterdam e Rotterdam sono due pianeti opposti e incompatibili, nonostante gli appena 70 chilometri che dividono le due città. Come spesso accade, l’orgoglio e la rivendicazione di superiorità sono i fattori che alimentano la più grande rivalità dei Paesi Bassi: una rivalità congenita nei rispettivi abitanti, che non potrà mai trovare una risoluzione pacifica. Ajax v Feyenoord, l’estetica contro la sostanza, la grazia contro la sguaiataggine, l’arte contro il sudore, l’armonia contro il rumore, lo Yin e lo Yang. O, per essere più semplici, Amsterdam contro Rotterdam.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Massimiliano Vino
29 Giugno 2022

Il tifoso Giacomo Leopardi

Prima del calcio, uno sport nazionale trascinava folle e intellettuali.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Ritratti
Emanuele Iorio
4 Maggio 2022

Willy van der Kuijlen, molto meglio di Cruijff

Icona del PSV, icona del calcio olandese, rivale del miglior prodotto del calcio totale.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo 2022

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Ritratti
Raffaele Cirillo
20 Febbraio 2022

Van Hanegem, l’altra faccia dell’Olanda

Per incrinare il mito del calcio totale, di Michels e Cruijff.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Tifo
Jacopo Benefico
1 Febbraio 2022

Trainspotting

Il derby di Edimburgo: Hearts v Hibernian.
Tifo
Alessandro Imperiali
27 Gennaio 2022

Sì, viaggiare

Alba e tramonto degli Eagles Supporters, storico gruppo della Curva Nord laziale.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Tifo
Emanuele Iorio
28 Dicembre 2021

Bob Marley e l’Ajax

Una storia d'amore nata per caso.
Tifo
Simone Meloni
25 Dicembre 2021

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Estero
Sergio Taccone
17 Novembre 2021

L’ultimo ballo di Cruyff

La notte in cui Johan abbandonerà le competizioni europee.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre 2021

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Tifo
Andrea Mainente
15 Ottobre 2021

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Tifo
Diego D'Avanzo
12 Ottobre 2021

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Tifo
Valerio Santori
9 Aprile 2021

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Estero
Michelangelo Freda
25 Marzo 2021

Olanda, Belgio e il nuovo calcio transnazionale

La BeNeLeague, una prova tecnica di Superlega.
Italia
Diego Mariottini
18 Marzo 2021

Un derby degli anni di piombo

L'ultimo Roma-Lazio prima della tragedia Paparelli.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2021

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Tifo
Jacopo Benefico
1 Marzo 2021

Il derby di Sarajevo

FK Sarajevo e Željezničar, diverse ma unite.
Editoriali
Alberto Fabbri
27 Febbraio 2021

Controstoria del tifo americano

Non tutti negli USA si accontentano dello Sports Entertainment.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Tifo
Jacopo Benefico
3 Febbraio 2021

Ferencváros-Újpest, l’inferno magiaro di Budapest

La nobiltà ungherese contro la classe rurale.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Tifo
Emanuele Meschini
17 Dicembre 2020

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Storie
Maurizio Fierro
8 Dicembre 2020

Ribelli al potere

Alle origini anarchiche e ribelli del calcio totale.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre 2020

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.