Carrello vuoto
Motori
21 Luglio

C’è vita in Formula 1

Luca Pulsoni

81 articoli
Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone

Abbiamo sognato per 50 giri. Silverstone come Wembley. Il Rosso Ferrari come l’azzurro dell’Italia di Mancini. Stavolta ai rigori sorridono loro, i 140 mila inglesi accorsi a gremire le tribune di Silverstone alla vigilia del ‘Freedom Day’ fissato dal premier Boris Johnson.

Sarebbe stato un altro golpe, noi a casa loro. Invece Hamilton ha battuto Leclerc e la Mercedes ha battuto la Ferrari. Fin qui nulla di nuovo, data la superiorità tecnica della stella su Maranello. Ma fino a due tornate dal termine era Leclerc a dettare il passo e Sir Lewis a inseguire. Preda e cacciatore, il mondo alla rovescia. Il ferrarista ha preso il comando della gara dopo il contatto al primo giro tra Hamilton e Verstappen, con l’olandese finito a muro e trasportato in ospedale.

Il motorsport si è diviso: chi sta con Max, chi con Lewis. I commissari di gara hanno inflitto al pilota britannico una controversa penalità di dieci secondi che non hanno impedito la rimonta su Leclerc e il successo che ha riaperto il mondiale (ora Verstappen guida la classifica con appena 8 punti di vantaggio).



Max, intontito in un letto del vicino ospedale di Coventry, ha lanciato una bordata al rivale via social:

«La penalità inflitta non ci aiuta e non rende giustizia alla mossa pericolosa di Lewis in pista. Guardare i festeggiamenti mentre si è ancora in ospedale è un comportamento irrispettoso e antisportivo».

Hamilton, che a onor di cronaca ha chiesto informazioni sulle condizioni del rivale via radio appena dopo l’incidente, è passato alla difensiva:

«Sapevo di dover essere aggressivo con Max per superarlo, ma sono sicuro di avergli lasciato lo spazio».

Scontro verbale proseguito a suon di comunicati e dichiarazioni al vetriolo tra le due scuderie e i rispettivi team principal: «Penso che sia deludente da parte di un sette volte campione del mondo aver fatto una mossa così disperata e mandato un collega in ospedale», ha detto Chris Horner. «Nessuno dei due piloti era disposto a cedere e nessuno ha dato spazio all’altro – ha replicato il team principal Mercedes, Toto Wolff – C’è scritto chiaro nel regolamento che se ti trovi affiancato di mezza macchina all’interno la curva è tua e non di chi è all’esterno che a quel punto deve lasciare spazio». La sfida rischia di sfociare in tensione politica.



L’incidente alla Copse ha lasciato il segno e apre una nuova fase nel campionato mondiale. Hamilton ha tirato fuori gli artigli restituendo a Verstappen le ruotate di Imola e Barcellona. Lewis ha rotto gli indugi: non è più tempo di giochini psicologici (che Verstappen ha definito «stronzate») ma è l’ora di sporcarsi le mani ed entrare a gamba tesa nella tana del lupo, nel tentativo di aprire una crepa nel fortino di Verstappen.

A Silverstone Hamilton ha incassato il colpo nella prima Sprint Race della storia restituendolo a pochi chilometri dal semaforo verde.

Ruota a ruota, muso a muso, sguardi che si incrociano. Hamilton entra alla Copse dall’interno, velocità 290 km/h. Verstappen non alza il piede e si difende come al solito: non pensa ai punti mondiali ma soltanto a respingere l’assalto del rivale. Inevitabile l’incrocio, con la ruota anteriore sinistra della Mercedes che balza sulla posteriore destra della Red Bull. Incidente visto e rivisto, un precedente illustre: Senna-Prost a Suzuka 1990. Un tuffo nel passato.

Una mossa aggressiva che ha confermato la nuova dimensione di Hamilton nella sfida con Verstappen.

«Francamente non credo di aver mai visto Lewis così combattivo come a Silverstone domenica scorsa – ha detto l’ex campione del mondo Damon Hill in una puntata del podcast F1 Nation – Era solo una questione di tempo, prima o poi si sarebbero dovuti scontrare. Tutti e due stavano guidando in modo molto aggressivo».

L’ex boss della Formula 1 Bernie Ecclestone, che alla vigilia del Gran Premio non aveva risparmiato critiche rivolte a Hamilton («è meno combattivo di un tempo»), ha parlato di penalità «non adeguata alla pericolosità della manovra compiuta da Hamilton». «Avrebbero dovuto dare a Lewis una penalità di trenta e non di dieci secondi – ha detto al Daily Mail – Lewis non si trovava davanti a Verstappen nel punto in cui è avvenuto l’impatto e perciò la curva non era sua, era indietro di quasi un metro e infatti ha colpito Verstappen con il muso all’altezza della gomma posteriore destra».



Poi un dietrofront sulla combattività ritrovata di Hamilton: «Questo incidente gli ha dato quella fiducia che ancora non aveva trovato quest’anno. È tornato quello di prima e ora ha molte più possibilità di vincere il suo ottavo titolo mondiale e superare Schumacher».

L’aggressività di Hamilton rischia di diventare un fattore nella lotta mondiale. La ruotata di Silverstone rivela una fame atavica forse assopita dal dominio dispotico delle ultime annate. Hamilton, nelle settimane successive al rinnovo con la Mercedes, è pronto a una nuova rivoluzione: combattere e vincere, accettando la sfida lanciata da Verstappen. C’è vita in Formula 1. Finalmente.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Motori
Giacomo Cunial
20 Giugno 2022

Se Verstappen non sbaglia una curva

E se Ferrari non sfrutta al meglio la macchina.
Motori
Luca Pulsoni
30 Maggio 2022

Per la Ferrari è finito il tempo dei regali

A Monaco tanta isteria e un altro assist alla Red Bull.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Motori
Giacomo Cunial
28 Marzo 2022

Verstappen e Leclerc, il talento nella bolla

Da Jeddah, Arabia Saudita, arrivano conferme.
Motori
Luca Pulsoni
21 Marzo 2022

La Ferrari è tornata, ed era ora

In Bahrain finisce in parata, e i segnali sono ottimi.
Papelitos
La Redazione
6 Marzo 2022

Nikita Mazepin, licenziato perché russo

Il neo-maccartismo continua spedito.
Motori
Giacomo Cunial
24 Febbraio 2022

Non è un paese per piloti

l'Italia è rimasta indietro anche nel motorsport.
Motori
Luca Pulsoni
12 Dicembre 2021

È andata come volevamo

Max Verstappen è campione del mondo dopo una stagione rocambolesca.
Motori
Giacomo Cunial
22 Novembre 2021

Max Verstappen è uno di noi

Il pilota fuori dal coro che stavamo aspettando.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Recensioni
Luca Pulsoni
18 Settembre 2021

Schumi meritava di più

La docuserie Netflix su Michael Schumacher è una vera delusione.
Ritratti
Luca Cameroni
17 Settembre 2021

Daijiro Kato e l’anima del Giappone

Lo spirito del Sol Levante racchiuso nel corpo del suo più grande pilota.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Agosto 2021

Chi ha ucciso Top Gear?

Un'analisi sulla chiusura del programma televisivo più seguito al mondo.
Motori
Giacomo Cunial
23 Agosto 2021

Le Mans è la corsa del destino

Così è stato anche nel 2021.
Altro
Giacomo Cunial
8 Agosto 2021

Valentino, artista eterno

Valentino Rossi non si è ritirato e non si ritirerà mai, semplicemente perché non ci si può ritirare da sé stessi.
Motori
Luca Pulsoni
28 Giugno 2021

Date una macchina a Leclerc

Il monegasco è l’unica certezza per il futuro della Ferrari.
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Ritratti
Luca Pulsoni
16 Giugno 2021

Giacomo Agostini, l’irraggiungibile

Il cannibale delle due ruote.
Motori
Giacomo Cunial
8 Giugno 2021

Bernie Ecclestone, il Napoleone della Formula 1

Un uomo che ha segnato un'epoca.
Motori
Giacomo Cunial
4 Giugno 2021

Ferrari a Le Mans, alla ricerca dell’epica perduta

Un ritorno che sa di storia e identità.
Motori
Luca Pulsoni
26 Maggio 2021

Verstappen è il rivale perfetto per Hamilton

Finalmente in Formula 1 c'è storia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
3 Maggio 2021

Ducati è l’Italia vincente

Miller e Bagnaia portano in alto la Rossa.
Motori
Luigi Fattore
1 Maggio 2021

Ayrton Senna, l’immortale

Da ben prima di quel dannato 1 maggio 1994.
Motori
Luca Pulsoni
17 Aprile 2021

La Formula 1 vuole darsi un taglio

Il budget cap (tetto agli stipendi per i piloti) divide il Circus.
Motori
Giacomo Cunial
16 Marzo 2021

Cosa significa amare un pilota

L'amore irrazionale delle compagne dei piloti da corsa.
Motori
Giacomo Cunial
2 Febbraio 2021

Enzo Ferrari senza filtri

Nel dialogo con Enzo Biagi, il Drake si raccontò in profondità.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Diego Mariottini
10 Gennaio 2021

Per non dimenticare Ignazio Giunti

Cinquanta anni moriva tragicamente il pilota della Ferrari.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio 2021

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Altri Sport
Luca Pulsoni
17 Dicembre 2020

Leclerc è l’uomo di cui la Ferrari ha bisogno

Nella peggiore stagione degli ultimi 40 anni, la speranza per il futuro.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altri Sport
Luca Pulsoni
14 Novembre 2020

Il doping è diffuso anche nella MotoGP?

Il caso Iannone riaccende i riflettori su un tema delicato.
Altri Sport
Luca Pulsoni
10 Novembre 2020

Schumacher e Hamilton oltre i record

Il confronto tra gli uomini che si celano dietro agli idoli.
Altri Sport
Giacomo Cunial
3 Novembre 2020

Mick Schumacher è solo un’operazione di marketing?

Non vorremmo essere nei panni del figlio d'arte.
Ritratti
Giacomo Cunial
10 Ottobre 2020

Giorgio Faletti, un intellettuale al volante

I motori prima di cinema, televisione e scrittura.
Ritratti
Giacomo Cunial
15 Settembre 2020

Colin McRae, guida allo stato puro

25 anni fa l'unico titolo mondiale di un pilota che ha reso pop i motori.
Altri Sport
Antonio Torrisi
14 Settembre 2020

Non abbiamo scelto di nascere cristiani né ferraristi

La Ferrari (oggi più che mai) è un atto di fede.
Altri Sport
Antonio Torrisi
31 Agosto 2020

La Ferrari non ha ancora raggiunto il punto più basso

Una stagione da dimenticare, che purtroppo non è ancora finita.
Altri Sport
Giacomo Cunial
18 Agosto 2020

In Moto GP è questione di coraggio, non di idiozia

Lezione per Zarco: anche il mondo dei piloti ha i suoi limiti.
Tennis
Giacomo Cunial
25 Luglio 2020

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Motori
Antonio Torrisi
23 Luglio 2020

Abbiamo ucciso la Formula 1

Un mondiale che, come da pronostico, è finito prima di iniziare.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Papelitos
Giacomo Cunial
22 Giugno 2020

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.
Altri Sport
Giacomo Cunial
22 Maggio 2020

Il tramonto del Futurismo automobilistico

Sognavamo corse folli e roboanti ma saranno le macchine a guidare le persone.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile 2020

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.