Carrello vuoto
Calcio
25 Settembre

Il Frosinone, leone di provincia

Matteo Paniccia

17 articoli
Grazie alla passione della famiglia Stirpe, il club ciociaro è diventato una della realtà più solide della Provincia del calcio italiano.

Le storie delle finali di Champions League e dei campionati vinti sono stupende, è inutile negarlo. Eppure, la magia del calcio,  fortunatamente ci verrebbe da aggiungere, si nutre di emozioni più semplici, meno “importanti” in termini economici e di visibilità, ma forse ancor più sincere e travolgenti. Stiamo parlando di tutti i traguardi che ogni anno vengono conquistati con impegno, sacrificio e sudore sui campi di periferia e di provincia del Bel paese. Perché se esistono ancora bambini in grado di sognare un goal al Benito Stirpe, invece che al Santiago Bernabeu, lo dobbiamo proprio a queste storie, secondarie soltanto agli occhi di ragiona soltanto con il portafoglio in mano.

 

Un piccolo club di provincia

 

Circa 75 km in direzione sud-est da Roma, su di una collina sopra al fiume Cosa si trova Frosinone, piccolo e laborioso comune di 50000 anime. Fondato dai Volsci come Frusna, quindi conquistato da Roma e ribattezzato Frusino, sorge sui resti di antichissimi insediamenti che si sono sovrapposti lungo il corsi dei secoli, in seguito a devastazioni e saccheggi; inoltre i danni che non fecero le guerre, li provocò un catastrofico terremoto a metà del 1300.

 

Dal centro storico, posto su una collina alta 300 metri circa, si ha la possibilità di ammirare il suggestivo panorama dei rilievi delle Ciociaria, di cui oggi è la “capitale”. Soprattutto, oltre a essere capoluogo di provincia, Frosinone è nota per essere il principale polo commerciale ed industriale del Basso Lazio. Così industria e agricoltura sono le parole chiave di una città che con il calcio “che conta” ha sempre avuto poco a che fare; infatti il suo principale club, il Frosinone Calcio, fu fondato nel lontano 1928, rimanendo nell’anonimato del pallone per parecchio tempo, fino all’arrivo della famiglia Stirpe.

 

«È costituita in Frosinone l’Unione Sportiva Frusinate di Frosinone. Il sodalizio ha come scopo precipuo la diffusione presso le giovani generazioni delle discipline ginniche, della scherma, del football e degli sport atletici col fine della educazione fisica ed intellettuale della gioventù frusinate.» Atto costitutivo dell’US Frusinate, articolo 1, 5 marzo 1906.

 

Genitrice dell’attuale sodalizio è l’Unione Sportiva Frusinate fondata nel 1906, perciò terza società sportiva per anno di fondazione nella regione, dopo SS Lazio e US Formia. Nel 1928 il Frosinone Calcio ne erediterà il leone rampante sullo stemma, già simbolo del comune, privo però della banda con l’inscrizione “Bellator Frusino”; questo appellativo è tratto da Punica di Silio Italico, il più lungo poema epico latino, in cui si omaggia la feroce seppur vana resistenza della città contro l’avanzata di Annibale.

 

Dagli Anni Trenta fino al secondo Dopoguerra, i Ciociari hanno calcato i campi delle serie minori, odierne Promozione, Eccellenza e Serie D, prima di arrivare al fallimento per tre volte, l’ultima nella stagione 1958-1959, dopo essere stata esclusa dal campionato Interregionale per mancanza di denaro. Ma a volte non tutti i mali vengono per nuocere: nel 1963 vide la luce lo “Sporting Club Frosinone”, grazie all’allora presidente Cristofari, che gettò le basi per l’attuale società. La squadra ripartì dalla Terza Categoria e, nel giro di qualche stagione, approdò con molta facilità nel campionato di Serie D. Da qui, riuscì a conquistare anche una storica partecipazione in Serie C, nel 1966.

 

La nascita di una rivalità eterna

 

Proprio in occasione di quella prima promozione in terza serie, nacque una rivalità tutt’oggi ancora accesa: infatti il Frosinone conquistò il salto di categoria ai danni dei vicini del Latina, vittoria che innescò un acceso campanilismo. Le due tifoserie inizieranno ad odiarsi, finendo anche sulle pagine di cronaca locale, per gli arresti avvenuti a seguito di scontri nel novembre 2014. Quello che si disputò nel 2014 sul terreno dello Stadio Francioni di Latina fu il primo derby di Serie B per le due squadre, e a spuntarla fu il club giallazzurro; un esito che diventerà consuetudine, almeno in serie cadetta.

 

Infatti il bilancio di quello che viene chiamato “Derby del Basso Lazio” riporta quattro vittorie su quattro incontri, durante la permanenza in Serie B di entrambe le squadre. Un “poker” che è sempre stato motivo di vanto per la tifoseria gialloblù e che, data la distanza tra le varie categorie delle due squadre (il Latina è attualmente in Serie D), difficilmente potrà essere cancellato sul campo nel breve periodo.

 

 

“Non cedete loro nulla, ma prendete da loro tutto”: la spinta della Curva Nord del Matusa prima del derby di Aprile 2015.

 

 

A rinverdire l’astio tra le due fazioni, nel novembre 2015 fu il portiere del Genoa, Mattia Perin, che in post pubblicato su Instagram scrisse che “chi nasce pecora non può morire leone”, alla vigilia del match di Serie A tra rossoblù e Frosinone, nel primo anno di permanenza nella massima serie da parte del club ciociaroIn seguito alla provocazione del portiere pontino, di nascita e fede, si sollevò un polverone mediatico di polemiche, e la società genoana costrinse l’estremo difensore a rimuovere il tutto; in ogni caso il numero uno ci tenne a dichiarare: «Fosse per me, l’avrei lasciato e ne avrei messo anche un altro».

 

 

Industria e pallone

 

Nonostante la soddisfazione di aver raggiunto in pianta stabile il campionato cadetto partendo dalla terza categoria, la famiglia Stirpe, insediatasi alla guida della società nel lontano 1967, ha raggiunto l’apice della gloria nel 2014, grazie alla presidenza di Maurizio, il patron della prima promozione in Serie A. In verità l’ascesa della famiglia al titolo di più influente della provincia comincia già dalla Prima Spa, azienda manifatturiera fondata da Benito Stirpe nel 1976, dopo un fortunato ventennio nel campo dell’edilizia.

 

Ereditato il ruolo di suo padre, l’attuale presidente Maurizio è infatti riuscito a progettare un importante percorso di crescita, sul lato sportivo ed industriale, culminato con l’approdo in Serie A nel campionato 2014-2015 e la costruzione di uno stadio di proprietà intitolato proprio al genitore.

 

Il moderno impianto dal 2017 ha sostituito lo storico Stadio Matusa, che però rimane tutt’ora meta di pellegrinaggio per ogni tifoso ciociaro, soprattutto ora che il suo prato è diventato un punto di ritrovo per i giovani della città. Un autentico luogo dell’anima che sopravvive al progresso, perché è proprio da quelle tribune, di legno prima e d’acciaio poi, che gli appassionati hanno visto il Frosinone conquistarsi ogni singola categoria.

 

«Lo stadio è stato concepito per lasciare qualcosa al territorio. È stato fatto per i tifosi, che sono poi i veri proprietari di questo impianto. Noi siamo amministratori pro tempore, i tifosi restano.» Le parole di Maurizio Stirpe sulla nuova casa del Leone.

 

Lo storico percorso che ha portato alla conquista della massima serie prende il via nella stagione 2012-2013, quando Maurizio Stirpe decise di affidare la panchina a Roberto Stellone, tecnico della Primavera, dopo un’anonima stagione conclusasi al nono posto nel campionato di Serie C. L’esordio sulla panchina della prima squadra valse il settimo posto, mentre nella stagione 2013-2014 il secondo posto significò il ritorno in cadetteria.

 

Da allora i ciociari non sarebbero più scesi nell’infernale terza serie. Ma le sorprese non erano ancora finite. Il leone iniziò il campionato alla grande e, anche grazie all’acquisto di Federico Dionisi, oggi diventato una bandiera del club, Stellone riuscirà nel miracolo: festeggiare, nella penultima giornata in casa contro il Crotone, la prima storica promozione in Serie A.

 

 

La riconoscenza della curva nei confronti della famiglia Stirpe, nel giorno dell’inaugurazione del nuovo stadio.

 

 

Allora quella disputatasi il 16 maggio 2015 non è stata una semplice celebrazione di un risultato sportivo. No, quella partita terminata con il risultato di tre a uno per i padroni di casa è stata la festa di una città intera. Nella stagione successiva, il Frosinone sarà solamente una comparsa ed il diciannovesimo posto comporterà il ritorno in B, ma quell’annata ha segnato una svolta epocale nell’immaginario del tifo locale. Da allora, il cuore di moltissimi “tifosi di provincia” batte per due squadre: quella della propria città, emblema di un ritrovato orgoglio, ed uno dei soliti squadroni.

 

Così, con la conquista della prima “passerella” in Serie A, la squadra di Maurizio Stirpe è diventata una delle realtà provinciali più virtuose e solite del calcio italiano. Nonostante la sconfitta nell’ultima finale dei playoff contro lo Spezia, oggi il Frosinone è pronto ad una nuova rincorsa verso la massima serie. Il club ciociaro può guardare con speranza al futuro, forte della consapevolezza che ora tanti bambini della città non sognano di gonfiare la rete di San Siro, dello Stadio Olimpico o dell’Allianza Arena, bensì del Benito Stirpe.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Papelitos
Matteo Paniccia
9 Marzo 2022

Non tifare, investi! (e perdi)

Perché i fan token sono pericolosi.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2021

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Italia
Giacomo Maria Bertocco
5 Marzo 2021

Resurrezione a Venezia

La città più bella del mondo nel calcio, tra nostalgie e speranze.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Febbraio 2021

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Ritratti
Domenico Rocca
6 Febbraio 2021

Erasmo da Taranto

Erasmo Iacovone, l’uomo e il simbolo.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Matteo Mancin
19 Gennaio 2021

La favola del Castel di Sangro

Memorie sull'indimenticabile cavalcata condotta da Osvaldo Jaconi.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Calcio
Alberto Fabbri
29 Dicembre 2020

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Tifo
Emanuele Meschini
17 Dicembre 2020

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre 2020

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Calcio
Andrea Mainente
6 Novembre 2020

Lunga vita al Lanerossi Vicenza

La squadra e la città, unite per sempre.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre 2020

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre 2020

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Calcio
Alberto Fabbri
6 Ottobre 2020

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Calcio
Giuseppe Cappiello
20 Settembre 2020

Il calcio a Bari è un Ideale

Il pallone dal basso che non si arrende al business.
Storie
Diego Mariottini
17 Settembre 2020

Chiedi chi era Angelo Schiavio

Il più grande cannoniere del Bologna, l’uomo della Provvidenza in azzurro.
Tifo
Domenico Rocca
15 Settembre 2020

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Calcio
Luca Pulsoni
20 Agosto 2020

La dura vita delle neopromosse in Italia

Neanche salgono in Serie A, e già sono con un piede in Serie B.
Papelitos
Sebastiano Caputo
18 Agosto 2020

La Serie A sta diventando una casa di riposo

Da campionato più bello del mondo a resort di lusso.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.