Carrello vuoto
Papelitos
18 Gennaio

Fuochi a San Siro

Paolo Pollo

9 articoli
Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.

D’accordo, c’è il Covid. D’accordo, manca il pubblico e gli stadi sono gelidi non solo dal punto di vista meteorologico. D’accordo, bisogna pur inventarsi qualcosa per rendere spettacolare un match importante. Siamo d’accordo su tutto. Ma domenica 17 gennaio, il calcio italiano ha vissuto un altro momento che non si sa se definire esilarante o grottesco: la partita giocata con i fuochi d’artificio.

 

Inter e Juventus scendono in campo, Handanovic e Chiellini si scambiano i gagliardetti. Le squadre sgambettano nelle rispettive metà campo per completare il riscaldamento. A quel punto parte una raffica di fuochi d’artificio colossale, massiccia, esagerata. Ma soprattutto assurda.

 

Il calcio, come buona parte degli sport, è fatto di partecipazione emotiva e di concentrazione. Gli attori sono due: il pubblico, con la sua passione e il suo tifo, e i giocatori che sfruttano quegli ultimi istanti per focalizzarsi sul match. Non c’è spazio per altro, in teoria. Non certo per un’esplosione di fuochi d’artificio che trasforma istantaneamente “il derby d’Italia” o “il big match della giornata” in una sagra paesana. Perché l’effetto è quello.

 

 

Doveri fischia l’inizio e per 1’32” si gioca in un clima da veglione di Capodanno. Uno spettacolo surreale. Bonucci segnala addirittura un problema ad un occhio, di cui non si capisce l’origine: forse un appannamento dovuto ai fumi che si addensano sul campo? Qui siamo all’evoluzione dei fumogeni di antica memoria. Fortunatamente, i fuochi si placano. La partita procede nel clima surgelato di questo ultimo anno agonistico. Poi, al 13’, l’Inter va in vantaggio con un colpo di testa di Vidal. L’emblema di una serata paradossale: il giocatore più criticato della squadra di Conte segna contro i suoi ex compagni bianconeri. Si capisce che è una domenica strana. 

 

Infatti i fuochi ripartono all’istante per celebrare il goal del cileno. Roba di un minuto, non di più. Ma sufficiente a capire che c’è un disegno dietro. C’è una regia. Di chi è questa regia? Sarebbe interessante saperlo.

 

Se l’idea è dell’Inter, beh, forse un club così prestigioso poteva risparmiarsi una paesanata del genere. Uno come Moratti, cultore dell’understatement, sarebbe inorridito. Se l’idea è dei tifosi, di sicuro non si può non apprezzarne la dedizione e l’amore: purtroppo, però, il risultato estetico non cambia. Tanto valeva far partire una canzone di Fiorella Mannoia. Costava meno, con ogni probabilità, e l’effetto tristezza sarebbe stato identico.

 

Il fumo, che si intravede in foto, non ha comunque potuto nascondere la sproporzione fra i due reparti di centrocampo (Photo by Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images )

 

 

Come se non bastasse, ci sono altri due aspetti curiosi, ma non marginali, da sottolineare. Il primo è il valore anacronistico dell’iniziativa. Un’esplosione di fuochi d’artificio a maggio o a giugno potrebbe in teoria avere un tocco sorprendente, ma quindici giorni dopo Capodanno è comunque depotenziata. Il secondo è che questa trovata arriva tre ore dopo Liverpool-Manchester United, che è un po’ l’Inter-Juventus di Inghilterra e della Premier. Quest’anno, lo è anche in termini di classifica. Lì nessuno si è lontanamente immaginato di scatenare effetti pirotecnici per rendere “più viva” la partita, e sì che siamo nel campionato più spettacolarizzato del mondo.

 

La realtà è che il calcio italiano appare alla disperata ricerca di un’epica che in questo momento è latitante. In tutte le sue componenti. Quindi si ricorre agli effetti speciali, trasformando una fredda serata milanese in un Ferragosto fuori stagione.

 

Cosa ci dobbiamo aspettare ancora? La consegna di una fuoriserie “in diretta” all’autore del goal? Una torta al portiere che ha appena parato un calcio di rigore? Cento modelle/i nude/i che corrono attorno al campo per tutti i 90 minuti? Paracadutisti che atterrano durante i cooling break estivi? C’è un’inquietante aria di avanspettacolo attorno ai nostri campi.

 

 

In questa stravagante serata c’è un altro sconfitto, oltre al buongusto: Nicolò Barella, che al 51’ realizza un bellissimo goal in contropiede su lancio di Bastoni. Ma i fuochi d’artificio non esplodono. Non partono proprio. Il silenzio cimiteriale è rotto solo dalle urla di esultanza dei giocatori dell’Inter. A questo punto vogliamo saperlo. Perché non c’è stato nessun botto? Discriminazione contro i sardi? Ordinanza immediata del sindaco Sala (che pure è interista)? Protesta ufficiale della Juventus. Lo scopriremo solo vivendo. Sui social.

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
pellicole
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Italia
Matteo Albanese
29 Gennaio

Long live Pellegri

Da Genova al Principato sono solo 180 km.
Italia
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Cultura
Annibale Gagliani
5 Luglio

Berlinguer, l’amore e il calcio

Il Compromesso storico, Agnelli, la Juventus e Togliatti.
Italia
Luigi Fattore
29 Settembre

Prove da anti-Juve

Siamo ancora a settembre, ma la supersfida dell'Allianz Stadium sembra già decisiva.
Italia
Lorenzo Santucci
12 Settembre

L’uomo giusto

L'importanza di Spalletti per la rinascita dell'Inter.
Italia
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Italia
Luca Pulsoni
8 Dicembre

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Luglio

La dialettica di Antonio Conte è ormai superata

L'allenatore leccese è rimasto juventino dentro.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
pellicole
La Redazione
15 Marzo

Eternamente Ronaldo

Da un frammento di Sfide, una giocata incredibile del fenomeno brasiliano. Commenta Pizzul.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
storie
Diego Mariottini
20 Gennaio

La tripletta di Anastasi e la parolaccia di Ameri

Un ricordo di Pietro Anastasi, nell'unico pomeriggio in cui Enrico Ameri cadde nel turpiloquio.
Papelitos
Michelangelo Freda
27 Novembre

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Papelitos
Lorenzo Solombrino
27 Marzo

Moggi è stato premiato al Senato

Il riconoscimento alla carriera conferito a Luciano Moggi, in un'aula del Senato, è l'ennesima prova di un Paese senza memoria.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Agosto

Senza CR7 e Neymar non è circo

Nei Paesi privi di cultura calcistica conta più il singolo della squadra, in una deriva individualista che sta spolpando il calcio.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Italia
Lorenzo Fabiano
19 Giugno

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Italia
Gezim Qadraku
4 Marzo

Vero nueve

La rinascita di un ruolo storico per il calcio (italiano). Dopo le esplosioni di Petagna con l'Atalanta e di Belotti con il Torino è arrivato il momento di Alberto Cerri, classe 1996.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Ritratti
Marco Armocida
19 Ottobre

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
recensioni
Luigi Fattore
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.
Italia
Remo Gandolfi
9 Aprile

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Podcast
La Redazione
2 Ottobre

San Siro non si tocca

Ne abbiamo parlato con Riccardo Aceti, ingegnere al Politecnico di Milano.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Ritratti
Marco Metelli
23 Novembre

Hector Cúper

Fenomenologia di un antieroe.
Italia
Luca Giorgi
10 Novembre

Semplicemente Alex

Un ricordo dell'uomo Alessandro Del Piero, ancor prima che del calciatore.
Estero
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Federico Brasile
4 Febbraio

Quella vecchia volpe di Rocco Commisso

Come non amare il funambolico e spettacolare patron viola?
Italia
Michelangelo Freda
22 Ottobre

Juventus: l’apparente quiete prima della tempesta

Cosa ci dobbiamo aspettare dall'inchiesta che Report manderà in onda stasera?