Carrello vuoto
Recensioni
22 Maggio

I Furiosi

Alberto Fabbri

78 articoli
Nanni Balestrini ha composto il primo ed inimitabile poema sugli ultras italiani.

“Arriviamo all’aeroporto eravamo partiti presto la mattina e come succede sempre dopo un’ora che siamo partiti eravamo già tutti sconvolti brasati come sempre quando partiamo in treno pullman e tutto quanto lì dopo un’ora tutta la gente è sistemata non ce n’è più uno a posto è la sconvoltura generale questo succede quando la partenza non è di notte..” Dopo nemmeno cinque righe, la sorte del lettore de’ “I Furiosi” è già segnata: la tempesta di parole non lascia scampo ed è inutile cercare punti o virgole, dietro a cui nascondersi e tirare il fiato. La sfida di Nanni Balestrini è lanciata.

 

 

Come un animale in via d’estinzione, oggi il lettore è chiamato a difendersi con maggior ferocia nella lotta per la sopravvivenza, quindi non può gettare la spugna di fronte a questa minacciosa ed incalzante prosa. Egli deve provare a sopravvivere fino alla fine del primo capitolo, anzi canto. Perché, sebbene il proemio non sia il celeberrimo “Cantami, o diva..” di Omero, è proprio in termini epici che l’autore introduce le gesta dei protagonisti.

 

“..mi ha portato la prima volta che avevo 6 anni mi ricordo che era un derby che abbiamo vinto 1 a 0 però quello che mi ricordo di quella partita non è la partita quello che mi colpiva era lo spettacolo dei tifosi non riuscivo a guardare la partita più di tanto perché ero attratto da questi cori da tutte queste cose che succedevano lì nella curva dalle bandiere dalle trombe dai fuochi dai tamburi..” (1)

 

Zigolo, Germano, Nibbio, Falco e Martino sono i guerrieri dell’esercito irregolare delle Brigate Rossonere, famoso e temuto gruppo ultras, come pochi altri negli stadi italiani. Sono cavalieri scellerati ed erranti nella modernità, antieroi privi di morale, eppure rispettosi di un codice non scritto. L’estremo sostegno dei propri colori, i rossoneri del Milan, e la strenua difesa del gruppo sono i principi del loro credo. Nient’altro che fede e onore: due valori che rendono gli ultras degni di essere raccontati quali ultimi ribelli, nel tramonto degli anni ’80.

 

 

Allora, non si stupisca il lettore se l’intera trama si sviluppa attorno ad un furto ed alla conseguente fuga attraverso il mare (ricorda qualcosa? nda), su cui poi si innestano ricordi, confessioni e confidenze. Gli aneddoti romanzati della quotidianità dei ragazzi di stadio si alternano agli episodi realmente accaduti nella cronaca ultras; tra i tanti, proprio l’iniziale sottrazione dello striscione cagliaritano, a cui si deve il titolo, oppure il YNWA cantato nel minuto di raccoglimento della finale Milan-Real Madrid del 1989. La narrazione è affidata alle voci dei protagonisti, in una sorta di inarrestabile flusso di coscienza che bandisce la terza persona. Una prospettiva che nasce al momento della genesi del romanzo stesso, dal significativo incontro tra l’autore ed alcuni esponenti delle BRN.

 

 

Le parole di Nanni Balestrini e di Fabrizio Parenti, regista della trasposizione teatrale del 2016

 

 

Tale espediente narrativo, estremizzato dall’abolizione di qualsiasi punteggiatura, trae spunto dalla militanza di Balestrini nel Gruppo 63 e dalle sue precedenti opere “Vogliamo tutto” e “La violenza illustrata”. Il tentativo è quello di restituire quanto più fedelmente possibile il linguaggio orale, il gergo parlato sulle gradinate e nella periferia milanese, che transita verso l’ultimo decennio del ‘900. Così, se il lettore, che non frequenta spalti e gradinate, può godere del massimo realismo, allo stesso modo il tono è fortemente evocativo anche per il pubblico che vive l’ambiente delle curve. Le voci rauche al termine di una partita, gli schiamazzi sul pullman e la lingua intorpidita da una nottata di bagordi, emergono vivide dal ritmo apparentemente forsennato delle righe, ma soltanto per chi sa coglierle.

 

 

Inoltre, i periodi travolgenti ed inarrestabili esaltano gli attimi concitati degli scontri, in cui deflagra la violenza, protagonista comprimaria dell’opera. Azioni che spesso appaiono fini a sé stesse, estetiche; mischie furibonde in cui si potrebbero scorgere Alex DeLarge ed i suoi Drughi. Una violenza vitalistica e liberatoria, ma disperata allo stesso tempo, unica risposta rimasta ai protagonisti, di fronte alle vuote promesse della società di cui occupano i margini. Soprattutto un rito collettivo ed ancestrale.

 

“..soprattutto c’è il fatto che la violenza è bella perché ce l’abbiamo nel sangue c’è la bellezza di quando spacchi tutto è un momento che ti esalta quando vedi la fiammata o il poliziotto che scappa o quando arriva il blindato e sei in mezzo ad un carosello quando senti i vetri che cadono l’odore dei lacrimogeni le fiammate delle molotov la gente che corre le urla è un attimo che sale sale sale e poi tutto esplode..”(2)

 

In conclusione, cosa rimane al termine di questo nubifragio letterario? Sicuramente il lettore non si aspetti una morale riguardo le imprese dei protagonisti e nemmeno un’indagine sociologica sul mondo delle curve. Se si ritiene in grado, lo tragga da sé un giudizio sulle vicende narrate, perché Nanni Balestrini fornisce tutti gli elementi necessari. “I Furiosi” sono il diario collettivo di una generazione, la confessione di una gioventù che cerca una zattera di salvezza nella mare del nichilismo moderno e la trova sui gradoni di stadio, dietro ad uno striscione.

 

 

Sì, le pagine sono intrise di violenza, alcool e droghe, ma non solo. Vi è il disimpegno dalla attività politica, il disagio giovanile e la lotta tra gli ultimi per la sopravvivenza nelle periferie, mentre sullo sfondo cambiano il modo di vivere il calcio, la repressione e l’intera società. Soprattutto il lettore perspicace sa cogliere la scelta di campo compiuta da questi ragazzi, più o meno consapevolmente. La verace testimonianza di coloro che si sono aggrappati a fede e onore come anacronistici cavalieri, oppure ad appartenenza ed aggregazione in quanto ultimi ribelli. Per vivere fuori dalla società e dalle sue gabbie, materiali e mentali.

 


(1), (2) le citazioni sono tratte da “I Furiosi” di Nanni Balestrini (DeriveApprodi 2004; prima edizione 1994, Milano);
In copertina, la balaustra delle Brigate Rossonere al secondo anello dello Stadio Meazza in San Siro (da Maglia Rossonera)

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Matteo Zega
11 Giugno 2022

Giovanni Arpino, un apolide dell’esistenza

Il pallone in poesia e in purezza.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tennis
Diego Mariottini
7 Giugno 2022

Il rogo del Ballarin, una tragedia dimenticata

Il più grande dramma in uno stadio italiano, in un periodo molto delicato.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Cultura
Sergio Taccone
26 Aprile 2022

L’autunno, l’Argentina, la guerra

Osvaldo Soriano racconta i sogni, il calcio e il conflitto.
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Cultura
Gabriele Fredianelli
15 Marzo 2022

Benfica, letteratura e nostalgia

Lobo Antunes, l'Aguas della letteratura.
Papelitos
Matteo Paniccia
9 Marzo 2022

Non tifare, investi! (e perdi)

Perché i fan token sono pericolosi.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Ritratti
Domenico Rocca
3 Novembre 2021

Romeo Anconetani, il vescovo di Pisa

L'urlo della provincia in un calcio a misura d'uomo.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Cultura
Andrea Mainente
7 Ottobre 2021

Alfonso Gatto, un poeta allo stadio

Vita, calcio e ciclismo come un'unica testimonianza d'amore.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Cultura
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Battiato e il calcio, spirito e materia

La meno conosciuta tra le passioni del cantautore siciliano.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo 2021

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Febbraio 2021

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Ritratti
Domenico Rocca
6 Febbraio 2021

Erasmo da Taranto

Erasmo Iacovone, l’uomo e il simbolo.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Cultura
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2021

Albert Camus, il portiere che amò il calcio alla follia

Non si può scindere il pensatore dal calciatore.