Carrello vuoto
Critica
16 Dicembre

Gaia Piccardi e la teoria del digerire con l’intelletto

Pippo Russo

24 articoli
Balzano agli onori di Pallonate anche basket e ciclismo!

Prima o poi arriva il momento delle domande che interrogano sui significati ultimi dell’esperienza umana. Piombano inattese e rimangono non risolte, perché la loro vera funzione è lasciar dentro una crepa d’irriducibile dubbio. Io questo dubbio me lo porto da quando nacque Pallonate, nel 2000. E in quasi diciotto anni d’attività non sono ancora venuto a capo dell’interrogativo cruciale: esiste al mondo qualcuno che scriva peggio di Gaia Piccardi? Dopo un lasso di tempo così grande, confesso, non sono ancora riuscito a dare una risposta. Nel senso che, nonostante ogni sforzo, non ho proprio trovato qualcuno che scriva in modo più agghiacciante di quanto faccia l’inviata del Corriere della Sera. E io continuo a non rassegnarmi, e a dirmi che da qualche parte dovrà pur esserci uno o una che tocchi un abisso più profondo. Ma poi leggo articoli come quello pubblicato nell’edizione del 14 dicembre e capisco d’essermi intestato una missione impossibile. Il pezzo in questione era dedicato al test antidoping positivo in cui è incappato Chris Froome, in occasione d’una tappa dell’ultima Vuelta de España. Lì le piccardate prendevano immediatamente il via, laddove il ciclista britannico veniva descritto come un uomo di “186 centimetri e 69 chili di nervi tesi come una corda di violino”. E già dai “nervi tesi come una corda di violino” avete la misura di quanto Piccardi sia originale nello scrivere. Ma era solo l’inizio. Poco dopo Froome veniva raccontato come “impermeabile alle radiazioni della kriptonite ma scivolato su una buccia di salbutamolo”. Boh? Poco sotto si leggeva:

(…) Christopher Froome, figlio di Jane e Clive, fratello minore di Jonathan e Jeremy, marito di Michelle e padre di Kellan (…).

E magari, dopo averne esposto lo stato di famiglia, la prossima volta ci darà pure il certificato catastale del quattro volte vincitore al Tour de France. E ancora, nel pezzo si informava che Froome

(…) è da anni sospettato per giustificare certe imprese mostruose, difficili da digerire con l’intelletto.

Una frase scritta in modo raccapricciante. A partire dal passaggio in cui si dice che qualcuno “è sospettato per giustificare imprese mostruose”. Che espressa in questa formula significa una beata minchia. Il concetto voleva essere: “poiché Froome compie imprese mostruose, allora è sospettato”. Trasformarlo in “è sospettato per giustificare imprese mostruose ” equivale a massacrare la logica e l’italiano. Un totale non senso. Quanto al fatto che si possa “digerire con l’intelletto”, direi che nella stessa misura si possa cogitare col Guttalax.

.

Nella medesima edizione del Corriere della Sera, e sullo stesso tema, si è cimentato Paolo Tomaselli. Che è stato chiamato a esprimere un’opinione sulla vicenda, e già questo basterebbe per chiudere ogni discorso sul Corriere della Sera. Un luogo dove l’intelletto e stato bell’e digerito da mò. A ogni modo, dato che Tomaselli ha espresso la sua “opinione”, ve la riporto:

Altrettanto complicato però è sostenere che questa vicenda getta un’ombra su tutte le vittorie dell’inglese.

Di sicuro la scrittura di Tomaselli getta un’ombra sull’uso del conguntivo.

.

 

Sì, lo so che da troppo tempo non vi regalo un bell’adanismo. E allora eccovi serviti con una doppietta piazzata da Daniele Word Cloud Adani durante la telecronaca di Napoli-Fiorentina, del 10 dicembre. Al 15′ ha commentato così un’azione d’attacco della Fiorentina che è stata vanificata da un fuorigioco:

Qualche minuto di adattamento, per la squadra di Pioli, e poi una buona personalità, qua Chiesa è al di là di tutti, anche se aveva perso il contatto… visivo con l’avversario, Mario Rui, invece lì, guadagnare sì la linea, quindi Koulibaly è il riferimento del terzino portoghese, del Napoli, per dare un occhio e non avere la percezione della posizione dell’avversario.

E intanto che si svolgeva cotanto sproloquio sul contatto visivo, il gioco riprendeva e la Fiorentina applicava bene il pressing. Ciò che dava modo a Adani di dire:

Sì! Viene tutto da un pressing avanzato, e quindi da… la capacità della Fiorentina di diversificare le altezze di pressione ehm… anche in questo caso guarda come sono già alti, lasciano quello sviluppo che, di cui abbiamo parlato all’inizio, però quando riesce la squadra di Pioli cerca di andare ad attaccare nella prima costruzione del Napoli.

 

 

Pensate che duetto sarebbe fra Gaia Piccardi e Daniele Word Cloud Adani: fra un intelletto che digerisce e una diversificazione delle linee di pressione, avemmo netta l’impressione di ritrovarci dentro l’ultimo quarto d’ora dell’umanità.

.

Nell’edizione del Corriere dello Sport-Stadio del 15 dicembre, un titolo surreale campeggiava a tutta pagina nella sezione dedicata al basket:

“SÍ, HO CAPITO”

Era una frase di Pietro Aradori, guardia della Virtus Bologna pronto a ammettere alcune sue defaillance. E se tanto mi dà tanto, nei prossimi giorni il quotidiano diretto da Alessandro Vocalelli potrebbe usare come titolo una frase pronunciata dal conte Raffaello Mascetti in Amici miei:

“BEATO TE CHE ‘UN TU CAPISCI UNA SEGA NULLA”

25440774_1582670245159302_1086540209_o
Ha capito…

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Editoriali
Valerio Santori
8 Settembre 2021

Marcelo Bielsa, la banalità del mito

El Loco ha sempre ragione, a prescindere.
Ritratti
Francesca Lezzi
28 Agosto 2021

Tim Duncan, The Big Fundamental

Quando la normalità è extra-ordinaria.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Ritratti
Diego Mariottini
4 Maggio 2021

Bob Morse aveva l’Italia dentro

Il biologo (e professore) più vincente della pallacanestro italiana.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Papelitos
Valerio Santori
29 Marzo 2021

La pornografia della Bobo TV

A noi, però, mancano le storie d'amore.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Papelitos
Luigi Fattore
22 Dicembre 2020

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Un modello di “informazione” devastante.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre 2020

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Editoriali
Lorenzo Ottone
2 Agosto 2020

Il Bomberismo è una piaga culturale e sociale

In ritardo di vent'anni i bomber non si arrendono.
Basket
Matteo Viotto
31 Luglio 2020

NBA, l’ultimo classico di Walt Disney

Stanotte riparte lo spettacolo, nel cuore della fantasia.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio 2020

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Ritratti
Giovanni Poggi
30 Marzo 2020

L’impareggiabile Carlton Myers

L'uomo record della pallacanestro italiana.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio 2020

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.