Carrello vuoto
Altro
9 Novembre

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

Luca Pulsoni

72 articoli
I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.

C’erano una volta le Olimpiadi. Almeno quelle che conoscevamo, con la ginnastica, il ciclismo e il pugilato. Ma la rivoluzione incombe e le nuove generazioni avanzano. I Giochi del Commonwealth, che riuniscono 54 stati indipendenti con passata appartenenza all’impero britannico, hanno messo la testa in avanti: via le discipline tradizionali, spazio agli sport urban, più giovani e moderni. Per la gioia della Generazione Z, l’eldorado dei giorni nostri.

I Giochi del Commonwealth si disputeranno l’estate prossima a Birmingham, dopo le turbolenze finanziarie che hanno portato al forfait della città di Durban. Il programma delle gare prevede 15 sport, due dei quali “congelati” per regolamento: si tratta di atletica e nuoto, inamovibili per la loro “universalità”. Il resto del programma rappresenta una prateria per la fantasia degli organizzatori e la tendenza sembra una soltanto: si fa la rivoluzione. Gli organizzatori sono incoraggiati dalle nuove linee guida a scegliere quelle discipline e quelle gare «rilevanti – scrive il Telegraph – per la loro nazione o cultura, aumentando la prospettiva che sport di nicchia come il kabaddi siano inclusi in una potenziale edizione dei Giochi del Commonwealth in India o allo stesso modo il lacrosse in Canada».

Dall’edizione del 2026, gli sport previsti passeranno dagli attuali 15 a 20, ampliando il ventaglio a disposizione delle città ospitanti. Che si prevede saranno più di una, per limitare le spese ma anche per inserire più discipline di forte impatto locale. Ma non finisce qui. La CGF, Commonwealth Games Federation, non ha escluso l’ingresso ai giochi delle discipline elettroniche, meglio note come esports. Abbiamo già detto molto sull’argomento ma teniamo a ribadire: «No, pietà!».



In tal senso, suonano nefaste le parole del presidente Louise Martin alla BBC: «I nostri Giochi devono adattarsi, evolversi e modernizzarsi per garantire che possano continuare a mantenere la loro rilevanza e il loro prestigio». Del resto, il cambio di rotta si era intuito già dagli ultimi giochi olimpici di Tokyo, in cui gli organizzatori hanno inserito nel programma basket 3×3, arrampicata sportiva, skateboard (14 anni e 191 giorni l’età media sul podio), surf e karate. A Parigi, inoltre, è previsto il debutto della break-dance.

Il modello dei Giochi del Commonwealth, che mirano a diventare più accessibili e fruibili alle nuove generazioni, apre scenari drammatici per lo sport tradizionale: se la tendenza sarà confermata, diremo addio a molte delle discipline che hanno contribuito a scrivere la storia dello sport. L’industria dello sport, logorata dalla crisi pandemica, sembra aver trovato nella Generazione Z il sentiero da percorrere nella ricerca dei denari perduti.

La minaccia agli sport tradizionali arriva, nemmeno a dirlo, dagli esports. L’analisi di mercato “Gaming & Esports”, realizzata da Cross Border Growth Capital, ha snocciolato i numeri di un impero: nel 2020 il giro d’affari del settore si aggirava sui 175 miliardi di dollari. L’indagine ha evidenziato oltre 2,7 miliardi di gamer in tutto il mondo. Per quanto riguarda il gaming competitivo, nel 2020 i ricavi si sono assestati attorno al miliardo di dollari, destinati a crescere fino a 1,6 miliardi nel 2024.


Per capire e cambiare lo sport del futuro

non si può prescindere da una conoscenza ampia e interdisciplinare.

Iscriviti a GEM Sport


Numeri che ingolosiscono sponsor e stakeholders: basti pensare che il torneo di League of Legends – uno dei videogiochi online più in voga del momento – ha superato il Super Bowl in termini di pubblico (100 milioni di spettatori live contro 98 milioni). È chiaro, dunque, come il settore gaming & esports stia passando da mercato parallelo a vero e proprio competitor dell’industria sportiva. Da qui nasce il tentativo delle istituzioni dello sport – leghe ma anche federazioni – di allargare il perimetro degli affari abbracciando gli sport elettronici, nell’ottica di attrarre la fetta di utenti gamer, che la ricerca di Cross Border divide tra Millennials e Z.

Cosa aspettarsi allora dal futuro? La tendenza è ormai netta: più che nello sport di base, gli investimenti sembrano confluire negli sport di ‘ultima generazione’ se non addirittura nelle discipline elettroniche. Mentre lo sport di base si imbatte in labirinti burocratici per accedere a fondi e strutture, l’urban sport raccoglie persino sponde politiche: non è passata inosservata, a tal proposito, le presenza di molti leader politici su piattaforme come Twitch o TikTok (isole felici di nerd e gamer), in cui bivaccano, per lo più, giovani dai 18 ai 25 anni. Guarda caso la fascia d’età in cui dilaga l’astensionismo. Che anche la politica abbia trovato terreno fertile nella Generazione Z? Lo sport, è proprio il caso di dirlo, sembra aver giocato d’anticipo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Leonardo Aresi
14 Marzo

Esports alle Olimpiadi? No, pietà!

Impediamo ai nerds di mettere le mani sui Giochi.
Altro
Giacomo Orlandini
27 Aprile

L’ideologia del record andrà in crisi

Quando non ci saranno più barriere da poter superare, l’atletica avrà ancora senso di esistere?
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Ritratti
Alberto Girardello
25 Maggio

Mo Farah

L'uomo da battere.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Ritratti
Alberto Fabbri
4 Agosto

Ondina Valla

Il sole in un sorriso.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Altro
Alessandro Autieri
27 Febbraio

Cos’è successo a PyeongChang 2018

Da Ledecka alle Coree unite, dal record di Fourcade alla Russia dimezzata e disobbediente; un lungo viaggio all'interno di ogni disciplina dell'Olimpiade appena terminata.
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Federico Brasile
12 Luglio

L’Algeria nella (dis)integrazione francese

Un morto, diversi feriti, vetrine sfasciate, scontri con la polizia e 74 fermi: ecco il bilancio del modello di integrazione francese.
Altro
Alessandro Autieri
22 Gennaio

I Fourcade, due pesci combattenti

Il dualismo tra Simon e Martin Fourcade si è risolto in modo inaspettato, facendo la Storia.
Altro
Alessandro Imperiali
31 Marzo

Il significato etico e politico delle Olimpiadi greche

Molto più di una semplice competizione sportiva.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Altro
Giacomo Rossetti
5 Luglio

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Ritratti
Jacopo Benefico
13 Ottobre

Ian Thorpe, se la gloria cela lo spettro della depressione

Una vita in vasca tra estasi e ricadute.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Interviste
Giuseppe Gerardi
15 Marzo

Riccardo Cucchi, la voce degli Italiani

Una carriera passata a raccontare la religione laica di un popolo. Intervista a Riccardo Cucchi.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.
Altro
Giacomo Rossetti
25 Luglio

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Altro
Alberto Maresca
28 Aprile

Gli eSports sorridono mentre il mondo è in quarantena

Il Coronavirus riempie le tasche degli eSports, tra scommesse e finanziamenti continui.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Calcio
Diego Mariottini
15 Agosto

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Altro
Francesco Domenighini
23 Luglio

Le Olimpiadi mutilate

Al via i Giochi più discussi di sempre.
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.
Ritratti
Edoardo Salvati
11 Ottobre

Jury Chechi, sfidare i limiti della fisica

Jury Chechi non è soltanto una leggenda degli anelli, ma è anche un'icona nazionale.
Altro
Francesco Zambianchi
12 Febbraio

Johannes Høsflot Klæbo

Lo sci nordico sta vedendo nascere la sua nuova stella: ha 21 anni ed è già il favorito. Per vincere tutto.
Altro
Lorenzo Santucci
26 Gennaio

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Recensioni
Gezim Qadraku
17 Gennaio

L’ultima estate di Berlino

Federico Buffa e Paolo Frusca ci raccontano la storica Olimpiade del 1936. Un romanzo di sport, passione e ferocia.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
Papelitos
Alberto Girardello
18 Dicembre

Valanghe (azzurre) in arrivo

Fuori dai canali di comunicazione mainstream si gioca la battaglia pre-olimpica negli sport invernali
Altro
Mattia Azario
17 Giugno

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Storie
Maurizio Fierro
25 Maggio

Boxe e danza nella Parigi degli “anni folli”

Quando l'uomo lottatore e la donna danzante diventarono sineddoche di una differente visione estetica.
Altro
Giacomo Rossetti
3 Agosto

La vela italiana si ricopre d’oro

La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.
Ritratti
Enrico Ricciulli
26 Giugno

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Altro
Leonardo Di Salvo
25 Febbraio

Blood in the pool

Era inevitabile: lo scontro tra Ungheria e Unione Sovietica non si sarebbe fermato con la repressione della rivolta magiara.
Calcio
Matteo Paniccia
18 Dicembre

I procuratori hanno provato a corrompere persino Football Manager

Un gioco che ormai non è più un gioco.
Calcio
Michelangelo Freda
5 Aprile

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Gennaio

Olimpiadi 2021, saremo senza bandiera?

L'Italia rischia un danno di immagine spaventoso.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.