Altro
09 Novembre 2021

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.

C’erano una volta le Olimpiadi. Almeno quelle che conoscevamo, con la ginnastica, il ciclismo e il pugilato. Ma la rivoluzione incombe e le nuove generazioni avanzano. I Giochi del Commonwealth, che riuniscono 54 stati indipendenti con passata appartenenza all’impero britannico, hanno messo la testa in avanti: via le discipline tradizionali, spazio agli sport urban, più giovani e moderni. Per la gioia della Generazione Z, l’eldorado dei giorni nostri.

I Giochi del Commonwealth si disputeranno l’estate prossima a Birmingham, dopo le turbolenze finanziarie che hanno portato al forfait della città di Durban. Il programma delle gare prevede 15 sport, due dei quali “congelati” per regolamento: si tratta di atletica e nuoto, inamovibili per la loro “universalità”. Il resto del programma rappresenta una prateria per la fantasia degli organizzatori e la tendenza sembra una soltanto: si fa la rivoluzione. Gli organizzatori sono incoraggiati dalle nuove linee guida a scegliere quelle discipline e quelle gare «rilevanti – scrive il Telegraph – per la loro nazione o cultura, aumentando la prospettiva che sport di nicchia come il kabaddi siano inclusi in una potenziale edizione dei Giochi del Commonwealth in India o allo stesso modo il lacrosse in Canada».

Dall’edizione del 2026, gli sport previsti passeranno dagli attuali 15 a 20, ampliando il ventaglio a disposizione delle città ospitanti. Che si prevede saranno più di una, per limitare le spese ma anche per inserire più discipline di forte impatto locale. Ma non finisce qui. La CGF, Commonwealth Games Federation, non ha escluso l’ingresso ai giochi delle discipline elettroniche, meglio note come esports. Abbiamo già detto molto sull’argomento ma teniamo a ribadire: «No, pietà!».



In tal senso, suonano nefaste le parole del presidente Louise Martin alla BBC: «I nostri Giochi devono adattarsi, evolversi e modernizzarsi per garantire che possano continuare a mantenere la loro rilevanza e il loro prestigio». Del resto, il cambio di rotta si era intuito già dagli ultimi giochi olimpici di Tokyo, in cui gli organizzatori hanno inserito nel programma basket 3×3, arrampicata sportiva, skateboard (14 anni e 191 giorni l’età media sul podio), surf e karate. A Parigi, inoltre, è previsto il debutto della break-dance.

Il modello dei Giochi del Commonwealth, che mirano a diventare più accessibili e fruibili alle nuove generazioni, apre scenari drammatici per lo sport tradizionale: se la tendenza sarà confermata, diremo addio a molte delle discipline che hanno contribuito a scrivere la storia dello sport. L’industria dello sport, logorata dalla crisi pandemica, sembra aver trovato nella Generazione Z il sentiero da percorrere nella ricerca dei denari perduti.

La minaccia agli sport tradizionali arriva, nemmeno a dirlo, dagli esports. L’analisi di mercato “Gaming & Esports”, realizzata da Cross Border Growth Capital, ha snocciolato i numeri di un impero: nel 2020 il giro d’affari del settore si aggirava sui 175 miliardi di dollari. L’indagine ha evidenziato oltre 2,7 miliardi di gamer in tutto il mondo. Per quanto riguarda il gaming competitivo, nel 2020 i ricavi si sono assestati attorno al miliardo di dollari, destinati a crescere fino a 1,6 miliardi nel 2024.


Per capire e cambiare lo sport del futuro

non si può prescindere da una conoscenza ampia e interdisciplinare.

Iscriviti a GEM Sport


Numeri che ingolosiscono sponsor e stakeholders: basti pensare che il torneo di League of Legends – uno dei videogiochi online più in voga del momento – ha superato il Super Bowl in termini di pubblico (100 milioni di spettatori live contro 98 milioni). È chiaro, dunque, come il settore gaming & esports stia passando da mercato parallelo a vero e proprio competitor dell’industria sportiva. Da qui nasce il tentativo delle istituzioni dello sport – leghe ma anche federazioni – di allargare il perimetro degli affari abbracciando gli sport elettronici, nell’ottica di attrarre la fetta di utenti gamer, che la ricerca di Cross Border divide tra Millennials e Z.

Cosa aspettarsi allora dal futuro? La tendenza è ormai netta: più che nello sport di base, gli investimenti sembrano confluire negli sport di ‘ultima generazione’ se non addirittura nelle discipline elettroniche. Mentre lo sport di base si imbatte in labirinti burocratici per accedere a fondi e strutture, l’urban sport raccoglie persino sponde politiche: non è passata inosservata, a tal proposito, le presenza di molti leader politici su piattaforme come Twitch o TikTok (isole felici di nerd e gamer), in cui bivaccano, per lo più, giovani dai 18 ai 25 anni. Guarda caso la fascia d’età in cui dilaga l’astensionismo. Che anche la politica abbia trovato terreno fertile nella Generazione Z? Lo sport, è proprio il caso di dirlo, sembra aver giocato d’anticipo.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Luca Pulsoni

83 articoli
Zhang-Inter: il tempo è scaduto
Italia
Luca Pulsoni
04 Ottobre 2022

Zhang-Inter: il tempo è scaduto

Siamo all'epilogo di un rapporto mai davvero sbocciato: quello tra i tifosi nerazzurri e il giovanissimo patron cinese.
Date una scuderia a Charles Leclerc
Motori
Luca Pulsoni
04 Luglio 2022

Date una scuderia a Charles Leclerc

Ancora una strategia sbagliata della Ferrai per il pilota migliore.
Per la Ferrari è finito il tempo dei regali
Motori
Luca Pulsoni
30 Maggio 2022

Per la Ferrari è finito il tempo dei regali

A Monaco tanta isteria e un altro assist alla Red Bull.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi
Altri Sport
Alessio Nannini
18 Luglio 2021

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

Una competizione sleale, ma secondo le regole.
Jury Chechi, sfidare i limiti della fisica
Ritratti
Edoardo Salvati
11 Ottobre 2020

Jury Chechi, sfidare i limiti della fisica

Jury Chechi non è soltanto una leggenda degli anelli, ma è anche un'icona nazionale.
Alla faccia dei responsabili
Altro
Lorenzo Santucci
26 Gennaio 2021

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Ondina Valla
Altri Sport
Alberto Fabbri
04 Agosto 2018

Ondina Valla

Il sole in un sorriso.
Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico
Ritratti
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.