Carrello vuoto
Ritratti
7 Dicembre

Gianmarco Pozzecco

Giovanni Poggi

6 articoli
Personaggio unico e inimitabile del basket italiano. Semplicemente un genio, semplicemente "Poz".

Genio, artista, giocatore e personaggio unico. È lui, Gianmarco Pozzecco, uno dei migliori playmaker che la pallacanestro italiana abbia mai avuto. Il “Poz” è classe, creatività, fantasia, il tutto condito da quella sana e genuina follia che lo ha sempre contraddistinto, rendendolo inimitabile da chiunque, in campo e fuori. Un giocatore dal talento incredibile, sopraffino, capace di esaltare, conquistare e divertire qualsiasi platea: dalla serie B alle Olimpiadi, passando per Finali Scudetto e Final Four di Eurolega.

 

Goriziano di nascita, ma triestino fino al midollo, Poz ha vestito canotte “pesanti” nella sua carriera lungo lo stivale, diventando icona simbolo di tante piazze e lasciando in ognuna di esse tanti bei ricordi. Come a Capo d’Orlando dove, da giocatore prima e allenatore poi, tra giocate spettacolari e momenti di puro divertimento, è diventato un’autentica leggenda. Il Poz ha lasciato il segno ovunque sia stato e a Varese lo ha fatto in maniera indelebile, marchiando il suo nome sullo Scudetto della stella. Il diavolo dai capelli rosso fuoco, dipinti apposta per l’occasione, trascina i compagni nella serie finale, vinta 3-0 contro la Benetton.

 

Nella botte piccola…alcune delle migliori azioni della “Mosca atomica” 

 

Ed ecco così il primo Scudetto della sua carriera. Sarà unico, ma dal valore inestimabile. Due estati dopo, il prodigio giuliano prova il grande salto, aldilà dell’oceano. L’Nba chiama, Poz risponde. Summer League con Toronto. Si viaggia a 7 punti di media e 6 assist a partita, bottino più che rispettabile in mezzo ai giganti del basket, ma che non basta per conquistarsi un posto tra i professionisti.

 

Il dubbio però rimane ancora oggi, perché in tanti sono sicuri che il Poz avrebbe regalato spettacolo anche lì, tra i grandissimi della palla a spicchi. Avrà comunque il tempo di prendersi una piccola rivincita, contro Duncan e compagni, al torneo preolimpico di Colonia nel 2004. Italia-Stati Uniti 95-78, questa volta è Pozzecco a far parte del Dream Team. E dopo un canestro e fallo subito da Allen Iverson, si inchina verso il pubblico, in delirio. È l’apoteosi.

 

Poz, Basile e Charlie Recalcati uniti in un abbraccio dopo il trionfo contro gli USA
Poz, Basile e Charlie Recalcati uniti in un abbraccio dopo il trionfo contro gli USA

Pochi mesi dopo il Poz bissa il successo con coach Recalcati, questa volta con la maglia azzurra. Alle Olimpiadi di Atene l’Italia conquista un argento che vale oro, lasciando alle spalle potenze come Stati Uniti e Spagna. Il tutto sotto la regia di Pozzecco e Basile, già compagni di squadra alla Fortitudo: un’altra squadra protagonista della sua formidabile carriera. Sotto le due torri, sponda biancoblu, il Poz rimane tre stagioni, sfiorando due tricolori, diventando il beniamino del pubblico fortitudino. Celebre la sua esultanza in un derby vinto contro la Virtus, allora allenata da Tanjevic, l’allenatore che lo lasciò fuori dalla comitiva che vinse l’oro a Parigi nel ’99.

 

Il Poz soffrì tantissimo quell’esclusione e quando i due si rincontrarono di nuovo sul parquet, in occasione della stracittadina, mimò il trionfo sul “nemico” con una fumata di sigaro, poi gettato a terra e schiacciato sotto il tacco. Una scena rimasta nella storia dei derby di “Basket City”. Ma, come in ogni grande avventura che si rispetti, non sono mancati momenti di tensione e sofferenza, di rapporti conclusi male e di dolorosi addii. E quel suo essere genuino, puro, diretto, in tutto e per tutto, lo ha portato, in alcuni casi, allo scontro. Proprio alla Fortitudo, il Poz esplose contro l’allora coach biancoblu Jasmin Repesa che, dopo averlo perdonato una prima volta, decise di allontanarlo.

 

Pozzecco versione coach al Palatrento. Foto di Niccolò Carenti
Pozzecco versione coach al Palatrento. Foto di Niccolò Carenti

 

Fu un addio tremendo, per tutti.  Il Poz lascia la Effe in lacrime, salutando amaramente amici e compagni di avventura, come “Baso” e “Mancio”, che con lui avevano condiviso la nazionale. Pochi mesi dopo l’addio, l’aquila vinse il suo secondo Scudetto della storia. Il popolo Fortitudo sa che quel titolo è anche suo e glielo riconoscerà sempre.  Dopo aver girato un po’ l’Europa, prima in Russia al Khimki, poi in Spagna a Saragozza, Pozzecco fa ritorno alla base nel 2008. Non prima di aver rifiutato l’invito, dell’allora Patron Virtus Claudio Sabatini, che lo voleva riportare a Bologna, questa volta sponda bianconera. Il Poz ringrazia, ma non si riesce ad immaginare con una V nera sul petto. Coerenza e lealtà: parole ad oggi passate di moda e che invece Pozzecco conosce bene.

 

Il passaggio da una parte all’altra di Bologna non avviene, lo show però continua. Il Poz non si ferma e, dopo un’estate (la solita) a Formentera, vola in Sicilia, dove conquista i playoff con l’Orlandina. Poi decide di smettere e sono solo applausi, da parte di tutti, anche di chi dagli spalti, quando era in campo, lo aveva insultato e gli aveva augurato le peggiori cose. Perché Pozzecco ha sempre rispettato tutti, anche i suoi più grandi rivali. A Cantù, clima storicamente “ostile” per lui, in una delle sue ultime gare giocate, il “Pianella” gli riserva la standing-ovation. Dopo averlo sommerso di applausi, la tifoseria canturina srotola uno striscione con scritto “Pozzecco: un saluto al nostro miglior peggior nemico”. E’uno dei momenti più emozionanti della sua carriera.

 

Due piccoli giganti
Gianmarco Pozzecco e Allen Iverson: due piccoli giganti

 

Dal parquet alla panchina: due stagioni a Capo d’Orlando, una a Varese (con derby vinto contro Cantù ed espulsione con annessa camicia strappata!) e altre due al Cedevita Zagabria, come vice. Ora, a 45 anni, regala spettacolo nella “Lega Ibiza Basketball”, una sorta di campionato delle isole Baleari, dove ha ormai residenza fissa. All’esordio con la maglia del Club Basket Trasmapi Formentera:  47 punti con 4 triple, più il canestro della vittoria. Inutile dire che l’Mvp l’ha preso lui.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Alberto Fabbri
5 Marzo 2022

Pasolini, il calcio e la vita

Il pallone è un linguaggio che riassume l'esistenza.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Papelitos
Stefano Brunetti
29 Luglio 2021

Marko Arnautovic, il ragazzo d’oro

L'austriaco si ama o si odia, nessuna via di mezzo.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Basket
Filippo Chili
31 Maggio 2021

L’incredibile impresa del Partizan de Fuenlabrada

Una vicenda immortale (e surreale).
Ritratti
Matteo Mancin
19 Marzo 2021

Carlo Mazzone è vittima della retorica nostalgica

Cosa ha rappresentato il Mazzone allenatore.
Italia
Matteo Paniccia
12 Marzo 2021

Beppe Signori merita rispetto

Last bet e la caduta in disgrazia di un innocente.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Storie
Diego Mariottini
17 Settembre 2020

Chiedi chi era Angelo Schiavio

Il più grande cannoniere del Bologna, l’uomo della Provvidenza in azzurro.
Recensioni
Giacomo Orlandini
19 Maggio 2020

The Last Dance, confessioni dall’Olimpo del basket

Un'intensa ed inedita prospettiva sull'ultimo ballo dei Chicago Bulls di Michael Jordan e coach Phil Jackson.
Storie
Alberto Fabbri
25 Aprile 2020

Paradiso-inferno, andata e risorto

La drammatica vicenda di Mario Pagotto, dai campi della massima serie ai lager, morto e risorto.
Cultura
Alberto Fabbri
3 Marzo 2020

Lucio Dalla ha cantato lo sport

Aspirante cestista, cuore rossoblù, aedo degli eroi sportivi.
Basket
Giovanni Poggi
25 Febbraio 2020

Tex Winter

Cervello rivoluzionario della pallacanestro.
Storie
Alberto Fabbri
10 Ottobre 2019

Bologna 110 e oltre

Ricordi, incubi e speranze di una città e della sua squadra.
Altri Sport
Alberto Fabbri
4 Ottobre 2019

Bentornata Fortitudo

Il ritorno in A della Fortitudo non poteva passare inosservato
Storie
Massimiliano Vino
1 Ottobre 2019

L’ultimo scudetto del Genoa, datato 1924

Tra la conquista del potere di Benito Mussolini e la rivoluzione calcistica in Italia, il Genoa riuscì nel 1924 a vincere il suo ultimo scudetto.
Calcio
Matteo Mancin
4 Giugno 2019

Gigi Maifredi

Il buongustaio dall'inebriante, ed opprimente, bel gioco.
Basket
Matteo Fontana
11 Marzo 2019

In memoriam di Alberto Bucci

Se n'è andato un grande maestro di pallacanestro.
Calcio
Alberto Maresca
26 Dicembre 2018

Anche la pastasciutta è una droga

Racconto dell'ultimo, e storico, scudetto del Bologna.
Calcio
Matteo Mancin
20 Settembre 2018

L’epoca d’oro del calcio italiano

Quando le piccole d'Italia fecero le grandi d'Europa.
Basket
Simone Spada
21 Giugno 2018

Basket italiano, la rinascita passa dalla Nazionale

Chiuso il campionato con la vittoria dell'Olimpia Milano, i tifosi italiani hanno potuto applaudire le affermazioni di Niccolò Melli e Gigi Datome in Turchia. Ora tocca alla Nazionale Italiana confermare le buone premesse di una stagione positiva.
Altro
Matteo Latini
7 Giugno 2018

Dražen Petrović, 25 anni senza

Il Mozart dei canestri: una valanga di classe e di punti si è fermata molto presto, il 7 giugno 1993.
Altro
Simone Spada
5 Giugno 2018

La caduta delle due sorelle

Reggio Emilia e Dinamo Sassari fuori dai play-off per lo scudetto per la prima volta dalla promozione in A. Prima i sardi, poi gli emiliani hanno cambiato forma e perso la spinta che li aveva portati in cima alla classifica.
Basket
Matteo Latini
31 Maggio 2018

Danilovič, una tripla, e Bologna è Basket City

A vent'anni dal tiro che decise un derby lungo un anno intero. Una città in fiamme, l'età dell'oro del basket italiano.
Basket
Simone Galeotti
6 Marzo 2018

Il senso di Kaunas per il basket

C'è un luogo dove la canotta verde dello Zalgiris Kaunas è una bandiera, un vero vessillo d'identità.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio 2018

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Ritratti
Giovanni Poggi
5 Gennaio 2018

Vincenzo Esposito

L'esaltante carriera di un grintoso talento della pallacanestro.
Storie
Alberto Fabbri
17 Novembre 2017

Cuoio giallo, pt. 2

Chi ha ucciso Dino Fiorini?
Altri Sport
Giacomo Amorati
12 Settembre 2017

Cambio di passi

La FIBA sulla scia dell'NBA rompe con la propria tradizione.
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio 2017

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.