Carrello vuoto
Storie
16 Dicembre

La fine di re Giorgio

Diego Mariottini

52 articoli
Nel 1984/85 affonda definitivamente il progetto Chinaglia per una Lazio competitiva, mentre il Verona lancia la fuga verso lo scudetto.

A volte anche il calcio ha le sue sliding doors. Se il 16 dicembre 1984 le cose fossero andate diversamente, forse sarebbe cambiata la storia di due squadre. O forse no. Manca la prova. Lo stadio è l’Olimpico di Roma e a scendere in campo quel pomeriggio sono Lazio e Verona. I rispettivi obiettivi sono diversi ma entrambi molto importanti: la Lazio deve salvarsi dalla retrocessione, il Verona è in piena corsa scudetto e sente che quello può essere l’anno buono. La squadra romana sta vivendo la fase forse più travagliata della sua storia: lo scudetto risale a dieci anni prima ma rispetto al 1974 la situazione generale è completamente cambiata.

 

 

Dopo la vicenda del calcio scommesse, che nel 1980 ne avrà determinato la retrocessione d’ufficio in serie B a causa della compravendita di partite da parte di alcuni suoi tesserati (la società sarà riconosciuta estranea ai fatti incriminati in sede di giustizia ordinaria, ma pagherà il concetto di responsabilità oggettiva), nel 1983 la Lazio torna nella massima serie. Lo fa con fatica e con i propri mezzi, cercando di dare vita a quello che vorrebbe essere un rilancio in piena regola.

La Lazio deve salvarsi dalla retrocessione, il Verona è in piena corsa scudetto e sente che quello può essere l’anno buono.

Ad avvalorare una simile speranza è la partecipazione come massimo dirigente di Giorgio Chinaglia, che nell’estate dell’83 ha appena rilevato la società. La sola presenza del condottiero dello scudetto, stavolta dall’altra parte della scrivania, scatena l’entusiasmo del popolo biancoceleste. A molti tifosi sembra che un lungo inverno nel cuore sia agli ultimi freddi. Voci di mercato seguono altre voci. Il nuovo presidente è accolto come un re e il progetto Lazio appare consistente anche fuori Roma. Si parla di contatti finanziari importanti e di partecipazione agli utili futuri della Lazio di multinazionali dai nomi altisonanti. E all’inizio è tutto vero, perché negli Stati Uniti Giorgio Chinaglia è un nome importantissimo.

 

È il suo carisma a riempire gli stadi americani negli anni 70, anche più della presenza di ex campioni come Pelè, Beckenbauer e Carlos Alberto. In quegli anni la Warner Communications, gigante dell’industria dello spettacolo, conta in effetti sull’ex bomber biancoceleste per lanciare a titolo definitivo il calcio negli Stati Uniti, ma qualcosa va storto. All’improvviso la Soccer League americana chiude i battenti ed è proprio questo crack a determinare un cambio di strategia: Long John Chinaglia non è più al centro del restyling. I capitali promessi non affluiscono nelle casseforti della Lazio e il mercato estivo non è certo quello sperato dai tifosi.

 

Giorgio Chinaglia Pelè Beckenbauer
Da sinistra verso destra, con la maglia dei Cosmos: Beckenbauer, Pelè, Chinaglia.

 

Il primo anno da neopromossa è soffertissimo: alla fine del campionato 1983-84 la salvezza viene centrata, ma non erano quelli gli obiettivi di cui si era parlato a inizio stagione. Accanto a giocatori dell’importanza di Giordano, Manfredonia, D’Amico, i nomi che compongono la rosa non sono quelli che immaginava chi si era illuso di poter annoverare calciatori di primo livello.

 

Gli stranieri sono il brasiliano Batista, la brutta copia di Falcao sia nell’aspetto fisico che nel modo di stare in campo, e Michael Laudrup, giovane talento danese dirottato dalla Juventus e in attesa di maturazione. Per il resto, la rosa si compone di giocatori esperti e altri promettenti: Storgato, Spinozzi, Podavini, Filisetti, Orsi, Torrisi, il giovane Calisti. In definitiva i nomi per poter disputare un discreto campionato ci sarebbero ma mancano l’idea complessiva di squadra e di gruppo.

Uno dei principali errori di tutta la gestione Chinaglia sarà quello di affidare ruoli societari importanti in base a un malinteso senso di “lazialità”.

Quel 16 dicembre le squadre che scendono in campo all’Olimpico hanno dunque obiettivi opposti. Da qualche domenica il presidente Chinaglia, seguendo quell’impulso che non sempre lo avrà ben consigliato nella vita, ha esonerato l’allenatore. Non più Paolo Carosi in panchina, bensì l’argentino Juan Carlos Lorenzo che aveva già diretto la squadra circa 15 anni prima. Uno dei principali errori di tutta la gestione Chinaglia sarà quello di affidare ruoli societari importanti in base a un malinteso senso di “lazialità”.

 

Paolo Carosi, ex calciatore biancoceleste, è un buon allenatore ma forse non è pronto per gestire un ambiente complicato come quello nel quale si trova. Lorenzo invece è un personaggio bizzarro, folkloristico, che manca dal nostro Paese da parecchi anni e che, giudicando i risultati, non mostra più un gioco al passo con i tempi. Soprattutto, non sembra lui la persona capace di riportare ordine in uno spogliatoio che appare gestito da veri e propri capi clan.

 

La lazialità, un elemento a cui né Chinaglia né i tifosi erano – e sono – disposti a rinunciare (Foto REUTERS/Giampiero Sposito)

 

D’Amico, Manfredonia e Giordano sembrano i veri padroni: ottimi giocatori e anche tifosi sinceri della loro squadra, ma incapaci di compattare lo spogliatoio intorno a un obiettivo comune. Per tale motivo le loro carriere, sempre in bilico tra “il grande e il buon giocatore”, appaiono limitate, almeno fino a quel momento, dall’attaccamento eccessivo a quei colori e dalla pigrizia nel mettersi in discussione in modo serio.

 

Eppure, in quel periodo c’è un sussulto d’orgoglio che lascia ben sperare. Due settimane prima di Lazio-Verona, a Genova contro la Sampdoria la squadra si rende artefice di una rimonta sulla quale nessuno alla fine del primo tempo avrebbe scommesso. Complice un pizzico di buona sorte, sotto di due gol riesce a terminare la partita sul 2-2; complice un pizzico di malasorte, nel finale la potrebbe perfino vincere e non la vince.

D’Amico, Manfredonia e Giordano sembrano i veri padroni: ottimi giocatori e anche tifosi sinceri della loro squadra, ma incapaci di compattare lo spogliatoio intorno a un obiettivo comune.

La sensazione è che comunque, se il gruppo resta unito, se qualcuno mette da parte gioco d’azzardo, discoteche e quanto vi gira intorno, la squadra potrebbe perlomeno navigare in acque placide. La domenica successiva la serie A è ferma a causa degli impegni della Nazionale e ogni giudizio è rimandato, ma nel frattempo la fiamma della speranza si è riaccesa e i tifosi riprendono vigore. Si riparte il 16 dicembre e all’Olimpico viene a far visita il Verona di Osvaldo Bagnoli, inaspettato capolista.

 

Quella che si vede è una Lazio ben messa in campo, senza timori contro un’avversaria visibilmente più forte ma la cui superiorità non riesce a esprimersi, anche perché i due stranieri del Verona, Briegel ed Elkjaer-Larsen non sono in campo. Per una volta l’allenatore della Lazio sembra avere indovinato le mosse tattiche facendo giocare le tre mezze punte Torrisi, Laudrup e D’Amico a ridosso dell’unico attaccante di ruolo, Giordano. Dare continuità a un pareggio come quello ottenuto contro la Sampdoria significherebbe non perdere terreno in classifica e farlo giocando in modo convincente.

 

Per rendere merito all’altra parte della storia, qui uno spoiler di come finirà la stagione 1984-1985

 

Soprattutto, non sono più ammesse distrazioni. A inizio ripresa Lorenzo pensa addirittura di poter vincere. Esce Storgato, difensore scuola Juventus, ed entra il gioiellino della squadra Primavera, Dell’Anno. Nemmeno cinque minuti dalla sostituzione e la sorte della partita si compie. Da Di Gennaro a Sacchetti e quindi a Bruni. Triangolo con Galderisi che gli rende palla a pochi passi da Orsi per la deviazione vincente. La sfortunata deviazione di Podavini nella propria porta completa la sentenza.

 

Sullo Stadio Olimpico cala il gelo e non soltanto quello atmosferico. Con la vittoria esterna (la partita terminerà con il risultato di 0-1) la squadra scaligera afferma con forza le proprie ambizioni, mentre per la Lazio è la fine. Dopo una serie di sconfitte contrassegnate dalla mancanza di un gioco plausibile, Juan Carlos Lorenzo verrà sostituito in panchina dalla coppia Giancarlo Oddi-Roberto Lovati. In particolare Oddi è un’altra figura molto legata al concetto di lazialità ma troppo priva di esperienza per poter rimettere in assetto una barca che sta affondando.

Con la retrocessione si chiude per un ciclo. Giordano va al Napoli, Batista torna in Brasile, Laudrup e Manfredonia indossano la maglia della Juventus. Di lì a poco Giorgio Chinaglia si trova costretto a cedere le proprie quote di maggioranza all’imprenditore Franco Chimenti.

La classifica finale è impietosa: Lazio ultima in classifica a pari merito con la Cremonese. L’unica soddisfazione di una stagione sbagliata, il non aver perso i due derby stagionali. Virtù insufficiente per chi avrebbe voluto una Lazio “americana”, fatta per volare in cieli degni di un’Aquila.

 

Con la retrocessione si chiude un ciclo. Giordano va al Napoli, Batista torna in Brasile, Laudrup e Manfredonia indossano la maglia della Juventus. Di lì a poco Giorgio Chinaglia si trova costretto a cedere le proprie quote di maggioranza all’imprenditore Franco Chimenti. La rinascita della Lazio, che si concretizzerà appieno nel decennio successivo, dovrà passare ancora attraverso anni di sofferenze. Momenti a volte estremi che nel corso degli anni non faranno che rafforzare la fede di un popolo abituato ai “sali e scendi” della propria storia e a gestioni societarie talvolta grandiose, talvolta fallimentari. Pur con le migliori intenzioni di partenza.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Italia
Diego Mariottini
2 Dicembre 2021

La forza gentile di Tommaso Maestrelli

Il 2 dicembre 1976 ci lasciava un signore del calcio italiano.
Ritratti
Matteo Zega
25 Novembre 2021

La vita intrepida di Luigi Martini

Dalla Lazio di Maestrelli al Parlamento, dal cielo al mare.
Italia
Valerio Santori
27 Ottobre 2021

Igor Tudor e lo spirito Hellas

Un piratesco ritorno alle origini.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Italia
Luca Pulsoni
4 Agosto 2021

Quando gli asini volavano

Il Chievo è una storia senza lieto fine.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Italia
Lorenzo Fabiano
28 Maggio 2021

Anche le belle storie finiscono

Juric e il Verona, un divorzio all'italiana.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Italia
Matteo Paniccia
12 Marzo 2021

Beppe Signori merita rispetto

Last bet e la caduta in disgrazia di un innocente.
Italia
Giacomo Maria Bertocco
5 Marzo 2021

Resurrezione a Venezia

La città più bella del mondo nel calcio, tra nostalgie e speranze.
Calcio
Alessio Masala
23 Febbraio 2021

Il centenario nefasto del Cagliari

Prima il sogno Europa, poi l'incubo Serie B.
Calcio
Gianluca Palamidessi
6 Febbraio 2021

Meglio di Inzaghi la Lazio non potrebbe chiedere

Ottimo allenatore, grande tifoso.
Ritratti
Domenico Rocca
6 Febbraio 2021

Erasmo da Taranto

Erasmo Iacovone, l’uomo e il simbolo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio 2021

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Tennis
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio 2021

Nostalgia Chinaglia

Un'intima chiacchierata con Angelo Carotenuto, autore de Le canaglie (Sellerio, 2020).
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Matteo Mancin
19 Gennaio 2021

La favola del Castel di Sangro

Memorie sull'indimenticabile cavalcata condotta da Osvaldo Jaconi.
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio 2021

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Calcio
Lorenzo Fabiano
30 Novembre 2020

Innamorati dell’Hellas Verona

Il calcio frugale di provincia che fa invidia agli spendaccioni.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre 2020

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Papelitos
Michelangelo Freda
9 Novembre 2020

Amici miei: Lotito & Taccone

Mettiamo ordine nel caso dei tamponi della Lazio.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre 2020

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Andrea Mainente
6 Novembre 2020

Lunga vita al Lanerossi Vicenza

La squadra e la città, unite per sempre.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre 2020

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Calcio
Matteo Paniccia
25 Settembre 2020

Il Frosinone, leone di provincia

Grazie alla passione della famiglia Stirpe, il club ciociaro è diventato una della realtà più solide della Provincia del calcio italiano.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Settembre 2020

Enrico Montesano, mille maschere una fede: la Lazio

C'era una volta Roma, c'era una volta la Lazio.
Calcio
Luca Pulsoni
20 Agosto 2020

La dura vita delle neopromosse in Italia

Neanche salgono in Serie A, e già sono con un piede in Serie B.
Ritratti
Francesco Andreose
3 Agosto 2020

Costantino Rozzi, il Presidentissimo per eccellenza

Il Grande Ascoli, l'indimenticabile presidente.
Calcio
Lorenzo Fabiano
17 Luglio 2020

Tony D’Amico, l’uomo del silenzio

Il DS anti-mediatico dietro ai successi del Verona.
Calcio
Gianluca Palamidessi
15 Luglio 2020

Il Monza è lo specchio di Berlusconi e Galliani

E infatti la Serie A non è più una chimera.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Luglio 2020

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.