Carrello vuoto
Italia
12 Marzo

Beppe Signori merita rispetto

Matteo Paniccia

17 articoli
Last bet e la caduta in disgrazia di un innocente.

Dal 1992 al 1996, Giuseppe Signori ha riempito le prime pagine di tutti i maggiori quotidiani sportivi, prima a suon di goal e poi con le voci di calciomercato. I tifosi della Lazio, del Bologna e del Foggia lo ricordano ancora oggi come uno dei calciatori più forti ad aver vestito le rispettive maglie, capace di vincere per tre anni consecutivi la classifica di capocannoniere.

 

 

Ricordo e rispetto che Signori ha perso dalla mattina del 1 giugno 2011, quando in Italia è cominciata l’inchiesta della procura di Cremona denominata “Last-bet“, e che dopo dieci anni nessuno gli ha ancora restituito, nonostante l’assoluzione completa arrivata appena qualche giorno fa. Un destino comune, a lui come a tanti altri calciatori innocenti coinvolti in quella che è stata una delle più grandi inchieste sul mondo del calcio italiano dopo Calciopoli.

 

A smuovere le acque del panorama calcistico italiano quell’estate fu – paradossalmente – un’agenzia di scommesse, la austriaca SKS365, famosa in Italia per il sito di risultati sportivi Myscore365 e, appunto, quello di scommesse Planetwin365.

 

Dai dati consegnati dalla società austriaca al Procuratore Federale Stefano Palazzi spuntarono fuori i nomi altisonanti di Doni, Signori e Bettarini, portando la Commissione Disciplinare della Federcalcio a deferire 26 tesserati e 18 società.

 

Per il calcio italiano, che si era lasciato alle spalle da qualche anno lo scandalo “Calciopoli”, fu un durissimo colpo, come durissime furono le prime pagine dei quotidiani sportivi, che pur in assenza di una vera e propria sentenza, non persero l’occasione di infangare i nomi coinvolti dalla magistratura. Mentre infatti si indagava sui dati che la società austriaca aveva messo a disposizione delle autorità giudiziarie, il giornalismo sportivo italiano iniziò a mettere alla sbarra con estrema disinvoltura gli stessi personaggi che, appena qualche anno prima, aveva esaltato.

 

gazzetta prima pagina signori
La prima pagina della Rosea del 2 giugno 2011

 

 

La mattina del 19 dicembre 2011 scattarono gli arresti per Luigi Sartor e Cristiano Doni che aiutarono la Procura di Cremona a delineare la struttura di una vera e propria organizzazione criminale: vari gruppi di persone, sparsi in tutta Italia e con alcune “cellule” anche in Europa, avevano il compito di truccare determinate partite sotto la supervisione del cosiddetto “boss dei boss”, un certo Dan Tan.

 

 

Questi gruppi acquisivano informazioni dai calciatori in cambio di soldi, e poi piazzavano le scommesse “certe” tramite agenzie estere. A capo del “clan dei bolognesi“, secondo la procura, c’era proprio Giuseppe Signori, che insieme al commercialista Daniele Ragone avrebbe ripulito il denaro proveniente da Singapore grazie alla Clever Overseas SA, società offshore con sede a Panama.

 

 

Ma il vero punto di svolta nell’inchiesta arriva il 28 maggio 2012. Vengono emessi nuovi provvedimenti restrittivi, che vanno a colpire nuovi – e pesanti – nomi del calcio italiano: Stefano Mauri, Omar Milanetto, Andrea Ranocchia, Antonio Conte (che aveva appena firmato il contratto con la Juventus) e Domenico Criscito, perquisito nel ritiro di Coverciano con la Nazionale prima degli Europei 2012. Questa bruttissima pagina di storia del nostro calcio fu impaginata e raccontata con il titolone “La retata”. Sempre prima di aspettare una vera e propria sentenza.

 

gazzetta
La titolite colpisce la Gazzetta, ancora una volta

 

 

Il Lecce, che al termine della stagione 2011-2012 era già retrocesso sul campo dalla Serie A alla Serie B, fu escluso anche dal campionato cadetto ed assegnato al Girone A della Lega Pro. Al suo posto il Vicenza (sconfitto ai playout dall’Empoli) fu ripescato in Serie B. Successivamente l’accusa richiese anche tre punti di penalizzazione da scontare nel campionato 2013-2014, ma si arriverà solamente a 20.000 euro di ammenda.

 

 

Per il Genoa vennero richiesti tre punti di penalizzazione da scontare nel campionato 2013-2014, ma il club ligure fu prosciolto insieme a Omar Milanetto, per il quale l’accusa chiedeva 3 anni di squalifica. Vennero prosciolti anche Rosati e Benassi, a cui fu annullata la richiesta di tre anni di squalifica; per l’ex capitano della Lazio, Stefano Mauri, i quattro anni di squalifica divennero prima nove mesi, poi soltanto sei, grazie al ricorso al TNAS.

 

 

Il portiere belga Jean-Francois Gillet, per cui erano stati chiesti quattro anni di squalifica, ricevette “soltanto” un anno, cosi come Davide Lanzafame. Al club di Claudio Lotito, invece dei sei punti di penalizzazione da scontare nel campionato 2013-2014, furono assegnati solamente 40.000 euro di ammenda. Al netto di tutta la bolla mediatica montata dalle indagini e dai giornali, “Last bet” si è conclusa con un vero e proprio nulla di fatto. A pensarla alla stessa maniera è anche l’allora giudice Guido Salvini, oggi responsabile per le indagini preliminari di Milano.

 

In un’intervista rilasciata a Il Giorno di Cremona, Salvini ammette che «Se in otto anni non si riesce ad arrivare nemmeno ad una sentenza di primo grado, c’è qualcosa che non funziona nella giustizia. Del resto, già dopo la fine dell’indagine mi sono accorto che tutto andava a rilento.

 

Il paradosso è che quasi tutti gli imputati che oggi hanno ottenuto la prescrizione erano rei confessi per le condotte di frode loro addebitate e che risulteranno condannati solo quella dozzina di imputati che alla fine dell’indagine avevano scelto il patteggiamento o il rito abbreviato. Visto come sono andate le cose, di certo non lo rifarebbero».

 

L’ultimo ad essere assolto, proprio qualche giorno fa, è stato Giuseppe Signori, dichiarato innocente dalla sentenza del Tribunale di Piacenza. Dopo dieci lunghissimi anni, ad avere la meglio sulle accuse imputate all’ex bomber laziale e della Nazionale è stata la difesa dell’avvocato Patrizia Brandi, che ha anche spiegato perché lei e il suo assistito abbiano rinunciato alla prescrizione del reato: «Dal momento che la gogna mediatica è stata veramente potente, abbiamo deciso di reagire in modo altrettanto forte».

 

 

Signori dunque, che era stato accusato di aver truccato partite di calcio, di aver riciclato denaro sporco e di aver avuto contatti quotidiani con mafiosi e pregiudicati, è ufficialmente innocente, perché come si legge dalle pagine ufficiali del verbale della sentenza, “il fatto non sussiste”. Ma quegli stessi giornali che dieci anni fa non hanno aspettato neanche un minuto a condannarlo, avranno fatto lo stesso per chiedergli scusa, magari con una prima pagina? La risposta, se siete arrivati fin qui, dovreste saperla già.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Cultura
Alberto Fabbri
5 Marzo 2022

Pasolini, il calcio e la vita

Il pallone è un linguaggio che riassume l'esistenza.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Papelitos
Stefano Brunetti
29 Luglio 2021

Marko Arnautovic, il ragazzo d’oro

L'austriaco si ama o si odia, nessuna via di mezzo.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Papelitos
Domenico Rocca
25 Aprile 2021

Dilettanti allo sbaraglio

Il calcioscommesse torna a scuotere la Serie D.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Ritratti
Matteo Mancin
19 Marzo 2021

Carlo Mazzone è vittima della retorica nostalgica

Cosa ha rappresentato il Mazzone allenatore.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
6 Febbraio 2021

Meglio di Inzaghi la Lazio non potrebbe chiedere

Ottimo allenatore, grande tifoso.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio 2021

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Tennis
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio 2021

Nostalgia Chinaglia

Un'intima chiacchierata con Angelo Carotenuto, autore de Le canaglie (Sellerio, 2020).
Calcio
Alessio Masala
21 Gennaio 2021

Il Totocalcio alla conquista dell’Italia

Come la schedina è diventata rito di popolo.
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio 2021

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Papelitos
Michelangelo Freda
9 Novembre 2020

Amici miei: Lotito & Taccone

Mettiamo ordine nel caso dei tamponi della Lazio.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre 2020

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Storie
Diego Mariottini
17 Settembre 2020

Chiedi chi era Angelo Schiavio

Il più grande cannoniere del Bologna, l’uomo della Provvidenza in azzurro.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Settembre 2020

Enrico Montesano, mille maschere una fede: la Lazio

C'era una volta Roma, c'era una volta la Lazio.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Luglio 2020

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Calcio
Lorenzo Ottone
25 Maggio 2020

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Storie
Luigi Fattore
11 Maggio 2020

Veron e il calcio, un affare di famiglia

Carriere iniziate e finite all'Estudiantes, e condite da sfide leggendarie.
Altro
Alberto Maresca
28 Aprile 2020

Gli eSports sorridono mentre il mondo è in quarantena

Il Coronavirus riempie le tasche degli eSports, tra scommesse e finanziamenti continui.
Storie
Alberto Fabbri
25 Aprile 2020

Paradiso-inferno, andata e risorto

La drammatica vicenda di Mario Pagotto, dai campi della massima serie ai lager, morto e risorto.
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo 2020

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2020

Gli scommettitori moriranno soli

Il gioco online è un genocidio silenzioso che distrugge migliaia di vite.
Storie
Massimiliano Vino
13 Marzo 2020

Solo la guerra aveva fermato il calcio italiano

Maggio 1915, l'Italia entra in guerra: il campionato viene interrotto e poi assegnato al Genoa.
Cultura
Alberto Fabbri
3 Marzo 2020

Lucio Dalla ha cantato lo sport

Aspirante cestista, cuore rossoblù, aedo degli eroi sportivi.
Calcio
Diego Mariottini
17 Febbraio 2020

Ciro Immobile non è pop

Eppure in Europa segna nettamente più di tutti.
Calcio
Matteo Paniccia
5 Febbraio 2020

Sven-Göran Eriksson è già stato dimenticato?

L'allenatore svedese compie oggi 72 anni dopo una carriera rocambolesca tra alti e bassi.
Calcio
Remo Gandolfi
28 Dicembre 2019

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Storie
Diego Mariottini
16 Dicembre 2019

La fine di re Giorgio

Nel 1984/85 affonda definitivamente il progetto Chinaglia per una Lazio competitiva, mentre il Verona lancia la fuga verso lo scudetto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre 2019

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Storie
Simone Galeotti
3 Dicembre 2019

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
Papelitos
Domenico Rocca
23 Novembre 2019

Il calcioscommesse sta divorando le serie minori

L'operazione Corner Bet, condotta dalla procura di Catania, evidenzia una situazione allarmante per le categorie minori del nostro calcio.
Storie
Alberto Fabbri
10 Ottobre 2019

Bologna 110 e oltre

Ricordi, incubi e speranze di una città e della sua squadra.