Carrello vuoto
Papelitos
27 Maggio

Gli anni d’oro

Luigi Fattore

46 articoli
La decimotercera.

La prima riflessione dopo aver visto la finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool è rivolta a Corea del Nord e Sudan del Sud, gli unici Paesi che non hanno acquisito i diritti tv per la trasmissione dell’evento. Le due nazioni, a differenza delle restanti 220, hanno pagato questa scelta con l’esclusione dalla storia del calcio che si è compiuta a Kiev. Anche se, a dire il vero, sembra un po’ offensivo, nei confronti del Real Madrid, asserire che ieri sera abbia fatto la storia. E se non è offensivo suona quantomeno ridondante.

 

 

Perché il Real Madrid non può fare la storia, il Real Madrid è la storia. Soprattutto quando si parla di Coppa dei Campioni/Champions League. Il 3-1 al Liverpool è valso alla Casa Blanca la tredicesima coppa con le orecchie, la settima con la nuova denominazione: adesso si può dire perfino che il Real ha vinto più Champions League che Coppe dei Campioni. Di fatto è come se giocasse contro se stesso. Basterebbe già solo questo dato a definire la primazia dei blancos rispetto a tutte le altre compagini che si affannano anche solo per provare a vincerne una.

Uno degli eroi di Kiev. (Photo by David Ramos/Getty Images)

 

Il Real è stato sempre esonerato dal provarci, inaugurando la serie con ben cinque successi su cinque a cavallo degli anni Cinquanta e Sessanta. Perché si può provare ad ottenere qualcosa che non hai, non qualcosa che è tua di diritto. E non traggano in inganno i 32 anni di astinenza intercorsi tra la vittoria del ’66 e quella del ‘98. Durante questo periodo, il Madrid si è semplicemente riposato. Si è goduto lo spettacolo, consapevole che non ci sarebbe stato Ajax, Bayern di Monaco, Liverpool o Milan idoneo a metterne in pericolo l’impero. Un po’ quello che è successo allo stadio Olimpico di Kiev.

 

La squadra di Zidane ha fatto prima sfogare i terribili Reds di Klopp, li ha illusi che avrebbero potuto farcela arretrando il baricentro e concedendo loro diverse occasioni potenzialmente pericolose, accettando di subire la loro pressione. Ma giocare sotto pressione, come aveva detto Zidane in conferenza stampa, è proprio la qualità migliore del Real Madrid. Per un semplice motivo. Perché non vede l’ora di riversarla sugli avversari.

Karius. (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

 

Cosa sono gli errori di Karius se non uno smarrimento dettato dall’incapacità di far fronte ai propri debiti? Lo sfortunato portiere è stato vittima di un gioco più grande di lui. Così come tutto il Liverpool. Complice anche l’infortunio occorso a Salah, a un certo punto si è avuta la sensazione che i Reds si trovassero a una festa a cui non erano stati invitati. Una festa che imponeva l’abito bianco come dress code. Così è venuta fuori tutta la superiorità del Real Madrid, fatta di arroganza, fortuna e di normalità.

 

Già, la normalità. Sarebbe una mancanza di rispetto nei confronti di Bale o dei blancos se si conferisse eccezionalità alla rovesciata del gallese che è valsa il gol del 2-1. Per due motivi. Intanto perché Bale ci ha sempre abituati a prodezze fuori scala. Il secondo motivo è che è il Real Madrid stesso ad essere fuori scala. Lo dimostra il fatto che Cristiano Ronaldo si era esibito in un prodigio simile a Torino contro la Juventus. Come a dire che al Real Madrid certe cose accadono all’ordine del giorno, non si fa distinzione tra un quarto di finale e una finale.

La chilena. (Photo by Michael Regan/Getty Images)

Il Real Madrid non ha bisogno di inseguire l’eccezionalità per distillare bellezza. Le Merengues sono naturalmente belle. Sono fatte così. La disinvoltura con cui compiono i gesti tecnici che li portano ai successi è la loro cifra stilistica. Anche le tre Champions di fila inanellate dalla squadra di Zidane suonano eccezionali solo per chi ancora non ha ben compreso la missione del Real Madrid sul pianeta calcio. Essere semplicemente se stesso.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Federico Brasile
18 Marzo

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Ritratti
Niccolò Maria de Vincenti
31 Gennaio

Guti non bastava

Controracconto di un amore perduto.
Papelitos
Mattia Curmà
17 Gennaio

Da Valverde a Valverde

La settimana dei Valverde: Federico ed Ernesto, tra gloria e fallimento.
Calcio
Michelangelo Freda
27 Settembre

Il Qarabag è la speranza del Nagorno

Alla scoperta del calcio nel Nagorno Karabakh.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Tifosi
Jacopo Benefico
21 Maggio

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Calcio
Luigi Fattore
14 Ottobre

Cassano non ama il calcio

Il tira e molla con l'Entella ha sancito la fine della carriera di Antonio Cassano.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Calcio
Maurizio Fierro
6 Febbraio

La promessa di Bobby Charlton

Dalla tragedia alla gloria: gli storici decenni del Manchester United.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Aprile

La leggenda di Cristiano Ronaldo

Juventus-Real Madrid senza storia. Ma la storia s'è scritta.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Calcio
Gianluca Palamidessi
12 Luglio

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Febbraio

Cristiano Ronaldo non è l’uomo che credete di conoscere

Chi si cela dietro alla maschera da egocentrico del fuoriclasse portoghese?
Papelitos
Luigi Fattore
7 Marzo

Sognare è lecito

La leggerezza di una dimensione onirica, posta a metà strada tra la realtà e l'impossibilità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Calcio
Mattia Curmà
7 Gennaio

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Calcio
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Calcio
Matteo D'Argenio
11 Luglio

Un giorno questo dolore ti sarà utile

La vita di Saúl Ñíguez è un diario pieno di dolore, rivincite e finali perse. A 22 anni però sembra già pronto per aggiungere pagine nuove e decisive alla sua carriera.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile

Sadio Mané come modello di integrazione

Conservare Dio e le radici. Ignorare i media. Vincere.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Calcio
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Dicembre

Davide contro Golia

Tra Napoli e Madrid si combatterà una battaglia che ricorda quella di Salamina (480 a.C.), tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia "I Persiani".