Carrello vuoto
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

Giacomo Proia

3 articoli
L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.

La testa di Danton sul corpo di un pigmeo, con la gobba davanti e la gobba di dietro, piccolo di statura. Questa testa però: scultorea, stupenda, con degli occhi di un azzurro che fissavano l’interlocutore e non lo mollavano. Era in un angolo del cortile dove aveva messo su un’aiuola, che coltivava amorevolmente”. Con queste parole Sandro Pertini descrive uno dei più grandi intellettuali italiani del ‘900, Antonio Gramsci. I due si incontrano a Turi di Bari nel 1930, entrambi prigionieri, entrambi oppositori del fascismo.

Quello di Gramsci è un corpo da intellettuale, quasi leopardiano nella sua vistosa imperfezione. Con un corpo così non sarebbe stato possibile per nessuno dedicarsi all’attività sportiva. Nino – così viene chiamato Gramsci durante la sua infanzia sarda – mostra durante i primi anni di età dei sintomi che di solito si manifestano negli ultimi. Sviluppa un principio di gobba che costringe sua madre a portarlo da uno specialista di Oristano. Secondo la sua opinione, la cura migliore per Antonio sarebbe stata legarlo con una corda e tenerlo appeso a una trave del soffitto.

L’Antonio Gramsci bambino, deciso a migliorare quel corpo problematico, inizia a costruirsi degli attrezzi per fare ginnastica, in modo da correggere al più presto i notevoli difetti fisici che gli impediscono di partecipare ai giochi dei suoi coetanei. Nel cortile della sua casa accumula una serie di grosse pietre, levigate fino a farle diventare sfere, tenute insieme da manici di scopa. Si costruisce dei manubri. Come racconta la sorella Teresina, tutte le mattine Nino si dedica al sollevamento dei pesi fino allo stremo.

Durante l’infanzia a Ghilarza, nonostante la sua dedizione, Antonio Gramsci non è riuscito a rimettere dritto il suo corpo. In compenso è proprio in quel periodo che si sviluppa quella sua testa “stupenda”, come la chiamava Pertini. Si chiude in casa Nino, e studia più di chiunque altro.

La sua abilità negli studi porta Gramsci fino all’Università di Torino grazie alla vittoria di una borsa di studio. Lì entra in contatto con una realtà ben più dinamica e variegata di quella sarda. Torino nei primi decenni del Novecento è il fulcro delle innovazioni tecnologiche, dell’industria e anche dello sport nazionale. Già dalla metà dell’Ottocento nel capoluogo piemontese nascono le prime società sportive, come la Reale Società Ginnastica, il Club Alpino Italiano e altre federazioni di pattinaggio, scherma e canottaggio. Inoltre Torino è la prima città in Italia ad introdurre l’educazione fisica obbligatoria nelle scuole.

E poi, il calcio. È consuetudine riconoscere Genova come il luogo di nascita del football italiano, ma pare sia stato un torinese, Edoardo Bosio, il primo a portare il calcio in Italia, al suo ritorno da una trasferta di lavoro in Inghilterra. La prima società calcistica italiana, il Torino Football & Cricket Club, nasce nel 1887. Sotto la Mole inoltre si è giocato il primo campionato di calcio italiano nel 1898. Le squadre partecipanti sono l’Internazionale Torino, l’FC Torinese, la Ginnastica Torino e il Genoa. A vincere è l’unica squadra non torinese del torneo.

Nell’ambiente piemontese Antonio Gramsci esordisce come redattore nelle riviste Il Grido e Avanti!, dove spesso per timidezza si firma come A.G. oppure Alfa Gamma. “La timidità spingeva sempre Gramsci a vivere impersonalmente”, annoterà Pier Paolo Pasolini. Quando però Gramsci inizia a scrivere dei pamphlet per la rubrica collettiva dell’Avanti! chiamata Sotto la Mole, ecco che la sua fama di giornalista cresce. I suoi interventi nella rubrica segnano la letteratura giornalistica italiana dei primi decenni del secolo scorso, anticipando di qualche decennio La bustina di minerva, celebre rubrica di Umberto Eco su L’Espresso.

gramsci
Foto segnaletica di Antonio Gramsci

Uno dei primi a voler raccogliere e catalogare il talento di Gramsci è stato un suo amico e professore di letteratura italiana, Umberto Cosmo, che già nel 1918 propone al giovane Antonio di fare una cernita dei suoi pamphlet e raccoglierli in un volume. Gramsci rifiuta ma nel 1960 Einaudi li pubblica tutti in un volume chiamato proprio Sotto la Mole 1916-1920.

Tra i numerosi scritti di cultura, costume, storia e teatro ospitati dalle pagine dell’Avanti!, ce n’è uno chiamato Il Football e lo scopone, uno dei pochissimi di Antonio Gramsci che riguardino lo sport. L’intellettuale sardo non è mai stato uno sportivo, ma in questo intervento dimostra di aver capito, prima di altri, il valore sociale dello sport, in particolare del football, come veniva chiamato in quegli anni.

Gramsci, nello scritto pubblicato su l’Avanti! il 26 agosto 1918, propone un confronto tra il calcio e lo scopone, simboli di due mondi contrapposti: quello nuovo e quello vecchio. “Gli italiani amano poco lo sport”, esordisce Gramsci, specificando che preferiscono rinchiudersi nelle bettole e giocare a carte, in mezzo a nuvole di fumo, urla e pugni sui tavolini. Lo scopone richiedeva un lavoro “perverso” del cervello, è un gioco, come tutti quelli di carte, che implicava una diffidenza reciproca e sotterfugi di vario tipo per ingannare l’avversario.

Il foot-ball invece è un modello di società dove è prevista una gerarchia tra i partecipanti delineata dalle capacità individuali che si mettono al servizio della squadra. Nel calcio c’è sì la lotta, la gara e il furore competitivo ma anche la lealtà. “Dov’è la lealtà nello scopone?”, si chiedeva il futuro segretario del Partito Comunista.

Gramsci considera lo scopone molto più violento del calcio, all’epoca ancora un gioco per gentiluomini, non ancora per atleti: “La partita a scopone ha spesso avuto come conclusione un cadavere e qualche cranio ammaccato. Non si è mai letto che in tal modo si sia conchiusa una partita di foot-ball”. Il gioco delle carte è retaggio delle società arretrate, delle osterie della Sardegna rurale che Gramsci lascia da ragazzo. È lo “sport” di coloro che vivevano la società civile con diffidenza verso il prossimo.

Curioso notare come la propaganda fascista avrebbe sfruttato qualche anno dopo anche le carte da gioco. Quale modo migliore per finire tra le mani sporche dei lavoratori? Così il Cartificio Italiano Moderno di Palermo produceva nel 1922 delle carte chiamate Fascio, tutte dedicate ai simboli del regime. La rivista Panormus, organo di stampa del comune di Palermo, con un approccio opposto a quello gramsciano, decantava così il gioco delle carte: «Poiché il giuoco mite sarà ovunque il godimento buono di un’ora al giorno di colui che avrà sudata la sua giornata di lavoro onesto».

Sarebbe stato il calcio per Gramsci a produrre uomini moderni, con maggiore attitudine alla convivenza e più attrezzati per occupare un posto nella nascente società civile, più aperti alle novità dall’estero, come quella del football inglese, ad esempio. Il calcio sarebbe stata un’occasione di sviluppo sociale che gli italiani non avrebbero dovuto lasciarsi sfuggire: meglio uscire dalle bettole e tirare calci a un pallone.

gramsci quaderni del carcere
I Quaderni del carcere di Antonio Gramsci nell’edizione Einaudi

Le storia è però celebre. Gramsci finisce in carcere perché fiero oppositore dell’ex direttore dell’Avanti! Benito Mussolini, che marciando su Roma aveva imposto un brusco cambio di direzione all’Italia. Mussolini è molto abile a manipolare ogni aspetto della vita quotidiana dei cittadini, tempo libero compreso. Intuisce che il calcio può diventare qualcosa di più di uno svago e ne favorisce la diffusione. Il Duce ha in qualche modo fatto proprie le idee di Gramsci di Sotto la Mole, filtrandole però con la sua proverbiale propensione alla propaganda e all’accrescimento del consenso.

Secondo la visione gramsciana però, il calcio che si sta sviluppando sotto il fascismo è una preoccupante degenerazione del gioco che lo affascina in gioventù. Quello che scrive Gramsci nel ’32, nei suoi Quaderni dal carcere, è una feroce critica alla statalizzazione dello sport ad opera del fascismo, accusato di aver risvegliato dei campanilismi che sembravano sopiti. Quelli sportivi si possono rivelare i campanilismi più sanguinosi, figli di una cultura primitiva risvegliata sugli spalti dei nuovi stadi in costruzione.

Sembra che Antonio Gramsci abbia voluto mettere in guardia gli sportivi e gli appassionati, mostrando le derive verso le quali la passione sfrenata avrebbe potuto condurre. Nella storia del football italiano abbiamo avuto diversi esempi di degenerazioni provocate dal fanatismo, un sentimento viscerale che ha sempre minacciato i valori più puri della disciplina sportiva. Quei valori però, hanno resistito. Proprio come profetizzava Gramsci, lo sport rappresenta ancora un modello di società: per questo può educare alla vita, rappresentando un momento di espressione di sé e di autentica libertà.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Ritratti
Diego Mariottini
29 Gennaio 2022

Romário, dall’anarchia al socialismo

Dalla leggenda in campo alla vicepresidenza del Senato.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Eduardo Accorroni
6 Settembre 2021

Griezmann l’eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).
Tennis
Gabriele Fredianelli
2 Settembre 2021

Antonio Maglio, il padre delle Paralimpiadi

La storia visionaria dell'uomo che concepiva lo sport come una terapia.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Tifo
Antonio Torrisi
31 Maggio 2021

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo 2021

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Papelitos
Luca Pulsoni
6 Febbraio 2021

Il ministro dello sport che non conosceva lo sport

Spadafora si è dimesso nel peggiore dei modi.
Tifo
Jacopo Benefico
3 Febbraio 2021

Ferencváros-Újpest, l’inferno magiaro di Budapest

La nobiltà ungherese contro la classe rurale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre 2020

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Tennis
Gianluca Losito
28 Novembre 2020

L’eredità sportiva di Thomas Sankara

La passione per lo sport del leader panafricano ha segnato il Burkina Faso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Storie
Luca D'Alessandro
9 Agosto 2020

L’Islanda è rinata con il calcio

Strappare i giovani al nichilismo e votarli al pallone.
Recensioni
Roberto Tortora
29 Luglio 2020

I giusti dello sport

Un libro collettivo, con racconti tra gli altri di Gianni Mura e Darwin Pastorin, sugli sportivi impegnati in nobili lotte politiche e sociali.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio 2020

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.