Papelitos
06 Settembre 2021

Griezmann l'eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).

Citando l’intramontabile Gianni Mura: “In una battaglia, di civiltà e culturale, si possono arruolare solo volontari consapevoli e motivati, altrimenti è un’operazione di facciata.” Nel dicembre del 2020, Antoine Griezmann ha pubblicamente attaccato, con sorprendente veemenza, il governo della Repubblica Popolare Cinese. Dopo un anno, caratterizzato da stravolgimenti geopolitici internazionali di complessa lettura, la presa di posizione dell’attaccante originario di Mâcon ha incendiato ulteriormente il dibattito tra Stati Uniti d’America e Cina. Una specie di velenosa ‘ciliegina sulla torta’ con la quale Griezmann ha sancito la sua decisione di rompere il contratto che lo vedeva legato al gigante della telecomunicazione Huawei.

“A seguito dei forti sospetti che Huawei abbia contribuito allo sviluppo di un sistema alerte ouïghour utilizzando un software di riconoscimento facciale, annuncio che metto immediatamente fine alla mia partnership con questa società”.

Antoine Griezmann dal proprio profilo Instagram

Le critiche e le accuse di Griezmann, che, dopo la replica stizzita di Huawei, si è limitato a sollecitare la società cinese a “battersi per contribuire all’uguaglianza tra uomo e donna”, per quanto comprensibili, scatenano interrogativi di diversa natura. La pluriabusata e persino logora citazione di José Mourinho: “Chi sa solo di calcio, non sa niente di calcio”, non giustifica però l’esposizione politica, più o meno involontaria, da parte di atleti in grado di veicolare, con una facilità disarmante, messaggi ad un pubblico di massa.



Può sembrare decisamente controproducente vedere gli sportivi come una massa di indifferenti, privi di coscienza politica ed interessi al di fuori del rettangolo di gioco, ma altrettanto deleterio è contribuire alla creazione di una Repubblica di atleti professionisti politicamente impegnati, sempre in linea con il buonismo della stampa mainstream, sempre ovviamente dalla parte della ragione, a prescindere. Griezmann, nell’ultima sessione di calciomercato, dopo solo 2 stagioni con la maglia blaugrana, è tornato all’Atletico Madrid. Grizou tornerà al Wanda Metropolitano – i namin rights dello stadio appartengono al gruppo cinese Wanda Group 万达集团 –, e riprenderà ad allenarsi nel centro sportivo di Alcalá de Henares – rivoluzionato grazie agli ingenti investimenti di Wang Jianlin 王建林, fondatore del conglomerato di Dalian.

Contraddizione non da poco, evidentemente. Difficile dire se il buon Antoine sia consapevole di come gli investimenti del Wanda Group, storicamente connesso al governo di Pechino, abbiano contribuito, almeno quanto le sue reti, alla creazione di un top club in grado di raggiungere il dominio interno di Real e Barça. Inoltre, il progetto di una soccer city nell’area intorno allo stadio Wanda Metropolitano, costo stimato intorno ai 60 milioni di euro, fortemente voluto dal lider maximo Wang Jianlin, sta facendo passi avanti dal punto di vista burocratico, e potrebbe vedere la luce entro il 2024. Tutto ciò, sotto la luce del sole. Ma non ditelo a Grizou: potrebbe svegliarsi.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

L’India non è più solo cricket
Calcio
Eduardo Accorroni
28 Giugno 2022

L’India non è più solo cricket

Il calcio vuole diventare protagonista, come il Paese.
Yoshida: Holly, Benji, il Giappone e la famiglia
Interviste
Eduardo Accorroni
22 Maggio 2022

Yoshida: Holly, Benji, il Giappone e la famiglia

Intervista al difensore blucerchiato.
Brehme: all’Inter i miei anni più belli
Interviste
Eduardo Accorroni
28 Marzo 2022

Brehme: all’Inter i miei anni più belli

Intervista al campione del mondo tedesco, ex nerazzurro scudettato.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il calcio in Cina è pura propaganda?
Calcio
Eduardo Accorroni
09 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Heung-min Son, nel nome del figlio
Ritratti
Marco Metelli
30 Settembre 2021

Heung-min Son, nel nome del figlio

Son Heung-Min, un calciatore pazzesco dalla storia incredibile.
La purezza di Joao Felix
Editoriali
Andrea Antonioli
29 Agosto 2019

La purezza di Joao Felix

Il collettivo viene prima dell'individualità: ecco perché Joao Felix non è solo uomo da copertina, e ha scelto l'Atletico di Madrid.
Gli Stati (dis)Uniti nello sport
Basket
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Hasta el Cholo siempre
Editoriali
Andrea Antonioli
03 Maggio 2017

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.