Carrello vuoto
Papelitos
11 Luglio

Griezmann, il Giuda del Cholismo

Il successo vale più dell'onore.

È questione di giorni, se non addirittura di ore, prima che arrivi l’ufficialità dell’addio di Antoine Griezmann all’Atletico Madrid, con più che probabile destinazione Barcellona. La maglia numero 7 dei colchoneros è già passata sulle spalle di Joao Felix: con un carico di aspettative e il peso di 120 milioni a bilancio, il giocatore portoghese ex Benfica sarà anche il principale indiziato a raccogliere l’eredità tecnica del Piccolo Diavolo.

 

Così, dopo 5 anni di idillio diviso tra l’iconico Vicente Calderón e il futuristico Wanda Metropolitano, il giocatore più amato dalla parte bianco-rossa di Madrid ha invocato a gran voce la cessione. Il calciatore non si presentato al ritiro estivo della squadra e ha minacciato persino di pagare di tasca propria la clausola rescissoria pendente sul suo cartellino pur di liberarsi dal giogo contrattuale esercitato dal presidente Cerezo.

 

Il gol alla Roma nel novembre del 2017 (Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

 

Le strategie di mercato, nell’epoca dei separati in casa illustri (Icardi, Nainggolan, Dzeko, Higuain, anche senza uscire dai confini nazionali), non stupiscono più nemmeno nell’ottica di una dinamica perversa in cui i calciatori acquisiscono un potere sempre maggiore nelle trattative nei confronti delle società, asfissiate dalle svalutazioni che impattano sui bilanci. E d’altra parte non sarebbe nemmeno deprecabile la volontà di assecondare le lecite aspirazioni sportive di un calciatore nel pieno della sua maturità sportiva, in cerca della consacrazione definitiva nell’Olimpo di questo sport, accasandosi presso un club paradigma stesso del calcio.

 

Eppure, qualcosa stona in questa, ennesima, litania di mercato, di cui avremmo volentieri fatto a meno. Riavvolgendo il nastro, e riportando le lancette a poco più di un anno fa, i ricordi ci restituiscono un’immagine insolitamente analoga, dall’epilogo opposto. Dopo un finale di stagione esaltante, culminato con i festeggiamenti dell’Europa League davanti alla fontana di Nettuno (grazie a una doppietta proprio di Griezmann), l’ambiente colchonero era stato violentemente sconquassato dall’addio dell’idolo immortale dell’Atleti, il Niño Fernando Torres, e dalle voci di un imminente trasferimento proprio del Piccolo Diavolo alla corte blaugrana (sì, sempre loro), disposti a pagare per intero la sua clausola rescissoria.

 

Campione del Mondo. Con merito (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

 

All’ultima di campionato, durante la festa commovente dedicata dal Wanda a Torres, il cuore ferito del tifo atletista aveva regalato solo bordate di fischi al suo campione transalpino: fischi amari, pieni di rancore e dell’orgoglio ferito nel profondo da chi si sente sedotto e poi abbandonato.
Griezmann aveva preso tempo, e prima di riportare la Francia sul tetto del Mondo, aveva annunciato, tramite un video-spot, girato (un caso?) dalla casa di produzione di Piqué, la sua permanenza all’Atletico Madrid, sostenendo di non poter abbandonare i colchoneros in un momento di transizione troppo delicato per fare mancare il proprio apporto.

 

Un segnale lodevole, anche se non richiesto, volto alla spettacolarizzazione mediatica di un evento, “La Decisión“, che auto-celebrava in modo patologico il protagonista; cappuccio della felpa alzato, davanti al Wanda, e giuramento di fedeltà all’Atleti. Una dinamica simile a quanto avviene periodicamente nei draft dei grandi cestisti americani della NBA, dove però è assodato il ruolo dello sport come show-biz e intrattenimento puro e disinteressato. Una mossa così insolita aveva portato in dote a Griezmann una dose incalcolabile di amore da parte dei propri tifosi, fieri di assistere al ‘gran rifiuto’ di uno degli attaccanti più celebrati del momento alle lusinghe della corazzata catalana, gratificati dalla vittoria di una passione, quella atletista, incomparabile nel cuore colchonero, e comprovata dalle azioni del francese. Quasi un trionfo dei tifosi, anima e motore del calcio, cittadini di una singolare oligarchia del divertimento, dove viene costantemente negato loro il diritto di voto.

 

Perlomeno, ci ha fatto divertire con le sue variegate esultanze (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

 

Oggi, senza trofei da alzare, senza la leadership del capitano Godin, da cui Griezmann avrebbe a buon diritto ereditato la fascia, il francese ha fatto una clamorosa marcia indietro. Cosa è cambiato rispetto a un anno fa? Assolutamente nulla. È ancora il Barca a bussare alla porta di Griezmann, con i soliti splendidi sogni di gloria, gli stessi dell’anno passato. Ancora una volta si è manifestata la consueta dose di personalismo, l’egocentrica brama di successi anteposta a qualsiasi alea di fedeltà o rispetto. L’Atletico Madrid ripartirà dall’importante tesoretto della sua cessione, Griezmann indosserà una nuova maglia, blasonata e foriera di splendide sfide, mentre nessuno riuscirà a colmare l’ennesimo vuoto nel petto dei tifosi dell’Atletico, di tutti coloro che credevano di aver trovato una bandiera e si sono trovati di fronte a un papelito.

 

Resisteranno ancora una volta, come hanno superato le drammatiche finali di Champions League perse contro i più ricchi, belli e forti di Madrid. Il tifo colchonero ha imparato sulla propria pelle che in un calcio senza bandiere Davide non batterà Golia. Tuttavia, per una volta, avevano creduto davvero che Le Petit Diable potesse trasformarsi ne Le Petit Prince.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Marco Metelli
26 Aprile 2022

Wales, Golf, Madrid. In that order

Perché Gareth Bale è una leggenda.
Papelitos
Andrea Antonioli
14 Aprile 2022

10, 100, 1000 Atlético Madrid

Una squadra che ci ricorda chi siamo e da dove veniamo.
Papelitos
Federico Brasile
7 Aprile 2022

Arrigo Sacchi contro Simeone (e Guardiola)

Attacco al calcio preistorico, capitolo 130.
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Aprile 2022

Il dibattito sportivo non è mai caduto così in basso

Stupido, rabbioso e ultra-ideologicizzato.
Estero
La Redazione
19 Marzo 2022

Haaland, quando troppo è troppo?

Prima o poi ci sarà un limite.
Papelitos
Federico Brasile
16 Marzo 2022

Diego Padre Simeone

Guai a dare per morto il Cholo.
Italia
Guglielmo Russo Walti
29 Gennaio 2022

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre 2021

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Ritratti
Domenico Rocca
3 Novembre 2021

Romeo Anconetani, il vescovo di Pisa

L'urlo della provincia in un calcio a misura d'uomo.
Papelitos
Emanuele Iorio
3 Ottobre 2021

La nuova dimensione del Barcellona

Da grandissima a piccola squadra.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre 2021

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Eduardo Accorroni
6 Settembre 2021

Griezmann l’eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Maggio 2021

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.
Estero
Gianluca Losito
23 Maggio 2021

L’Atletico Madrid non muore mai

Gli uomini di Simeone hanno vinto l'undicesimo titolo.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Papelitos
Alberto Fabbri
3 Febbraio 2021

Chi si stupisce dell’ingaggio di Messi si è svegliato tardi

Trovare un colpevole per non considerare il quadro della situazione.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre 2020

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Gianluigi Sottile
8 Ottobre 2020

Odiare Diego Costa è troppo facile

Forse è arrivato il momento di rivalutarlo.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Calcio
Marco Armocida
15 Settembre 2020

Siamo succubi del calciomercato

Senza accorgerci dei limiti del suo linguaggio.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
15 Agosto 2020

L’estate italiana rifiuta il calcio giocato

Ad Agosto, in realtà, noi vogliamo il calcio sognato.
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno 2020

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Storie
Leonardo Catarinelli
18 Aprile 2020

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Papelitos
Federico Brasile
29 Marzo 2020

La Juventus fa da esempio

I giocatori bianconeri hanno deciso di tagliarsi lo stipendio.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Altro
Andrea Catalano
21 Febbraio 2020

Di padre in figlio

L'eredità sportiva è un peso o una risorsa?
Calcio
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre 2019

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre 2019

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Editoriali
Andrea Antonioli
29 Agosto 2019

La purezza di Joao Felix

Il collettivo viene prima dell'individualità: ecco perché Joao Felix non è solo uomo da copertina, e ha scelto l'Atletico di Madrid.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio 2019

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Calcio
Mattia Curmà
10 Luglio 2019

Il Bayern Monaco non può restare conservatore

La globalizzazione pallonara ha messo a dura prova l'autarchico modello bavarese, costretto a snaturarsi per competere in un mercato da cifre folli.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio 2019

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Ritratti
Remo Gandolfi
19 Febbraio 2019

Antonio Puerta

Leggenda del Sevilla.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
23 Novembre 2018

Fernando Redondo

Storia di un principe.