Carrello vuoto
Calcio
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.

«In Europa si tifano le italiane» è forse la frase più stupida e insipida che, con ricorrenza e petulanza, si senta pronunciare dagli egregi dottori del pallone. Il controllo delle emozioni è una cosa pericolosa, ma l’odio lo è ancor di più – così (ci) dicono. Baciamoci e abbracciamoci dimenticandoci delle rivalità, dunque! Buttiamoci alle spalle decenni di lotte furenti, più o meno metaforiche. Dimentichiamoci delle icone patriottiche del pallone, delle bandiere, dei capitani; ogni cosa è uguale a un’altra, fratelli tutti!

Questa però non è un’enciclica, bensì una denuncia. Ricorderete senz’altro l’eco mediatica favoleggiante che, insieme all’Atalanta del simpaticissimo Gasperini, accompagnava la cavalcata dei nerazzurri in Champions, nell’ultima edizione disputatasi. Bene, sarebbe curioso fare una stima esatta delle persone che, al trotto della Dea, vedevano con trasporto ed entusiasmo sincero il grande sogno della Bergamo calcistica. Il caso vuole, infatti, che l’Atalanta sia una delle squadre più odiate del nostro campionato. Lo dicono le chiacchiere da bar, la tradizione, lo dicono le tante rivalità che – meravigliosamente – contraddistinguono le lotte interne al tifo del Belpaese. Andatelo a dire ai romanisti e ai laziali, di tifare l’Atalanta! Ditelo pure ai napoletani, o ai bianconeri di Torino.

A proposito della Vecchia Signora. Scommettiamo sul vostro supporto incondizionato alla Juve in Champions, nevvero? Sarebbero esterrefatti, gli ingenui cantori dell’amore ad ogni costo, nel vedere le piccole folle di amici e conoscenti, persino parenti, che sotto diverse vesti – interisti, romanisti, atalantini, qui sì tutti fratelli! – si radunano per gufare la Juventus al risuonare dell’inno della Champions League.

juventus lione
Gufare la Juventus in Europa è ormai una prassi del popolo italiano (foto di Valerio Pennicino/Getty Images)

Non ci stupiremmo, noi, invece, nel vedere quegli stessi giornalisti, che vivano sempre felici e contenti, mangiarsi le unghie fino a scavarne la pelle, costretti a scrivere e raccontare l’inverosimile, a sorridere stridendo i denti il successo dei propri nemici. Sfatiamo quest’altro mito: che i giornalisti siano sempre imparziali e non siano tifosi. Come volete che nasca, in loro, la passione per il football? Dal gesto tecnico, direte voi. Senz’altro. Ma di chi? Per chi, e per cosa? Ogni cosa, per noi italiani, è riconducibile al tifo. E il gufo altro non è che un tifoso troppo passionale.

«Come la Nazionale, tutta Italia tifa per noi», Gasperini dixit. Sì, più o meno come quando, a Italia 90, il San Paolo tifò per l’Italia e voltò le spalle al Dio partenopeo Diego Armando Maradona. Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. Magari siamo scemi, noialtri, ma ciechi non lo siamo. L’Italia è un Paese meraviglioso proprio per questo. Nelle disgrazie ci si compatta, nell’abbondanza ci si isola. I tifosi si vedono, i gufi gufano – nell’ombra. I sardi tifano Juventus – perdonaci, Gigi Riva! – e i siciliani tifano Napoli. Tutti tifano per tutti, e nessuno tifa più per nessuno.

gasperini atalanta
Gasperini, l’uomo della provvidenza atalantina (Photo by David Ramos/Getty Images)

Restiamo umani, signori! Odiamoci, che questo è vero amore (e vera umanità). La gufata, tratto distintivo di un popolo totalitario in cucina, democratico in parlamento, cattolico a letto, comunista in fabbrica (Leo Longanesi docet), è nostro patrimonio nazionale. Tifare è meraviglioso, la malattia più bella che potesse mai capitarci. Ma gufare non è forse tifare con un occhio di troppo (Edipo Re)? Sempre amore è. Che cos’è l’odio, infatti, se non una forma d’amore capovolto (San Tommaso)?

Esultare per un gol della propria squadra è unico; gridare come ossessi per un gol subito dalla squadra gufata lo è (quasi) allo stesso modo. È capitato a chiunque, di vestirsi da gufi. Capita in continuazione. Non c’è male in tutto questo, ma nel nasconderlo – nascondere è peccato, Dio ci ama per quello che siamo. Mica a caso il gufo, assieme alla civetta, è simbolo di saggezza e chiaroveggenza.


Brevissima enciclopedia del gufo:


Il gufo sornione

Si dichiara “sportivo” e, apprestandosi a vedere una partita, inizia a rifilare complimenti a destra e a manca nei confronti della squadra gufata. Abbasserà gli occhi ad ogni gol, starà zitto per tutti i 90’ (e più), limitandosi a qualche commento ipocrita nei confronti della squadra gufata; se il risultato gli dà ragione, griderà come un pazzo lontano da occhi (e orecchie) indiscreti; se il risultato gli dà torto, non tornerà mai più sul luogo della gufata.


Il gufo sincero

Si dichiara gufo fin da subito. Presenta le proprie carte con così tanta nonchalance da sentirsi poi libero di insultare e gufare la squadra gufata anche e soprattutto in presenza di tifosi avversari.


Il gufo per caso

Entra sulla scena della partita quasi magicamente. Spesso è la mamma, che volendo dar prova del proprio amore, si lascia andare ad un commento nei confronti della squadra che poi, puntualmente, subirà gol.


Il gufo da bar

Guarda la partita sorseggiando la propria pinta, senza commentare mai, né in una direzione né in un’altra, gli accadimenti della partita (si dice spettatore neutro, presente solo per lo spettacolo). Se prende un’altra birra, forse è lì per una ragione specifica.


Il gufo da radio

Si chiude in macchina augurando ogni sorta di male alla squadra avversaria. Teme di sentire un “rete” ad ogni occasione della squadra avversaria; quando la palla ce l’ha la “sua” squadra, invoca gli spiriti più reconditi, chiama a sé il fato; se il fato gli dà ragione, manterrà volume della radio e postazione della macchina invariati in eterno.


Il gufo da stadio

Soggetto insieme innocuo e pericolosissimo. Basta un pugnetto rivelatore, esibito tra i tifosi avversari, a scatenare l’inferno. Un commento sussurrato sottovoce, una parola non detta, uno sguardo incerto, per riconoscerlo. È coraggioso, bisogna riconoscerglielo. Ma è anche un grande bugiardo, perché non sarà mai disposto ad ammettere di esser lì solo per gufare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Podcast
La Redazione
2 Ottobre 2021

San Siro non si tocca

Ne abbiamo parlato con Riccardo Aceti, ingegnere al Politecnico di Milano.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Podcast
La Redazione
2 Settembre 2021

La radio non muore mai

Ne avevamo parlato qualche tempo fa: la radio ha visto durante la pandemia (e dopo, fino ad oggi) una crescita esponenziale negli ascolti. D’altra parte come direbbe Celine, “il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza” (Viaggio al termine della notte) e niente come la radio, nell’epoca dell’immagine sempre e […]
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.