Carrello vuoto
Altro
7 Maggio

La Haka è un rito tramandato o svenduto?

Tradizione di popolo, miniera d'oro del marketing All Blacks.

Lungi dall’essere una semplice danza pre-partita, la haka è un sentimento radicato in un popolo antico e temibile. Nasce, etimologicamente, dalla composizione di due parole: “Ha” e “Ka”, “soffio” e “infiammare”. È per questo che, nella sua realizzazione (la celebre dimostrazione degli All Blacks, nazionale di rugby neozelandese, prima di iniziare la partita), gli interpreti si lasciano trasportare completamente dalle emozioni.

 

 

Chiunque abbia visto una partita della Nuova Zelanda è rimasto affascinato da questo rituale. Quante volte lo abbiamo imitato insieme ad un amico, travisandone le parole e scimmiottandolo? Eppure, pochi di noi si sono realmente interrogati sul senso profondo di questo atto sacro. L’Haka non appartiene agli All Blacks e non è neanche, come si crede generalmente, una danza intimidatoria. La definizione migliore ce l’ha fornita Alan Armstrong:

 

“La Haka è una composizione suonata con molti strumenti. Mani, piedi, gambe, corpo, voce, lingua, occhi… tutti giocano la loro parte nel portare insieme a compimento la sfida, il benvenuto, l’esultanza, o il disprezzo contenuti nelle parole. È disciplinata, eppure emozionale. Più di ogni altro aspetto della cultura Māori, questa complessa danza è l’espressione della passione, del vigore e dell’identità della razza. È, al suo meglio, un messaggio dell’anima espresso attraverso le parole e gli atteggiamenti”.

 

Rappresenta il senso di orgoglio dei Maori e l’irriverenza nei confronti dei colonizzatori. Il corpo è lo strumento, ogni sua parte dà vita ad una melodia. Più che ad intimidire, serve a rendere manifesto lo stato della propria anima (spesso viene utilizzata per salutare un’ultima volta chi è andato via per sempre, per vivere a pieno un momento di gioia o, sorprendentemente, per onorare chi si ha davanti).

 

 

I Maori, dicevamo; popolazione particolarissima, fin dalle proprie origini. Indomita e felicemente estranea alla modernità. Ricca di storie tra finzione e realtà. Secondo la leggenda, questa stirpe ha come terra madre Hawaiki, definita, con un velo di nostalgia, come “Hawaikinui, Hawaikiroa, Hawaikipāmamao”, ovvero “la grande Hawaiki, la lunga Hawaiki, la lontana Hawaiki”. Non si tratta però della Nuova Zelanda, bensì di un’isola della Polinesia.

 

Haka All Blacks
Aprile 1916: la nazionale degli All Blacks esegue la danza haka (foto di Topical Press Agency/Getty Images)

 

 

Parliamo di un elemento fondamentale nella mitologia polinesiana, patria spirituale degli dei e terra natia di Varima-te-takere, madre primordiale delle divinità e degli uomini. Confrontandola con la mitologia occidentale, è paragonabile ad un Titano greco. La storia Maori ha inizio con l’avventura di Kupe, figura di riferimento nelle tribù polinesiane: per salvare il proprio popolo dalla carestia, egli va alla ricerca di un gigantesco polpo, Muturangi, causa principale della scarsa pescosità.

 

 

Le stelle indicano la via per Aotearoa, “la terra della lunga Nuvola Bianca”, ovvero la Nuova Zelanda. Qui vivranno in pace per circa sette secoli, fino a quando nel 1642 arrivarono i primi coloni. Sono riusciti a sottomettere i Maori? Mai. Dire che sia stato grazie all’haka è senza dubbio fuorviante – soprattutto perché la sua stesura risale al 1820, per celebrare la forza della vita sulla morte dal capo della tribù degli Ngati Toa; tuttavia già allora si può rintracciare il carattere e l’orgoglio di questa popolazione, “l’identità razziale” forgiata nella lotta per l’indipendenza.

 

 

Esistono diverse tipologie di Haka, la più famosa è la Ka Mate. Il merito va agli All Blacks i quali, al termine dei classici inni nazionali, mettono in scena la propria danza per esprimere la libertà e la felicità del popolo Maori. A differenza di ciò che normalmente si crede, questa non è una danza di guerra.

 

haka
Una cosa è certa, però, ed è il timore che si legge negli occhi della nazionale avversaria (foto di Michael Steele/Getty Images)

 

 

La Peruperu è invece realizzata con le armi, prima di una battaglia, e si conclude con uno scenografico salto, il più in alto possibile. Da menzionare anche la Kapa, seppur priva di tradizione. Si tratta di un ballo degli All Blacks, studiato a tavolino per più di un anno, da inscenare nelle occasioni speciali. È stata al centro di numerose polemiche perché si conclude con un gesto richiamante il taglio della gola. In realtà, secondo Derek Lardelli, studioso della cultura Maori, vuole simboleggiare “il disegno dell’energia vitale nel cuore e nei polmoni”. Energia vitale o taglio della gola? Poco importa, dati i risultati sportivi della nazionale di rugby più forte al mondo.

 

«Guerrieri Neri, fatemi diventare una cosa sola con la terra

Questa è la nostra terra che rimbomba
È la mia ora! Il mio momento!
Questo ci definisce come i Guerrieri Neri
È la mia ora! Il mio momento!

Il nostro dominio
La nostra supremazia trionferà
E si imporrà sopra tutti
La felce d’argento!
Guerrieri Neri!
La felce d’argento!
Guerrieri Neri!»

 

Tutte, seppur diverse, hanno degli elementi comuni e imprescindibili. L’uomo più anziano è colui che deve guidare la coreografia (se non coincide con il capitano, poco importa). Non è un compito che spetta al giocatore più forte o con maggior carisma, questo onore appartiene invece all’uomo con maggiore saggezza ed esperienza. Anche da un punto di vista estetico e visivo ci sono delle caratteristiche fondamentali: gli occhi spalancati chiamati Pukana, il Ngangahu, molto simile al precedente con l’aggiunta dell’emissione di un suono stridulo dalla bocca ed il Whetero, la lingua al di fuori della bocca rivolta in senso di sfida agli avversari.

 

 

Insieme ai tatuaggi l’haka, per lo meno per il mondo occidentale, è l’elemento più rappresentativo di questa cultura. A differenza di ciò che molti potrebbero pensare però, la haka, anziché unire, è al contrario motivo continuo di contrasto e divisione. In patria sono infatti molti a ritenere che, a causa degli All Blacks, il rituale sia stato eccessivamente spettacolarizzato disperdendo il suo significato più puro.

 

 

I Maori nel 2000 – dopo uno spot Adidas, sponsor tecnico della squadra per la coppa del mondo in Galles – richiesero quindi una parte del compenso della sponsorizzazione in quanto legittimi proprietari dell’haka. Circa dieci anni e molte polemiche dopo, grazie a John Key, a quel tempo primo ministro, ai Maori è stata riconosciuta la proprietà intellettuale ed un risarcimento di 64 milioni di sterline per sfruttamento e abuso delle loro terre. Contestualmente, è stata tolta loro la possibilità di qualsiasi richiesta futura di diritti e di veto nei confronti degli All Blacks. Questioni di soldi, come sempre. Persino quando a ballare, insieme ai vivi, sono i defunti.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Altro
Leonardo Aresi
4 Aprile 2021

La sovranità degli All Blacks è sacra

La tradizione e le radici non sono in vendita.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre 2020

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre 2020

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2020

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Altro
Lorenzo Innocenti
12 Giugno 2020

Il Terzo Tempo del rugby è un rito sacro

Origini, miti e segreti di una splendida consuetudine.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Papelitos
Lorenzo Ottone
26 Maggio 2020

Rugby senza mischia, l’ultima follia da Covid-19

Abolita la mischia, la palla ovale avrebbe ancora senso?
Altro
Lorenzo Innocenti
28 Ottobre 2019

Inghilterra-All Blacks, la caduta degli dei

Dopo la disfatta del Mondiale 2015 il rugby inglese si è ricompattato, passando quattro anni a preparare la partita perfetta: All Blacks neutralizzati.
Altro
Lorenzo Innocenti
5 Ottobre 2019

Cosa è andato storto?

L'Italia del rugby da tempo ha smesso di crescere. Dove nascono i problemi e quali sono i punti da cui ripartire.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto 2019

Geopolitica di Francia-Italia: il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo 2019

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio 2019

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Altro
Cristian Lovisetto
22 Novembre 2017

Il morso dei Pumas

L'Italia dell'ovale torna con i piedi per terra dopo la vittoria contro le Fiji.
Altro
Cristian Lovisetto
1 Novembre 2017

Il cielo sopra Murrayfield

Rovinare la festa agli scozzesi.
Altro
Graziano Berti
24 Ottobre 2017

Rugby, Francia e territorio

Genesi e apogeo del rugby francese. Il perché di uno sport, il perché di un popolo.
Altro
Cristian Lovisetto
27 Giugno 2017

La legge del più forte

Cosa è successo lo scorso Sabato ad Auckland.
Altro
Cristian Lovisetto
21 Giugno 2017

Il rosso e il nero

I British and Irish Lions alle prese con il tour 2017.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
11 Maggio 2017

La parabola di Re Carlos

Alla corte di Carlos Spencer. Lì dove il rugby è più bello.
Altro
Filippo Masetti
12 Marzo 2017

I Tre Leoni sono indomabili

La Scozia cade sotto i colpi dell'esercito di Eddie Jones. Il tanto ardito assalto allo strapotere inglese si è sciolto come neve al sole.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
1 Marzo 2017

Fiji, l’ovale che unisce

Le isole Fiji, paradiso naturale per turisti e surfisti. Un Paese divorato da tensioni interne, golpe di Stato e divisioni sociali. Dove l'unico vero collante tra chi decide di restare è una palla ovale, quella da rugby.
Altri Sport
Filippo Masetti
26 Febbraio 2017

I cardi tornano a pungere

La Scozia dopo tanti anni di oblio si è ripresa la scena del Six Nations.
Altro
Leonardo Aresi
12 Febbraio 2017

Disavventure italiane

L'Italrugby continua a navigare in acque agitate nel mare del Sei Nazioni, in attesa che il nuovo comandante aggiusti la rotta.
Altro
Filippo Peci
9 Gennaio 2017

Hagakure. L’arte della palla ovale

Ogni pomeriggio in Giappone, allo scoccare della campanella, miriadi di studenti escono nelle strade delle grandi città e si riversano sulle tante occupazioni post-scolastiche a loro disposizione. Questa consuetudine ormai consolidata sta assistendo negli ultimi anni a una lenta e irreversibile inversione di tendenza. Sempre meno giovani calcano i campi da baseball, i tappeti delle […]