Carrello vuoto
Papelitos
22 Dicembre

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Luigi Fattore

46 articoli
Un modello di “informazione” devastante.

Che il calcio sia ormai diventato un bene di consumo lo sappiamo, patiamo e denunciamo da tempo. E la nostra insofferenza al sistema, unita a quel senso di responsabilità che dovrebbe sempre animare chi vuole cimentarsi con il giornalismo, ci obbliga di volta in volta ad individuare le molteplici e sottili modalità di diffusione di questa ideologia che si traveste sempre da fatto compiuto, inevitabile.

 

 

Oggi vogliamo concentrarci su quella particolare tecnica di “impacchettamento” – mai termine fu più calzante – dei contenuti sportivi proposta dall’informazione mainstream, che va dagli articoli online ai salotti televisivi passando naturalmente per la carta stampata. Il riferimento è ai titoli usati per introdurre la rubrica, il servizio o il libro di turno, ossia “I 3/5/10 motivi-gol/migliori-peggiori per cui…”, una formula di cui pare non si possa più fare a meno per far sì che l’appassionato si informi.

 

In effetti si tratta di una strategia comunicativa che spicca per efficacia ed eclettismo, perché questo formato così apprezzato è una sorta di organismo vivente in grado di adattarsi a tutte le circostanze: non ci sono limiti agli argomenti che può confezionare, la riuscita dell’operazione è pressoché garantita. L’importante è che il concetto da esprimere sia preliminarmente tradotto in numeri.

 

Ma questi – è proprio il caso di dirlo – “elenchi della spesa” che assicurano un’audience trasversale e illimitata (visualizzazioni, ascolti e acquisti in libreria) e si presentano sotto le mentite spoglie di un innocuo intrattenimento, sono tutto fuorché innocui. Essi rappresentano invece il prodotto più approssimativo di un giornalismo ridotto a superficie, schiavo della velocità, della fruibilità immediata, della finta informazione e della memoria a breve termine. E tuttavia dobbiamo indagare i motivi profondi di questo successo, peraltro tutti interconnessi.

 

 

La detenzione del potere di informare, anche in ambito sportivo, spetta ormai a pochi eletti, che, combinando sapientemente indagini di mercato e presunzione, predeterminano con congruo anticipo cosa è importante e cosa no, ma soprattutto cosa piace e cosa no, venendo meno a quel sacrosanto principio secondo cui l’unico modo per rispettare il lettore è fottersene: solo così si può ottenere una partecipazione genuina e costruttiva. E invece, l’obiettivo non è più quello di stimolare lo spirito critico di chi legge dicendogli cose indigeste, bensì quello di andargli incontro estorcendogli una pigra attenzione.

 

Curiosità-chiacchiera-equivoco: che il signor Martin Heidegger parlasse già del giornalismo dei 3-5-10 motivi??

 

 

Per indurre un utente ad aprire il “pezzo” bisogna infatti agire sulla sua curiosità ma senza incuriosirlo per davvero: deve trattarsi di una curiosità rigorosamente superficiale, tipo quella riservata alle soap opera o ai reality show. Una curiosità pienamente in linea con lo spirito del tempo che consente, nel frattempo, di tenere spento il cervello – dogma cardine del nuovo zeitgeist – e soprattutto di essere “rivenduta”. In tutto ciò ci viene il soccorso la grammatica di Martin Heidegger, che non a caso era ricorso alla triade “curiosità-chiacchiera-equivoco” per descrivere i modi concreti del vivere inautentico.

 

 

Ecco allora che la curiosità è fascino per l’apparire, per quei contenuti immediatamente accessibili senza bisogno di approfondire e soffermarsi sulle cose: questo porta inevitabilmente alla chiacchiera sotto forma di “si dice”, ovvero la vulgata impersonale, degenerazione del linguaggio, che riduce e mantiene in superficie; quella che si autoalimenta, e che consente di parlare di tutto senza in verità parlare di niente. Da ciò deriva infine l’equivoco: esso è il prodotto di curiosità e chiacchiera, e si muove in una dimensione di pura propaganda in cui crediamo di conoscere già le cose quando, in realtà, abbiamo solo accarezzato la loro parte più esterna, superficiale ed appunto equivoca.

 

Tornando a noi, i numeri riportati ad arte nei titoli (3,5,10) assolvono proprio a questa funzione. La loro naturale capacità di sintesi derubrica l’accesso libero al contenuto ad automatismo indotto: si legge per inerzia.

 

Perché ormai è stata recepita a tutti i livelli la logica di quei ristoranti in cui, attraverso le mini-porzioni, ti fanno assaggiare tutto stando bene attenti a non farti gustare niente. Però la mera presentazione di quel niente è talmente seduttiva da diventare sufficiente per formarsi un’opinione (da esprimere alla prima occasione utile). Assaggiando si può dire di aver provato, e quella “conoscenza” la si ricicla proprio nella dimensione della curiosità-chiacchiera-equivoco: al pranzo della domenica, in una birra con gli amici, in una conversazione quotidiana. È come chi legge la trama di un libro su internet e poi ne discorre tranquillamente con cognizione (sic!) di causa.

 

 

Grazie ai 3/5/10 motivi possiamo fingere di sapere, nell’epoca in cui l’apparenza va di moda ben più della realtà. Proprio in questo modo che nasce la cosiddetta “tuttologia”, dalla negazione preventiva dell’approfondimento. L’importante è sapere o far credere di sapere quante più cose è possibile, avere le chiavi d’accesso a ogni discussione senza tendere alla vera conoscenza. Come se non bastasse, tutto questo impianto innesca un circolo vizioso in cui la mancanza di fiducia nel prossimo assurge ad un tempo a fondamento e a finalità, quando non ad offesa.

 

 

Già, perché per puntare sulla tecnica dell’elencazione bisogna presumere la svogliatezza del lettore e, qualora fosse insufficiente, incentivarla in maniera esponenziale. Soltanto quando la trasformazione da lettore a consumatore sarà completata e non ci sarà più nessuno interessato al pensiero, allora anche chi informa potrà autoassolversi per la povertà dei contenuti proposti e, perché no, magari compiacersi di aver fatto un’opera di bene dando la buonanotte all’abbonato con il “5 x 5 Champions”.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio 2020

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Settembre 2019

Distruggiamo il giornalismo sportivo

Sempre meglio che agonizzare di superficialità.
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto 2019

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2019

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2019

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Altro
La Redazione
14 Giugno 2019

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Altro
La Redazione
24 Maggio 2019

I misteri del golf

Maestri, Episodio V: Dino Buzzati.
Altro
La Redazione
17 Maggio 2019

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile 2019

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2019

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre 2018

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Interviste
Michele Di Virgilio
4 Giugno 2018

Le teorie di Darwin

Scrivere per l'utopia e per la memoria. Per gli eroi e i perdenti vestiti di sogno. Attraverso la tecnologia e grazie alla storia, lungo quell'ombra tra romanzo e realtà che noi chiamiamo Calcio.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile 2018

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Interviste
Davide Bernardini
7 Aprile 2018

Così è (se vi pare)

Intervista a Marco Ballestracci, narratore di vita e di sport.
Critica
Pippo Russo
4 Aprile 2018

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio 2018

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio 2018

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio 2018

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Critica
Pippo Russo
2 Febbraio 2018

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.
Critica
Pippo Russo
23 Gennaio 2018

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio 2018

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Critica
Pippo Russo
27 Dicembre 2017

I panettoni sgonfiati e le supposte di saggezza

Panettoni, veline, amanti e polli: benvenuti alla Fiera dell'Est del giornalismo sportivo italiano.
Recensioni
La Redazione
20 Dicembre 2017

Giulio Andreotti intervistato da Gianni Brera

Da un'intervista del 1983.
Critica
Pippo Russo
16 Dicembre 2017

Gaia Piccardi e la teoria del digerire con l’intelletto

Balzano agli onori di Pallonate anche basket e ciclismo!
Critica
Pippo Russo
13 Dicembre 2017

Tutti a scuola di giornalismo da Billy Costacurta

Lanciamo un SOS per la Gazzetta dello Sport. Con tutto che a Sky non se la passano poi così bene...
Critica
Pippo Russo
6 Dicembre 2017

Actors studio a Castel Volturno

Benvenuti alla Fiera dell'Est dell'italica narrazione sportiva.
Interviste
Federico Corona
25 Novembre 2017

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Critica
Pippo Russo
24 Novembre 2017

Consoliamoci col Mondiale del 2020

Alla Gazzetta dello Sport titolisti e direttore fanno a gara a chi ha meno idee. E poi c'è sempre lui, il Vate Fabio Caressa.
Critica
Pippo Russo
15 Novembre 2017

Pagherete caro, pagherete tutti

Il socialismo secondo Mario Sconcerti.