Carrello vuoto
Altri Sport
26 Febbraio

I cardi tornano a pungere

Filippo Masetti

2 articoli
La Scozia dopo tanti anni di oblio si è ripresa la scena del Six Nations.

La partita di cartello della terza giornata del Sei Nazioni è andata in scena a Murrayfield. La Scozia ha affrontato il Galles tra le sue mura amiche, dove nel primo turno di questa edizione del torneo aveva affondato i “giganti” Irlandesi. Entrambe le squadre avevano la necessità assoluta di vincere, per rendere credibile il prosieguo dei giochi, evitando di offrire un match point agli inglesi già nella prossima giornata, perché si sa, citando Francesco Volpe, che gli inglesi giocano a rugby perchè lo hanno creato. Gallesi, irlandesi e scozzesi perchè, legnando gli inglesi in qualsiasi altro modo, finirebbero in galera.”

Five Nations 1990: Gary Armstrong scarica il pallone fuori da un raggruppamento. Scozzesi e Gallesi si sfidano dalla notte dei tempi.
Five Nations 1990: Gary Armstrong scarica il pallone fuori da un raggruppamento. Scozzesi e gallesi si sfidano dalla notte dei tempi.

L’assenza di capitan Laidlaw si fa subito sentire per i padroni di casa soprattutto nelle situazioni di gestione del possesso; Ali Price non comanda come dovrebbe il punto d’incontro concedendo enorme libertà al dinamismo ed alla fantasia di Rhys Webb. Il numero 9 dei Dragoni è senza dubbio il giocatore che crea i maggiori pericoli, fino a trovare lo spunto per mandare in bandierina Liam Williams al 24′. Ci sono tutte le condizioni del caso per assistere ad un dominio gallese, sostenuto dalla famosa marea colorata che segue la nazionale in ogni sua trasferta. La risposta della Scozia però non si fa attendere; il logorante lavoro fisico fiacca le forze nemiche e comandati da un Russell in grande spolvero, in seguito nominato man on the match, i cuori impavidi accorciano il divario con un piazzato rientrando negli spogliatoi sotto di soli 4 punti. La ripresa è uno spettacolo assoluto: i cardi decidono di mettere il piede sull’acceleratore mandando in meta dopo appena 3 minuti Seymour e vincendo tutte le situazioni chiave che gli si presentano di fronte. La seconda frazione di gioco diventerà un vero e proprio incubo per Alu Wyn Jones e compagni. Incapaci di contenere le folate offensive dei “cavalloni normanni”, citando Vittorio Munari, tentano di salvare il salvabile utilizzando quasi sempre il piede. Al 66 arriva la svolta della partita: Russell apre e Hogg con un gioco di prestigio libera Visser, permettendogli di festeggiare la meta sotto una folla in delirio. Si inizia a sentire l’odore della vittoria all’ombra del castello di Edimburgo. Ci sarà poi spazio per un ulteriore calcio di punizione che congelerà il risultato sul 29-13 permettendo alla Scozia di tornare a trionfare sul Galles dopo ben 9 anni di astinenza e di mantenersi in corsa per la Triple Crown ed un’improbabile vittoria finale.

Visser corre in meta dopo lo splendido assist dell'insospettabile Hogg
Visser corre in meta dopo lo splendido assist dell’insospettabile Hogg

In casa Galles, orfano di Gatland, voluto a tutti i costi sulla panchina dei Lions, le riflessioni da fare sono tante: se la sconfitta casalinga con l’Inghilterra poteva essere tollerata, l’umiliazione subita a Murrayfield rischia di diventare un enorme vaso di pandora che potrebbe mettere in risalto i problemi della federazione, sempre mascherati dagli ottimi risultati della nazionale, incapace da anni di avere una franchigia veramente competitiva e quindi di trattenere i propri migliori giocatori all’interno dei confini nazionali. In attesa del risultato di oggi, dopo la solida vittoria irlandese contro la Francia, il sei nazioni appare quasi deciso, lasciando nelle mani degli enfant terribles scozzesi l’incredibile possibilità di strappare agli inglesi la loro imbattibilità, portandosi a casa lo scalpo più prestigioso della propria storia rugbistica. Le riserve di scotch dell’intera nazione saranno assalite da un popolo che da anni sognava queste vittorie. Noi amanti del gioco possiamo solo levarci il cappello di fronte allo spettacolo di partite del genere ricordandoci sempre che “Il rugby e` come un liquore molto forte: per assaporarne sia tutto il sapore che l`aroma va bevuto a piccoli sorsi e tra amici fidati. Dosi troppo forti, assorbite in cattiva compagnia, guasterebbero la festa.” aspettiamo quindi la prossima epica battaglia, ma senza troppa ansia.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Podcast
La Redazione
8 Giugno 2021

Essere scozzesi

Essere scozzesi è una merda, ed è anche meraviglioso.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Altro
Leonardo Aresi
4 Aprile 2021

La sovranità degli All Blacks è sacra

La tradizione e le radici non sono in vendita.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre 2020

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre 2020

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2020

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Altro
Lorenzo Innocenti
12 Giugno 2020

Il Terzo Tempo del rugby è un rito sacro

Origini, miti e segreti di una splendida consuetudine.
Calcio
Simone Galeotti
3 Giugno 2020

Droga, Football, Trainspotting: un pomeriggio a Leith

I ragazzi terribili di Irvine Welsh e la loro impresa criminale nel giorno del derby di Edimburgo tra Hibernian e Hearts.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Papelitos
Lorenzo Ottone
26 Maggio 2020

Rugby senza mischia, l’ultima follia da Covid-19

Abolita la mischia, la palla ovale avrebbe ancora senso?
Altro
Alessandro Imperiali
7 Maggio 2020

La Haka è un rito tramandato o svenduto?

Tradizione di popolo, miniera d'oro del marketing All Blacks.
Altro
Lorenzo Innocenti
28 Ottobre 2019

Inghilterra-All Blacks, la caduta degli dei

Dopo la disfatta del Mondiale 2015 il rugby inglese si è ricompattato, passando quattro anni a preparare la partita perfetta: All Blacks neutralizzati.
Altro
Lorenzo Innocenti
5 Ottobre 2019

Cosa è andato storto?

L'Italia del rugby da tempo ha smesso di crescere. Dove nascono i problemi e quali sono i punti da cui ripartire.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto 2019

Geopolitica di Francia-Italia: il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Calcio
Simone Galeotti
29 Marzo 2019

Mo Johnston e l’Old Firm

Storia di un tradimento.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo 2019

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio 2019

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Ritratti
Sergio Taccone
10 Ottobre 2018

Joe Jordan, lo squalo

Dare tutto in campo, conquistare l'affetto fuori.
Ritratti
Leonardo Aresi
4 Maggio 2018

Jim Baxter, ribelle per vocazione

Tonight I'm a Rock 'N' Roll Star.
Papelitos
Leonardo Aresi
4 Maggio 2018

Una nuova speranza

È Steven Gerrard l'uomo della Provvidenza per i Glasgow Rangers?
Altro
Cristian Lovisetto
20 Marzo 2018

Quel che resta del 6 Nazioni

Se per l'Irlanda è stata una cavalcata trionfale, per l'Italia sono stati il terzo cucchiaio di legno e il terzo whitewash di fila.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Altro
Cristian Lovisetto
22 Novembre 2017

Il morso dei Pumas

L'Italia dell'ovale torna con i piedi per terra dopo la vittoria contro le Fiji.
Altro
Cristian Lovisetto
1 Novembre 2017

Il cielo sopra Murrayfield

Rovinare la festa agli scozzesi.
Altro
Graziano Berti
24 Ottobre 2017

Rugby, Francia e territorio

Genesi e apogeo del rugby francese. Il perché di uno sport, il perché di un popolo.
Altro
Cristian Lovisetto
27 Giugno 2017

La legge del più forte

Cosa è successo lo scorso Sabato ad Auckland.
Altro
Cristian Lovisetto
21 Giugno 2017

Il rosso e il nero

I British and Irish Lions alle prese con il tour 2017.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
11 Maggio 2017

La parabola di Re Carlos

Alla corte di Carlos Spencer. Lì dove il rugby è più bello.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
26 Marzo 2017

Cosa ci rimane del 6 Nazioni

Sono state settimane di rugby appassionanti. E' ora di tirare le somme.
Altro
Filippo Masetti
12 Marzo 2017

I Tre Leoni sono indomabili

La Scozia cade sotto i colpi dell'esercito di Eddie Jones. Il tanto ardito assalto allo strapotere inglese si è sciolto come neve al sole.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
1 Marzo 2017

Fiji, l’ovale che unisce

Le isole Fiji, paradiso naturale per turisti e surfisti. Un Paese divorato da tensioni interne, golpe di Stato e divisioni sociali. Dove l'unico vero collante tra chi decide di restare è una palla ovale, quella da rugby.
Altro
Leonardo Aresi
12 Febbraio 2017

Disavventure italiane

L'Italrugby continua a navigare in acque agitate nel mare del Sei Nazioni, in attesa che il nuovo comandante aggiusti la rotta.
Altro
Filippo Peci
9 Gennaio 2017

Hagakure. L’arte della palla ovale

Ogni pomeriggio in Giappone, allo scoccare della campanella, miriadi di studenti escono nelle strade delle grandi città e si riversano sulle tante occupazioni post-scolastiche a loro disposizione. Questa consuetudine ormai consolidata sta assistendo negli ultimi anni a una lenta e irreversibile inversione di tendenza. Sempre meno giovani calcano i campi da baseball, i tappeti delle […]