Carrello vuoto
Calcio
7 Agosto

I figli devono tifare la nostra squadra?

Se il sostegno ad una squadra non è solo una tradizione familiare, ma una scelta del singolo.

L’albero genealogico ci consegna la squadra di calcio insieme agli occhi scuri di mamma e la camminata a piedi aperti del babbo. La nostra voglia di condivisione del buono e giusto, con una dose a piacimento di marketing, fa in modo che la creatura venga avvolta nei colori della squadra per cui tifa, ancora inconsapevolmente, già prima che riesca a formulare correttamente la parola mamma, che riesca a camminare, che riconosca sé stessa come individuo.

 

Pare naturale dare ai figli anche la squadra di calcio, soprattutto se il genitore ha le idee chiare. Pochi semplici precetti che scadono in un macchiettistico, immaturo e falso “Noi siamo il bene. Di là esiste soltanto il male. Specialmente con quelle maglie lì”. Un mantra ripetuto di continuo che diventa legge, che diventa una maglia tarocca comprata ai semafori ed un kit originale per la promozione in terza elementare, passando per il tour dello stadio, la partita vista dalle gradinate, e via così. Una macchina che a quel punto corre spedita senza bisogno di pigiare l’acceleratore.

 

L’unico rischio in questi casi è che il rapporto tra padre e figli sia logoro al di fuori del pallone e che quindi il ragazzino faccia un dispetto scegliendo con cura tra le rivali la squadra che il padre odia di più. Ma sono errori commessi da pochi sventurati genitori che non tengono le mani sul volante e che non inficiano nelle statistiche, perché il risultato finale è quasi sempre un successo: il figlio (o la figlia, certo) tiferà la stessa squadra del padre.

 

A Roma, sponda biancoceleste, “di padre in figlio” è diventato un vero e proprio evento promosso da società e tifoseria

Con l’avvertenza però, nell’età della tenerezza, di non mollare un centimetro, consolando il pargolo nelle difficoltà di un 0-6 a domicilio, o di un titolo sfumato, come farlo resistere alla tentazione del suo migliore amico in classe che tifa un’altra squadra, oppure fargli capire che anche se la Juventus ha vinto gli ultimi 8 scudetti e lui è nato e vissuto sotto questa monarchia capiterà che un giorno verrà spezzata. Serve costanza e in dosi massicce nell’era in cui la seconda squadra la si sceglie tra Real Madrid, Barcellona o Manchester City, tra poco pure in Cina, per fargli arrivare lo stesso unico amore per la squadra che milita in Lega Pro e che si è fatta due fallimenti in dieci anni.

 

Questa, come le altre di cui sopra, sarà una prova titanica di dedizione e condizionamento. Perché per ottenere il risultato di un figlio fedele ai nostri stessi colori serve un regime educativo militare. Ma è giusto? Coltivare dei dubbi non fa parte del mondo del tifoso, il libero arbitrio non è previsto. Siamo tifosi di quella squadra, siamo dalla parte del giusto, qualsiasi cosa succeda. Perché così è sempre stato dai nonni dei nonni. Augh!, oppure Amen. Nel momento fatidico in cui il figlio si avvicinerà al vostro divano davanti ad una partita alla tv e voi avrete rimandato i precetti fino a quella domanda: “tu quale squadra tifi?”, allora si dovrà scegliere che tipo di persona vorremo avere al nostro fianco.

 

Nonno Claudio accompagna il nipotino nel centro di Trigoria

 

Vorremo fargli vivere le nostre stesse pene? E perché non fargliene scegliere alcune proprie? Se è vero che non bisogna vivere da genitori una vita per interposta persona, perché allora dargli il nostro stesso percorso? Vorremmo che fosse uno incline alla ribellione contro il potere ufficiale, in buona sostanza contro “il male assoluto”, così come glielo raccontiamo, quando nella vita di tutti i giorni è l’unico ad obbedire alla maestra d’asilo e stare composto in sala mensa? Vorremmo dargli il tifo per una squadra prepotente, ricca, e odiata quando lui è la mascotte della classe perché fa ricopiare i compiti e divide la merendina a scuola coi compagni? Vorremmo dargli il tifo per la nostra squadra il cui unico scopo è migliorare il fatturato e prendere 20 giocatori in rosa con i prestiti quando lui sarebbe pronto a barare al solitario pur di vincere?

 

 

Arriverebbe presto all’adolescenza con forti crisi d’identità. Una vita sul doppio binario, in contrasto tra la persona che si forma e il tifoso che prende spazio. Un Bruce Banner che potrebbe diventare Hulk in qualsiasi momento e fare a pezzi una personalità mai formata. L’uso che si fa dei bambini nel tifo è un uso strumentale e politico. Pari a quello di quei genitori che li fanno sfilare nelle manifestazioni di piazza e che li usano come scudi per giustificare ogni loro azione. È un uso prepotente, improprio. E allora lasciate stare i bambini. Anche nel tifo delle squadre di calcio.

 

 

Non insegnate ai bambini, forse varrebbe la pena lasciar loro creare il proprio mondo. Perché a guardare bene se le tante energie che spendiamo dietro la nostra squadra, per tifarla, giustificarla, assolverla e poi glorificarla rispetto alle altre indipendentemente da quel che dice il campo, fossero incanalate con un club “coerente” col nostro carattere oppure scelto con la ragione e non con l’imposizione avremmo una vita meno incasinata, sicuramente più serena, tendenzialmente più appagante. Indipendentemente dalla bacheca trofei.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifosi
Alberto Fabbri
3 Luglio

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.
Interviste
La Redazione
17 Aprile

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Interviste
Domenico Rocca
30 Luglio

Il calcio dai tifosi e per i tifosi

Intervista a Supporters in Campo, il progetto italiano che promuove la partecipazione attiva dei tifosi.
Storie
Massimiliano Vino
28 Giugno

Il tifoso Giacomo Leopardi

Prima del calcio, uno sport nazionale trascinava folle e intellettuali.
Tifosi
26 Novembre

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifosi
Alberto Fabbri
10 Giugno

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Tifosi
Alessandro Imperiali
11 Novembre

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Tifosi
Alberto Fabbri
18 Agosto

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Tifosi
Jacopo Benefico
19 Novembre

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Tifosi
Jacopo Benefico
7 Novembre

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Papelitos
Lorenzo Ottone
14 Maggio

Non ci ribelliamo perché non andiamo (più) in Curva

Il lockdown, in realtà, non ci è pesato affatto.
Tifosi
Jacopo Benefico
21 Maggio

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Tifosi
Domenico Rocca
17 Giugno

Caccia alle streghe

Nel modello che punta agli stadi-teatro, gli ultras rappresentano una minaccia e un ostacolo da eliminare nella loro interezza.
Tifosi
Alberto Fabbri
16 Settembre

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Tifosi
Diego D'Avanzo
12 Ottobre

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Tifosi
Alessandro Imperiali
15 Dicembre

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Calcio
Raffaele Scarpellini
24 Ottobre

Il Valencia non vede più la luce

Il magnate Peter Lim sta portando il club nel baratro.
Calcio
Emanuele Meschini
7 Luglio

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Tifosi
Alessandro Imperiali
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Novembre

Contucci, l’avvocato del diavolo

Voce all'avvocato Lorenzo Contucci, sindacalista dei tifosi.
Tifosi
Alberto Fabbri
20 Dicembre

A Natale regala un DASPO

Alle diffide sotto l'albero preferiamo il carbone della Befana.
Calcio
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Tifosi
Jacopo Benefico
15 Novembre

Oviedo e Gijòn. Il derby che divide le Asturie

Real Oviedo v Sporting Gijòn.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Tifosi
Simone Meloni
25 Dicembre

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Calcio
Michele Di Virgilio
24 Gennaio

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Tifosi
Alberto Fabbri
2 Marzo

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
Calcio
Antonio Torrisi
17 Giugno

La Coppa Italia è antidemocratica

Un torneo che ci rappresenta: da rifondare, ma sempre domani.
Papelitos
La Redazione
27 Febbraio

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Tifosi
Alberto Fabbri
19 Novembre

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Tifosi
Alessandro Imperiali
25 Settembre

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.