Carrello vuoto
Interviste
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Gianluca Palamidessi

127 articoli
Intervista a Federico Roccio.

Mentre storiche società falliscono, stadi storici vengono abbattuti, mentre il costo dei biglietti continua a salire, mentre le istituzioni fanno di tutto per portare la gente fuori dall’ambiente magico dello Stadio, c’è chi non vuole mollare di fronte a tutto questo. Amico di Antonio Cunazza, mente del progetto Archistadia, Federico Roccio detiene un record speciale, meritevole di una nuova narrazione, specie in tempi poveri di storie autentiche. Per raccontarlo, ha trasmesso alle sue pagine la propria passione; noi lo abbiamo intervistato.


Partiamo dalla tua opera, Il cacciatore di Stadi. Cosa credi che questo libro abbia, in più (al di là dell’incredibile record che qui racconti), rispetto al classico racconto da stadio che ha già avuto ampia fortuna editoriale in passato (celeberrimo l’esempio di Febbre a 90° di Nick Hornby)?

 

Il mio racconto a differenza di Nick Hornby e del suo Arsenal, è un viaggio che parte sì dal mio trascorso in rossonero, ma che poi diventa una vera e propria avventura in 30 Paesi e 500 stadi. Non è il classico racconto di appartenenza ad una squadra o ad una frangia di tifo, ma una passione che ti porta a scoprire nuove realtà, anche le più sconosciute. Perché girare gli stadi è anche un modo per arricchire la propria cultura. Scoprire usi e costumi di altre nazioni, in alcuni casi di mondi differenti dal nostro. Con il tuo Arsenal, ma come lo stesso Milan, Inter o Juve che sia, non scopriresti mai la quarta serie turca o la serie B lituana. Questo è il cacciatore di stadi, che non si sofferma solamente sulla Champions League o sui derby, ma oltre a questi match cerca sempre di andare a scovare le partite più “cazzute” che ci siano sulla terra! Un esempio: a febbraio sono andato a vedere in Macedonia Rabotnicki-Renova, del campionato macedone appunto.

 

Stella Rossa – Cska Mosca, “Stadio Rajko Mitic” Europa League 2017/2018 (foto Federico Roccio)

 

“Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio”, scriveva il grande Albert Camus. Ci sapresti dire qual è l’aspetto che più di ogni altro ti affascina dell’esperienza Stadio?

Lo stadio è tutto. Risposta banale, scontata, ma è la verità. E’ il posto in cui incontri i tuoi amici, per una birra o per quattro risate, lì li troverai sempre. E’ il posto in cui ti permetti di staccare la spina, per le mille rotture di scatole che hai avuto nella settimana appena finita, che sia lavoro, famiglia ecc ecc. E’ il posto in cui provi gioie, dolori, emozioni positive e negative che solo allo stadio puoi vivere. E’ il posto in cui puoi gridare come un pazzo; nessuno ti dirà mai di stare in silenzio! Nel mio caso è anche il posto in cui conosci culture e persone di ogni località del mondo! Quest’estate per esempio al Luzhniki di Mosca, durante Portogallo-Marocco, ho conosciuto un ragazzo australiano.

 

Di stadi ne hai girati parecchi, di luoghi anche. Sapresti parlarci di una squadra, di una partita o magari di un campionato dove, da esterno, hai percepito uno specifico senso identitario e comunitario?

Ne ho viste tante, di cotte e di crude. Ma credo che due squadre come il Celtic Glasgow e l’OFI Creta, siano difficilmente paragonabili. La prima, bè la prima parla da sola. Ho vissuto due Old Firm, qualcosa di incredibile e indescrivibile. Si preparano il giorno prima bevendo fiumi di birra fino all’ora in cui inizia la partita. Il giorno dopo l’Old Firm è usanza prendere un giorno di ferie da quanto si è hangover. Un mio amico scozzese mi diceva sempre: “Io in chiesa non prego per la mia famiglia, non prego per il mio lavoro… Prego Dio solo perchè vinca il Celtic!”. La seconda invece è quel mix tra ignoranza e romanticismo che si viveva in Italia negli anni ’90. Vi dico solo che un mio amico dell’OFI, prima di un OFI-Panathinaikos, per rubare una bandiera ai tifosi della squadra di Atene si è appeso ad un filo della corrente, folgorandosi un braccio. Robe da pazzi. Ma un Paese così ospitale come la Grecia, raramente mi è capitato di trovarlo nei miei 30, (ad oggi 31).

 

Ludogorets – Milan, “Ludogorets Arena” Europa League 2017/2018, paese numero 30 e stadio numero 500 (foto Federico Roccio)

 

In Italia ci si lamenta spesso, e a ragione, della mancanza di strutture adeguate, di violazioni di qualsivoglia genere, di libertà concesse solo a metà. Le piattaforme multimediali e televisive stanno prendendo il posto dell’esperienza stadio, unica al mondo, specie tra i più giovani. E mentre gli Ultras rimangono da soli, abbandonati al proprio destino, la passione rischia di morire lentamente. Bandieroni, fumogeni, tamburi, da noi se ne vedono sempre di meno, qualora non siano esplicitamente vietati. Quanto è difficile raccontare alle generazioni d’oggi che una partita allo stadio, con tutto ciò che essa si porta dietro, vale mille volte di più di una semplice partita vista attraverso uno schermo? La situazione credi andrà peggiorando? O c’è ancora margine per riscoprire quest’esperienza originaria?

Difficile? Difficilissimo. Quando ero piccolo, andava bene se potevo giocare una volta alla settimana alla Play Station 1 e qualche partita a Super Mario con il Game Boy in bianco e nero. Oggi nascono con in mano già un IPhone 7, un IPad o un qualsiasi strumento simile a questi. Sinceramente parlando mi fa schifo questa cosa. Mi ricordo quando alle elementari i miei mi mandavano a letto alle 21, e io sotto il cuscino mi tenevo sempre una radiolina che mi aveva regalato mio nonno per ascoltare le partite il sabato e la domenica sera… ma non c’era comunque tutta la Pay-tv di oggi, solamente i più “ricchi” potevano permettersi Tele+.

 

Oggi invece si nasce guardando Sky o Mediaset Premium. Stesso discorso per lo stadio: quando ero piccolo mio padre mi portava a San Siro, i bambini non pagavano e non avevano bisogno del biglietto. Oggi per comprare un biglietto devi sempre avere dietro un documento d’identità, per non parlare dei prezzi: stadi che cadono a pezzi e ogni anno costano sempre di più. Onestamente non vedo via d’uscita. Quest’anno con l’arrivo di Cristiano Ronaldo nel nostro campionato, penso ci sarà un incremento per quanto riguarda la presenza dei tifosi, ma non è e non deve essere Cristiano Ronaldo a risolvere questo problema. Anche perchè dopo averlo visto giocare una, due partite, facciamo anche una stagione, il gioco è bello che finito. Bisognerebbe ripartire da zero, modernizzando tutti gli stadi (come in Inghilterra) e tenendo prezzi accessibili a tutti (come in Germania).

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Antonio Aloi
13 Aprile

L’epica della scuola pugilistica italiana

La Nobile Arte scorre nelle vene del Bel Paese.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Calcio
Alberto Fabbri
8 Febbraio

Ultras d’Italia, ep. IV

Italia 90, il "Calcio moderno" ed il principio della crisi.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Ritratti
Alberto Maresca
10 Luglio

Nevio Scala, l’ultimo grande conservatore

Il più italiano degli allenatori, dalla scuola di Nereo Rocco.
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Calcio
Giuseppe Cappiello
20 Settembre

Il calcio a Bari è un Ideale

Il pallone dal basso che non si arrende al business.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Tifosi
Alessandro Imperiali
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Storie
Gianluca Caboni
10 Giugno

12 settembre 1970

Storie di uomini leggendari. L'ultimo saluto al Sant'Elia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Calcio
Marco Armocida
6 Gennaio

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Interviste
La Redazione
17 Aprile

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
26 Marzo

Cosa ci rimane del 6 Nazioni

Sono state settimane di rugby appassionanti. E' ora di tirare le somme.
Papelitos
Federico Brasile
11 Ottobre

Chissenefrega della maglia verde dell’Italia

La nuova maglia verde dell'Italia in un Paese conservatore che non ha più nulla da conservare.
Tifosi
Domenico Rocca
15 Settembre

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Calcio
Lorenzo Santucci
3 Luglio

San Francesco

29 giugno 2000.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Tifosi
Alberto Fabbri
16 Settembre

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Interviste
La Redazione
16 Gennaio

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Altro
Cristian Lovisetto
1 Novembre

Il cielo sopra Murrayfield

Rovinare la festa agli scozzesi.
Tifosi
Alberto Fabbri
5 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. I

Incipit della storia del tifo italiano.
Recensioni
Leonardo Aresi
10 Febbraio

Nino Benvenuti. Il mio esodo dall’Istria

Quando la storia di un pugile si intreccia con quella di un intero popolo.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Calcio
Gianluca Palamidessi
6 Febbraio

Meglio di Inzaghi la Lazio non potrebbe chiedere

Ottimo allenatore, grande tifoso.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Ottobre

L’Antinferno della Serie A

Il Benevento non esiste, la SPAL però ci crede. Chi sono dunque le ignave del campionato?
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Calcio
Gianluca Caboni
18 Giugno

L’Italia che verrà

Alla scoperta delle Under 21 italiane più forti di sempre. Spoiler: questa promette molto bene.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Calcio
Luca Pulsoni
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Papelitos
Federico Brasile
29 Ottobre

Lunga vita alle bestemmie in campo

Il post-umano ha trionfato fino a punire le bestemmie dei calciatori con la prova tv.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Tifosi
Alberto Fabbri
19 Novembre

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno

Alberto Malesani, umano troppo umano

Sorridere in faccia al fallimento.
Storie
Francesco Polizzotto
17 Giugno

Derby d’Europa

Italia contro Germania, cronache della sfida più importante del calcio europeo.
Papelitos
Vittorio Ray
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.
Altro
Alberto Fabbri
4 Settembre

Un popolo di santi, poeti e giocatori

Le carte, eterna passione arcitaliana.
Calcio
Diego Mariottini
15 Agosto

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Novembre

La Juventus è tornata squadra

Il ritiro ha fatto bene ai bianconeri.