Carrello vuoto
Calcio
20 Agosto

Il calcio a Baku

Alberto Maresca

27 articoli
Tra politica, petrolio e assolutismo.

“Si tratta di un indovinello, avvolto in un mistero all’interno di un enigma”. E’ la reazione a caldo di Winston Churchill in merito all’annessione della Polonia da parte dell’Unione Sovietica. Quel castello di carta costruito sulla manipolazione e lo spionaggio aveva già iniziato a prendere forma, e il mondo occidentale ne avrebbe potuta carpire solamente la facciata. Il mosaico etnico dell’URSS si rifletteva, ovviamente, anche all’interno del KGB, il cuore pulsante proprio di quell’arduo dilemma politico. In particolare, l’enclave azera era guidata da Heydar Aliyev, la sintesi personificata dell’Azerbaijan. Una nazione sempre più vicina alla Turchia che al Medio Oriente, riluttante e austera verso il mondo arabo, ma soprattutto distante tanto dall’Europa quanto dalla Russia.

 

Eppure, l’unica spiegazione al fatto che l’Azerbaijan era ed è il maggior partner economico proprio di queste compagini è riconducibile ad Aliyev. L’ascesa di un uomo partito dal villaggio del Nakhichevan che ha seguito di pari passo il corso del calcio locale, indissolubilmente legato alla capitale Baku. Come spesso capitava ai tempi sovietici, il primato sportivo a livello di club apparteneva al Neftci, la squadra del già potente ministero energetico petrolifero, le cui fortune videro la luce a partire dagli anni ’60, quando Heydar Aliyev divenne Segretario della RSS Azerbaijan.

 

Il presidente Heydar Aliyev bacia la bandiera dell’Azerbaigian

 

Il campionato sovietico, perennemente dominato dalle moscovite, accolse d’improvviso i bianconeri che ottennero, nel 1966, uno storico terzo posto ai danni della Dinamo di Lev Yashin. Da quel momento il pallone cerchiato con la petroliera si affermò come presenza fissa fra le posizioni importanti del torneo, sotto l’egida del bomber Javadov. Persino il Politburo di Mosca, nella persona di Leonid Breznev, sembrava non disdegnare i cugini abbronzati del Mar Caspio. Ne è una prova la promozione di Aliyev come Vice-Primo Ministro dell’Unione Sovietica, l’unica volta di un musulmano al Cremlino. Come anticipato, politica e pallone attorno al Patto di Varsavia hanno camminato su binari paralleli, e cambiando il capo stazione il tragitto dell’intera carovana è cambiato drasticamente.

 

Con Gorbacev al potere, per Aliyev e il suo Neftci giungono momenti bui: è l’era di Chernobyl e del crollo del Muro, un panorama generale capovolto. Lo spartiacque della “Terra del Fuoco” si trova in concomitanza con questi eventi e il successivo crollo dell’URSS, poiché a prendere le redini dell’Azerbaijan indipendente ci sarebbe potuto essere soltanto lui, Heydar Aliyev. Cessata l’Unione, le vecchie ostilità di carattere centenario con l’Armenia scoprirono il velo, rivelando il conflitto del Nagorno Karabakh, scontro bellico in cui gli armeni ebbero la meglio nel controllo della zona, scatenando una proto guerra civile nel resto del Paese. Un’occasione d’oro per Heydar, al quale bastarono una tregua e tante trivelle ai vicini cristiani per salire al governo.

 

Fuori dallo stadio del Neftçi Peşəkar Futbol Klubu

 

Dal terzo Millennio, ad Aliyev sono stati dedicati: un centro culturale, un aeroporto, una moschea, un monte e persino uno stabilimento di acque profonde, solamente nella città di Baku. Il motivo sta nella modernizzazione efferata che il suo establishment ha perpetrato proprio nella capitale, tra costruzioni avveniristiche come le celebri Flame Towers. Baku è stata assalita dal libero mercato e dai potenti magnati russi. Un lungomare gremito di yacht che affacciano direttamente sul circuito targato Formula 1 definisce la nuova linea del Paese, dove ormai la cultura islamica va pian piano emarginandosi. Persino i templi zoroastriani si sono trasformati in una remota meta turistica, la stragrande maggioranza dei visitatori si riversa nella zona di Nizami street, la via Montenapoleone dell’Eurasia.

 

Baku sembra non rientrare minimamente nell’immaginario collettivo occidentale, e soltanto la scorsa finale di Europa League ha portato alla ribalta virale l’Azerbaijan intero, ma per due motivi ben contrapposti fra loro. La bellezza strutturale dello stadio Olimpico Nazionale ha colpito ogni singolo spettatore durante quell’Arsenal-Chelsea con colori e forme slanciate, eppure una volta spostatasi la telecamera all’interno dell’impianto, il gelo. Spalti semivuoti e un silenzio incombente per l’intera gara, tanto per questioni geografiche quanto per l’incompatibilità del luogo con il livello della kermesse. Difatti, visitare la struttura è praticamente impossibile data la stretta sorveglianza, nonostante sulla carta sia la dimora ufficiale del Qarabag.

 

Una veduta di Baku

 

Presenza fissa in Europa League da qualche tempo, nonché avversaria anche dell’Inter nel 2014, la compagine sarebbe originaria proprio del Nagorno, e quindi tifata anche da una certa minoranza armena. L’unica ragione plausibile alla totale assenza di qualsivoglia riferimento al club tra le strade di Baku, siano vessilli o magliette, come se si cercasse di nascondere la presenza forzata di un ospite malvoluto. Ancor più curioso è il trattamento riservato al Neftci, i cui unici stralci si trovano nei dintorni della fatiscente Bakcell Arena. A detta degli azeri, i “Petrolieri”, guidati in panchina dal nostro Roberto Bordin, costituirebbero una tifoseria paragonabile alle turche. Difficile sia da credere sia da costatare, soprattutto dato il controllo poliziesco che la popolazione subisce nella vita quotidiana e peculiarmente sui media.

 

Una gestione statale normalizzatasi col passare del tempo, ma che dall’esterno è rilevabile con poche e sparute pubblicità al di fuori della Socar, la potentissima compagnia petrolifera in possesso di chilometrici oleodotti che dominano la campagna azera. Il sommario dell’Azerbaijan non è però intuibile né dai celebri tappeti né dalle risorse energetiche, bensì in un cognome, quello dell’attuale Capo di Stato. Heydar è morto nel 2003, lasciando il mandato dopo 10 anni; per la fredda cronaca, a oggi l’attuale Presidente si chiama Ilham, di cognome Aliyev. Come il Kazakistan, Turkmenistan e altri Paesi post sovietici, anche l’Azerbaijan si è illuso di aver conosciuto la democrazia.


Le ultime due foto presenti all’interno dell’articolo sono a cura dell’autore Alberto Maresca, che ringraziamo.


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Michelangelo Freda
26 Maggio 2022

Ciriaco De Mita e l’Us Avellino

È morto oggi, a 94 anni, un autentico uomo di potere.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Tifo
Gianluca Palamidessi
15 Aprile 2022

Il tifo infiamma Europa e Conference League

Lo ribadiamo nuovamente: in Europa si tifa solo di giovedì.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Editoriali
Andrea Antonioli
24 Giugno 2021

Che stanchezza il calcio arcobaleno

Kneeling, rainbows and conformism.
Tifo
Antonio Torrisi
31 Maggio 2021

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Maggio 2021

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo 2021

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio 2021

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Marco Gambaudo
12 Dicembre 2020

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Ritratti
Massimiliano Vino
3 Dicembre 2020

Quel meticcio di Luciano Vassallo

La condanna senza patria del miglior calciatore etiope.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre 2020

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Storie
Matteo Picconi
27 Ottobre 2020

La squadra di Ceausescu

Il Viitorul Scornicesti per capire il regime rumeno.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre 2020

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Storie
Massimiliano Vino
10 Settembre 2020

Argentina ’78 segnata dalla loggia P2

Quando la massoneria scese letteralmente in campo.
Tifo
Alberto Fabbri
18 Agosto 2020

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Tennis
Diego D'Avanzo
7 Agosto 2020

Leandro Arpinati: il dissidente creatore dello sport fascista

Anarchico, poi gerarca e ideatore dello sport in camicia nera. Infine fiero dissidente.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno 2020

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile 2020

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.
Calcio
Federico Brasile
23 Gennaio 2020

Il Mihajlovic politico

Non possiamo giudicare Sinisa Mihajlovic con le nostre categorie.
Calcio
Marco Gambaudo
5 Dicembre 2019

Gli sportivi e la politica, una breve storia conformista

Le battaglie degli sportivi sono, ormai, l'infallibile ritornello del mediaticamente corretto.
Calcio
Andrea Muratore
4 Dicembre 2019

Il calcio tra politica e globalizzazione

Come lo sport più bello del mondo è stato plagiato da geopolitica e globalizzazione finanziaria.
Recensioni
Alberto Fabbri
26 Novembre 2019

ILVA Football Club

Ai piedi degli altiforni il pallone è un inno alla vita.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Novembre 2019

Contucci, l’avvocato del diavolo

Voce all'avvocato Lorenzo Contucci, sindacalista dei tifosi.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre 2019

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio 2019

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Tifo
Alberto Fabbri
17 Maggio 2019

Psicanalisi di Curva

Scambio di epistole digitali con Giuseppe Ranieri, autore Ultras.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio 2019

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Recensioni
Alberto Fabbri
27 Dicembre 2018

Cavalli Selvaggi

"Campioni romantici e ribelli nell'Italia di piombo", raccontati da Matteo Fontana. Eclettica Edizioni.
Calcio
Alberto Maresca
5 Dicembre 2018

Ali Adnan e l’Iraq

Storia di un figlio d'Oriente.
Calcio
Alberto Maresca
8 Novembre 2018

Narcofùtbol

Il realismo magico colombiano tra storia e mito.
Calcio
Luigi Fattore
20 Settembre 2018

Prendiamola sul serio

Il minore appeal che esercita rispetto alla sorella maggiore Champions non giustifica lo snobismo nei confronti dell'Europa League. Lazio e Milan sono chiamate ad invertire la rotta.
Calcio
Matteo Mancin
20 Settembre 2018

L’epoca d’oro del calcio italiano

Quando le piccole d'Italia fecero le grandi d'Europa.
Calcio
Alberto Maresca
17 Settembre 2018

Perù

Il periodo aureo de Los Incas. E la successiva caduta nelle tenebre.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Settembre 2018

Il funerale della Liga spagnola

Cupi pensieri sull'esportazione della Liga negli USA.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2018

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno 2018

Dove finisce il club e inizia la Nazione

La morte della nazionale.