Calcio
02 Settembre 2019

Il calcio femminile contro le regole base dell'economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.

E’ innegabile che la cavalcata delle Azzurre al Mondiale di Francia abbia generato un’onda anomala di entusiasmo nei confronti del calcio femminile, finora un sentimento inedito per il nostro Paese. Per quanto oggi possa sembrare esplosa, tale bolla di interesse si era gonfiata tanto da dare voce alle richieste di professionismo per le calciatrici. Alla Coppa del Mondo rosa noi abbiamo preferito una piacevole astinenza, eppure ci sembra doveroso trarre alcune considerazioni su questo tema.

Innanzitutto le sparate da campagna elettorale da parte dei dirigenti federali, insieme agli entusiastici reclami del capitano (o della capitana) Sara Gama, lasciano il tempo che trovano di fronte alla nefasta realtà del calcio nostrano. Ahinoi, al termine di ogni stagione, le tribolazioni finanziare, spesso terminali, che affliggono le squadre italiane impongono alla FIGC di interrogarsi sulla sua stessa sostenibilità. Tuttavia, in un ambiente incapace di garantire economicità ai suoi primi tre campionati, introdurre un nuovo torneo professionistico appare una follia.

Inoltre urge ricordare che in Italia, oltre al Calcio, soltanto altre tre federazioni prevedono il professionismo, ovvero Basket, Golf e Ciclismo, e nemmeno per tutti i livelli. Afflitto dagli atavici mali dell’intero “Sistema Paese”, la condizione indigente dello Sport italiano ci impone un rigido realismo. Romanticamente vorremmo pensare che lo sviluppo del calcio femminile possa essere viatico per un profondo ripensamento del concetto di “Fare Calcio” nostrano, ma lo scheletro che sorregge il corpo del pallone italiano è marcescente.

Ancora, senza dubbio, il calcio femminile italiano può essere considerato in via di sviluppo, soprattutto in termini di praticanti, ma ad oggi rimane arretrato anni luce rispetto a realtà come Francia, USA, Inghilterra e Olanda. Proprio dalla terra dei tulipani giunge un assist per un’eventuale crescita credibile e sostenibile. Infatti le imponenti mani di Edwin Van der Sar, ex numero uno della Signora ed oggi direttore generale dell’Ajax, hanno firmato un accordo che equipara le tutele contrattuali maschili e femminili. Per semplificare potremmo dire un professionismo de facto, ma non de iure.

L’ormai ex Governo si interrogava sulla possibilità di introdurre la figura del “lavoratore sportivo” per districarsi nella complicata diatriba tra dilettanti e professionisti, oggi però, care ragazze, occorre riflettere attentamente su cosa si desidera. Come si dice “chi troppo vuole nulla stringe”, ma non vogliateci male. Guardate come è ridotto il mondo professionistico maschile, siete sicure che ne valga davvero la pena?

Gruppo MAGOG

I due mondi di Italo Balbo
Cultura
Beniamino Scermani
06 Giugno 2024

I due mondi di Italo Balbo

Vita e morte dell'unico uomo che avrebbe potuto uccidere Mussolini.
Nino Ciccarelli e la Milano del teppista
Altro
Beniamino Scermani
20 Marzo 2024

Nino Ciccarelli e la Milano del teppista

Nulla da insegnare, tutto da trasmettere.
L’inutile divieto del numero 88 (e gli altri 12 punti)
Papelitos
Beniamino Scermani
30 Giugno 2023

L’inutile divieto del numero 88 (e gli altri 12 punti)

Le priorità del calcio italiano.

Ti potrebbe interessare

Serse Cosmi, l’Uomo del Fiume
Ritratti
Luca Pulsoni
21 Luglio 2020

Serse Cosmi, l’Uomo del Fiume

Dalla panchina del Bar Bruna all’Europa: un allenatore divenuto icona popolare.
Giù le mani dal Meazza!
Calcio
Alberto Fabbri
06 Marzo 2019

Giù le mani dal Meazza!

Contro l'abbattimento dello stadio di San Siro.
L’onnipotenza delle radio romane
Calcio
Gianluca Palamidessi
01 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Umbro is the name
Calcio
Simone Galeotti
06 Dicembre 2019

Umbro is the name

Storia del marchio sportivo più inglese di sempre.
Pro Piacenza, la partita della vergogna
Papelitos
Michelangelo Freda
18 Febbraio 2019

Pro Piacenza, la partita della vergogna

Il 20-0 incassato dal Pro Piacenza grida letteralmente allo scandalo, ed evidenzia un calcio minore sull'orlo del collasso.