Carrello vuoto
Papelitos
13 Marzo

Il campionato più brutto di sempre

Gianluca Palamidessi

127 articoli
Possono la lotta scudetto e la lotta retrocessione finire a Febbraio?

Sta per concludersi ventottesima giornata di Serie A. Questa sera Lazio e Torino si affrontano all’Olimpico di Roma, con obiettivi diversi e con diverse sensazioni. La lotta all’Europa è forse l’unico vero motivo per continuare a guardare il campionato, ma reali colpi di scena non se ne vedono. L’Atalanta cade rovinosamente a San Siro (sconfitta 7-1 contro l’Inter), mentre la squadra di Pioli ha messo in luce – ieri come non mai – un potenziale tecnico che se ben puntellato in estate potrà nuovamente dare un senso al derby d’Italia – arbitro o non arbitro. L’attuale Serie A (il “fu” campionato più bello del mondo) propone tuttavia uno scenario povero di emozioni e ribaltoni, ipocrita nei suoi picchi di estasi calcistica. La Juventus – con buona pace di Francesco Totti – fa davvero “un campionato a parte”. Quel che vado domandandomi è se sia così per sua sola forza o per mancanza di concorrenza. Credo entrambe le cose. Da un lato infatti le “concorrenti” non riescono a tenere il passo – prima mentale, poi tecnico – di una squadra che Venerdì sera ha vinto il sesto scudetto di fila, con quella voglia di mangiarsi gli avversari che quando viene a mancare denuncia più un intoppo al sistema digestivo che una previa sensazione di “pancia piena”.

Kalinic esulta dopo l'1-0 contro la Juventus (la partita finirà 2-1 per i viola): a proposito di emozioni ipocrite
Kalinic esulta dopo l’1-0 contro la Juventus (la partita finirà 2-1 per i viola, autori di un campionato anonimo)

Il concetto è più facilmente riassumibile con il pensiero che Gianluca Vialli partorì dopo la vittoria dei bianconeri contro la Lazio (2-0) nel famoso giorno che vide il cambiamento di modulo da parte di Allegri dal 3-5-2 al 4-2-3-1 (era il 22 Gennaio): la Juventus – disse – è l’unica squadra in Italia che non perde mai, anche quando perde. Vialli, poi, spiegò ulteriormente quel concetto, frutto non della follia del momento, ma degli anni di esperienza a contatto con l’ambiente Juventus. Una settimana prima, i bianconeri avevano perso meritatamente 2-1 in casa della Fiorentina: ma la Juventus, come dice Vialli, non perde mai realmente le partite. Sulle sconfitte, costruisce le vittorie (31 consecutive allo Juventus Stadium). Perdere, alla Juventus, è riprendere contatto col terreno scabro, che altrimenti dal sonno non ci si sveglia. Tutt’altro il caso della Roma; a detta di tutti, o quasi tutti, la prima avversaria dei bianconeri in campionato. La settimana appena trascorsa è la più palese dimostrazione del concetto di cui sopra: la Juventus non perde mai, la Roma perde e non si riprende – non credo valga come ripresa il 3-0 inflitto al Palermo ieri sera. Dopo aver perso il derby che valeva una buona fetta della stagione, capitola 2-1 in casa con il Napoli (concorrente diretta al secondo posto). Serve una scossa e arriva uno scossone: sconfitta 4-2 in casa del Lione in Europa League. Il caso dei partenopei meriterebbe invece un’analisi più dettagliata, ma c’è il rischio di spingersi troppo in là col discorso: il buon calcio di Maurizio Sarri manca sempre di quella cattiveria che marca la linea tra una squadra esteticamente bella ed una squadra forte. Il Napoli dà spesso l’impressione di essere di cristallo e, come è noto, il cristallo è tanto fragile da rompersi alla prima caduta. Nei bar delle nostre città, o parlando di calcio tra amici, ci crogioliamo nell’estetica sarriana e nei talenti che questa Serie A sta sfornando – non pochi – dimenticando però che l’ultimo titolo di un’italiana all’estero risale al 2010 (era l’Inter di Mourinho, e di italiano aveva ben poco, se non la società che ne teneva le redini).

Javier Zanetti alza al cielo la coppa dalle grandi orecchie
Javier Zanetti alza al cielo la coppa dalle grandi orecchie

Comparare il nostro calcio con quello estero è sbagliato come principio particolare (della partita tal dei tali), ma non come principio generale. Nonostante in Inghilterra Conte – questa Juventus rovina i campionati – sia riuscito a chiudere il campionato a Febbraio, la lotta per l’Europa e per la retrocessione non è solo più accesa, ma ha anche come protagoniste formazioni tecnicamente molto valide – potete immaginarvi uno scontro tra la nostra sesta (Atalanta) e la loro sesta (Manchester United)? Non si ricorda un campionato in cui la salvezza è cosa fatta già a Febbraio, come accaduto quest’anno nella nostra massima serie. In Premier League, dove la lotta per il titolo sembra conclusa, il Sunderland, ultimo in classifica, ha 19 punti. Il Crystal Palace è 17esimo con 25 punti, ma l’Hull City, appena dietro al 18esimo posto, ha solo un punto in meno (24). Se diamo una rapida occhiata alla stessa situazione di classifica nel nostro campionato, i numeri cambiano e sono impietosi. L’Empoli, nel grande freddo del 17esimo posto, sta in una botte di ferro: 15 goal fatti e 43 subiti in 27 partite, con 22 punti realizzati, a +7 dalla 18esima Palermo. Peggio dell’attacco empolese, mai nessuno nella storia della Serie A (e parliamo di una squadra praticamente salva): il record negativo di goal fatti appartiene (apparteneva?) al Treviso stagione 2005/06 e al Cesena stagione 2011/12 con ben 24 reti, nove in più di quelle attualmente siglate dai toscani. Quel Treviso verrà con ogni probabilità superato anche in un altro record detenuto fino ad oggi: 21 punti fatti, record negativo di punti fatti nella storia della Serie A. Il Pescara ne ha 12 a dieci giornate dalla fine. La situazione del Crotone (14 punti) e del Palermo (15 punti) è tutt’altro che idilliaca.

L'Empoli ha segnato quasi un quarto dei suoi goal in una partita (contro il Pescara, vincendo 4-0 all'Adriatico)
L’Empoli ha segnato quasi un quarto dei suoi goal in una partita (contro il Pescara, vincendo 4-0 all’Adriatico)

Il campionato italiano, dunque, non esiste nemmeno sul fronte salvezza: squadre come Bologna, Genoa e Udinese guardano dall’alto al basso le ultime della classe, ma il loro valore tecnico/collettivo non è certamente “esaltante”. Quando una squadra della prima fascia (direi le prime 6) incontra una squadra dell’ultima fascia (poniamo le ultime 6) la noia è assicurata – con l’unica eccezione (che conferma la regola) rappresentata dal 3-1 del Genoa contro la Juventus (27 Novembre 2016). Un Genoa in cui c’erano ancora Rincon e Ocampos (Perin, ora infortunato, giocò quella partita). I motivi della bruttezza del nostro campionato sono molteplici e noti: assenza di pressioni da quelle in fondo, mancanza di obiettivi e, da ultimo ma non per questo meno importante, partecipazione (numerica) del pubblico tra le più basse in Europa. Come riportato da Calcio e Finanza, rispetto alla media degli spettatori della scorsa annata (22.221) il calo è dell’1,7%, con 21.833 tifosi in media sugli spalti: -11.4% rispetto alla stagione 2012/13. La Liga è distante (7.000 spettatori in più in media) mentre Premier League (35.600 mila circa) e Bundesliga (41.600) sono su un’altra costellazione (fonte European Football Statistics). In questo quadro di stelle cadenti, la lotta all’Europa e il fiorire di giovani talentuosi rappresentano il motivo – non più un motivo –  per continuare a seguire il campionato più brutto di sempre. “Eja, Eja! Alalà!”

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Alberto Maresca
26 Dicembre

Anche la pastasciutta è una droga

Racconto dell'ultimo, e storico, scudetto del Bologna.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Calcio
Alberto Fabbri
29 Dicembre

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Editoriali
Federico Brasile
29 Maggio

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.
Calcio
Remo Gandolfi
14 Aprile

Piermario Morosini

In memoriam.
Recensioni
Gezim Qadraku
22 Aprile

Febbre a 90°

Il film che spiega cosa significa essere un tifoso di calcio.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Calcio
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Tifosi
Alberto Fabbri
3 Luglio

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.
Papelitos
La Redazione
26 Novembre

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
Interviste
Alberto Fabbri
4 Aprile

Nella culla del Football

Intervista all'autore Stefano Faccendini, impareggiabile appassionato di calcio inglese.
Calcio
Michelangelo Freda
10 Gennaio

Riconoscimento facciale, l’ultima folle idea della Serie A

L'ultima proposta della Serie A riguarda il riconoscimento facciale. De Siervo, amministratore delegato della Lega, sembra determinato.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Maggio

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Settembre

Bielsa e la rinascita del Leeds United

La chiave del successo è la semplicità.
Calcio
Lorenzo Solombrino
12 Settembre

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Ottobre

Ci siamo innamorati del Cagliari

Una squadra forte tecnicamente e ancor più mentalmente.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Novembre

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.
Calcio
Matteo Albanese
29 Gennaio

Long live Pellegri

Da Genova al Principato sono solo 180 km.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
11 Luglio

Cristiano Re

Alla fine è successo davvero.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Calcio
Eduardo Accorroni
20 Novembre

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Calcio
Matteo Coral
10 Febbraio

Newcastle Upon Tyne: andata e ritorno

Dal quinto posto in Premier al primo in Championship, con tappa all'inferno.
Ritratti
Matteo Paniccia
2 Febbraio

Le follie di Luciano Gaucci

In memoria di Luciano Gaucci.
Calcio
Luca Pulsoni
18 Gennaio

Spalletti ha dato un’identità al Napoli

Nonostante la sfortuna, questa stagione è ancora tutta nelle mani dei partenopei.
Calcio
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Critica
Pippo Russo
11 Novembre

Gagliardini e Baselli, i meravigliosi

E' tornato Daniele Word Cloud Adani!
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Ritratti
Ignazio Campanella
26 Luglio

Il fu Aljaksandr Hleb

Una carriera sbagliata: così si può riassumere la parabola calcistica di Aljaksandr Hleb.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.