Carrello vuoto
Papelitos
22 Maggio

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Il lato corrotto del politicamente corretto.

Cosa abbia più dell’assurdo, tra l’annuncio dell’Azerbaijan (“possiamo garantire la sicurezza di Mkhitaryan“) e le perplessità dell’Arsenal espresse in un comunicato stampa da teatro dell’assurdo, con tanto di Emery che, in quanto basco, ha sottolineato la propria simpatia (nel senso etimologico del termine) nei confronti del proprio giocatore, cosa in tutto questo abbia più dell’assurdo, dunque, è l’inquietante silenzio della Union of European Football Associations. Se digitate “UEFA” su Google, salvo smentite spoglie, troverete al più qualche notizia generica sulla “Superchampions” (scil. l’ultima masturbazione acchiappa soldi), il mercato del Milan e i suoi problemi, il faccione sorridente di qualche potente a caso. Del caso Mkhitaryan, non una parola.

 

E sul sito ufficiale? Spicca Time for Action – paradossale, nevvero? -, “first women’s football strategy”, qualche articolo su Champions ed Europa League. Poco altro. Del caso Mkhitaryan, non una sola riga. Tuttavia, o proprio per ciò, la notizia sta facendo rapidamente il giro del mondo. Mkhitaryan non potrà partecipare alla finale di Baku per i “delicati” rapporti tra Azerbaijan e Armenia. Il ragazzo, armeno, non se la sente di partire coi compagni. La sua vita è in pericolo.

 

Mkhitaryan la Coppa l’ha già vinta nel 2017, con lo United

 

Come ha scritto Paul MacInnes

la decisione di premiare non solo Baku come città della finale di Europa League ma anche di permettere all’Azerbaijan di ospitare quattro incontri durante Euro 2020 è vista da alcuni come tutt’altro che irrelata ai potenziali ricavi provenienti dal petrolio di cui è ricco il paese.

La tesi di MacInnes, giornalista del Guardian, suona chiara fin dal titolo del suo articolo: “Baku farce is a reminder football should use its influence for the better“. E’ chiaro che di fronte all’ennesima farsa (farce) targata UEFA hanno gioco facile coloro che dietro alle solite e nauseanti frasi di facciata (#RESPECT, #NOTORACISM e robe simili), anche volendo concedere il buon senso di certe battaglie, non vedono che l’orizzonte di una politica che, nel suo dirsi corretta, è sempre più corrotta.

 

Inutile dire che i giornali nostrani, anziché schierarsi apertamente, come nel nostro piccolo desideriamo fare, contro l’UEFA e la sua ipocrisia, si sono limitati al resoconto della faccenda e, al più (Gazzetta), al riepilogo meramente storico (ergo sterile) dei simili e passati “casi” sportivi in cui l’origine sociale, etnica e/o politica, ha prevalso su tutto il resto, in negativo. Inutile sottolineare, infine, come anche quest’ultima pernacchia della UEFA passerà se non inosservata quantomeno sottotraccia. In attesa che il palcoscenico (29 maggio) nasconda rapidamente il “dietro le quinte”.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

storie
Luigi Della Penna
15 Giugno

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Estero
Alberto Maresca
20 Agosto

Il calcio a Baku

Tra politica, petrolio e assolutismo.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
recensioni
Roberto Tortora
29 Luglio

I giusti dello sport

Un libro collettivo, con racconti tra gli altri di Gianni Mura e Darwin Pastorin, sugli sportivi impegnati in nobili lotte politiche e sociali.
Estero
Antonio Grimaldi
13 Dicembre

La caduta degli dei

La storia di Roberto Di Matteo, dalla Champions all'anonimato.
Papelitos
Federico Brasile
1 Luglio

Gli scacchi sono la nuova frontiera del razzismo

Muovere per primo il bianco è un chiaro segno di discriminazione.
storie
Diego Mariottini
15 Dicembre

La sentenza Bosman è stata un autogol

Una riforma che ha stravolto il calcio europeo.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Italia
Sabato Del Pozzo
15 Settembre

Tessera del tifoso 2.0

La tessera ritratta la sua natura e riapre al passato.
pellicole
La Redazione
10 Maggio

Bergkamp racconta la propria arte

Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Interviste
Gianluca Palamidessi
8 Gennaio

Poison Lasagna. Arsenal, agonia ed estasi

Intervista con i ragazzi di Poison Lasagna, magazine indipendente di Londra.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Maggio

Stella cadente

Finirà mai l'epopea di Arsène Wenger?
storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
20 Febbraio

J’accuse

Chi è che davvero non vuole lo stadio della Roma?
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Editoriali
Gennaro Malgieri
2 Dicembre

Perchè il calcio non è solo uno sport

L’irresistibile “calcistizzazione” che ha ormai contagiato tutti gli strati e i ceti sociali, si spiega con un'inconscia e primordiale "spinta comunitaria" che è uno dei fondamenti, probabilmente il più importante, della “nuova” politicità, trascendente le forme tradizionali legate ai partiti e ai movimenti, che si va affermando ovunque.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Estero
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Papelitos
Andrea Antonioli
6 Giugno

Facciamo schifo, ma per davvero

La vicenda di Seid Visin ha tirato fuori il peggio di noi.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Estero
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
28 Febbraio

Il silenzio di Arshavin

L’amor perduto di Leningrado.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Italia
Davide Aiello
11 Dicembre

Le trame giallorosse di Giulio Andreotti

Il grande burattinaio non si limita agli intrighi di potere.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
storie
Jacopo Falanga
19 Giugno

Sangue catalano

Da Santpedor a Barcellona: Pep Guardiola, una vita da ambasciatore della causa catalana.
recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Italia
Federico Brasile
23 Gennaio

Il Mihajlovic politico

Non possiamo giudicare Sinisa Mihajlovic con le nostre categorie.
Estero
Remo Gandolfi
21 Marzo

Paul Vaessen

Cade davvero solo chi arriva in cima.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.
Italia
Remo Gandolfi
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre

Putin, lo sport e Madre Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Italia
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Guy Chiappaventi
22 Agosto

Agosto, mese mio non ti riconosco

Dalla vita in spiaggia sintonizzata con il calciomercato alla buvette di Montecitorio: com'è cambiata l'estate italiana al tempo della crisi.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Dicembre

La banalità del bene

Dal quarto uomo a Vardy, dai tifosi del Millwall alla marcia sessista.
Italia
Andrea Muratore
4 Dicembre

Il calcio tra politica e globalizzazione

Come lo sport più bello del mondo è stato plagiato da geopolitica e globalizzazione finanziaria.
Ritratti
Ignazio Campanella
26 Luglio

Il fu Aljaksandr Hleb

Una carriera sbagliata: così si può riassumere la parabola calcistica di Aljaksandr Hleb.