Carrello vuoto
Recensioni
14 Ottobre

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.

È uscito l’altroieri, e sarà in oltre 300 sale fino a questa sera, “Il caso Pantani”, film evento prodotto dalla Mr. Arkadin film e distribuito da Koch Media. Il racconto si snoda e si focalizza, tra frequenti salti temporali, su fatti realmente accaduti – seppur romanzati – e rivelazioni degli ultimi anni di vita di Marco Pantani. In particolar modo si va dal 5 giugno 1999, quando il Pirata viene allontanato a Madonna di Campiglio da un Giro fin lì dominato per un valore di ematocrito superiore al limite consentito, fino al 14 febbraio 2004, quel dannato San Valentino in cui la vita di Marco si spegne nella stanza D5 del residence “Le Rose” di Rimini.

Un film che viene alla luce dopo cinque anni di interminabili e faticose ricerche, letture attente degli atti processuali e studi meticolosi che hanno portato il regista e la troupe ad incontrare testimoni di allora (gregari e amici), riavvolgere nastri di interviste e intercettazioni, incrociare dati e riscrivere fatti. E il lavoro paga, perché la pellicola rivela coraggiosamente novità e verità, affermando una tesi ormai sempre più credibile: il Pirata è stato ucciso. Per ben due volte, quando a Campiglio venne fermato l’atleta e poi a Rimini, quando Marco è stato trovato solo, riverso a terra, in una pozza di sangue.

La pellicola si basa su una bibliografia critica che parte dagli aspetti controversi rivelati dal libro “Gli ultimi giorni di Marco Pantani” di Philippe Brunel – il giornalista francese che per primo analizzò nel dettaglio tutti i risvolti, più o meno conosciuti, che hanno scandito le ultime ore di vita del Pirata in quel di Rimini – per passare, poi, all’opera di Davide De Zan, figlio d’arte e giornalista sportivo di fama, che nell’opera “Pantani è tornato” sostiene con fermezza la tesi del complotto che si cela dietro l’esclusione di Marco dal Giro del ’99. E poi, ultime ma non meno importanti, le recenti scoperte che i giornalisti de Le Iene hanno portato a galla in una serie di speciali e servizi dedicati esclusivamente al ‘caso Pantani’.

Gli sceneggiatori hanno ricostruito con una precisione quasi ossessiva le date e gli accadimenti che hanno segnato maggiormente la carriera del campione e la vita privata del ragazzo di Cesenatico.
 Alcuni aspetti già conosciuti, altri più recenti o addirittura mai emersi prima.

Si parte dal contestato prelievo di sangue avvenuto nel ’99 a Madonna di Campiglio, con il Giro ormai al termine (da contestualizzare nella campagna antidoping del Coni “Io non rischio la salute”), durante il quale l’ematocrito di Pantani segna un valore intorno a 52, con il limite fissato a 50. Fin da subito, soprattutto considerando il fatto che fino a poche ore prima il campione aveva lo stesso valore intorno a 48, si inizia a parlare di fregatura e di complotto. Il Pirata vinceva, e vinceva spesso. Troppo spesso e con distacchi umilianti, secondo molti. Stava diventando scomodo e, forse, conveniva fermarlo, con le buone o con le cattive.

Come dimostra una dichiarazione del ‘bandito’ Vallanzasca, che qualche anno dopo ha confessato come in galera, proprio mentre andava in scena quel Giro, lo avrebbe avvicinato un personaggio molto vicino alla camorra assicurandogli:

“se hai un po’ di soldi da scommettere… è certo che Pantani non finisce il Giro, a Milano non ci arriverà mai!”.

È proprio questo aspetto che andrebbe a confermare l’incredibile mole di denaro che in quell’anno era stata puntata – tramite scommesse clandestine – su Pantani, vincitore certo e scontato. Un denaro che, in un modo o nell’altro, andava recuperato. Ecco, quindi, la corsa “truccata” tramite la deplasmazione del sangue e il valore fuori norma, con il campione allontanato e stroncato.

Il trailer del film, oggi al cinema per l’ultimo giorno

Il film indugia poi sulla quotidianità post Madonna di Campiglio. Marco è un campione ferito, deluso, arreso. Si rifugia in se stesso e della bici quasi non ne vuole più sapere, a parte qualche timido e infelice tentativo di riavvicinamento. Amicizie sempre più pericolose e l’incontro con la cocaina, che gli terrà compagnia fino all’ultimo. La storia d’amore con Christina che si accartoccia e naufraga, facendolo sprofondare ancora di più. Troppo peso, acuito dalla depressione, per un’anima pura e fragile come la sua.

Si giunge quindi alle parti più dense del film, nonché gli ultimi giorni di vita di Marco in cui, ancora oggi, resistono troppe incongruenze. Qui il regista va a scavare, con passione e curiosità. La permanenza al Residence e gli incontri che il Pirata avrebbe avuto in quei giorni determinanti e decisivi. Alcune telefonate sospette – durante il suo ultimo giorno di vita il campione lamenta più volte alla reception “la presenza di alcune persone che gli danno fastidio” rimanendo inascoltato – il ruolo degli spacciatori, e poi i tanti, troppi elementi che, analizzando la scena del crimine, portano ad una versione diversa da quella ufficiale: il corpo di Marco pare essere stato spostato e trascinato dopo la morte (ma da chi?), e presenta alcune ferite riconducibili ad una colluttazione.

Peraltro, la camera è devastata eppure le mani del campione non riportano alcuna ferita e sono ben curate. Ci sono anche importanti e gravi discordanze tra i periti e i primi intervenuti sulla scena, come alcuni elementi che compaiono e scompaiono, o addirittura vengono spostati a più riprese all’interno della stanza, andando a compromettere il quadro generale.

Una raccolta di informazioni modificherebbero la tesi ufficiale sulla morte di Pantani – suicidio raggiunto per overdose di cocaina e in preda al delirio – spingendola verso l’omicidio, ipotesi ormai sempre più credibile.

Cast di primissimo livello. Pantani nelle tre fasi in cui viene descritto (il campione, l’atleta ferito e poi l’uomo tormentato che incontrerà la morte) è interpretato, nell’ordine, da Brenno Placido, Marco Palvetti e Fabrizio Rongione. A Monica Camporesi il compito di vestire i panni di Christina Joennson, la compagna storica di Marco prima e poi dell’escort che egli frequenterà più volte negli ultimi anni della sua vita. Poi Libero de Rienzo, a rappresentare lo storico amico Jumbo e, infine, un monumentale Francesco Pannofino nella figura dell’avvocato di famiglia De Rensis. Tocca proprio a Pannofino, nei minuti finali del film, la narrazione accurata, dolorosa e sorprendente degli aspetti più oscuri che hanno segnato quel tremendo 14 febbraio del 2004.

Il Caso Pantani film
Consigliato, per appassionati ma non solo

Un film che rende omaggio, a 50 anni dalla nascita e a 16 dalla morte, a quel ragazzo venuto dal mare, da Cesenatico e dalla riviera romagnola che saranno per sempre i suoi punti fermi, imprescindibili, il suo rifugio ma pure la sua tentazione e la sua perdizione. Un ragazzo che poi si esaltava e trionfava sulle grandi montagne, demolendo avversari e record. Perché per dirla con Adriano De Zan «non c’è niente da fare… quando la strada si rizza sotto i pedali, Pantani è il più forte!».E il Pirata, il più forte, lo era per davvero. Fin da giovanissimo, quando abbandona il calcio per abbracciare la bicicletta dopo un allenamento improvvisato con altri ragazzini della sua età.

Un predestinato, che accompagnava i professionisti della zona agli allenamenti e in salita li staccava, puntualmente, in piedi sui pedali e mani bassi sul manubrio. L’approdo al professionismo in punta di piedi (si fa per dire) con la firma del contratto che lo lega alla Carrera del Diablo Chiappucci. Marco, hai fatto un affare!” gli dice Boifava e lui, puntuale, “l’affare l’avete fatto voi”. Non ebbe torto. Da lì spiccò il volo, sulle montagne più leggendarie e nel grande ciclismo. I tronfi del ’94 quando al Giro, giovane e ancora teneramente spennacchiato, spiana il Mortirolo e inizia a monopolizzare le pagine dei giornali con i primi podi nei grandi giri. Poi ascese e cadute, successi leggendari e indelebili, e scivolate infauste, non solo sulla bicicletta, anche nella vita.

È del 1997 l’impresa, compiuta in terra di Francia, al ritorno dall’ennesimo, terribile incidente: Pantani attacca sull’Alpe d’Huez, stacca i rivali e arriva da solo, esplodendo in un urlo di rabbia e riscatto che riecheggia ancora oggi. Il Pirata c’è, è tornato, e da qui in avanti non ce ne sarà più per nessuno. Nel 1998 arriva la magica doppietta Giro e Tour – ultimo a centrarla – segnata dai successi, tra gli altri, di Plan di Montecampione, Plateau de Beille, e quello di Les Deux Alpes.

E poi il 1999, l’anno che si preannuncia come una replica trionfante del ‘98 ma che segna, invece, l’inizio della fine del Pantani corridore e del Marco uomo, tradito e ferito, offeso e vilipeso, abbandonato.

È proprio da qui, da quel 5 giugno ’99 e dai fatti che ci riportano all’Hotel Touring di Madonna di Campiglio, che parte il racconto girato magistralmente da Domenico Ciolfi. Quel giorno Marco viene escluso da un Giro già vinto. Grida subito al complotto e quello che afferma all’uscita dall’Hotel, circondato da carabinieri e una folla urlante e ferita, “sono caduto e mi sono rialzato tante volte, ma stavolta non so se ce la farò” suona come una tragica profezia, quasi una triste promessa. Il Pirata, in effetti, non si rialzerà più, consapevole di essere stato fregato, spremuto e abbandonato dal mondo del ciclismo e dello sport.

Un racconto che emoziona, sorprende, scuote e ci regala ulteriori, inquietanti scenari. Alla ricerca di una verità e di una giustizia che abbiamo il dovere di pretendere: per il Pantani campione ma, soprattutto, per Marco, il romagnolo tanto genuino quanto fragile venuto dal mare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altro
Diego Mariottini
4 Marzo 2022

Eccezzziunale veramente, anche 40 anni dopo

Il tifo da stadio al centro della scena cinematografica.
Recensioni
Emanuele Iorio
3 Dicembre 2021

Crazy for football

Matti per il calcio.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Calcio
Marco Armocida
16 Luglio 2020

Le tre partite più belle del calcio italiano

Fantozzi, Salvatores e Aldo, Giovanni e Giacomo: il calcio come essenza italiana.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno 2020

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Cultura
Rudy Galetti
28 Maggio 2020

Ugo Tognazzi e il Milan, il Diavolo per le palle

Un amore mai nascosto per i colori rossoneri, iniziato con un battesimo singolare.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Storie
Angelo Michele Arcidiacono
3 Aprile 2020

Pasolini, Bertolucci e un pallone

Come il calcio può rompere l'incantesimo del cinema.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre 2019

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Recensioni
Alberto Fabbri
7 Agosto 2018

Il presidente del Borgorosso Football Club

Una commedia semplice, spontanea ed ingenua come l'animo del tifoso, eppure tremendamente attuale. 
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Davide Bernardini
18 Luglio 2018

Tour de France 2000: Courchevel-Morzine

Meglio fallire tentando l'impresa, che non tentare affatto. Pantani ci ha provato ma, quel 18 luglio 2000, ha fallito.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?