Carrello vuoto
Calcio
18 Febbraio

Il dono della sintesi

Luigi Fattore

46 articoli
Roma '90, Italia-Cecoslovacchia, l'assolo di Roberto Baggio.

E’ sempre difficile per un appassionato individuare il momento esatto in cui il calcio ha contaminato irrimediabilmente la propria vita. Il dio pallone, per stravolgere l’esistenza di milioni di persone, non adotta una strategia precisa: può tanto conferire dall’alto il prestigioso incarico a pochi eletti – i fuoriclasse -, quanto intervenire in prima persona, giacendo nell’angolo di un garage, certo che prima o poi sarà trovato (e preso a calci) da un bambino. La leggenda narra per finire che in seguito a quell’incontro il bambino sognerà, a torto o a ragione, di diventare un calciatore. I nati verso la metà degli anni ’80 sono stati dei privilegiati da questo punto di vista. L’avvento di Roberto Baggio, il calciatore italiano più amato di sempre, ha rappresentato una sintesi tra le richiamate tecniche seduttive, che hanno trovato il loro punto di fusione in una notte magica, il 19 giugno del 1990. All’Olimpico di Roma era di scena Italia-Cecoslovacchia, partita valevole per il terzo ed ultimo turno della fase a gironi del mondiale italiano. Gli azzurri conducevano per 1-0 grazie alla rete siglata da Schillaci al 9’ ed erano già qualificati agli ottavi come primi del girone; ma questo a Roberto Baggio interessava fino ad un certo punto: su di lui incombeva la missione di far innamorare le persone del gioco del calcio in sé.

image
Roberto Baggio si prende il centro della scena

Reduce da due grandi stagioni con la maglia della Fiorentina, aveva scelto il mondiale di calcio per palesarsi in tutta la sua magnificenza. Desiderava il bacino di utenza più ampio possibile, costituito anche da persone che non avevano mai visto una partita, né tantomeno avevano mai calciato un pallone. Al minuto 78′ Baggio inizia, sul terreno di gioco, quel processo che sul piano politico si sarebbe concluso tre anni dopo: divide la Cecoslovacchia. E lo fa a modo suo: sintetizzando in un’unica giocata i concetti di gioco di squadra e di talento del singolo. Il fatto stesso di trovarsi sulla linea mediana del campo, nel momento in cui riceve il pallone, la dice lunga circa le sue malcelate intenzioni di prendersi l’intero proscenio. Ricevuta palla da Giannini, Baggio gliela restituisce facendola passare tra due giocatori cecoslovacchi, estromettendoli definitivamente dal gioco. A quel punto Giannini, inorgoglito per il coinvolgimento e avvertendo l’importanza del momento, rimanda il pallone a Baggio che, esaurito il capitolo sul gioco di squadra, deve completare il suo saggio di seduzione con un assolo. Le gambe sono perfettamente sintonizzate con il cervello, mentre il cuore pompa la quantità giusta di sangue per tenere tutto insieme. Niente e nessuno può frapporsi per evitare l’inevitabile, tantomeno gli ultimi difensori della Cecoslovacchia, che cadono impotenti davanti a quella deliberazione unilaterale di andare dritto verso la porta. Gli basta una sola finta per disorientare sia il centrale Kadlec che il portiere Stejskal, prima di scuotere la rete con un lucido destro sul primo palo, ottenendo così il via libera ai festeggiamenti.

Il dono della sintesi

 

Festeggiamenti che sono espressione di un’altra sintesi, quella tra realtà e sogno. Dopo aver realizzato il 2-0, colmo di gioia Roberto trova il tempo di stendersi sul prato dell’Olimpico; lo sguardo è rivolto alle stelle in una sorta di sogno ad occhi aperti, sogno che però aveva realizzato pochissimi secondi prima: sono i compagni di squadra che lo raggiungono a spiegargli che sì, era tutto vero. Da quel giorno Baggio iniziò a brillare di luce propria. Lo fece per altri quattordici anni, con un’intensità tale da resistere a tutti i tentativi di censura, operati da quegli allenatori che mal digerivano la sua naturale propensione alla sintesi. Ma soprattutto dopo quella prodezza molte persone non attesero nemmeno la fine della partita. Non è dato sapere se di loro iniziativa o su suggerimento dei loro figli, ma sta di fatto che si precipitarono in garage a recuperare un vecchio pallone impolverato.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Papelitos
Paolo Pollo
5 Luglio 2021

Il mediano che diventò domatore di leoni

Breve elogio di Lele Oriali.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno 2021

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Italia
Raffaele Scarpellini
23 Giugno 2021

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.