Carrello vuoto
Italia
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Luca Giannelli

10 articoli
Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.

“Perché abbiamo lasciato il pallone in mano agli ultrà/…/quando basterebbe un decreto per scioglierli tutti? La prima e l’ultima frase del corsivo di Gramellini sul Corriere della sera saldano a perfezione e danno in maniera limpida, limpidissima, la misura del disagio del nostro giornalismo nell’affrontare un problema come quello della violenza “negli stadi”, riassumibile nella frase standard che più standard non si può: questi sono violenti non sono tifosi. Una frase pronta a tornare a galla puntualmente in ogni occasione, come la famosa citazione di Churchill sulla democrazia… e sentita poco fa ripetere -chissà come ne sarà contento Gramellini- dallo stesso ministro dell’Interno Salvini.
 

Indicare le frange estremiste del tifo come uniche responsabili dei misfatti del nostro calcio, significa assolvere tutti gli altri, significa dimenticare le responsabilità di chi (federazione, lega, politica, le stesse società calcistiche che ben conoscono i loro tifosi) in questa situazione ci ha precipitato negli anni rivendicando la famigerata “autonomia dello sport”, di chi ha creduto, con disarmante pressapochismo, che bastasse introdurre il DASPO per risolvere i problemi che assediano da decenni il nostro sport più popolare; significa far finta di credere che i guai degli stadi siano risolvibili dentro gli stadi e possano risolversi con un qualche decreto legislativo, significa assolvere le nostre istituzioni.

 

Istituzioni conservatrici nel senso più affaristico della parola, che invece di riformare -prendendo per esempio a modello il sistema tedesco (il più pulito, il più serio, il più protetto e il più “sano” tra quelli europei)- si sono preoccupate di salvaguardare i propri interessi spesso con guerre intestine badando solo alla parte repressiva, secondo un pensiero tristemente ottocentesco; significa ignorare pervicacemente tutte le crisi e i commissariamenti che pure attanagliano da sempre il settore; significa soprassedere sui tanti rinvii, sui bilanci, sulle retrocessioni a tavolino, sui punti di penalizzazioni che accompagnano regolarmente campionati di B e di C, perennemente in crisi di tutto: di investimenti, di credibilità e di spettatori; significa, in una parola, fregarsene di tutto, salvo poi strillare il solito grido di dolore-stupore quando avviene la tragedia di turno. Come, appunto, successo a Milano.
 

Giovanni Malagò, che di recente ha rivendicato la celebre autonomia dello sport, ha accusato il governo di voler occupare il CONI come nemmeno il fascismo aveva osato fare

Nessuno può dire che campanelli…ma che dico campanelli, piuttosto cannonate di allarme non ci siano state: dall’omicidio Raciti a Catania al derby Lazio-Roma del 2004 quando tutti ma proprio tutti (giocatori compresi) s’inginocchiarono al volere dei tifosi sospendendo la partita, fino all’indimenticabile “Genny la carogna” col quale le autorità andarono a trattare all’inizio della finale di Coppa Italia -lui dall’alto della cancellata, loro sotto in giacca a cravatta, spettacolo stupendo- Fiorentina-Napoli, ottenendo in quell’occasione, bontà sua, il permesso di giocare, dopo che un episodio per certi versi simile a quello milanese si era verificato nelle vicinanze dello stadio Olimpico. Spiace molto dirlo, ma con buona pace di Gramellini e dei tanti veri o finti benpensanti come lui, l’esperienza ha ampiamente dimostrato che il calcio italiano è irredimibile, e allo stesso tempo profondamente ipocrita. La frase pronunciata da Gravina, degno successore di Tavecchio alla presidenza della Federazione offre la sintesi perfetta:

“Queste cose non devono succedere più, ma andiamo avanti”.

Fantastico. E viene in mente la battuta di un comico come Abatantuono (comico volontario, lui, al contrario di Gravina): “se vuoi ammazzare tua suocera, fallo allo stadio”.
 

Ci ricordiamo tutti Genny con il mandato alla trattiva

Cosa deve succedere mai perché tutti i problemi del sistema calcistico italiano siano affrontati dalla parte del buon senso? La domanda è retorica, perché la risposta c’è già: nulla. Perché intorno ai giganteschi interessi economici, con la complicità della politica e di tanto “giornalismo” che anche l’altra sera ha esibito la propria colpevole indifferenza a tutto ciò che succede sugli spalti o fuori degli stadi, si è come costruita una cupola come quella che nel film dei Simpson grava sulla comunità di Springfield, cupola sotto la quale sta anche la giustizia sportiva, sempre in nome della santa “autonomia”. Solo che qui non c’è nulla ma proprio nulla da ridere.

 

Se il sistema desse segni di ravvedimento, non si vedrebbero capriole verbali, ridicolaggini organizzative e guerre intestine nell’organizzazione sportiva, non si vedrebbero arbitri che nonostante errori su errori, figuracce su figuracce continuano imperterriti ad arbitrare come Mazzoleni, uno che per quel che mi riguarda avrebbe dovuto già essere espulso nel 2008, dopo un Modena-Salernitana rovinata con le sue manine (l’allora centravanti del Modena Sasà Bruno sicuramente se la ricorderà…). Proprio lo stesso Mazzoleni, guarda guarda, che pur ascoltando con le sue orecchie per tutta la partita i fischi razzisti rivolti a Koulibaly, non ha battuto ciglio né ai ripetuti inviti lanciati dall’altoparlante né alle richieste di sospensione dell’allenatore del Napoli Ancelotti, e senza nemmeno consultare il delegato alla sicurezza ha pensato bene di proseguire, alla faccia del tanto riverito, ossequiato, propagandato anche, politicamente corretto.
 

Il cartellino rosso sventolato da Mazzoleni a Koulibaly

I fatti ancora da chiarire di Milano (chi era alla guida del Van? Perché non erano nel gruppo di tutti gli altri tifosi? Era un agguato o un appuntamento guerriero?) sono lì a farci toccare, insieme a un’altra morte che ha insanguinato il nostro calcio, l’impotenza (o mancanza di volonta? o incapacità? fate voi) nel mettere ordine, nel riformare un intero sistema che fa acqua da tutte le parti ma che esprime regolarmente la famosa “tolleranza zero” senza rendersi conto di sfondare il muro della ridicolaggine. Un sistema dove un arbitro può sospendere una partita per condizioni meteo ma non per quelle -magari anche più pericolose- umane, dove il degrado è arrivato da tempo a livelli che dire allarmanti è dire poco.

 

Un sistema da sempre adiacente alla politica ma che ora, di fronte alle intenzioni espresse da un Giorgetti, pretenderebbe di rivendicare la solita “autonomia”; un sistema per il quale il presidente del consiglio Conte – lo ha appena ventilato nella conferenza stampa di fine anno – non disdegnerebbe una pausa di riflessione; “ci penseranno gli organismi competenti”, ha aggiunto poi. Ecco, visti i risultati, è proprio questo a preoccupare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Marco Gambaudo
22 Luglio

Il Genoa di Preziosi, cronaca di una mediocrità annunciata

Il progetto di Preziosi al Genoa sta naufragando: bilanci disastrosi, debiti vertiginosi e tasse non pagate, in una inquietante girandola di giocatori e allenatori.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Papelitos
Andrea Antonioli
6 Giugno

Facciamo schifo, ma per davvero

La vicenda di Seid Visin ha tirato fuori il peggio di noi.
Italia
Matteo Mancin
14 Gennaio

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Diego Mariottini
17 Febbraio

Ciro Immobile non è pop

Eppure in Europa segna nettamente più di tutti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Ottobre

Ci siamo innamorati del Cagliari

Una squadra forte tecnicamente e ancor più mentalmente.
Papelitos
Giacomo Cunial
22 Giugno

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Tifo
Michelangelo Freda
16 Dicembre

Lo Shakhtar a Kiev non è di casa

Uno striscione apparso durante il match di Champions League evidenzia la tensione interna allo stato ucraino.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Tifo
Matteo Paniccia
28 Marzo

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Luglio

La dialettica di Antonio Conte è ormai superata

L'allenatore leccese è rimasto juventino dentro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Italia
Rudy Galetti
5 Agosto

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Italia
Luigi Fattore
17 Febbraio

La difesa di Zeman

Zemanlandia è ancora viva, grazie al cielo!
Italia
Luigi Fattore
30 Novembre

Delirio da fantacalcio

La deriva fantacalcistica ci porta in un mondo distopico, in cui i numeri dettano la legge della mente e del cuore.
Italia
Michelangelo Freda
28 Marzo

Avellino resiliente

L'Avellino calcio è l'espressione di un popolo abituato a soffrire ma che ha sempre saputo rialzarsi, anche nei momenti più duri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Tifo
Jacopo Benefico
21 Maggio

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre

L’insostenibile inutilità della mascherina in campo

Un triste e confuso tentativo di educazione sociale.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Novembre

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Estero
Marco Gambaudo
12 Dicembre

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Italia
Remo Gandolfi
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Ritratti
Marco Metelli
23 Novembre

Hector Cúper

Fenomenologia di un antieroe.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Italia
Sabato Del Pozzo
15 Settembre

Tessera del tifoso 2.0

La tessera ritratta la sua natura e riapre al passato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Tifo
Domenico Rocca
15 Settembre

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Italia
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
1 Gennaio

Stadi Uniti

Il sogno americano non è un ideale sportivo.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).
Papelitos
Domenico Rocca
21 Gennaio

Il tifoso non è una cavia da laboratorio

Che cosa sono gli esperimenti sociali?
Papelitos
Federico Brasile
9 Marzo

Quel pasticciaccio brutto della Serie A

Un Paese sportivo d'accordo su una sola cosa: la deresponsabilizzazione, l'incapacità di prendere decisioni.
Tifo
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Tifo
Andrea Angelucci
20 Aprile

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.