Carrello vuoto
Calcio
7 Novembre

Il fùtbol nei vicoli di Partenope

Sogni, incubi, drammi individuali e collettivi dell'universo calcistico napoletano.

A Napoli i sogni e gli incubi nascono e muoiono insieme. Al San Paolo, nello stadio dove la squadra della città esprime solitamente il meglio e non di rado il peggio, da sempre, lo strano “pasticcio” psico-onirico prende forma. La rappresentazione, a dire la verità, avviene anche altrove, lontano dal terreno amico. Prendete la partita dell’orgoglio partenopeo dopo lo schiaffo di un argentino: Juventus-Napoli 2-1.

Sul campo torinese si sono materializzati tutti i sogni e gli incubi napoletani: la migliore partita degli azzurri dall’inizio del campionato, giocata malgrado le assenze di entrambi i centravanti (Milik e Gabbiadini) e del regista della difesa (Albiol), la più intensa partecipazione di tutti i reparti alla manovra collettiva, la speranza palpabile di uscire indenni da quella che per molti è una “fossa dei leoni”. Tre tiri in porta dei bianconeri, due gol. Uno, decisivo, dell’ultimo idolo di Napoli, l’argentino nato a Brest, cresciuto a Buenos Aires, maturato a Madrid, divenuto uno dei tre centravanti più forti del mondo alla scuola filosofica di Maurizio Sarri, in quel di Castel Volturno dove ha appreso i fondamentali della ragion pratica, e se n’è andato.

La più alta e sacra espressione dell'universo napoletano: il presepe
La più alta e sacra espressione dell’universo napoletano: il presepe

L’incubo ha riempito il sogno svanito. Il “nemico” ha rafforzato con l’arrivo del transfuga la sua linea offensiva; i soccombenti, come gli alfieri del Re alla difesa di Gaeta, hanno riempito le loro sacche di rimpianti e venduto cara la pelle, fino ad accarezzare la vittoria che per un certo tempo è sembrata a portata di tiro. Ma gli dèi non sempre accompagnano i temerari; quelli del fùtbol poi, quasi d’abitudine seguono gli invitti sul loro percorso di gloria, tranne quando qualche capricciosa divinità non decide di scendere al fianco degli avventurieri senza fortuna. Allora cambia la sorte.  A Napoli, a dire la verità, è successo poche volte, come dimostra questa annata dannata. E ancor meno accadrà, presumiamo, per via di quella ragion pratica che nulla può sull’estetica e sulla morale.

La filosofia del calcio è rigorosa come un teorema aristotelico, una tesi kantiana, un assunto hegeliano. E pure i sogni e gli incubi, non riconducibili alla sfera della razionalità, ma piuttosto ad un universo mitopoietico, nella fattispecie di conio leopardiano-partenopeo (non a caso il grande recanatese chiuse gli occhi davanti alla luce di Napoli che lentamente si affievoliva accompagnandolo nell’aldilà, estremo riguardo all’uomo che tra l’irato Vesuvio e la dolcezza del Golfo aveva deciso di lasciare i suoi giorni), fanno parte del calcio che è vita nella città dove la gioia e la miseria, il pianto ed il sorriso e le tempeste d’amore sono elementi dell’Essere nel Tempo, concluderebbe un Heidegger mediterraneo.

24w9ieb
Il più sudamericano degli stadi

Un universo unico in Europa, paragonabile forse, per alcuni aspetti, al “sentimento” sudamericano una volta in voga, quando – per essere chiari – i verde-oro, gli albiceleste, gli uruguagi erano reali eroi di saghe nazional-popolari e non merce d’esportazione sui mercati occidentali come “prede” da neutralizzare, acquistandole, nelle sontuose aste allestite per gli spettacoli televisivi. Sogni, incubi, drammi individuali e collettivi alla Bombonera, al Monumental, al Maracanà, al Centenario, all’Azteca: ricordiamo tutto come i canti omerici, intrecci di irreali proiezioni nelle festose guerre crudeli tra nemici implacabili dalle quale non sempre usciva vittorioso il migliore, ma quasi mai il vinto era lo “sconfitto”.

Il fùtbol a Napoli (e dintorni), insomma, forse per un’eredità non totalmente dilapidata di provenienza greca ed ispanica, così somigliante a quella latino-americana, ripete uno schema classico al quale il football tecnologico e mercantile contemporaneo, prevalente ovunque o quasi (si salva, speriamo ancora per molto, la mitica Islanda), si ripropone come una “guerra” di sentimenti nella quale i sogni e gli incubi, naturalmente, si fronteggiano e si sovrappongono in uno strano gioco che non si saprebbe se più nobile o più selvaggio.

“Io so questo: che i napoletani oggi sono una grande tribù che anziché vivere nel deserto o nella savana, come i Tuareg e i Beja, vive nel ventre di una grande città di mare” (Pier Paolo Pasolini)

Nel mentre gli idoli dell’arena sputano sangue per arrivare alla meta, basta una disattenzione per far crollare il castello appena realizzato. E la danza macabra prende il sopravvento, non diversamente da quanto accadde in Brasile, al Maracanà, nel fatale 1950: gli uomini di Obdulio Varela misero in ginocchio una nazione con due centri degli uruguagi italianizzati, Ghiggia e Schiaffino che non vinsero soltanto la Coppa Rimet per la seconda volta, ma condannarono all’inferno l’incolpevole Barbosa, portiere eccelso, maledetto in vita ed in morte per per quel peccato (anzi due), che mai gli venne perdonato. Il sogno del primato e l’incubo dell’affondamento. Morti veri sugli spalti e nelle favelas, quando si dice che il calcio è la simulazione della guerra con altri mezzi. A Napoli non si arriva a tanto. C’è il fatalismo dionisiaco che accende e spegne gli entusiasmi.

Il "Comandante" Achille Lauro, fu presidente del Napoli Calcio negli anni Cinquanta e Sessanta
Il “Comandante” Achille Lauro, fu presidente del Napoli Calcio negli anni Cinquanta e Sessanta

Ed alla fine tutto viene metabolizzato, ma non il tradimento. È in questa dimensione che sogno e incubo si danno la mano. E riprendono a camminare insieme. Non è di uno scudetto mancato per l’ennesima volta che si tratta, ma di un sorriso rubato a lazzari e borghesi. I Cavani, i Lavezzi, gli Higuaìn passano, e perfino gli Altafini; non passano i Sallustro, i Pesaola, i Sivori, i Maradona e neppure i “faticatori” come Bruscolotti e Montefusco e Pogliana… ognuno ha il suo posto nel piccolo Pantheon partenopeo.

Quel che rimane, al di là dei sentimenti e dei risentimenti, a Napoli è la disperante ricomposizione di un quadro vittorioso, scippato dalla storia, abbandonato poi agli angoli delle strade dove le mani più umili lo spolverano stagione dopo stagione. Ecco perché vincere il campionato a Napoli è un altro affare rispetto a Milano, a Torino, a Roma. Da quelle parti la storia è stata generosa. Tra i vicoli di Partenope ancora si cerca il sogno svanito di un regno antico ed i preziosi esempi di una storia nobile e sfortunata.

“La volgarità della vita è, in parte, un riflesso della volgarità delle nostre anime”, direbbe Nicolás Gómez Dávila. Chi s’ingegna a comprare o depredare tutto ciò che è alla sua portata dimostra la volgarità dell’anima, come i saccheggiatori che hanno percorso nei secoli, fino ad oggi possiamo dire, Napoli. Ai napoletani non è rimasto altro che il pallone altrove smarrito come cimelio e riguardato quale innocuo ninnolo con cui passare il tempo, e se lo tengono stretto per quanto la sofferenza glielo consenta.

“Napule è nu Paese curioso, è nu teatro antico, sempre apierto. Ca nasce gente ca senza cuncierto scenne pe’ strate e sape recità” (Eduardo De Filippo)

Ad un passo dal traguardo è sempre caduto l’idolo amato. Il sogno s’è infranto tante volte, l’incubo s’è affacciato altrettante. Diceva Nietzsche: “Anche se non hai più felicità da dare, resta pur sempre il tuo dolore”. Quando il Napoli militava (non tanto tempo fa) in Serie C, ogni domenica era come se giocasse la Champions League. L’incubo ed il sogno, allora. E per sempre.

Che cosa ne sanno americani, arabi, cinesi, thailandesi che acquistano ginocchia e piedi a buon mercato, da noi come nel resto d’Europa, di quegli Angeli dalla faccia sporca (per la storia erano Maschio, Angelillo e Sivori), che appaiono e scompaiono da uno stadio malmesso dove per poche ore o per l’eternità diventano eroi di un popolo che dopotutto cerca nient’altro che se stesso? Nulla. Assolutamente nulla. Ed i napoletani restano aristocraticamente indifferenti agli scippi come alle geometrie sofisticate. Aspettano la giocata magica, l’impossibile dribbling, magari perfino la “mano de Diòs” alla quale è inutile opporsi. Come al Destino.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre 2020

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre 2020

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Recensioni
Annibale Gagliani
2 Aprile 2020

Giovanissimi di Forgione è un inno alla vita

Nel nuovo romanzo dello scrittore partenopeo il calcio e Napoli giocano un ruolo fondamentale.
Storie
Luigi Fattore
19 Marzo 2020

Napoli centrale

Dalla pittura al cinema, dalla musica al calcio: negli anni '80 Napoli si ribella al Male.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo 2020

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
13 Febbraio 2020

A Napoli Bruscolotti è storia

Una carriera legata al Napoli e cinque stagioni da capitano, poi la fascia ceduta a Maradona per raggiungere la gloria. La nostra intervista a Beppe Bruscolotti.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre 2019

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Recensioni
Luigi Fattore
28 Settembre 2019

Diego Maradona

Kapadia supera la difficile prova cui era chiamato, indagando la complessità del rapporto tra Maradona e la città di Napoli.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Settembre 2019

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto 2019

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio 2019

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio 2019

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Recensioni
Luigi Fattore
30 Ottobre 2018

Maradonapoli

La narrazione collettiva di un mito che va ben oltre il calcio.
Calcio
Luigi Fattore
29 Settembre 2018

Prove da anti-Juve

Siamo ancora a settembre, ma la supersfida dell'Allianz Stadium sembra già decisiva.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Agosto 2018

L’avvenire non è bianconero

Vincere sì, ma subito.
Calcio
Luigi Fattore
14 Giugno 2018

È stata Bellezza vera

La Bellezza è un enigma, dice Myškin. Attraverso di essa si è salvato il mondo, si è salvato il Napoli, ci siamo salvati noi.
Calcio
Davide Fusco
28 Maggio 2018

Campanilismo

Tra i vicoli di Partenope, la futura gloria di Napoli.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
19 Aprile 2018

L’educazione dello sport

Abbiamo intervistato la professoressa Maria Luisa Iavarone sul ruolo che lo sport può recitare come fenomeno sociale, creando comunità dal basso e sottraendo i giovanissimi alla strada.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile 2018

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Interviste
Leonardo Aresi
27 Gennaio 2018

Nella terra di mezzo

Intervista a Francesca Benvenuti, bordocampista di Premium Sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre 2017

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Interviste
Luigi Fattore
6 Novembre 2017

Lucky Luciano

Intervista a uno degli uomini più discussi d'Italia.
Critica
Pippo Russo
3 Novembre 2017

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre 2017

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Interviste
Luigi Fattore
26 Giugno 2017

Che vi siete persi

Scrittore di gialli tradotti in tutto il mondo, autore di successo di opere teatrali, racconti sportivi e serie tv, ma prima di tutto tifoso del Napoli. Maurizio de Giovanni ce ne parla in questa lunga chiacchierata.
Calcio
Luigi Fattore
3 Giugno 2017

Il diritto e il dovere di vincere

Giocarsi la Storia in una notte.
Papelitos
Luigi Fattore
7 Marzo 2017

Sognare è lecito

La leggerezza di una dimensione onirica, posta a metà strada tra la realtà e l'impossibilità.
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio 2017

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Dicembre 2016

Davide contro Golia

Tra Napoli e Madrid si combatterà una battaglia che ricorda quella di Salamina (480 a.C.), tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia "I Persiani".
Storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre 2016

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.