Carrello vuoto
Storie
17 Luglio

Il mondo di Kazunori Yamauchi

Giacomo Cunial

41 articoli
L'ontologia digitale dell’automobile.

Quella che Kazunori Yamauchi ha dato con Gran Turismo è la forma più filosofico-pop-culturale che la passione per l’automobile abbia assunto nella storia, un videogioco sì ma che prima di tutto è esperienza di una comunità, che si fa movimento e che diventa rivoluzione culturale. La dottrina del filosofo fondatore della scuola di Kyoto, Nishida Kitaro, racchiude in sé tutta l’ispirazione di Yamauchi San:

 

“quando si sperimenta il proprio stato conscio, non c’è soggetto né oggetto; il conoscere e l’oggetto della conoscenza sono la stessa identica cosa. Questa è la più pura forma di esperienza” – Zen no Kenkyu (Studio sul bene).

 

Ma com’è possibile questa esperienza quando l’oggetto è molto spesso intangibile, un sogno? Come può un appassionato di auto sperimentare a fondo il proprio stato di coscienza se a conti con la realtà non si può permettere una Ferrari o una Corvette? Sono queste le domande che il piccolo visionario Kaz scriveva sui fogli bianchi con cui il padre, cacciatore e collezionista di insetti, tappezzava le pareti della casa natale a Kashiwa. Da qui nasce il sogno post-futurista nei confronti dello status simbol del mondo moderno. E così, tra un disegno di Lamborghini Countach e una farfalla origami, l’assunzione alla Sony Music Japan e la creazione di un videogame concorrente dell’archetipo MarioKart, nel tempo Yamauchi è cresciuto e diventato mentore per un popolo che prima di essere videogiocatore è uomo con la passione per l’automobile e per il motorsport e anima che ha ben poco di digitale. Come lui ricorda sempre.

 

Un’artista post-moderno

 

I disegni sono diventati realtà virtuale composta da poligoni e gli origami sono equazioni matematiche e algoritmi che creano comportamenti e reazioni vicine alla realtà. Linee di codice come fosse poesia, in termini informatici. Il popolo della PlayStation, nelle linee di codice che formano i “replay” del proprio giro perfetto nel circuito preferito con la propria auto dei sogni, vede solamente una forma pura e concreta della propria arte.

 

“I videogiochi sono uno strumento che ci permette di entrare in contatto con altri universi. Grazie ai supporti tecnologici è quindi possibile sperimentare qualcosa che va ben oltre il mondo reale. È come quando si legge un libro appassionante, ma lo stesso effetto si può provare quando si ascolta della musica oppure si guarda un film. Allo stesso modo, attraverso i videogiochi si può entrare in contatto con degli universi paralleli, ma soprattutto si può vivere questa esperienza in modo più coinvolgente e personale. I videogiochi hanno questa forza.”

 

Sia esperienza che estetica, dunque, nell’ideale virtuale di Yamauchi quantomai anticipativo. Se si prende un’auto e la si estrapola dal contesto utilitaristico, ad esempio la strada o un parcheggio, e la si mette su un piedistallo, la si fa diventare parte di una scena, ecco che l’utilità svanisce e rimane il bello. E non si può non iniziare a considerarla opera d’arte, emozione senza un’utilità. E’ il piacere della modalità “viaggio fotografico” presente da tempo nel titolo della Polyphony Digital. Le aste milionarie delle classiche Ferrari sono la conseguenza di questa cultura che ora come mai prima si può quantificare economicamente.

 

Yamauchi riceve una laurea honoris causa presso l’Università di Modena e Reggio Emilia

 

“I nostri corpi entrano nei divani su cui ci sediamo, e i divani entrano in noi” esclamavano i manifesti del Futurismo che sembrano anticipare ciò che il visionario Kaz ha concretizzato: crescere piloti reali attraverso il simulatore di guida virtuale. Il progetto GT Academy prima e poi il campionato riconosciuto nel 2018 dalla Federation Internationale de l’Automobile (la stessa della Formula 1). Non a caso il trofeo del campionato è la scultura “Forme uniche della continuità dello spazio” di Umberto Boccioni.

 

La nuova cultura di Yamauchi è post-futurista perchè reale e virtuale sono sempre più vicini, il ponte tra digitale e analogico si accorcia sempre di più ma non è la tecnica a dettarne le leggi bensì i valori umanistici. C’è un’espressione creativa, una capacità di diventare magistrali in un processo e di saper riconoscere alla base le dinamiche di qualcosa, in cui l’artista e il filosofo che è in ognuno di noi può manifestarsi. Che sia una tela, una scultura, nella musica, in una relazione, in una conversazione, nell’uso di un’automobile. E’ il processo creativo che sta in ciò che si fa che permette di essere nel mondo, l’immersione nel momento. E se quel momento non è un fatto estemporaneo ma si mantiene nel tempo, è lì che avviene l’avvicinamento al proprio potenziale. E’ quello che il lavoro di Kazunori Yamauchi ha portato a tutti gli appassionati.

 

Prima del videogioco, oltre il videogioco, quando l’automobile esce dalla strada per farsi oggetto, fonte di conoscenza e di emozione per dirla con Tolstoj, Yamauchi ha inseguito l’idea di automobile per trasformarla da sogno a realtà per chiunque voglia goderne.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Ritratti
Luca Cameroni
17 Settembre 2021

Daijiro Kato e l’anima del Giappone

Lo spirito del Sol Levante racchiuso nel corpo del suo più grande pilota.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Agosto 2021

Chi ha ucciso Top Gear?

Un'analisi sulla chiusura del programma televisivo più seguito al mondo.
Motori
Giacomo Cunial
23 Agosto 2021

Le Mans è la corsa del destino

Così è stato anche nel 2021.
Altro
Giacomo Cunial
8 Agosto 2021

Valentino, artista eterno

Valentino Rossi non si è ritirato e non si ritirerà mai, semplicemente perché non ci si può ritirare da sé stessi.
Motori
Luca Pulsoni
21 Luglio 2021

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Ritratti
Luca Pulsoni
16 Giugno 2021

Giacomo Agostini, l’irraggiungibile

Il cannibale delle due ruote.
Altri Sport
Luca Pulsoni
3 Maggio 2021

Ducati è l’Italia vincente

Miller e Bagnaia portano in alto la Rossa.
Motori
Giacomo Cunial
16 Marzo 2021

Cosa significa amare un pilota

L'amore irrazionale delle compagne dei piloti da corsa.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio 2021

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altri Sport
Luca Pulsoni
14 Novembre 2020

Il doping è diffuso anche nella MotoGP?

Il caso Iannone riaccende i riflettori su un tema delicato.
Ritratti
Giacomo Cunial
10 Ottobre 2020

Giorgio Faletti, un intellettuale al volante

I motori prima di cinema, televisione e scrittura.
Ritratti
Giacomo Cunial
15 Settembre 2020

Colin McRae, guida allo stato puro

25 anni fa l'unico titolo mondiale di un pilota che ha reso pop i motori.
Altri Sport
Giacomo Cunial
18 Agosto 2020

In Moto GP è questione di coraggio, non di idiozia

Lezione per Zarco: anche il mondo dei piloti ha i suoi limiti.
Tennis
Giacomo Cunial
25 Luglio 2020

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Altri Sport
Giacomo Cunial
22 Maggio 2020

Il tramonto del Futurismo automobilistico

Sognavamo corse folli e roboanti ma saranno le macchine a guidare le persone.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile 2020

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Cultura
Alberto Fabbri
3 Marzo 2020

Lucio Dalla ha cantato lo sport

Aspirante cestista, cuore rossoblù, aedo degli eroi sportivi.
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio 2020

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio 2020

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre 2019

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Ritratti
Giacomo Cunial
17 Ottobre 2019

Il carisma intramontabile di Kimi Raikkonen

Iceman è basso profilo, amore puro per la guida di auto da corsa e passione smodata per gli alcolici.
Altri Sport
Giacomo Cunial
9 Settembre 2019

La furia gentile di Charles Leclerc

È nata una stella.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Febbraio 2018

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Dicembre 2017

Il sogno dell’ingegner Dallara

E venne “la Stradale”.
Motori
Gianmarco Galli Angeli
28 Agosto 2017

Scontro titanico

Hamilton spietato, Vettel magistrale: Il Gran Premio di Spa non lascia mai indifferenti.