Carrello vuoto
Storie
13 Luglio

Il Piccolo Brasile

Alberto Fabbri

77 articoli
L’incredibile favola del Mantova che, con quattro promozioni in cinque anni, raggiunge la serie A nel 1961.

A metà degli anni Cinquanta, l’Italia è un Paese che deve ancora superare il dramma della Guerra e proteggere i primi vagiti della Repubblica. La ricostruzione è sostenuta dai prodromi del “miracolo economico” che verrà, tuttavia le devastazioni interiori e fisiche segnano ancora il territorio e le menti della popolazione. In questo clima di incertezza, le domeniche ed i relativi appuntamenti sportivi rappresentano una salvifica fonte di distrazione. In particolare il pallone, divenuto ormai parte integrante della cultura popolare, raccoglie attorno a sé migliaia di appassionati tutte le settimane. Pertanto, ogni centro dello Stivale ha il suo undici da sostenere e la città di Mantova non fa eccezione.

20068408_1441164339309894_16144649_n
Il panorama mantovano negli anni 50’

Da Todeschini a Fabbri

.

Infatti, benché l’Associazione Calcio Mantova, fondata nel 1911, abbia vissuto più ombre che luci fino a quel momento, i tifosi seguono da sempre la squadra con orgoglioso attaccamento. Nel campionato 54/55’, in quarta serie, i Virgiliani sono guidati da Paolo Todeschini, ex Milan e Napoli, che si divide tra campo e panchina. Egli è un capace scultore e realizza un blocco di giovanissimi, sorretto da una colonna di veterani: l’annata è senza dubbio positiva, ma il secondo posto finale nel girone C non vale la promozione. Durante l’estate un avvicendamento alla guida tecnica porta sulle rive del Mincio Edmondo Fabbri, ala con diversi trascorsi in serie A, tra Atalanta, Inter e Sampdoria, detto Topolino per la combinazione tra statura minuta e velocità. Anche in questa stagione, al mister è richiesto di essere pronto ad allacciarsi gli scarpini per dare man forte al nucleo di giovani speranze, tra cui spiccano il portiere William “Carburo” Negri, l’insostituibile mediano autoctono Renzo Longhi ed il talentuoso Russo, che sarà autore di diciotto marcature. Nuovamente però, dopo un avvio difficile, il Mantova si deve accontentare dei complimenti e del gradino più basso del podio, dietro a Ravenna e Reggiana. Tuttavia, dopo una lunga notte, l’alba virgiliana è ormai pronta a risplendere ed i mesi estivi risultano fondamentali per i radiosi campionati futuri. Innanzitutto, entra in società l’azienda petrolifera Ozo, foriera di vitale liquidità per le casse del club, mentre alla scrivania della società si insedia Italo Allodi, nelle vesti di segretario, al termine di una breve carriera da calciatore in serie C. Inoltre, l’avvento dello sponsor comporta una nuova denominazione sociale e soprattutto una modifica dei colori: dal biancoceleste al biancorosso.

.

.

“ll Piccolo Brasile”

.

Finalmente la stagione 56/57’ è coronata da una promozione, poiché il secondo piazzamento consente di partecipare al successivo girone di quarta serie d’eccellenza, detto Interregionale Prima Categoria. Così, per l’annata seguente, la rosa viene rinnovata ed Allodi – che compone con Fabbri un affiatato tandem umano e tecnico – si dimostra abilissimo a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, come la mezzala Giagnoni, l’ala Recagni ed il centravanti Fantini. La squadra è così sensibilmente rafforzata e conclude il campionato alla testa del girone, disputando le finali nazionali. Ai tempi però il merito sportivo non è sufficiente per accedere al salto di categoria, perciò soltanto dopo l’espletamento delle pratiche burocratiche l’Associazione Calcio Ozo Mantova è iscritta al girone A delle Serie C, in compagnia di altre venti squadre. Il campionato 58/59’ vede immediatamente il duello tra i virgiliani ed il Siena, testa a testa che non si risolve nemmeno dopo quaranta giornate. Pertanto, all’epilogo della stagione, le due compagini si trovano appaiate a 58 punti ed è necessario uno spareggio per assegnare la promozione in B. Il cammino del Mantova è stato particolarmente tortuoso ma il granitico spirito di gruppo – difeso dalle paterne premure dell’allenatore – ha permesso di superare le difficoltà, acuite dai numerosi infortuni. Intanto il gioco offensivo, basato su un modulo ammiccante al “sistema”, combinato al temperamento profuso in ogni contrasto, è valso ai biancorossi la nomea di Piccolo Brasile. Addirittura è un giornale di Lucca ad annunciare così l’arrivo della squadra in città, riprendendo il motivetto di un gruppo di fedelissimi mantovani, che già cantavano “Noi siamo i biancorossi del piccolo Brasile…”. Infatti, la Selecao ha appena conquistato i Mondiali di Svezia ed il suo 4-2-4, che porterà al trionfo anche a Cile 62’, è interpretato da autentici assi come Garrincha, Didi, Vava ed il giovane Pelè; un soprannome così importante non rappresenta però un onere sulle spalle dei virgiliani, che dimostrano di meritare, almeno in parte, l’entusiastico accostamento ai fenomeni verdeoro.

Il “Piccolo Brasile” del 59/60

Così, il 28 giugno 1959, sul campo neutro del Marassi di Genova, Mantova e Siena disputano l’atto conclusivo della stagione. La strada si mette subito in salita per i lombardi che rimangono in dieci, non potendo sostituire il mediano infortunato Cadè, e sono costretti a difendersi strenuamente dagli arrembaggi dei toscani. A spezzare l’equilibrio ci pensa Fantini che, a dieci minuti dal 90’, fa esplodere di gioia i numerosissimi Mantovani accorsi in Liguria. Il triplice fischio dell’arbitro Liverani dà il via alla festa, che si esaurirà soltanto in Piazza delle Erbe. Smaltita l’euforia, si passa velocemente agli addii: mentre in società al dimissionario Bellini, presidente della rinascita, subentra Giuseppe Nuvolari, anche Allodi si prepara a fare le valigie. Infatti Angelo Moratti lo vuole a Milano, dove il dirigente si cimenterà nella costruzione della “Grande Inter” del decennio successivo. Così, un Mantova rinnovato in campo e fuori affronta la serie cadetta, pagando il dazio iniziale del salto di categoria. Superate le tempestose acque dell’inizio, la ciurma biancorossa veleggia serenamente, chiudendo al quinto posto, sempre votata al connubio tra grinta e bel gioco.

Lo spareggio di Marassi

.

Una favola A lieto fine

.

La stagione successiva è una cavalcata trionfale, coronata dal 2-0 casalingo al Brescia, che sancisce l’incredibile promozione in serie A, frutto del secondo posto tra Venezia e Palermo. Come la famiglia Gonzaga si rivolgeva ai celeberrimi maestri del 500’ per realizzare le sue dimore, così occorre rivolgersi ad un artista del pallone per rinforzare la squadra in vista della nuova sfida. Dopo un’estenuante trattativa ecco giungere allo Stadio Martelli, proprio a due passi dal meraviglioso Palazzo Te, Angelo Benedicto Sormani, ormai ex attaccante del Santos di “O’ Rei”. Sarà per l’investimento, sarà per l’importanza nello scacchiere tattico, ad ogni modo Fabbri riserva alla Perla Bianca le stesse attenzioni rivolte al resto della squadra, più un accorgimento speciale: oltre al divieto di recarsi al campo con mezzi a motore e mille lire di multa per ogni sigaretta, al brasiliano viene temporaneamente imposto un ritiro ad personam, per limitarne l’esuberanza di novello sposo alla vigilia delle partite. Quindi, ai nastri di partenza della Serie A, l’organico assemblato dal ds Manfredini presenta i portieri Negri e Francalancia, i terzini Corradi, Cancian, Morganti e Gerin, i mediani Pini, Longhi, Castellazzi e Tarabbia, le mezzali Giagnoni, Mazzero e Del Negro, le ali Recagni, Alleman, Simoni e Sormani, i centravanti Uzecchini e Cella, con Nelsinho, secondo brasiliano, che rimarrà però un oggetto misterioso. Il calendario impone subito al Mantova, che ha lasciato la denominazione “Ozo”, un battesimo di fuoco: l’esordio è al Comunale di Torino, salotto della Vecchia Signora, campione d’Italia in carica. I bianconeri dopo mezz’ora passano grazie al gallese Charles, poi il diabolico Omar Sivori non riesce a sferrare il colpo di grazia agli ospiti che, superato il trauma iniziale, prendono coraggio. Al settimo della ripresa, una magia dello svizzero Tony Alleman riporta l’incredibile parità, che inaugura un secondo tempo giocato all’attacco dai biancorossi. Il giorno seguente, la grande prova dei virgiliani spinge addirittura la Gazzetta di Mantova ad interrogarsi sull’effettivo valore del pareggio ottenuto: un punto perso o guadagnato? Lasciata ai posteri l’ardua sentenza, il Mantova rende il Martelli un fortino quasi inespugnabile e chiude il campionato 61/62’ nono in graduatoria, spinto dai sedici centri di Sormani. Prima dell’epilogo della stagione, c’è anche la soddisfazione del terzo posto in Coppa Italia, conquistato superando proprio la Juventus nella finalina.

L’esordio in massima serie raccontato dalla Rai

.

Come si era già verificato dopo la promozione in B, un grande risultato è seguito da una separazione: questa volta è Fabbri a lasciare la panchina biancorossa dopo un addio particolarmente travagliato. Quindi, mentre la guida tecnica viene affidata a Nandor Hidegkuti – già centravanti di manovra dell’Ungheria di Puskas – il tecnico romagnolo, vicinissimo prima all’Inter dell’amico Allodi, poi al Verona, finisce invece in Nazionale, dove non si dimentica dei suoi trascorsi in riva al Mincio. In particolare, a beneficiarne saranno Sormani, Gigi Simoni e Negri, passato dalla quarta serie al vittorioso esordio azzurro del Prater di Vienna, nel novembre 1962. Infine, si può affermare che il club virgiliano volti pagina e chiuda per sempre il capitolo del Piccolo Brasile con la partenza di Fabbri, insignito del premio “Seminatore d’Oro 1961/62”, proprio per i risultati ottenuti in biancorosso. L’eredità tecnica ed umana di quella incredibile squadra e del suo allenatore saranno raccolte dai tanti ragazzi come Giagnoni, Cadè, Simoni e Recagni che continueranno la loro carriera dalla panchina, una volta appesi gli scarpini al chiodo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Tifo
Simone Meloni
25 Dicembre 2021

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Tifo
Antonio Torrisi
31 Maggio 2021

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.