Carrello vuoto
Altri Sport
26 Novembre

Il tempo è galantuomo

Giacomo Cunial

41 articoli
Robert Kubica e Fernando Alonso: quando le vite di due campioni si incrociano.

C’è un’immagine del GP di Abu Dhabi che racconta meglio di mille parole cosa sia stata la Formula 1 negli ultimi dieci anni: è lo spontaneo abbraccio che Lewis Hamilton e Sebastian Vettel hanno regalato a Fernando Alonso, accompagnandolo e invitandolo nel giro d’onore “a fare i tondi” (da notare la gioia genuina di questo gesto anche se fatto da professionisti) di fine campionato assieme a loro. Se ne sono resi conto in primis i due protagonisti della stagione appena conclusa che in quel momento non si celebrava solo un (altro) titolo per l’inglese, non solo la fine di una stagione combattuta tra Ferrari e Mercedes, ma anche l’addio di uno dei più grandi gladiatori di questo sport. Tutti e tre negli anni si sono scontrati duramente sia in pista che fuori, ma alla fine, quello che conta, è la storia scritta assieme, e tra campioni esiste solo il rispetto personale reciproco, la riconoscenza del valore altrui e l’onore delle armi alla fine della guerra. Chissà cosa riserverà il futuro allo spagnolo delle Asturie, se una Tripla Corona o un altro Petrov a fargli da tappo. Una cosa è certa: la sua garra barricadera e i suoi team radio mancheranno molto.

 

Archiviata la stagione sportiva 2018, c’è stata un’altra immagine ad Abu Dhabi, significativa più sul piano umano che su quello sportivo, che rappresenta il motorsport moderno: è quella di Robert Kubica in conferenza stampa mentre annuncia il suo rientro in gara nella prossima stagione con la Williams. Nessuna eccessiva commozione, ma molta serenità. Certo, il mezzo non sarà il più competitivo, certo, potrà contare su un braccio (il sinistro) e mezzo (il destro), ma lui ci sarà. E conoscendo il suo livello di fame agonistica non sarà certo lì per mettersi in vetrina o fare stories su Instagram. Non ha comprato il team Williams, ma è il team Williams che l’ha voluto per ridare smalto ad una squadra in crisi di identità prima che di risultati.

 

Due campioni.

 

Vorrà dimostrare e dimostrarsi che quando lo paragonavano a Lewis o a Fernando, non si sbagliavano. Vuole confermare a se stesso che quando si era assicurato un sedile sulla Ferrari ed un destino beffardo gliel’ha tolto, il suo valore era quello lì, ed è ancora quello lì, niente di meno. Non bastasse un titolo WRC-2 vinto con una sola mano durante la riabilitazione, non bastasse esser stato a livelli altissimi nella massima serie del WRC contro i vari Ogier, Tanak e Neuville, non bastasse aver fatto segnare tempi importanti ovunque abbia gareggiato negli ultimi 8 anni compreso il Rally di Monza. Robert non si è convinto, non è soddisfatto. La sua casa è la monoposto di F1. Una storia tutta da scrivere, allora, per un pilota che per tecnica, mentalità, attitudine e doti velocistiche è tra i migliori di sempre.

 

“Ho le licenze scadute da un pezzo, quella poetica da rinnovare o levare di mezzo” dice il giovane talento musicale Anastasio. Non è difficile credere che fosse lo stesso pensiero di Kubica fino a qualche tempo fa: continuare a lavorare duramente per tornare ad avere la licenza da pilota, o ritirarsi e commentare le gare alla Genè? Non ci sono mai stati dubbi per il polacco, quando il sogno corrisponde all’obiettivo non c’è nessuna opinione che possa distogliere lo sguardo. Già dalla primissima riabilitazione, dalle innumerevoli ore trascorse ai videogiochi in casa ad allenarsi, fino all’esperienza dei rally, intimamente inseguiva ancora la competizione più importante al mondo. Nell’era in cui la F1 è sempre più show ed intrattenimento, in cui spesso gli ospiti in circuito si accorgono solo tra un selfie e l’altro che c’è una competizione a 300km/h in corso, in cui ci si addormenta guardando le gare alla TV, un pilota della caratura di Robert Kubica è ossigeno puro.

 

Due storie umane e di sport fuori dall’ordinario, due amici che si incrociano e vanno per la loro strada. Due libri che si concludono e un altro paio che stanno per essere scritti.

 

Arrivederci Fernando, bentornato Robert.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
La Redazione
6 Marzo 2022

Nikita Mazepin, licenziato perché russo

Il neo-maccartismo continua spedito.
Motori
Giacomo Cunial
24 Febbraio 2022

Non è un paese per piloti

l'Italia è rimasta indietro anche nel motorsport.
Motori
Giacomo Cunial
22 Novembre 2021

Max Verstappen è uno di noi

Il pilota fuori dal coro che stavamo aspettando.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Motori
Luca Pulsoni
21 Luglio 2021

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Motori
Luca Pulsoni
28 Giugno 2021

Date una macchina a Leclerc

Il monegasco è l’unica certezza per il futuro della Ferrari.
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Motori
Giacomo Cunial
8 Giugno 2021

Bernie Ecclestone, il Napoleone della Formula 1

Un uomo che ha segnato un'epoca.
Motori
Luca Pulsoni
26 Maggio 2021

Verstappen è il rivale perfetto per Hamilton

Finalmente in Formula 1 c'è storia.
Motori
Luca Pulsoni
17 Aprile 2021

La Formula 1 vuole darsi un taglio

Il budget cap (tetto agli stipendi per i piloti) divide il Circus.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Diego Mariottini
10 Gennaio 2021

Per non dimenticare Ignazio Giunti

Cinquanta anni moriva tragicamente il pilota della Ferrari.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altri Sport
Luca Pulsoni
17 Dicembre 2020

Leclerc è l’uomo di cui la Ferrari ha bisogno

Nella peggiore stagione degli ultimi 40 anni, la speranza per il futuro.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altri Sport
Luca Pulsoni
10 Novembre 2020

Schumacher e Hamilton oltre i record

Il confronto tra gli uomini che si celano dietro agli idoli.
Altri Sport
Giacomo Cunial
3 Novembre 2020

Mick Schumacher è solo un’operazione di marketing?

Non vorremmo essere nei panni del figlio d'arte.
Motori
Antonio Torrisi
23 Luglio 2020

Abbiamo ucciso la Formula 1

Un mondiale che, come da pronostico, è finito prima di iniziare.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Papelitos
Giacomo Cunial
22 Giugno 2020

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Febbraio 2020

Lewis Hamilton, alla ricerca di un vero rivale

Punti di forza e debolezze di un mito (forse) imbattibile.
Papelitos
Giacomo Cunial
25 Febbraio 2020

Ferrari, due prime guide sono troppe

Gestire la convivenza tra Leclerc e Vettel sarà un problema per la scuderia di Maranello.
Altro
Andrea Catalano
21 Febbraio 2020

Di padre in figlio

L'eredità sportiva è un peso o una risorsa?
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio 2020

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio 2020

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Recensioni
Luigi Fattore
7 Maggio 2019

Suite 200

Il viaggio di Terruzzi nella psiche tormentata del pilota brasiliano è un'occasione imperdibile per coglierne la disturbata personalità e il suo perenne senso di colpa legato alle ingiustizie sociali del Brasile.
Storie
Luca Pulsoni
13 Ottobre 2018

Quel maledetto sorpasso

La storia drammatica di Gilles Villeneuve e Didier Pironi, uniti dal medesimo destino.
Storie
Matteo Latini
6 Luglio 2018

Silverstone. Dove corrono gli inglesi

Dall'era Clark al Silverstone Two Step di Mansell. La magia del circuito inglese.
Storie
Andrea Catalano
14 Maggio 2018

Schumacher = Ferrari

Storia di un binomio leggendario e con ogni probabilità, irripetibile: Schumacher e la Ferrari.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Febbraio 2018

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.
Motori
Nicola Ventura
29 Novembre 2017

Una vita al volante

Intervista a Stefano Modena, ex pilota di Formula 1.
Altri Sport
Giacomo Cunial
14 Settembre 2017

La lezione di Robert

Il talento non si ferma davanti a nulla.
Ritratti
Nicola Ventura
20 Gennaio 2017

James Hunt, talento indomabile

La breve, emozionante, vita di un uomo che ha voluto essere soltanto sé stesso.