Carrello vuoto
Altri Sport
10 Luglio

Incursione a Wimbledon

Micael Caviglia

1 articoli
Quello che c'è da sapere sulla prima settimana di gioco all'England Club.

David Foster Wallace, il più grande innovatore della letteratura americana, sulla religiosità del tennis ci ha scritto un libro. Wallace ne “Il tennis come esperienza religiosa” trasforma questo sport in una metafora della vita. Il sentimento di attaccamento quasi maniacale al tennis traspare sin dalle prime righe della sua opera, ma raggiunge il suo apice quando parla di Federer (“genio, mutante, avatar”) e del suo dominio a Wimbledon, luogo definito dallo scrittore americano come “la mecca di questo gioco, la cattedrale del tennis”. Già, perché se la religione è il tennis, il tempio per eccellenza di questo sport è proprio l’All England Club, sede di gioco del torneo più famoso e antico del mondo: Wimbledon. E’ dal 1877 che sui campi in erba adiacenti a Church Road si giocano i Championships e quest’anno siamo giunti alla 140esima edizione. Wimbledon da 140 anni detta la perfezione dell’evento tennistico, condensa e oltrepassa il tempo: è passato, presente e futuro.
Da queste parti le tradizioni sono imprescindibili (dress code ‘all white’ per i giocatori, palline slazenger, museo interno, nessuno sponsor commerciale in campo, solo per citarne alcune), ma gli occhi degli organizzatori sono sempre puntati in avanti, al futuro. Quest’anno, per esempio, si è inaugurato il tetto sul Court 1, dopo la passata esperienza sul Centrale nel 2009; l’esperienza social e via app coinvolge i visitatori e gli appassionati con i nuovi mezzi di comunicazione aumentando la realtà Wimbledon a 360 gradi; l’organizzazione e la riuscita del torneo puntano di fatti a migliorarsi di anno in anno. La strada verso Wimbledon è il pellegrinaggio che tutti gli adepti del tennis devono fare almeno una volta nella vita. Religiosità è un termine che può significare anche “scrupolosa cura e ricerca del dettaglio”, e passeggiando tra i campi del torneo si nota proprio questa ricerca ossessiva della precisione, della cura. I colori che dominano sono il verde ed il viola; i fiori intorno ai campi sono di queste tonalità, così come i completi elegantissimi degli arbitri e dei giudici di linea. I raccattapalle si muovono come robot, orientando il loro corpo verso i giocatori con piccoli e precisi movimenti di piedi: si coordinano all’unisono, la loro assomiglia ad una danza nella quale nulla può essere lasciato al caso. Non può essere lasciata al caso nemmeno la preparazione dei campi da gioco, che dura tutto l’anno: appena finisce il torneo infatti si procede con la tessitura dei campi per l’anno successivo (vedendoli da vicino sembrano proprio il frutto di un lavoro di tessitura più che di giardinaggio). Il verde che domina in campo e fuori dona a Wimbledon una nota magica di autentica rilassatezza. L’erba (che staresti a guardare per ore) cambia tonalità in base agli orari, si passa dal verde diamante della mattina al color pino della sera. Anche gli stadi e i campi secondari sono circondati da verde, un verde senza macchie di sponsor. Wimbledon è preservato nella sua originale purezza. Per gli psicologi il verde è il colore più riposante mentre il viola è il colore della magia. Questo luogo avvalora senz’altro le loro tesi.

tennis 1
Lo spettacolo offerto dalla visuale sui campi di Wimbledon

Quest’anno molti tennisti, tra cui il padrone di casa Andy Murray, si sono lamentati delle condizioni del terreno di gioco segnalando qualche buca e zolla di troppo rispetto al solito. Un caldo del genere senza un minimo di pioggia era difficile da prevedere: ne hanno risentito i campi ma anche gli spettatori, molti dei quali hanno sofferto colpi di calore. Tra una bevuta di Pimm’s (tipica bevanda britannica con menta e ginger ale) e una mangiata di fragole con panna, gli spettatori si sono goduti una settimana che ha rispettato pedissequamente – eccetto qualche ritiro non preventivabile – i suoi ordini di gioco. L’anno scorso, con tre giorni di quasi sola pioggia, l’ordine di gioco ha subito non pochi turbamenti, tanto che, per recuperare le partite non disputate, si è dovuta violare per la quarta volta nella storia del torneo la sacra “Middle Sunday”. Quest’anno le porte del Club rimarranno chiuse e la sacra tradizione della Domenica di riposo potrà essere rispettata. Dentro al circolo lavorerà solo il fantastico team di giardinieri, per cercare di rimettere in sesto l’erba soffocata dal caldo; chi si vorrà allenare, potrà usufruire del solito Aorangi Park. Giocatori e rispettivi team avranno quindi un giorno per pensare a come impostare le partite. Agli ottavi di finale Murray giocherà con Paire, Federer con Dimitrov, Nadal con Muller e Djokovic con Mannarino: i Fab Four sono tornati tutti insieme nella seconda settimana di Wimbledon; questo non accadeva dal 2011, sopratutto a causa delle premature sconfitte del maiorchino Nadal (2012 da Rosol, 2013 da Darcis, 2014 da Kyrgios, 2015 da Brown, nel 2016 non ha partecipato). Solo Andy Murray ha perso un set (contro Fognini) rischiando leggermente più degli altri, che invece si sono qualificati agli ottavi senza troppi problemi. Gulbis ha provato a pungere Djokovic ad inizio match con il break, ma il tentativo si è rivelato un’illusione, un solletico che ha svegliato il serbo, il quale, recuperato il break, ha chiuso la pratica in tre set. Comunque un’uscita di scena onorevole per Ernests Gulbis, tornato alla ribalta dopo un lungo periodo di ombra: un incidente lo aveva fatto precipitare numero 589 del ranking ATP. Dopo questo terzo turno scalerà almeno cento posizioni. Un altro che è tornato a far parlare di sé è Jerzy Janowicz, anche lui precipitato nei bassifondi della classifica mondiale dopo un periodo di ottima forma (semifinalista a Wimbledon nel 2013). Il polacco ha superato al primo turno il campione Juniores in carica Shapovalov, poi al secondo round ha battuto il più quotato Del Potro dando vita ad una delle partite più interessanti della settimana, infine si è dovuto arrendere a Benoit Paire, che ha mostrato tutto il suo talento contro il povero polacco, uscito stordito dalle numerose palle corte subite dal francese. Paire, per la prima volta agli ottavi di Wimbledon, affronterà Murray in una partita che si prospetta molto interessante: si sfideranno due grandi rovesci, due giocatori amanti delle palle corte. Murray parte ovviamente favorito, ma guai a sottovalutare Paire, che se in giornata può dare del filo da torcere a chiunque.

Federer in azione contro Dolgopolov
Federer in azione contro Dolgopolov

Chi diventa sempre protagonista sull’erba di Wimbledon è Roger Federer. Wimbledon si trasforma in qualcosa di più se gioca Federer, Federer affascina di più se gioca a Wimbledon. Un tres d’union fondamentale. Il Re in questa edizione 2017 ha superato Dolgopolov senza faticare (6-3, 3-0 rit.), al secondo turno in tre set ha vinto su Lajovic, al terzo turno ha battuto Misha Zverev, il fratello serv-and-volleyer di Alexander. Il dominatore svizzero, vinto un non semplicissimo tie-break nel primo set contro Zverev, con un doppio 6-4 si è qualificato agli ottavi di finale, nei quali incontrerà Grigor Dimitrov, in una sfida dal grande coefficiente di talento tennistico. Se si parla di Federer, l’associazione per eccellenza è quella con Rafael Nadal. Lo spagnolo, raggiunti gli ottavi di finale, ha superato il suo primo grande scoglio: la “psicosi” da primi turni a Wimbledon, che lo aveva affossato negli ultimi 5/6 anni. Rafa quest’anno è apparso in forma smagliante anche su erba. Dopo aver dominato la stagione su terra rossa, il toro spagnolo ha incornato gli avversari anche a Wimbledon (Millman, Young e Khachanov finora le sue vittime); ora lo attende l’ostico Gilles Muller, giocatore contraltare del maiorchino: gran servizio, rovescio prevalentemente in back, gioco costante nei pressi della rete.

Rafa Nadal esulta dopo aver battuto Donal Young nel suo secondo
Rafa Nadal esulta dopo aver battuto Donal Young nel suo secondo

Finora Wimbledon non ha regalato nessuna sorpresa, salvo forse l’uscita al primo turno di Wawrinka contro il giovane Medvedev, ma lo svizzero su erba non ha mai brillato per le difficoltà che trova negli appoggi su questa superficie. Nemmeno Nishikori partiva con grandi propositi, è bastato un più calibrato Bautista Augut per mandarlo a casa. Tsonga avrà forse da recriminare dopo aver voluto rimandare al giorno dopo la partita con Querrey sul 6-5 per l’americano e servizio: la mattina seguente infatti il match è durato 3 minuti, tanto quanto è bastato a Sam Querrey per brekkare Tsonga e aggiudicarsi la partita. Aspettiamo con ansia gli esiti della seconda, decisiva settimana del torneo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Giugno 2022

L’erba di Matteo è sempre più verde

Berrettini al rientro trionfa a Stoccarda.
Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Papelitos
La Redazione
20 Aprile 2022

Wimbledon bandirà gli atleti russi, secondo il NYT

Una discriminazione esagerata e immotivata.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Giugno 2021

Il totalitarismo di Novak Djokovic

Nole contro tutti.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
8 Febbraio 2021

Lunga vita al Re

Roger Federer giocherà finché vuole.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
6 Luglio 2020

Federer v Nadal 2008: il miglior incontro di sempre

4 ore e 48 minuti che hanno cambiato la storia dello sport.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Andrea Antonioli
15 Luglio 2019

Solo Dio è con Djokovic

Il tennis come la vita è crudele, e a Wimbledon Novak Djokovic ha negato il lieto fine a Roger Federer.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Altri Sport
Niccolò Maria de Vincenti
16 Luglio 2018

Nole è tornato

Il serbo scaccia via i fantasmi e torna grande sull'erba di Church Road.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.